Trattamento della rinite allergica

Il contenuto dell'articolo

Solo dopo l'esame iniziale, il paziente viene indirizzato a un allergologo. Come trattare una rinite allergica? Il trattamento include farmaci sia locali che sistemici.

La comparsa di secrezioni mucose, congestione nasale e mancanza di respiro sono tutti segni di una risposta inadeguata del sistema immunitario all'azione di un allergene. I fattori provocatori frequenti includono:

  • polline. I segni clinici si verificano durante la fioritura (febbre da fieno);
  • aromi chimici aggressivi;
  • cosmetici;
  • lanugine;
  • lana;
  • prodotti alimentari (agrumi, frutti di mare, prodotti con coloranti);
  • morsi di insetto;
  • medicinali;
  • acari della polvere.

Sintomi

La rinite allergica negli adulti può essere sospettata da quanto segue:

  • scarico acquoso trasparente;
  • prurito al naso;
  • starnuti;
  • grave congestione nasale, causata dal gonfiore della mucosa;
  • diminuzione dell'olfatto;
  • desquamazione della pelle delle ali del naso a causa di frequenti attriti. Le microcracks possono diventare gateway per l'infezione.

Il rafforzamento dei segni clinici si osserva dopo il contatto con un allergene, che aiuta nella sua ricerca.

Oltre alle manifestazioni locali di allergia, nella maggior parte dei casi si notano altri segni:

  1. lacrimazione, prurito sensazioni negli occhi, visione offuscata, iperemia congiuntivale;
  2. eruzioni cutanee;
  3. edema tissutale del viso, del collo;
  4. disturbi dispeptici;
  5. prurito della pelle.

Tattiche terapeutiche

Con una rinite allergica in un adulto, sono necessarie alcune raccomandazioni. Si riferiscono al regime generale e alla terapia farmacologica..

Per il trattamento è necessario:

  • escludere possibili allergeni dalla dieta;
  • pulire regolarmente la stanza, a causa della quale diminuisce la concentrazione di fattori provocatori nell'aria;
  • ventilare la stanza due volte al giorno (al mattino, alla sera), preferibilmente con tempo calmo, altrimenti una grande quantità di polline può entrare nella stanza. Questo è importante per la febbre da fieno;
  • ridurre la temperatura dell'aria a 19 gradi;
  • mantenere l'umidità dell'aria al 55%, il che faciliterà notevolmente la respirazione nasale;
  • usare cosmetici ipoallergenici, prodotti chimici domestici;
  • fare passeggiate regolari all'aria aperta (meglio dopo la pioggia). Ciò è necessario per saturare gli organi interni con ossigeno e purificare naturalmente i passaggi nasali;
  • rimuovere i depolveratori dalla stanza (cuscini decorativi, tappeti, peluche).

desensibilizzazione

Per curare le allergie, i farmaci da soli a volte non bastano. Il compito principale della terapia è quello di interrompere il contatto con l'allergene ed eliminare i sintomi spiacevoli..

La questione della conduzione della desensibilizzazione viene risolta quando la terapia farmacologica è inefficace. Si basa su un'iniezione sottocutanea frazionaria dell'allergene in una dose minima. Le dosi vengono gradualmente aumentate, sviluppando così la resistenza del sistema immunitario all'azione di un fattore stimolante.

La terapia viene eseguita in remissione, quando non ci sono sintomi di allergia.

farmaci

Per trattare correttamente la rinite allergica, è necessario utilizzare farmaci di azione locale e sistemica. Per la somministrazione intranasale, vengono utilizzati i seguenti farmaci:

  1. con effetto antistaminico (Allergodil, Tizin Allergy);
  2. soluzioni saline (Aqua Maris, Humer). Nonostante la loro sicurezza, il loro uso incontrollato porta a gravi complicazioni. Il fatto è che la mucosa rinofaringea ha una certa composizione di microflora, che mantiene la protezione locale a un livello sufficiente. La flora contiene microrganismi benefici e opportunistici che normalmente non causano malattie. Con l'uso frequente di una soluzione salina, la loro composizione quantitativa cambia, a causa della quale diminuisce la protezione della mucosa e aumenta il rischio di infezione;
  3. stabilizzatori dei mastociti (Cromohexal). Sono spesso prescritti a pazienti dai due anni in su per ridurre la gravità delle manifestazioni locali di rinite;
  4. farmaci combinati per la rinite allergica. Includono un vasocostrittore e un componente antistaminico. Questo gruppo di farmaci comprende Vibrocil, Sanorin Anallergin;
  5. farmaci vasocostrittori. La loro azione si basa sul vasospasmo locale, a causa del quale il gonfiore dei tessuti, la gravità della rinorrea diminuisce e la respirazione nasale è facilitata. I rappresentanti di spicco del gruppo sono Nazol, Otrivin, Xilo Mefa, Sanorin. Differiscono per composizione, metodo di applicazione e durata dell'effetto vasocostrittore;
  6. rimedi ormonali per la rinite allergica (Nasonex, Avamis, Fliksonase, Nasobek). Sono utilizzati nei casi più gravi della malattia, quando la monoterapia con antistaminici non è in grado di sbarazzarsi dei segni di allergia.

I farmaci ormonali e vasocostrittori possono creare dipendenza dopo 7 giorni, motivo per cui l'effetto terapeutico è nettamente ridotto.

Ecco un elenco di farmaci sistemici usati per trattare la rinite allergica:

  • antistaminici (Centrin, Loratadin, Erius, Zodak);
  • stabilizzatori dei mastociti (intali). Le medicine forniscono assistenza terapeutica qualche tempo dopo la somministrazione. A questo proposito, si raccomanda di usarli in combinazione con medicinali ad azione rapida;
  • corticosteroidi (prednisolone, desametasone). A seconda della composizione del farmaco, l'effetto terapeutico può svilupparsi nella prima ora dopo l'assunzione del farmaco o dopo un paio di giorni.

Antistaminici

Gli antistaminici sono il gruppo di farmaci più comunemente prescritto per la rinite allergica. Le forme di compresse sono divise in tre generazioni, che si differenziano per composizione, meccanismo d'azione e numero di effetti collaterali:

  • prima generazione. Questo gruppo comprende Suprastin, Tavegil e Diazolin. Il loro vantaggio sta nel rapido sollievo delle condizioni generali alleviando l'edema tissutale, riducendo le sensazioni di prurito, starnuti e facilitando la respirazione. Sono considerati farmaci per ambulanze. Nonostante ciò, le pillole vengono utilizzate abbastanza raramente rispetto alle medicine di altre generazioni. Il fatto è che hanno un forte effetto sedativo, motivo per cui sono limitati nell'uso da parte di persone la cui professione richiede concentrazione di attenzione. Gli svantaggi includono anche un effetto terapeutico a breve termine (non più di 5 ore). Non è escluso il rischio di cambiamenti nello stato psico-emotivo, l'emergere di aggressività, eccitazione, isteria. A causa dell'elevata probabilità di sviluppare dipendenza, si consiglia di selezionare un regime di trattamento diverso ogni tre settimane;
  • seconda generazione (Loratadin, Claritin, Tsetrin). I chiari benefici includono l'assenza di sonnolenza dopo l'assunzione del farmaco. Le compresse per la rinite allergica hanno un effetto prolungato, a causa del quale, dopo una singola dose, l'effetto dura per un giorno. Nei prossimi giorni, la persona continua a essere sotto la protezione dei farmaci dagli allergeni. Le restrizioni all'uso si applicano alle persone con patologia cardiaca grave.

La claritina ha il numero minimo di effetti collaterali, quindi è spesso prescritta anche ai bambini.

  • terza generazione (Telfast, Zirtek, Tsetrilev). Questi farmaci per la rinite allergica sono i migliori nella lotta contro la malattia. Non hanno un effetto negativo sul sistema nervoso e non influenzano il miocardio. Alcuni rappresentanti di questo gruppo sono in grado di accumularsi nel corpo, che deve essere preso in considerazione quando si redige un regime di trattamento. I farmaci possono essere utilizzati per diversi mesi.

Cetrin

Il principio attivo del farmaco è la cetirizina. Riduce la gravità dei sintomi e previene il loro ripetersi con la febbre da fieno. Grazie all'assunzione regolare, viene fornito un effetto decongestionante e antipruriginoso, l'azione dell'istamina viene bloccata e anche la permeabilità vascolare è ridotta.

Tsetrin è prescritto in compresse una volta al giorno. Ai bambini di età pari o inferiore a sei anni si consiglia di assumere mezza compressa due volte al giorno. Il farmaco deve essere assunto con una piccola quantità di acqua. La durata del corso può essere di 1-4 settimane, ma se necessario, può essere prolungata fino a sei mesi.

Il medicinale ha alcune reazioni collaterali, tra le quali vale la pena sottolineare:

  • tremore, vertigini, insonnia, emicrania, mal di testa, agitazione;
  • cambiamento nel gusto;
  • secchezza delle fauci, scolorimento della lingua, disfunzione epatica;
  • stomatite;
  • palpitazioni cardiache, aumento della pressione sanguigna;
  • dolore articolare e muscolare; infiammazione della gola.

Controindicazioni includono gravidanza, allattamento, ipersensibilità alla cetirizina.

Kromoglin

Spray per rinite allergica blocca il rilascio di sostanze biologicamente attive che stimolano lo sviluppo di allergie. Il farmaco è prescritto per scopi terapeutici e profilattici..

Tra le controindicazioni, segnaliamo:

  1. intolleranza individuale;
  2. formazioni di poliposi nei passaggi nasali;
  3. grave insufficienza renale, epatica;
  4. gravidanza (primo trimestre);
  5. età fino a cinque anni.

Il rimedio per la rinite allergica deve essere usato quotidianamente, altrimenti l'effetto terapeutico sarà incompleto. Il dosaggio raccomandato è di uno spray fino a quattro volte al giorno. Se necessario, la frequenza di somministrazione può essere aumentata a sei.

Il farmaco è prescritto per un lungo corso. Anche dopo una diminuzione dei sintomi, la sua somministrazione deve essere continuata, riducendo la frequenza di somministrazione. Il farmaco è principalmente prescritto in combinazione con un vasocostrittore per un effetto rapido..

Le reazioni avverse includono:

  • lacrimazione;
  • aumento del gonfiore dei tessuti;
  • sensazioni gustative spiacevoli;
  • nausea;
  • irritazione, secchezza della mucosa nel rinofaringe.

Farmaci ormonali

I farmaci steroidi per la rinite allergica possono essere utilizzati sotto forma di compresse o come spray. Si noti che i corticosteroidi sistemici hanno molte reazioni avverse. Sono prescritti come ultima risorsa, per ottenere un rapido effetto terapeutico..

Ora considereremo i preparati ormonali per la rinite allergica per somministrazione intranasale. Ecco un elenco di farmaci comunemente prescritti:

Fliksonase ha un potente effetto antinfiammatorio e antiallergico nel sito di iniezione. Il farmaco non ha alcun effetto sistemico. Dopo aver aperto il flacone, le proprietà curative della soluzione rimangono per due mesi..

Le controindicazioni includono l'intolleranza individuale. La durata massima del corso è di 3 mesi. Prima di usare Fliksonase, è necessario prestare attenzione alle controindicazioni:

  1. somministrazione simultanea di corticosteroidi sistemici;
  2. la presenza di infezione nelle cavità paranasali;
  3. la presenza di ipertermia;
  4. lesione ulcerosa della mucosa nasale;
  5. trauma recente, intervento chirurgico nell'area rinofaringea.

Fliksonase è prescritto dall'età di 18 anni, due spruzzi una volta al giorno (preferibilmente al mattino). Nei casi più gravi di raffreddore comune, puoi usare due dosi due volte al giorno. Dopo il sollievo dei sintomi, tornare alla dose di mantenimento.

Le reazioni avverse includono:

  • mal di testa;
  • alitosi;
  • cambiamento nel gusto;
  • sanguinamento nasale;
  • secchezza, irritazione della mucosa rinofaringea.

L'uso prolungato dello spray steroideo aumenta il rischio di ulcerazione, perforazione del setto e assuefazione.

Farmaci vasocostrittori

I farmaci vasocostrittori sono spesso usati per alleviare rapidamente la respirazione nasale. Ecco un elenco di farmaci efficaci:

Tutti i farmaci con proprietà vasocostrittore sono divisi in base al principio attivo, che determina la durata dell'effetto terapeutico, controindicazioni, reazioni collaterali.

Selezioniamo gruppi di farmaci con:

  • a breve durata d'azione (fino a 4 ore) - con naphazoline;
  • durata media (fino a 8 ore) - a base di ximetazolina;
  • effetto a lungo termine (fino a 12 ore) - con ossimetazolina.

Tra le controindicazioni, vale la pena sottolineare:

  1. feocromocitoma;
  2. ipertensione arteriosa incontrollata;
  3. glaucoma;
  4. violazione del ritmo cardiaco;
  5. prendendo antidepressivi;
  6. un aumento del volume della prostata;
  7. diabete;
  8. insufficienza renale;
  9. epilessia;
  10. aumento della produzione di ormoni tiroidei;
  11. grave malattia vascolare aterosclerotica.

Le soluzioni medicinali sono prodotte con diverse concentrazioni del principio attivo, il che consente di prescrivere farmaci durante l'infanzia.

Gli effetti collaterali includono:

  • aumento della pressione sanguigna;
  • fallimento del ritmo cardiaco;
  • tremore;
  • ritenzione di urina;
  • secchezza, irritazione della mucosa nasale;
  • starnuti frequenti;
  • eccitazione.

Il mancato rispetto delle dosi raccomandate e la durata del ciclo di trattamento possono ridurre la sensibilità dei vasi all'azione di sostanze vasocostrittori. Di conseguenza, le navi rimangono in uno stato espanso sia sotto l'influenza degli ormoni endogeni (adrenalina) sia dopo l'instillazione del naso con agenti vasocostrittori. Pertanto, si sviluppa la dipendenza.

Per evitare complicazioni, leggi le istruzioni prima di utilizzare qualsiasi farmaco..

Trattamento della rinite perenne allergica con antistaminici

Le persone ogni giorno devono affrontare allergeni che possono causare rinorrea, starnuti, congestione nasale - sintomi di rinite. La rinite allergica è considerata oggi la malattia più comune nella struttura della patologia allergica. È noto che frequente

Le persone ogni giorno devono affrontare allergeni che possono causare rinorrea, starnuti, congestione nasale - sintomi di rinite. La rinite allergica è considerata oggi la malattia più comune nella struttura della patologia allergica. È noto che l'incidenza della rinite allergica nella popolazione generale va dal 10 al 25% ed è caratterizzata da una crescita costante [4]. Ciò significa che ogni giorno milioni di persone sono costrette a usare farmaci per alleviare i loro sintomi preoccupanti. Sebbene i moderni farmaci antiallergici possano controllare efficacemente il decorso della malattia, possono anche causare varie reazioni indesiderate. A questo proposito, la scelta corretta di medicinali per il trattamento della rinite allergica è molto importante, specialmente con il decorso di questa malattia durante tutto l'anno..

La rinite allergica durante tutto l'anno (ARC) è una malattia, diagnosi e selezione di terapie sicure ed efficaci per le quali sono associati una serie di problemi. La maggior parte dei pazienti con CAR richiede cure mediche qualificate entro 5-10 anni dall'esordio della malattia. Durante questo periodo, molti di loro usano gocce di vasocostrittore, ricorrono a interventi chirurgici. Secondo ricercatori del Regno Unito e dei Paesi Bassi (W. J. Fokkens, G. K. Scadding, 2004), fino al 20% delle adenotomie viene eseguito in pazienti con CAR. Nel frattempo, in assenza, oltre a un trattamento inadeguato della CAR, aumenta il rischio di sviluppare otite media, sinusite, asma bronchiale [9].

Attualmente, secondo il consenso e le raccomandazioni internazionali, i preparati di cromoglicati di sodio, i corticosteroidi nasali e gli antistaminici sono usati per il trattamento della CAR, il cui uso è oggetto di questo articolo..

Uso diffuso di antagonisti dell'H1-i recettori come agenti antiallergici sono spiegati dal ruolo essenziale dell'istamina nella patogenesi della maggior parte dei sintomi delle malattie allergiche [1]. Sebbene le manifestazioni cliniche della rinite allergica siano dovute all'una o all'altra serie di mediatori allergici, solo l'istamina attraverso la stimolazione di H1-recettori coinvolti praticamente in tutti i sintomi. L'unica eccezione è la fase tardiva della risposta allergica: il mantenimento dell'infiammazione allergica e l'iperreattività associata delle mucose (vedi tabella).

Più di 60 anni fa, i primi antistaminici sono diventati disponibili per l'uso clinico. Da allora, rappresentano il gruppo più popolare di farmaci antiallergici, il cui uso diffuso è scientificamente provato [2]. Antagonisti H1-i recettori sono basi azotate contenenti una catena laterale alifatica di etilammina sostituita (come nella molecola di istamina), essenziale per la manifestazione di attività antistaminica. La catena laterale è attaccata tramite un atomo di azoto, carbonio o ossigeno a uno o due anelli ciclici o eterociclici. Classico H1-gli antagonisti o la prima generazione di antistaminici (difenidramina, cloropiramina, clemastina, prometazina, mebidrolina, dimetindene, ciproeptadina, ecc.) sono bloccanti competitivi dell'H1-recettori, e quindi il loro legame con il recettore si verifica rapidamente ed è reversibile. A questo proposito, per raggiungere la principale azione farmacologica, sono necessarie alte dosi di tali antagonisti, mentre le loro proprietà collaterali sono manifestate più spesso e più intensamente. Inoltre, la breve durata d'azione di questi farmaci richiede il loro uso ripetuto durante il giorno. Gli antistaminici di prima generazione in dosi terapeutiche hanno anche un effetto bloccante sui recettori di altri mediatori (recettori colinergici, recettori adrenergici), il che spiega gli effetti collaterali indesiderati associati al loro uso, in particolare un effetto negativo sul sistema cardiovascolare, visione, sistema urinario, tratto gastrointestinale, il sistema nervoso centrale [7].

Tuttavia, N1-gli antagonisti della prima generazione, almeno nel prossimo futuro, rimarranno nell'arsenale di farmaci per un ampio uso clinico. Ciò è dovuto, in primo luogo, alla ricca esperienza accumulata nell'uso di questi farmaci e, in secondo luogo, abbastanza stranamente, con effetti collaterali che possono essere desiderabili in una determinata situazione clinica (la presenza, in particolare, dell'attività antiserotonina, sedativo o anestetico locale Azioni). In terzo luogo, ciò è dovuto alla presenza di forme di dosaggio iniettabili che sono assolutamente necessarie per il trattamento di condizioni allergiche acute e urgenti. In quarto luogo, il costo relativamente inferiore rispetto ai farmaci di ultima generazione. Inoltre, informazioni recenti hanno consentito di ampliare le indicazioni cliniche per l'uso di farmaci di prima generazione. Quindi, si sono rivelati efficaci (apparentemente a causa del loro effetto sui recettori colinergici M, portando all'essiccamento delle mucose e alla soppressione del riflesso starnuti) e nei pazienti con rinite con infezioni da rinovirus, in cui riducono la secrezione di muco, la frequenza degli starnuti e in qualche modo sopprimono la congestione. naso. Ciò è dimostrato dall'esempio di bromfeniramina, clemastina e cloropiramina [5, 12].

Tuttavia, a causa di quanto sopra, è diventato necessario creare antistaminici che avrebbero un'alta affinità per l'H1-recettori e avrebbero un'alta attività selettiva senza influenzare i recettori di altri mediatori. Questo obiettivo è stato raggiunto alla fine degli anni '70 del secolo scorso, quando gli antagonisti di H.1-recettori di nuova generazione (terfenadina, cetirizina, astemizolo, loratadina, ebastina e alcuni altri), che corrispondevano alle proprietà farmacologiche specificate, bloccavano in modo affidabile H1-recettori e potrebbero essere usati una volta al giorno. Molti H.1-l'ultima generazione di antagonisti si lega ai recettori in modo non competitivo. Tali composti sono appena rimossi dal recettore, il che spiega l'effetto a lungo termine di tali farmaci. I farmaci della seconda generazione, a differenza dei loro predecessori, non avevano effetti collaterali, in particolare non avevano o avevano un effetto sedativo molto limitato. Questi fondi sono entrati nella vasta pratica di allergologi e altri specialisti e sono diventati molto popolari in tutto il mondo, anche nel nostro paese [6]. La loratadina è ampiamente conosciuta in Russia, presentata nella catena di farmacie con vari nomi commerciali (claritina, clarotadina, clarisens, claridol, ecc.). Questo farmaco è prescritto in una singola dose di 10 mg / die, non ha effetti collaterali cardiotossici e non provoca sedazione; è approvato per l'uso dalla prima infanzia grazie al suo ampio profilo di sicurezza. Ma la loratadina, come alcuni altri antistaminici di seconda generazione, ha alcune limitazioni associate al suo uso in combinazione con altri farmaci (macrolidi, ketoconazolo e altri).

Ecco perché è nata la domanda sulla necessità di migliorare questo gruppo di farmaci. La maggior parte di essi sono profarmaci, cioè quando entrano nel corpo umano vengono metabolizzati e solo i prodotti finali hanno il principale effetto farmacologico: bloccano la H1-recettori. Se, per qualsiasi motivo, il metabolismo di un farmaco è compromesso, si verifica un accumulo del prodotto genitore, che può avere effetti indesiderati. Questo è esattamente ciò che è accaduto con terfenadina e astemizolo, che, quando sono state superate le dosi terapeutiche raccomandate o con disturbi metabolici dovuti a danni al fegato, o con la concomitante somministrazione di farmaci che inibiscono l'attività degli enzimi coinvolti nella conversione di questi profarmaci in metaboliti finali, hanno causato in alcuni casi aritmie cardiache fatale.

La direzione ottimale del lavoro per migliorare il profilo degli antistaminici è stata la creazione di farmaci basati su metaboliti finali farmacologicamente attivi di farmaci di seconda generazione. Hanno dovuto conservare tutti i vantaggi dei loro predecessori e allo stesso tempo non avere effetti collaterali sul sistema cardiovascolare e non interagire con i farmaci che inibiscono il sistema del citocromo P450.

La cetirizina (analergina, zyrtec, zodak, letizen, cetrin) è stato il primo antistaminico che ha subito un metabolismo molto limitato. Tracce del metabolita della cetirizina compaiono nel plasma dopo 10 ore Il periodo di semieliminazione della cetirizina negli adulti dopo una singola dose di 10 mg del farmaco è di 7-11 ore Nelle persone anziane questa cifra è leggermente più alta, associata alle peculiarità della funzione renale. La cetirizina ha un basso volume di distribuzione e un'alta penetrazione della pelle. Durante il corso del trattamento, viene raggiunta una concentrazione plasmatica costante entro 3 giorni e, con un ulteriore uso, il farmaco non si accumula e il tasso di eliminazione non cambia..

La creazione di fexofenadina (telfast, fexadine, fexofast) è stata un esempio della produzione mirata di H non metabolizzabile1-un antagonista basato sul metabolita farmacologicamente attivo finale della terfenadina. Questo farmaco viene rapidamente assorbito dal tratto gastrointestinale, escreto invariato nella bile attraverso il tratto gastrointestinale e nelle urine attraverso i reni. Il periodo di semieliminazione corrisponde a 11-15 ore Poiché il farmaco non è metabolizzato nel corpo, è possibile il suo uso simultaneo con altri farmaci che inibiscono l'attività dell'ossigenasi del CYP3A4 del sistema del citocromo P450 (macrolidi, ketoconazolo, ecc.). La violazione dell'attività funzionale del fegato e dei reni non influisce sulla tollerabilità della fexofenadina; inoltre, è ben tollerato dai pazienti di diverse fasce d'età.

Negli ultimi anni, un altro farmaco è apparso sul mercato farmaceutico russo, che, sebbene non sia il metabolita finale, ma farmacologicamente attivo del loratodio, è la desloratadina (erius), che viene utilizzata in una dose inferiore (5 mg / die) rispetto al suo predecessore (loratadina). La desloratadina ha tutti i vantaggi degli antistaminici di ultima generazione, la sua efficacia nella rinite allergica e un elevato livello di sicurezza sono stati dimostrati, il che rende possibile raccomandare il farmaco per l'uso nella pratica pediatrica..

L'ebastina (Kestin) non è una miscela racemica (come la maggior parte degli antistaminici sistemici), ma è l'unico composto. 2,5 ore dopo una singola dose di 10 mg di ebastina, la concentrazione massima di karebastin (un metabolita farmacologicamente attivo) nel plasma sanguigno corrisponde a 0,12 mg / l. L'assunzione di cibo non influenza il tasso di insorgenza dell'effetto clinico, mentre l'assorbimento di ebastina dal tratto gastrointestinale è leggermente accelerato. La principale via di escrezione di karebastin è attraverso i reni, in misura minore - con le feci. L'emivita finale è di 13-15 ore; è comparabile nei giovani e negli anziani, il che consente di assumere il farmaco senza aggiustamento della dose in base all'età. La disfunzione del fegato e dei reni ha un effetto minimo sulla farmacocinetica della karebastina. A dosi (60 mg / die), 3-6 volte superiori a quelle terapeutiche, l'ebastina non ha un effetto evidente sull'intervallo QT. Non è stata trovata alcuna interazione di karebastin con etanolo e diazepam, che salva il paziente dalla necessità di cambiare lo stile di vita o regolare il trattamento per altre malattie. L'effetto terapeutico del farmaco può essere aumentato aumentando la dose da 10 a 20 mg / die con una singola dose. Allo stesso tempo, il farmaco è ben tollerato, non ci sono effetti indesiderati. L'ebastina sopprime efficacemente non solo la rinorrea, ma anche la congestione nasale, cioè un sintomo che di solito è difficile da correggere con gli antistaminici.

L'esperienza dell'uso medico diffuso di antistaminici di nuova generazione non solo ha confermato la loro sicurezza ed efficacia terapeutica, ma ha anche permesso di scoprire importanti proprietà antiallergiche che non possono essere spiegate solo dal blocco di H1-recettori. Quindi, si è scoperto che nei pazienti con rinite allergica, durante l'assunzione di questi farmaci, la congestione nasale diminuisce - un sintomo che non si presta all'oppressione da antistaminici di prima generazione, cioè1-i bloccanti della seconda generazione (cetirizina, ebastina, fexofenadina, desloratadina) sono in grado di sopprimere non solo le fasi iniziali, ma anche quelle tardive della risposta allergica. Diversi gruppi di ricercatori hanno dimostrato che questi farmaci inibiscono l'attività di varie cellule coinvolte in una reazione allergica, inibendo così la formazione e la secrezione di mediatori molecolari (mediatori) di allergia da essi [1]. È molto importante che questi farmaci in concentrazioni paragonabili a quelli nel plasma sanguigno umano quando assumono una dose terapeutica media non perdano le proprietà sopra descritte..

Miglioramento delle proprietà farmacologiche della nuova H1-gli antagonisti giustificano l'espansione delle indicazioni cliniche per il loro uso. Pertanto, con l'avvento degli antistaminici di seconda generazione, sono stati eliminati gli ostacoli al loro uso nell'asma bronchiale. Il fatto è che i farmaci di prima generazione, che hanno una bassa selettività rispetto ai recettori, causano secchezza delle mucose e peggiorano lo scarico dell'espettorato già viscoso in tali pazienti. H1-antagonisti senza tali effetti collaterali hanno iniziato ad essere utilizzati in pazienti con asma bronchiale per il trattamento della rinite e altre manifestazioni allergiche. Da un lato, sono stati fatti tentativi di trattare nuovamente l'asma stesso con antistaminici e, dall'altro, gli scienziati sono stati in grado di dimostrare che un trattamento adeguato della rinite allergica è accompagnato da un miglioramento nel corso dell'asma bronchiale, inclusa una diminuzione della necessità dell'uso di broncodilatatori. Quando si sceglie un rimedio per il trattamento di un paziente affetto da rinite allergica, il medico deve tener conto di un fattore come la sensibilità individuale all'azione farmacologica della stessa sostanza [3]. Da un lato, la selezione del farmaco ottimale per un determinato paziente viene sempre effettuata individualmente, dall'altro, ciò determina la necessità di un gran numero di farmaci di azione simile per essere presenti sul mercato farmaceutico. Per N1-antagonisti, questo è particolarmente importante, poiché nel caso del trattamento di malattie per tutto l'anno, che includono la rinite allergica con ipersensibilità agli allergeni domestici, epidermici, fungini, questi farmaci devono essere assunti a lungo.

Per la rinite allergica tutto l'anno, vengono utilizzati anche antistaminici topici locali, come allergodil (seconda generazione), vibrocil, sanorin-analergin.

Tenendo conto di quanto sopra, va sottolineato che per il trattamento della rinite allergica nel corso di tutto l'anno, è necessario utilizzare antistaminici non sedativi di seconda generazione, che hanno un alto indice terapeutico, che, se necessario, consente di modificare la dose del farmaco in modo labile senza il rischio di sviluppare eventi avversi gravi..

Letteratura
  1. Gushchin I.S.Infiammazione allergica e suo controllo farmacologico. - M.: Farmarus Print, 1998.-- 251 s.
  2. Gushchin I. S. Prospettive per il trattamento delle malattie allergiche: dagli antistaminici ai farmaci antiallergici multifunzionali // IX Congresso Nazionale Russo "Uomo e medicina". - M., 2002. - 224-232.
  3. Gushchin I.S., Fridlyand D.G., Poroshina Yu. A. Individuazione della scelta N1-antagonista per il trattamento della rinite allergica // Allergia, asma e immunologia clinica. - 2001. - N. 8. - P. 44-50.
  4. Ilyina N.I. Epidemiologia della rinite allergica // rinologia russa. - 1999. - N. 1. - P. 23-24.
  5. Nikolaev AN Meccanismi di efficienza di antistaminici di prima generazione in ARVI // Rus. miele. zhurn. - 2002. - T. 10. - S. 1089-1091.
  6. ARIA. Rinite allergica e il suo impatto sull'asma. Iniziativa dell'OMS, 2001.
  7. Blaiss M. S. Costi cognitivi, sociali ed economici della rinite allergica // AllergyAsthma Proc. - 2000; 21: 7-13.
  8. Davies R. J. Confronto di efficacia e tollerabilità di ebastina 10 e 20 mg con loratadina 10 mg: uno studio randimizzato in doppio cieco su oppiacei con reninite allergica perenne // Clin. Drtug Invest. - 1998. - V. 16. - P. 413–420.
  9. Fokkens W. J., Scadding G. K. Rinite perenne negli under 4: un problema difficile da trattare in modo sicuro ed efficace? // Pediatr Allergy Immunol - 2004: 15: 261–266.
  10. Gehhano P., Bremard-Oury C., Zeisser Ph. Confronto tra ebastina e cetirizina nella rinite allergica stagionale negli adulti // Ann. Allergia, asma immunitario. - 1996. - V. 76. - P. 507-512.
  11. Moss A. J., Chaikin P., Garcia J. D. et al. Una revisione degli effetti collaterali sistemici cardiaci degli antistaminici: ebastina // Clin. Exp. Allergia. - 1999. - V. 29. - Suppl. 3. - P. 200–205.
  12. Muether P. S., Gwaltney M. Effetto variante degli antistaminici di prima e seconda generazione come indizi del loro meccanismo d'azione sul riflesso degli starnuti nel raffreddore comune // Clin. Inf. Dis. - 2001. - V. 33. —P. 1483-1488.

I. S. Gushchin, dottore in scienze mediche, professore, corrispondente membro dell'Accademia russa delle scienze mediche
O. M. Kurbacheva, candidato di scienze mediche
State Research Center Institute of Immunology, Ministero della Salute della Federazione Russa, Mosca

Preparati, compresse e altri rimedi di nuova generazione per la rinite allergica

Le forme allergiche del raffreddore comune persistono fino a quando non viene escluso il contatto con l'allergene. Anche il recupero richiede farmaci e qui è importante che il rimedio per una rinite allergica sia efficace. Oltre agli spray e alle gocce nasali, vengono utilizzate forme tablet del farmaco..

Come determinare che un naso che cola è di natura allergica

L'allergia è una delle malattie più comuni nell'uomo moderno. Una reazione inadeguata del corpo si verifica a molte sostanze: polline di piante, peli di animali, giù di cuscini. Al contatto con un allergene, una persona inizia a starnutire in modo incontrollato, i suoi occhi sono acquosi, il naso prude.

La rinite per tutto l'anno impedisce alle persone allergiche di respirare correttamente. In questo caso, il senso del gusto e dell'olfatto è disturbato. Una complicazione di questa condizione è la congestione nasale dovuta a grave edema della mucosa..

I sintomi che accompagnano la rinite allergica si attenuano o si intensificano. Questi includono:

  • prurito e arrossamento degli occhi;
  • gonfiore dei tessuti facciali;
  • sviluppo di tosse con mancanza di respiro;
  • la comparsa di dolore e mal di gola;
  • mal di testa;
  • cambiando il colore del timbro della voce.

Durante l'esame di un paziente con naso che cola, vengono rilevati allentamento e pallore della cavità nasale.

Di solito, il decorso della malattia peggiora durante la stagione di fioritura. La prima ondata si verifica in primavera, quando il polline degli alberi provoca un naso che cola. Il successivo scoppio della malattia si verifica in piena estate, quando i cereali sbocciano e, alla fine della stagione, il polline delle infestanti provoca una reazione allergica. I mediatori infiammatori sono attivati ​​nelle cellule del rivestimento del naso, causando i sintomi della rinite allergica. La determinazione del tipo di allergeni viene eseguita in laboratorio, vengono eseguiti test cutanei, un esame del sangue per il rilevamento di anticorpi.

È importante separare la rinite allergica dalla rinite infettiva al fine di trovare farmaci efficaci per il trattamento.

Compresse per rinite allergica

Il trattamento della rinite allergica comprende antistaminici insieme a glucocorticosteroidi. È indispensabile che il trattamento utilizzi fondi volti a restringere i vasi nella cavità nasale.

Quali antistaminici sono usati per la rinite

Gli antistaminici sono ampiamente utilizzati perché l'istamina svolge un ruolo importante nel quadro clinico delle allergie. Il ruolo dell'istamina nella stimolazione dei recettori H1 è grande, nell'aspetto di tutti i sintomi della malattia.

I preparativi per la rinite allergica sono apparsi molto tempo fa, a metà del 20 ° secolo. Sono chiamati i classici antagonisti di prima generazione H-1. Una caratteristica dei medicinali è:

  • breve esposizione, non più di sei ore;
  • rapida dipendenza da loro;
  • un divieto di ammissione al mattino;
  • effetti collaterali sotto forma di mal di testa, mancanza di coordinazione.

La bassa selettività dell'azione delle compresse per la rinite allergica di prima generazione porta a un deterioramento del deflusso dell'espettorato, un aumento della viscosità del muco. Ci sono molte controindicazioni per la loro ricezione..

I farmaci di nuova generazione appartengono al gruppo di agonisti inversi altamente selettivi del recettore H-1. L'elenco include farmaci come:

I farmaci di ultima generazione hanno un alto livello di sicurezza, durata dell'azione, assenza di dipendenza.

Soprattutto è possibile individuare le compresse per la rinite allergica Cetirizina e Cetrin. Il vantaggio di usarli è le seguenti proprietà:

  1. Il farmaco è ben tollerato dai pazienti senza causare sedazione.
  2. È usato da persone con allergie, le cui attività richiedono una maggiore concentrazione..
  3. I componenti del farmaco non portano a disturbi nelle proprietà reologiche del muco, quindi viene utilizzato nel trattamento della rinosinusite acuta, tosse produttiva.
  4. La selettività dell'azione delle compresse aiuta i pazienti con asma bronchiale, glaucoma, adenoma prostatico a riprendersi dal comune raffreddore.
  5. L'assenza di effetti collaterali consente di assumere il farmaco insieme a corticosteroidi e antibiotici.

Gli antistaminici sono tra i farmaci allergici più efficaci e sicuri.

Gocce di rinite allergica in combinazione con pillole

Insieme alle compresse, vengono utilizzati glucocorticosteroidi intranasali, che curano la rinite allergica mediante instillazione nel naso. Nonostante la lenta insorgenza dell'azione, gocce e spray, dopo alcuni giorni o settimane, danno un risultato positivo, eliminando il moccio. Per ottenere il massimo effetto, i farmaci vengono utilizzati da quattro a sei mesi..

L'uso di mezzi moderni per l'instillazione nel naso non porta all'atrofia della mucosa dell'organo. L'uso regolare di corticosteroidi topici può aiutare a ridurre la congestione nasale e i sintomi di naso che cola, starnuti e prurito. Tra i rimedi ormonali più efficaci per la rinite allergica sono:

  • Fliksonase e Nazarel a base di fluticasone;
  • per bambini e donne in gravidanza, Fluticasone;
  • con mometasone Nasonex;
  • sulla base di beclometasone Alcedin, Rinoclenil;
  • con flunisolid Sintaris.

Prima di utilizzare gocce ormonali e spray, è necessario consultare il proprio medico, leggere le istruzioni. Molti dei farmaci sono adatti solo per il trattamento dei sintomi della rinite allergica negli adulti. In casi di emergenza, vengono prescritti Prednisolone e i suoi derivati, ma i glucocorticosteroidi non possono essere assunti per l'auto-trattamento, poiché portano a disturbi nel funzionamento del fegato, dei reni e dello stomaco.

Con una forma lieve o moderata della malattia, vengono mostrati antistaminici locali, privi di effetti collaterali. Scegli tra i medicinali per la rinite allergica Azelastina, Levocabastina, Dimetinden, Fenilefrina. I mezzi vengono rilasciati sotto forma di soluzioni per l'instillazione nel naso e negli occhi. Il sollievo dal loro uso si verifica da dieci a quindici minuti dopo la procedura. Utilizzare i prodotti nasali da due a quattro volte al giorno come indicato.

In rari casi, i farmaci vasocostrittori sono prescritti per la rinite allergica. Sono adatti per alleviare il gonfiore della mucosa, ridurre la quantità di secrezione dalle narici e facilitare la respirazione. Ma devi seppellirli nel naso non più di cinque giorni. L'elenco dei rimedi nasali per il raffreddore comune di natura allergica comprende naftizina, galazolina, vibrocil.

Per prevenire la penetrazione di allergeni attraverso la cavità nasale nel corpo umano, Nazaval, che è una polvere microdispersiva, viene spruzzato sull'epitelio della mucosa. Contiene cellulosa mescolata con aglio. Dopo che le particelle di farmaco hanno colpito la mucosa, si forma un forte film gelatinoso. Crea una barriera alla penetrazione di allergeni. Il medicinale è adatto alle donne durante la gravidanza e l'allattamento e ai neonati.

I farmaci antiallergici vengono usati tre o quattro volte al giorno, iniettando una dose in ciascuna narice. La prevalina ha un effetto simile, che contiene emulsionanti e oli di sesamo e menta. Trasformano il gel in un liquido e quando colpisce il sito dell'inizio di una reazione allergica, si verifica la trasformazione inversa..

Utilizzare i rimedi per la rinite allergica non appena compaiono i primi segni di rinite o febbre da fieno.

Rimedi aggiuntivi per la rinite allergica

Ai cromoglicati viene assegnato il ruolo di barriera che ritarda il rilascio di istamina nel sangue. I farmaci aiutano a prevenire l'inizio di una reazione allergica quando una sostanza irritante entra nella mucosa nasale. Il risultato del trattamento è visibile quando viene effettuato ai primi sintomi di un raffreddore..

I preparati per la rinite allergica di questo gruppo includono quelli a base di cromoglicato di sodio:

  1. Una dose di Kromosol contiene 2,6 grammi di cromoglicato di sodio, che inibisce le fasi iniziale e tardiva di una reazione allergica.
  2. Le gocce nasali ifirali sono utilizzate per la rinite allergica stagionale e per tutto l'anno. Sono utilizzati per bambini dai sei anni e adulti.
  3. Lo spray nasale Cromohexal impedisce il rilascio di istamina, quindi viene utilizzato come prevenzione delle allergie.

I farmaci sono efficaci solo nella fase iniziale dello sviluppo di una reazione allergica. Successivamente non avranno un effetto terapeutico..

Insieme agli antistaminici, gli agenti ormonali allevia il moccio eliminando i passaggi nasali, i farmaci anticolinergici. Ipratropium appartiene al gruppo di m-anticolinergici. L'inalazione con una soluzione farmacologica aiuta solo in combinazione con altri farmaci antiallergici.

Per rimuovere tossine, tossine e allergeni dal corpo, vengono utilizzati numerosi enterosorbenti: Polyphepan e Polysorb. Non puoi prenderli per più di due settimane. E insieme ad altri farmaci, i sorbenti non sono raccomandati.

Droghe combinate

I medicinali con componenti ad ampio spettro aiuteranno anche ad accelerare il trattamento della rinite allergica:

  1. Le compresse Sinupret per la rinite allergica sono costituite da componenti vegetali: fiori di primula, sambuco, erba di acetosa, verbena. Lo strumento ha un effetto decongestionante secretomotorio. A causa del ritiro dell'essudato dai seni, il numero di complicanze da raffreddore, le allergie sono ridotte.
  2. Medicina omeopatica Corizalia contiene zolfo e belladonna, sabadilla, kalium bichromicum. Le compresse vengono assunte ogni due ore, poste sotto la lingua. Dopo un ciclo di trattamento di cinque giorni, alleviano irritazione, prurito e gonfiore nel rinofaringe.
  3. La cininnabsina viene utilizzata nella complessa terapia della rinite, ma il farmaco è adatto a coloro che non riescono a liberarsi del raffreddore per molto tempo. È vietato portarlo a bambini di età inferiore a sei anni, donne in gravidanza e allattamento.
  4. Rinopront ha un pronunciato effetto antistaminico, alleviando i sintomi della rinite allergica entro dodici ore. Ma il rimedio non è raccomandato per bambini di età inferiore a 12 anni, donne in gravidanza e madri che allattano. Può causare aritmie e aumentare la pressione sanguigna, quindi usa il farmaco con cautela e sotto la supervisione di uno specialista..

È vietato selezionare medicinali per la rinite allergica da soli. La loro ammissione deve essere concordata con il medico curante..

Requisiti per le condizioni di vita dei pazienti con allergie

Poiché gli allergeni che causano il naso che cola sono nell'aria, è necessario eliminarli:

  • liberare la stanza da tappeti, peluche, libri sugli scaffali;
  • sostituire le tende pesanti con quelle leggere;
  • durante il periodo di fioritura delle piante, eseguire quotidianamente la pulizia a umido;
  • umidificare l'aria nella stanza con dispositivi speciali;
  • mettere un filtro dell'aria con filtri antiallergici nella stanza;
  • rimuovere i gatti dalla casa, l'acquario.

Per prevenire l'aggravamento dei sintomi della rinite allergica, vengono compiuti sforzi per ridurre il contatto con la fonte della reazione. Elimina le allergie alimentari: miele, uova, maionese, agrumi.

Nei casi più gravi, quando il naso che cola non scompare per molto tempo, viene utilizzata la purificazione del sangue per il trattamento, che dà un po 'di sollievo al corpo delle persone allergiche.

Trattamento della rinite allergica

La rinite (infiammazione della mucosa nasale) è uno dei disturbi umani più comuni. Esistono molte forme di rinite, che sono difficili da inserire in una singola classificazione. Alcune forme, come la rinite infettiva, atrofica, ipertrofica, ecc., Sono concetti clinici ben definiti e definiti e i metodi del loro trattamento si adattano facilmente a schemi specifici. Metodi e algoritmi per il trattamento della rinite allergica (AR) sono presentati in numerosi documenti internazionali, in particolare nel programma OMS ARIA (Allergic Rhinitis and Its Impact on Ashma), che è apparso nel 2001. tuttavia, per una serie di ragioni oggettive e soggettive, le norme internazionali stanno lentamente mettendo radici in Russia, dove la classificazione di L.B. Dainyak, che definisce l'AR una delle forme di "rinite vasomotoria" (VR) e distingue, oltre ad essa, una forma neurovegetativa. La divisione della VR in forme allergiche e neurovegetative è anche proposta in libri di testo per studenti di medicina: "Otorinolaringoiatria" Yu.M. Ovchinnikov (1995) e "Otorinolaringoiatria pediatrica" ​​di M.R. Bogomilsky e V.R. Chistyakova (2001).

Come risultato di tali disaccordi nelle classificazioni, vengono usati termini diversi per definire le stesse condizioni (rinopatia, vasomotoria, rinosinusopatia allergica, ecc.) E nel trattamento di tali rinosinusopatie, vengono spesso utilizzati tutti i metodi, compresi quelli il cui effetto è molto dubbio.

VR e AR mostrano sintomi simili:

malattia cronica in cui si sviluppa dilatazione dei vasi dei turbinati o iperreattività nasale sotto l'influenza di fattori esogeni o endogeni non specifici, ma non a seguito di una reazione allergica.

La moderna classificazione di AR (programma ARIA dell'OMS, 2001) propone di distinguere le forme intermittente (le manifestazioni di rinite disturbano il paziente meno di 4 giorni alla settimana o meno di 4 settimane all'anno) e persistenti (presenza di sintomi della malattia più di 4 giorni alla settimana o più di 4 settimane all'anno). La diagnosi di AR stagionale non è esclusa, quando i sintomi della rinite sono causati esclusivamente dal polline delle piante, così come la rinite professionale causata dall'esposizione a fattori dannosi sul luogo di lavoro (ad esempio, lattice).

Questa sequenza di azioni consente di stabilire correttamente la forma di rinite e, quindi, scegliere i metodi di trattamento ottimali..

Situazioni difficili richiedono una diagnosi differenziale tra VR e AR.

L'uso degli algoritmi di trattamento della AR è collegato alle sue specifiche forme e opzioni cliniche. A questo proposito, prima di iniziare il trattamento, è necessario chiarire la forma della malattia (lieve, moderata o grave), nonché la comparsa episodica di sintomi.

  • Forma leggera. Vi sono solo lievi segni clinici di malattia che non interferiscono con l'attività diurna e / o il sonno. Il paziente è a conoscenza delle manifestazioni della malattia, ma, se necessario, può fare a meno del trattamento.
  • Forma moderata. I sintomi della rinite interferiscono con il sonno, il lavoro, lo studio e lo sport. La qualità della vita si deteriora in modo significativo.
  • Forma grave. I sintomi sono così gravi che il paziente non è in grado di lavorare, studiare, esercitare o praticare sport o attività ricreative durante il giorno o dormire la notte a meno che non riceva un trattamento.

    Esistono tre metodi principali di trattamento conservativo dell'AR: eliminazione di allergeni, terapia farmacologica e immunoterapia specifica.

    La prima cosa da fare in un paziente con sintomi di AR è identificare gli allergeni causali e prevenire o ridurre l'ulteriore contatto con essi. Nella maggior parte dei casi, la completa eliminazione del contatto con gli allergeni è impossibile per molte ragioni pratiche o economiche..

    Cure mediche

    alleviare tutti i sintomi della rinite e persino ripristinare il senso dell'olfatto, ma a causa dei loro numerosi effetti collaterali, vengono raramente utilizzati nel trattamento dell'AR, essendo considerati l'ultima risorsa.

    I cromoni sono rappresentati dal sale disodico dell'acido cromoglicico e dal sodio nedocromile. l'effetto dei cromoni nell'AR è piuttosto basso e il regime posologico è scomodo (46 volte al giorno). D'altra parte, sono sicuri e privi di effetti collaterali..

    il bromuro di ipratropio riduce la quantità di secrezione nasale in AR e VR, ma la forma intranasale di questo farmaco non è presentata in Russia.

    l'effetto dei farmaci antileucotrieni (zileuton, montelukast, zafirlukast) nell'AR non è stato ancora sufficientemente studiato.

    Immunoterapia specifica (SIT)

    L'introduzione di estratti purificati e standardizzati, la stretta aderenza a indicazioni, controindicazioni e regole è una condizione indispensabile per SIT. Il corso SIT di solito consiste in una fase di accumulo, quando vengono somministrate dosi crescenti di allergeni, e una fase di dose di mantenimento, quando gli estratti vengono somministrati ad intervalli di 12 mesi. Un adeguato ciclo di SIT (34 anni) può portare a un significativo allungamento della remissione della malattia.

    Algoritmi per il trattamento della rinite allergica

    Il ruolo e il posto di vari trattamenti per AR è determinato da:

  • l'efficacia del loro impatto sui singoli sintomi e sullo sviluppo della malattia nel suo insieme;
  • il rischio di effetti collaterali e complicanze;
  • il costo dei corsi di trattamento.

    Da questo punto di vista, gli antistaminici orali e i corticosteroidi topici stanno diventando i principali metodi di trattamento farmacologico. Gli antistaminici di seconda generazione possono essere considerati un trattamento di prima linea per AR lieve o moderata.

    I corticosteroidi topici sono più efficaci nel trattamento di pazienti con AR da moderata a grave con sintomi persistenti, specialmente quando la respirazione nasale è il sintomo principale. I corticosteroidi sistemici sono indicati solo in quei rari casi in cui i sintomi gravi della malattia non possono essere fermati da farmaci di prima e seconda scelta (in particolare, nei pazienti con rinite grave persistente, combinati con poliposi del naso e seni paranasali).

    Brevi cicli (fino a 10 giorni) di terapia decongestionante topica possono essere utilizzati per alleviare una grave congestione nasale e facilitare il rilascio di altri farmaci topici (corticosteroidi). I decongestionanti devono essere usati con cautela nei bambini, poiché l'intervallo tra le dosi terapeutiche e tossiche è molto ridotto..

    L'eliminazione degli allergeni è una condizione indispensabile per tutte le forme di allergia; tuttavia, non dovrebbe essere considerato il metodo più economico di trattamento della RA, poiché in molte situazioni un'efficace eliminazione degli allergeni è associata a significativi costi finanziari per il paziente..

    La SIT è considerata un metodo di trattamento efficace mediante il quale viene ridotta la sensibilità del paziente ad un allergene. La SIT in combinazione con la terapia farmacologica può essere utilizzata già nelle prime fasi dello sviluppo dell'AR. La SIT non deve essere considerata come un metodo che può essere utilizzato solo in assenza dell'effetto della farmacoterapia. Quest'ultimo è un indicatore dell'aggravamento del decorso di AR, l'aggiunta di una patologia secondaria, cioè condizioni che riducono l'effetto di SIT e in alcuni casi diventano addirittura una controindicazione per la sua attuazione.

    Come già accennato in precedenza, il trattamento medico della rinite dovrebbe essere graduale e costruito in base all'aspetto sistematico dei sintomi e alla gravità della malattia. Nel caso in cui il paziente abbia una sensibilizzazione ad alcuni allergeni comprovati dai risultati dei test cutanei, ma le manifestazioni di allergie non li disturbano in alcun modo, non sono necessarie misure terapeutiche.

    Per lieve rinite stagionale (intermittente)

    è sufficiente la nomina di ripetuti cicli di antistaminici orali. Gli antistaminici topici sono un'altra opzione di trattamento..

    Per forme moderate o gravi

    Con lieve decorso clinico di rinite persistente

    Le opzioni terapeutiche comprendono antistaminici orali o topici o corticosteroidi topici. Nelle forme moderate o gravi, i corticosteroidi topici sono la prima scelta. Con la loro insufficiente efficacia e grave difficoltà nella respirazione nasale, sono considerate le seguenti opzioni:

  • chiarimento della diagnosi e dei motivi che rendono inefficaci i metodi di trattamento standard (presenza di anomalie anatomiche, sinusite concomitante, dosaggio errato del farmaco da parte di un medico o di un paziente, insufficiente eliminazione di allergeni)
  • una combinazione di corticosteroidi topici e antistaminici di seconda generazione
  • raddoppio della dose di corticosteroidi topici (da 300 a 600 mcg per beclometasone e da 200 a 400 mcg per fluticasone e mometasone)
  • breve corso di terapia sistemica con corticosteroidi
  • chirurgia sui turbinati inferiori.

    Il trattamento più efficace è quello di interrompere il contatto del paziente con l'allergene. La terapia farmacologica comprende due aspetti principali dell'esposizione: immunoterapia specifica con un allergene eziologicamente significativo e l'uso di antistaminici (sia di prima generazione - difenidramina, diazolina, tavegil, pipolfen, ecc., Sia di seconda generazione - istimet (levocabastina), terfenadina, loratadina, cetiresin). Gli antistaminici di prima generazione hanno una serie di effetti collaterali (sedazione pronunciata (ipnotica), effetti simili all'atropina, vasodilatazione periferica). Pertanto, l'uso di questi farmaci deve essere effettuato con cautela (un determinato gruppo di persone - i conducenti, ecc. Dovrebbero rifiutarli).

    Anche il trattamento della rinite allergica viene effettuato in modo completo e graduale..

    Il primo stadio è quello dell'eliminazione, che consiste nel ridurre la contaminazione di acari, funghi, epidermide di animali e batteri, ecc., L'evacuazione delle secrezioni dovute alla terapia di irrigazione con acqua minerale, decotto di tè nero, massaggio della mucosa nasale, digitopressione delle ali del naso e zona colletto; enterosorbimento (rimozione di prodotti metabolici, tossine, complessi immunitari con assorbenti di carbone e Sums-1 per questi scopi (30-40 g 3 volte al giorno per 10 giorni).

    Il secondo stadio è la terapia farmacologica:
    a) locale (histimet);
    b) antistaminici sistemici (gismanal, zirter, claritin), ecc.;
    c) stabilizzanti delle membrane dei mastociti (derivati ​​del sodio cromato);
    d) mucolitici (sinupret, gelomitrol).
    Secondo le indicazioni, vengono utilizzati farmaci antibatterici (augmentin e altri antibiotici e sono resistenti agli effetti delle beta-lattamasi).

    Il terzo stadio è la terapia immunocorrettiva specifica e non specifica, che aumenta il contenuto di immunoglobuline di classe A, in particolare le immunoglobuline secretorie. Ribomunil, broncovaxone, broncomunale sono usati come immunostimolanti di origine batterica..

    L'immunoterapia specifica è data dall'allergene causale. Può sembrare strano trattare la rinite allergica con un intervento chirurgico, ma tuttavia è reale. I cambiamenti esistenti nella rinite allergica cronica, caratterizzati da edema, cambiamenti di poliposi e ipertrofia della mucosa nasale e altri fattori, predeterminano la correzione chirurgica per migliorare le condizioni fisiologiche e l'ulteriore terapia farmacologica.

    Le fasi della terapia chirurgica (consistente nella preparazione preoperatoria, nel corso dell'intervento chirurgico e nella terapia postoperatoria), proposte da G.Z. Piskunov. (1999) sono molto efficaci.

    Pertanto, il trattamento della rinite allergica dovrebbe essere, innanzitutto, motivato patogeneticamente, tenendo conto delle caratteristiche individuali, dei fattori eziologici, della gravità delle manifestazioni cliniche e effettuato in istituti medici specializzati per evitare possibili complicazioni sia della malattia stessa che della terapia..