Quali antibiotici da bere per l'infiammazione dei linfonodi

Gli antibiotici per l'infiammazione dei linfonodi sono prescritti da un medico in caso di un esteso processo infiammatorio, la presenza di contenuti purulenti nei collegamenti del sistema immunitario o con una malattia avanzata che ha provocato cambiamenti patologici nei noduli. Molto spesso, questi sono farmaci del gruppo della penicillina, che causano la distruzione della parete cellulare dei batteri patogeni e quindi li distruggono.

Elenco di agenti antibatterici per l'infiammazione

Il trattamento antibiotico è necessario per l'infiammazione acuta dei linfonodi. Prima di iniziare il trattamento, è necessario fare uno studio per stabilire il tipo di agente patogeno nel contenuto del linfonodo. In questo caso, uno specialista perfora (perfora) l'organo malato con un ago sottile ed estrae una piccola quantità di materiale interessato dal microbo. Tale procedura chiarisce che tipo di agente patogeno ha causato l'infiammazione e quali antibiotici bere per l'infiammazione dei linfonodi in questo caso. Tuttavia, può richiedere fino a una settimana per stabilire a quale tipo specifico di farmaco antibatterico il patogeno è sensibile. In assenza di ricerca batteriologica, vengono utilizzati farmaci con un ampio spettro di azione. L'efficacia del trattamento viene valutata dopo 3-4 giorni. Se non ci sono effetti positivi, è indispensabile cambiare il prodotto. Quando si utilizza un antibiotico per l'infiammazione dei linfonodi, i dosaggi stabiliti dallo specialista, la frequenza e il corso di assunzione del medicinale devono essere rigorosamente osservati. Il congedo per malattia di un paziente può durare da una a tre settimane.

Dopo la diagnostica (palpazione, ultrasuoni), superando tutti i test necessari e stabilendo il fattore provocatorio del processo infiammatorio, al paziente può essere prescritto:

  1. Preparazione Flemoxin Solutab. Contiene amoxicillina. Con l'infiammazione dei linfonodi, l'antibiotico viene assunto per via orale due volte al giorno a 500 mg o tre volte al giorno a 375 mg. Con un ampio processo infiammatorio - tre volte al giorno. Tuttavia, in ogni situazione, il dosaggio può essere determinato solo dal medico curante; in presenza di pus nei nodi, viene portato a 750-1000 mg 3 volte al giorno o più. Gli adulti possono usare fino a 6 g al giorno.
  2. L'amoxiclav per l'infiammazione dei linfonodi è una polvere per la preparazione di una sospensione per somministrazione orale. Il principio attivo del farmaco è anche l'amoxicillina. La dose per ciascun paziente viene selezionata tenendo conto dell'età e del peso corporeo. Per i pazienti di età superiore ai 12 anni, il farmaco viene utilizzato sotto forma di compresse.

Antibiotici per l'infiammazione dei linfonodi: una revisione dei migliori farmaci

La linfoadenite (infiammazione dei linfonodi) è un'infiammazione acuta o cronica dei linfonodi, che può essere causata da malattie sia cancerose che infettive. Gli antibiotici per l'infiammazione dei linfonodi sono usati per trattare un'infezione batterica. Per identificare la causa principale, vengono utilizzati metodi istologici, dati di esame fisico ed esami del sangue di laboratorio. La prognosi dipende dallo stato di salute del paziente, dalle malattie concomitanti e dalla natura della linfoadenite. Gli antibiotici per i linfonodi infiammati non sono sempre richiesti.

Quando è necessaria una terapia antibiotica?

Prima di tutto, devi contattare un terapista

Gli antibiotici per una grave infiammazione dei linfonodi sono prescritti da un linfologo, immunologo, oncologo o endocrinologo. All'inizio, devi sempre contattare un medico di famiglia, che scriverà un rinvio a uno specialista di profilo ristretto.

Gli antibiotici per una grave infiammazione dei linfonodi nel collo vengono utilizzati quando i linfonodi hanno dimensioni superiori a 2-3 cm, addensati solo su un lato, sono caratterizzati da dolore e arrossamento eccessivi. Gli antibiotici dovrebbero colpire le comuni cause infettive di linfoadenopatia: Staphylococcus aureus e Streptococcus.

A causa della maggiore prevalenza di Staphylococcus aureus resistente alla meticillina con linfonodi ingrossati, si raccomanda una terapia antibiotica con Clindamicina.

Quali antibiotici sono usati per trattare la linfoadenite?

Gli antibiotici sono composti chimici sintetici o prodotti metabolici di muffe, streptomiceti o batteri che vengono utilizzati per trattare le malattie batteriche. Gli antibiotici supportano il sistema immunitario nella lotta contro i batteri patogeni. Esistono varie sostanze, le più importanti delle quali sono:

  • Penicilline ad ampio spettro.
  • Penicilline a spettro ristretto.
  • I fluorochinoloni.
  • lincosamidi.
  • macrolidi.
  • aminoglicosidi.

L'effetto degli antibiotici varia. Gli obiettivi dei farmaci possono essere l'inibizione della sintesi della parete cellulare (penicilline, cefalosporine), i cambiamenti nella permeabilità della membrana cellulare, l'inibizione della sintesi di DNA e RNA dei batteri (aminoglicosidi, tetracicline o macrolidi, antimetaboliti).

Quando si utilizzano antibiotici, è necessario determinare prima il tipo di infezione batterica. Molte malattie sono causate principalmente da un patogeno. A volte è necessario condurre un'analisi batteriologica ed escludere la resistenza agli antibiotici. Solo allora il farmaco target può essere selezionato.

Un esempio di uso inappropriato di antibiotici è la somministrazione di farmaci troppo rapidamente per la febbre. La febbre è la risposta naturale dell'organismo alle malattie, che può avere molte cause diverse. Se è causato da un'infezione batterica, è necessaria una terapia antibiotica. Gli antibiotici vengono spesso somministrati per trattare i linfonodi ingrossati nel collo da raffreddore o bronchite, che di solito sono causati da virus. Gli antibiotici sono inefficaci contro i virus.

Tali farmaci per l'ingrossamento cronico dei linfonodi nel collo possono anche essere utilizzati a scopi profilattici. È vietato assumere gli antibiotici in modo profilattico senza la raccomandazione del medico. Di norma, i farmaci sono prescritti prima dell'intervento chirurgico sul tratto digestivo o prima dell'impianto di protesi.

La scelta del farmaco dipende dall'agente causale dell'infiammazione

penicilline

La penicillina e i suoi derivati ​​hanno un effetto battericida. Le penicilline interferiscono con la sintesi della parete cellulare dei procarioti bloccando un enzima specifico. Poiché l'uomo e gli animali non hanno una parete cellulare, la penicillina agisce solo sulle pareti cellulari dei batteri. La fenossimetilpenicillina e la penicillina G sono esempi di farmaci a spettro ristretto. L'amoxicillina è un antibiotico ad ampio spettro.

Le penicilline sono prescritte per la linfoadenite causata da infezioni del tratto respiratorio (sinusite, faringite, tonsillite, bronchite e polmonite). Molto spesso, i farmaci penicillina sono prescritti per le donne in gravidanza e i bambini piccoli. Eliminano efficacemente l'agente patogeno infettivo e, quindi, la linfoadenite. Le penicilline spesso causano reazioni allergiche, alterazioni del gusto, vomito, nausea, diarrea, agitazione, ansia, leucopenia e tachicardia.

I rappresentanti più comuni degli antibiotici della penicillina sono:

  • amoxicillina.
  • ampicillina.
  • fenossimetilpenicillina.

L'amoxicillina è prescritta in una dose di 250-500 mg una volta per le persone di età superiore ai 10 anni e di peso superiore a 40 kg. Il farmaco deve essere assunto due volte al giorno ogni 8-10 ore. Nei casi più gravi, si raccomanda di aumentare il dosaggio. Il costo medio dell'amoxicillina è di 80 rubli russi. L'ampicillina è prescritta in una dose giornaliera di 1-3 g Il dosaggio può essere aumentato dopo aver consultato un medico. Si raccomanda di assumere il farmaco tre volte al giorno a intervalli regolari. Il costo medio di una medicina è di 50 rubli russi.

aminoglicosidi

L'aminoglicosite è tossica per i reni

Gli aminoglicosidi si legano alla subunità 30s dei ribosomi batterici e interrompono la biosintesi delle proteine. Di conseguenza, non solo gli amminoacidi corretti vengono introdotti nella proteina, ma anche quelli sbagliati. Ciò porta alla formazione di proteine ​​con una sequenza di aminoacidi difettosa. Le proteine ​​difettose non possono essere utilizzate dai batteri, quindi muoiono. Gli antibiotici aminoglicosidici sono battericidi.

Membri importanti del gruppo aminoglicosidico:

  • Streptomicina.
  • tobramicina.
  • neomicina.
  • netilmicina.
  • Gentamicina.
  • amikacina.
  • kanamicina.
  • spectinomicina.
  • Hygromycin.
  • Apramicina.

Gli aminoglicosidi hanno uno stretto indice terapeutico. Gli effetti collaterali includono nefrotossicità e ototossicità, pertanto si raccomanda di assumere farmaci in un dosaggio limitato.

La streptomicina è prescritta per la linfoadenite in una singola dose di 0,5-1 g Il dosaggio giornaliero non deve superare 1-2 g Il costo medio della streptomicina è di 500 rubli russi. La dose giornaliera di Neomicina è di 0,4 g Si consiglia di assumere il farmaco 2 volte al giorno. Il costo medio di Neomicina è di 300 rubli russi.

I fluorochinoloni

I fluorochinoloni inibiscono il DNA girasi e la topoisomerasi-4. L'energia meccanica immagazzinata nel cromosoma dei batteri diminuisce, aumenta la lunghezza del cromosoma. Di conseguenza, il DNA batterico non può più essere riprodotto correttamente. La crescita dei batteri si ferma (effetto batteriostatico), quindi le cellule muoiono (effetto battericida). Tuttavia, l'inibizione della replicazione del DNA non può spiegare adeguatamente l'effetto battericida dei fluorochinoloni. I membri più recenti sono efficaci anche contro gli enzimi batterici topoisomerasi.

I fluorochinoloni includono:

  • enoxacina.
  • Norfloxacin.
  • Ciprofloxacina.
  • Ofloxacin.
  • levofloxacina.
  • moxifloxacina.
  • nadifloxacina.
  • lomefloxacin.

Durante il trattamento con fluorochinolone, si osservano effetti collaterali nel 4-10% dei pazienti. Secondo recenti studi, l'incidenza delle reazioni avverse è del 25-30%. L'aumento della frequenza degli effetti collaterali è dovuto al rafforzamento dei criteri per gli studi clinici per valutare il potenziale di nuovi fluorochinoloni. Le reazioni avverse più comuni sono disturbi gastrointestinali come nausea e diarrea. Disturbi mentali meno comuni.

La dose giornaliera raccomandata di Enoxacin è di 400 mg. Il farmaco può essere assunto 2 volte al giorno, 200 mg. Il costo medio è di 300 rubli russi. La dose giornaliera media di norfloxacina è di 800 mg. Il farmaco può anche essere diviso in due dosi singole. Prezzo medio di mercato - 250 rubli russi.

lincosamidi

Tra i vantaggi del farmaco vi è un costo accessibile

Le lincosamidi includono lincomicina e clindamicina. La lincomicina non può essere utilizzata per trattare le infezioni del tratto respiratorio superiore o inferiore. Pertanto, in tali casi, viene utilizzata solo la clindamicina. Ha principalmente un effetto batteriostatico dipendente dal tempo su stafilococchi, streptococchi, cornebatteri e micoplasma. È necessario considerare la possibilità di resistenza agli antibiotici incrociati con i macrolidi.

I lincosamidi si legano alla subunità 50S dei ribosomi batterici e portano alla dissociazione della peptidil transferasi dai ribosomi. I farmaci inibiscono la biosintesi delle proteine ​​nei batteri. Pertanto, i lincosamidi hanno un effetto batteriostatico. La clindamicina ha anche una certa attività protozoaria ed è quindi usata per trattare la toxoplasmosi e la malaria. I lincosamidi sono la classe di antibiotici che più comunemente causano la colite pseudomembranosa.

La lincomicina viene utilizzata in una dose giornaliera di 0,5 mg e la clindamicina viene utilizzata in 0,6 mg. Si consiglia l'assunzione dei farmaci 4 volte al giorno. Il costo medio della lincomicina è di 93 rubli russi e la clindamicina è di 400 rubli.

macrolidi

I macrolidi sono agenti antibiotici che inibiscono la sintesi proteica nei batteri. I rappresentanti più anziani sono l'eritromicina, le sostanze medicinali più moderne sono la claritromicina, l'azitromicina o la roxitromicina. Tylosin è attualmente approvato solo per uso veterinario..

I macrolidi sono usati contro quasi tutte le infezioni batteriche nel tratto respiratorio. Sono anche il farmaco di scelta per due malattie a trasmissione sessuale che si verificano spesso insieme: gonorrea e clamidia. Inoltre, vengono utilizzati contro le infezioni della pelle causate da stafilococchi..

I macrolidi, oltre ai β-lattamici, sono classificati come antibiotici ben tollerati. Possono causare lieve disagio gastrointestinale o disturbi uditivi reversibili. L'eritromicina può anche essere usata durante la gravidanza.

I farmaci vengono assunti per via orale sotto forma di pillola. I nuovi farmaci sono assorbiti meglio dell'eritromicina, rimangono più a lungo nel corpo e sono più efficaci. I macrolidi vengono parzialmente escreti dal corpo attraverso il fegato e talvolta attraverso i reni. Tuttavia, i macrolidi non sono adatti per il trattamento delle infezioni del tratto urinario. Possono anche interferire con l'eliminazione di altri farmaci che sono acidi e vengono escreti dal corpo attraverso i reni (acido acetilsalicilico, acido urico, diuretici tiazidici, penicilline, sulfamidici).

I macrolidi non sono uno degli antibiotici più efficaci e quindi non sono adatti per il trattamento di infezioni complesse (ad esempio, nel reparto di terapia intensiva). Poiché inibiscono solo un enzima specifico, i batteri sviluppano rapidamente resistenza ai macrolidi.

La dose raccomandata di claritromicina per adulti e bambini di età superiore ai 12 anni è di 250 mg 2 volte al giorno. Si raccomanda di osservare un intervallo di 12 ore tra le dosi. La claritromicina costa circa 250 rubli in farmacia. L'azitromicina viene assunta in una dose giornaliera di 500 mg. Il medicinale può essere assunto una volta al giorno. Il costo medio è di 250 rubli.

Quali antibiotici sono possibili durante la gravidanza?

Le penicilline sono le migliori per le donne in gravidanza

Le penicilline sono antibiotici che sono più comunemente usati durante la gravidanza e l'allattamento. Una donna incinta può assumere penicilline anche nel primo trimestre se esiste un motivo medico.

Per le infezioni respiratorie, urinarie, auricolari, rinofaringee, cefalosporine, amoxicillina e ampicillina (antibiotici beta-lattamici) sono spesso utilizzati. L'eritromicina è anche uno degli antibiotici approvati durante la gravidanza.

Quali antibiotici sono prescritti per i bambini?

Le infezioni del tratto respiratorio sono tra le cause più comuni di linfoadenite e trattamento con un pediatra. La maggior parte delle infezioni associate alla linfoadenite sono causate da virus respiratori. Gli antibiotici sono troppo spesso prescritti in modo inappropriato per i bambini con infezioni respiratorie.

A causa dell'uso improprio di droghe, i bambini possono provare dolore addominale, nausea, vomito, diarrea. In casi molto rari, si verificano gravi complicazioni: enterocolite, insufficienza epatica acuta o gravi reazioni cutanee che portano all'eritema multiforme.

Gli antibiotici sono assolutamente necessari nei seguenti casi:

  • Polmonite batterica.
  • Meningite.
  • Infezioni del tratto urinario.
  • tonsillite.

Per le infezioni del tratto respiratorio, si raccomanda una terapia in attesa. Per il raffreddore, i genitori dovrebbero prima monitorare il proprio bambino per 48 ore e non usare antibiotici, poiché dall'80 al 90% di tutte le infezioni si risolve spontaneamente. Se il bambino continua ad avere la febbre, consultare un medico.

Per un'infezione acuta dell'orecchio medio, il trattamento dipende dall'età del paziente. Se il giovane paziente non ha ancora 6 mesi, dovrebbe essere immediatamente prescritto un antibiotico, perché il rischio di infezioni gravi e recidive successive è maggiore a questa età. Nei bambini da sei mesi a 2 anni, il trattamento non è sempre necessario. Anche un bambino di età superiore a 2 anni non ha bisogno di cure in tutti i casi..

amoxicillina

L'amoxicillina è un antibiotico ad ampio spettro appartenente alla classe delle penicilline. È il più ampiamente usato e usato per trattare le infezioni del tratto respiratorio nei bambini: tonsillite, infezioni dell'orecchio, del naso e della gola, malattia di Lyme, infiammazione delle ossa e avvelenamento del sangue. Viene anche prescritto a scopo profilattico prima dell'intervento chirurgico..

L'amoxicillina è un antibiotico molto ben tollerato. È disponibile in diversi dosaggi: 250, 500, 750 o 1000 milligrammi. Il medico indicherà il dosaggio in base alla malattia, all'età e al peso del bambino. Si raccomanda di assumere il medicinale ai pasti. Si consiglia ai bambini di seguire una buona igiene orale, altrimenti il ​​farmaco può causare l'ingiallimento dei denti.

Cefuroxime

La cefuroxima è un'alternativa all'amoxicillina ed è quindi considerata un trattamento di seconda linea. La cefuroxima è efficace contro streptococchi, pneumococchi, stafilococchi, che sono spesso la principale causa di infiammazione nella bocca e nella gola. È anche usato per infezioni respiratorie come bronchite cronica o polmonite, otite, gola e naso. È anche usato per le infezioni ai reni e alle vie urinarie..

La cefuroxima è meglio tollerata dell'amoxicillina. 10 bambini su 1000 possono manifestare vertigini, gonfiore articolare, flebite, polmonite o mal di testa. Le reazioni cutanee, l'epatite o l'ittero sono rare. 10 bambini su 10.000 sviluppano allucinazioni, nervosismo e ansia.

Controindicazioni per l'assunzione di antibiotici

È importante capire che gli antibiotici non sono efficaci contro i virus. Malattie causate da virus o cause non batteriche per le quali sono vietati gli antibiotici:

  • Raffreddore (naso che cola, tosse, mal di gola, febbre).
  • Infezioni influenzali.
  • Molte forme di infiammazione intestinale (diarrea).
  • Morbillo.

Quali antibiotici per l'infiammazione dei linfonodi nel collo possono essere presi da adulti e bambini?

Gli antibiotici per l'infiammazione dei linfonodi sono prescritti dal medico curante per la diagnosi di linfoadenite. Questi sono farmaci che hanno un effetto medico efficace. A causa delle loro proprietà, hanno un potenziale terapeutico. Il principio di azione è la distruzione di un certo tipo di batteri o microrganismi. I farmaci vengono sintetizzati da composti chimici o i farmaci diventano prodotti metabolici di muffe, streptomiceti o batteri. Per le infezioni virali e le neoplasie maligne, non sono prescritte. Il meccanismo è diviso in due sottogruppi.

Possibili complicanze della malattia

La linfoadenite lanciata può causare gravi complicazioni
La linfoadenite può essere complicata da sola, andando in uno stadio purulento. In questo caso, potrebbe essere necessario anche un intervento chirurgico per rimuovere il pus dai nodi e alleviare le condizioni del paziente..

Ma oltre a ciò, la malattia ha un potenziale pericolo. L'infezione con il flusso di sangue e linfa può verificarsi in qualsiasi parte del corpo umano, colpendo qualsiasi punto debole o causando avvelenamento del sangue generale.

Una volta in un organo indebolito, può causare lo sviluppo di una malattia pericolosa, che può essere nascosta a lungo, senza sintomi pronunciati. Può essere polmoni, reni, ginecologia, anche il cervello non è protetto da infezioni massicce. E questo porta già il rischio di una malattia mortale: la meningite. In una tale situazione, l'uso di antibiotici è semplicemente necessario..

Quali antibiotici prendere per l'infiammazione dei linfonodi

Per il trattamento dei linfonodi infiammati nel collo, vengono utilizzati:

  • aminoglicosidi;
  • fluorochinoloni;
  • lincosamidi;
  • altri farmaci antibatterici (macrolidi, cefalosporine, ecc.).

L'uso di antibiotici per la linfoadenite è particolarmente efficace nelle prime fasi della patologia. I farmaci scelti sono: "Amoxicillina", "Amoxiclav", "Ceftriaxone", "Flemoxin", "Ampicillin", ecc. Sono prescritti per un periodo di 4-14 giorni. Sullo sfondo della terapia, il processo infiammatorio viene arrestato e i linfonodi diminuiscono di dimensioni.

Esistono altri medicinali per il trattamento della linfoadenite. Appartengono tutti a determinati gruppi, che saranno discussi di seguito..

Aminoglicosidi per infiammazione cervicale

Aminoglicosidi: farmaci efficaci contro i patogeni gram-positivi e negativi, nonché i micobatteri, alcuni tipi di protozoi, Pseudomonas aeruginosa.

"Streptomicina", "Kanamicina" sono antibiotici di prima generazione. Sono spesso usati se il paziente ha una linfoadenite cervicale dovuta a tubercolosi. Allo stesso scopo, vengono utilizzati medicinali di terza generazione, ad esempio "Amikacin". Tuttavia, questi farmaci non sono in grado di far fronte a streptococchi e pneumococchi verdi. "Amikacin" è considerato un'opzione di backup per la lotta contro le malattie causate da Pseudomonas aeruginosa.

  1. Il loro uso coscienzioso con benzilpenicillina e ampicillina migliora l'efficacia di tutti questi farmaci..
  2. Difficilmente penetrano nel tratto gastrointestinale se presi in forma di pillola.
  3. Il loro uso non influisce sull'esistenza di microrganismi intracellulari.
  4. Rispetto ai fluorochinoloni e ai farmaci beta-lattamici, non attraversano bene la barriera tissutale.
  5. Non dovrebbero essere bevuti durante il periodo gestazionale..

Prima di trattare la linfoadenite con aminoglicosidi, viene analizzata la funzione renale del paziente. Inoltre, il lavoro del sistema urinario viene valutato ogni tre giorni. La durata massima della terapia è di due settimane, tuttavia, con la tubercolosi, può essere aumentata a due mesi.

Viene praticata l'iniezione di aminoglicosidi. Ai pazienti più anziani viene prescritto un piccolo dosaggio (rispetto ai giovani adulti), che è spiegato dal deterioramento della funzionalità renale con l'età.

Gli aminoglicosidi sono droghe tossiche. Possono portare a problemi di udito e sintomi tossici. Nonostante il fatto che la gentamicina, se usata durante la gravidanza, porti allo sviluppo di sordità congenita nel feto, i bambini che la assumono raramente incontrano problemi di udito.

Fluorochinoloni per linfonodi infiammati nel collo

I fluorochinoloni di prima generazione sono utilizzati per le infezioni batteriche del sistema genito-urinario. La seconda generazione di medicinali (Norfloxacina, Ofloxacina) ha lo scopo di combattere i patogeni gram-negativi, ma non è in grado di far fronte ai microrganismi anaerobici e agli spirocheti ed è anche caratterizzata da una bassa efficienza nel trattamento delle patologie causate da pneumo- e enterococchi, clamidia e micoplasma.

Le medicine di terza generazione hanno lo scopo di combattere gli streptococchi (compresi i ceppi resistenti alla penicillina) e gli anaerobi e la quarta - contro agenti patogeni gram-positivi, infezione intracellulare e microrganismi anaerobici che non formano spore. Questi ultimi farmaci comprendono "emifloxacina" e "moxifloxacina".

L'uso di fluorochinoloni è irto dello sviluppo di effetti collaterali (artralgie transitorie, interruzioni nel funzionamento dell'intestino e dello stomaco, sindrome convulsiva, allergie, ecc.).

Lincosamidi per il trattamento del processo infiammatorio

Questi farmaci hanno un effetto batteriostatico. Sono prescritti per l'infiammazione dei linfonodi causata da microrganismi anaerobici e gram-positivi che non formano spore. Il principio attivo si accumula nei tessuti del sistema osseo.

I principali rappresentanti di questo gruppo di medicinali sono: "Lincomicina", "Clindamicina". L'effetto indesiderato più comune quando vengono assunti è la diarrea associata agli antibiotici..

Asportazione chirurgica

L'intervento chirurgico per rimuovere i linfonodi è l'ultima risorsa. Ci ricorrono dopo che la terapia è stata giudicata inefficace. Inoltre, il linfonodo viene rimosso nei tumori cancerosi al fine di prevenire le metastasi. Ad esempio, nel carcinoma mammario.

effetti

La rimozione di un linfonodo nel collo, le cui conseguenze possono essere diverse, può portare a:

  1. Gonfiore, indolenzimento, necrosi, difetti estetici. Di norma, nel tempo, questi effetti scompaiono o si attenuano..
  2. Suppurazione. Si verifica quando la sterilità viene violata durante l'intervento chirurgico.
  3. Perdita linfatica. È un accumulo di linfa nel sito del linfonodo rimosso.

In molti casi, qualche tempo dopo la rimozione, il linfonodo si rigenera.

Sintomi

È importante per un medico che esamina un paziente con sospetta linfoadenite determinare la fonte iniziale di infezione, per differenziare la malattia. Questo è un compito difficile per uno specialista, che richiede un'attenta raccolta di dati anamnestici, una serie di misure diagnostiche.

In base alla localizzazione dei nodi infiammati e al decorso del flusso linfatico, il medico determina la fonte primaria della malattia.

Con infezioni minori, il sistema linfatico neutralizza completamente i microbi, senza infiammazione delle ghiandole.

Ma se la scala supera le sue capacità, si sviluppano sintomi secondari:

  • Le dimensioni dei nodi sono aumentate.
  • La pelle è iperemica, edematosa.
  • C'è dolore alla palpazione e alla pressione.

Se l'infiammazione ha colpito l'area ascellare o inguinale, il paziente ha difficoltà a muovere gli arti. Quando il processo si è sviluppato nelle ghiandole sottomandibolari o parotidi, si verificano dolore e disagio durante la deglutizione, durante i movimenti di masticazione e girando il collo.

La linfoadenite purulenta è sempre accompagnata da sintomi di intossicazione generale: febbre fino a 40 ° C, brividi, debolezza, mal di testa e dolore muscolare. Le ghiandole si addensano e crescono insieme. La pelle sopra di loro diventa bruscamente iperemica, edematosa e tesa.

La forma acuta della malattia fornisce un quadro pronunciato. E, al contrario, la cronica passa lentamente: le ghiandole sono ingrossate, ma non dolorose, il gonfiore e i cambiamenti nella pelle sono insignificanti.

Procedure di fisioterapia

L'influenza di vari fattori fisici sui linfonodi infiammati accelera il recupero dei tessuti colpiti da virus, batteri, funghi o tossine. L'uso simultaneo di procedure fisioterapiche e preparazioni farmacologiche migliora rapidamente il benessere del paziente, interrompe la diffusione del processo infiammatorio e riduce la gravità dei sintomi. Di norma, il medico prescrive una manipolazione terapeutica, tenendo conto delle condizioni generali dell'adulto e del bambino, nonché della gravità della patologia.

Il trattamento ad ultrasuoni della linfoadenite è indicato per i pazienti con qualsiasi localizzazione dell'infiammazione

Terapia UHF

Quando il corpo umano è esposto a un campo elettrico pulsato o costante ad altissima frequenza, la temperatura aumenta nei focolai infiammatori. Il risultato è la vasodilatazione e il trasferimento dei globuli bianchi nelle aree danneggiate dall'infezione. Il tessuto fibroso cresce gradualmente, aumenta l'immunità locale anti-infettiva e l'edema diminuisce. Il trattamento UHF è indicato per un processo infiammatorio acuto e rapidamente progressivo nei linfonodi sottomandibolari, inguinali, ascellari, sul collo.

Lieve infiammazione dei linfonodi sottomandibolari e cervicali

Con questo tipo di linfoadenite, la domanda su quali antibiotici sono necessari non è così acuta. Prima di tutto, viene prescritto un trattamento locale. A tale scopo, è possibile utilizzare unguenti, tra cui una preferenza speciale per l'unguento di ittiolo. Unguento eparina è anche rilevante. Vengono anche utilizzate varie lozioni (anche con ittiolo). Le compresse con unguento di Vishnevsky sono molto rilevanti in questa situazione..

Per il trattamento sintomatico della linfoadenite lieve, è possibile utilizzare l'Echinacea. Per fare questo, 10 gocce di tintura di questa pianta vengono diluite in 100 ml di acqua. Devi bere un tale rimedio tre volte al giorno..

Per quanto riguarda gli antibiotici, in questo caso i macrolidi saranno appropriati..

macrolidi

Una classe di farmaci attivi contro i patogeni intracellulari, nonché i cocchi gram-positivi. Questi fondi sono divisi in due gruppi in base all'origine:

  • naturale: eritromicina, spiramicina, josamicina e midecamicina;
  • semisintetico - claritromicina, roxithromycin, azithromycin (sumamed) e midecamicina acetato.

Dosaggio

La dose di farmaci in questa classe dipende dalla forma della malattia, nonché da parametri come il peso e l'età del paziente. Durante il trattamento, i macrolidi vengono generalmente somministrati ogni 12 ore..

Caratteristiche della malattia e necessità di antibiotici nel trattamento

La linfoadenite è una malattia di natura investigativa, che è la risposta del corpo a un'infezione che è entrata in essa. Il linfonodo si aggrava nell'area del corpo in cui l'infezione è penetrata. Ad esempio, l'infiammazione del nodo cervicale segnala la presenza di una malattia della gola virale - l'influenza.

La linfoadenite è di due tipi: specifica e non specifica. L'infiammazione specifica è preceduta da malattie di natura grave, come la tubercolosi, la sifilide, l'oncologia del sangue (leucemia), la mononucleosi, ecc..

La linfoadenite non specifica appare quando i batteri patogeni entrano nel corpo, provocando malattie come raffreddori, tonsilliti, toxoplasmosi, periodontite, ecc. Inoltre, si verificano infiammazioni non specifiche a seguito di infezioni in ferite, ulcere, formazioni purulente.

Nella fase iniziale dell'infiammazione del linfonodo, sarà consigliabile assumere antibiotici, che saranno prescritti dal medico curante. Sebbene esistano oppositori di tale trattamento, è comunque molto efficace. Inoltre, ha lo scopo non di rimuovere l'infiammazione stessa, ma di eliminare l'infezione dal corpo..

Per il trattamento della linfoadenite, viene prescritto un ciclo di antibiotici e, oltre a loro, viene prescritto l'uso di vitamina C, che supporterà l'immunità nel processo di lotta contro i virus.

Una vasta gamma di antibiotici che vengono utilizzati per il trattamento della linfoadenite sono farmaci del gruppo della penicillina. Ci sono casi frequenti di iniezione di penicillina nel corpo del paziente.

Di norma, viene prescritto un ciclo di sette giorni dell'antibiotico Augmentin. Se la situazione non cambia, il corso viene aumentato a 10 giorni..

Per il trattamento, viene prescritto anche un ciclo di altri antibiotici non meno efficaci:

Eliminando la causa

L'uso di soli farmaci antibatterici o antimicotici per l'applicazione locale non porterà al risultato desiderato. Microrganismi patogeni e virus circolano nel flusso sanguigno, pertanto sono necessari farmaci sistemici per distruggerli. Il successo del trattamento della linfoadenite acuta o cronica dipende direttamente dall'adesione alle raccomandazioni del medico in merito ai metodi di cura del paziente e all'uso di agenti farmacologici. Antibiotici, antimicotici e antivirali dovrebbero essere assunti entro pochi giorni dalla scomparsa completa dei sintomi. Altrimenti, dopo poco tempo, i segni patologici torneranno e la loro gravità diventerà molto più forte..

La linfoadenite batterica viene trattata con antibiotici ad ampio spettro

Terapia antibiotica

Molto spesso, ai pazienti viene diagnosticata una linfoadenite batterica, che può essere specifica e non specifica. Il primo tipo comprende patologie provocate da microbi patogeni, agenti patogeni:

La linfoadenite non specifica di solito si sviluppa negli adulti e nei bambini dopo le infezioni respiratorie batteriche. Gli agenti causali sono stati trasferiti dal flusso sanguigno ai linfonodi cervicali, sottomandibolari, inguinali, dove hanno formato focolai infiammatori secondari. La scelta dell'antibiotico dipende dal tipo di agente infettivo. Spesso i risultati degli esami di laboratorio devono essere previsti per 2-3 giorni, quindi il medico curante esegue la terapia iniziale con farmaci con un ampio spettro di azione..

Gli antibiotici comunemente prescritti includono:

  • penicilline (benzilpenicillina sodica, ampicillina, oxacillina, amoxicillina);
  • macrolidi (azitromicina, claritromicina, Josamicina);
  • cefalosporine (Cefuroxime, Cefalexin, Ceftriaxone, Cefazolin).

L'uso inappropriato di farmaci con attività antibatterica ha contribuito alla resistenza dei batteri patogeni alle penicilline semisintetiche. Dopo aver diagnosticato la linfoadenite, i medici preferiscono prescrivere penicilline protette ai pazienti:

La combinazione di amoxicillina con acido clavulanico aiuta a prevenire a lungo la produzione di enzimi da parte delle cellule batteriche. Questi composti rendono i microrganismi insensibili agli antibiotici, riducendo la loro efficacia terapeutica. L'introduzione di acido clavulanico nella composizione dei preparati consente di evitare un aumento dei dosaggi singoli e giornalieri, nonché la frequente sostituzione di agenti antibatterici.

Alcuni giorni dopo l'assunzione di antibiotici, le condizioni di un adulto o di un bambino possono peggiorare. Questo non è un segno di inefficacia della terapia, ma piuttosto il contrario. Un gran numero di batteri patogeni muore e iniziano a essere escreti dai loro focolai infiammatori. Nella circolazione sistemica, aumenta la concentrazione di microbi e prodotti tossici della loro attività vitale, provocando la cattiva salute di una persona.

Rimantadina è usato per trattare la linfoadenite causata da herpes o virus dell'influenza

Agenti antivirali

Questi farmaci vengono utilizzati nella diagnosi di linfoadenite, provocata dalla penetrazione nei linfonodi del virus dell'herpes, dell'influenza, dell'herpes zoster, della varicella, del citomegolovirus. La durata minima di un ciclo di trattamento è di circa due settimane. Di norma, vengono immediatamente prescritte alte dosi di agenti antivirali, che variano a seconda del tipo di agente patogeno. Come può essere trattato questo tipo di linfoadenite:

  • Aciclovir. Questo analogo sintetico dei nucleosidi purinici ha la capacità di inibire la replicazione dei ceppi virali incorporando nel DNA degli agenti infettivi. Perdono la capacità di crescere e moltiplicarsi, causando la morte delle cellule virali;
  • Remantadina (Rimantadina). Sotto l'azione del farmaco, la riproduzione dei virus nei tessuti viene soppressa a causa del blocco del gene nel citoplasma cellulare. Remantadine presenta anche proprietà immunomodulanti.

È possibile curare la linfoadenite senza antibiotici

Non è sempre consigliabile utilizzare antibiotici per la linfoadenite. Abbiamo già detto che la malattia può essere di natura virale o allergica e in tali situazioni non sono prescritti agenti antibatterici.

Il ruolo di base nel determinare la necessità della terapia antibiotica è giocato dalla ragione dell'ingrandimento dei linfonodi: viene stabilito esaminando l'area da cui fluisce la linfa nei nodi colpiti, nonché utilizzando test di laboratorio (OAC, test per la mononucleosi infettiva, titoli antistreptolysin, reazione VDRL, ecc.). In questo caso, il metodo diagnostico più comune è una puntura con una biopsia del nodo. Il materiale sequestrato è sottoposto alla colorazione di Gram, seminato su un mezzo nutritivo per determinare le colture di microrganismi aerobici e anaerobici, nonché i micobatteri.

Trattamento per donne in gravidanza e bambini

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata se il linfonodo è infiammato in una donna incinta. Alle donne in questa posizione è consentito assumere farmaci solo in casi estremi e sotto la stretta supervisione dei medici.

L'assunzione di farmaci per alleviare i sintomi a casa è severamente vietata. Ciò è particolarmente vero per i metodi della medicina tradizionale. Non è noto come questo o quel rimedio influenzerà la salute del nascituro. Molto spesso, il medico prescriverà Flemoxin Solutab durante la visita del paziente. Devi berlo per 5 giorni.

Nei bambini piccoli, gli antibiotici sono usati solo per una forma purulenta di patologia. I farmaci comuni per i bambini sono Sumamed e Amoxiclav

Se un bambino ha una malattia al fegato o ai reni, i farmaci sono prescritti con estrema cautela. Nell'area del linfonodo, puoi disegnare una griglia di iodio

Ciò contribuirà a riscaldare l'area infiammata..

Trattamento complementare

I farmaci antiallergici sono sempre inclusi nello schema terapeutico della linfoadenite di qualsiasi eziologia e localizzazione..

Il farmaco di prima scelta è la cetirizina, un bloccante dei recettori dell'istamina H1. Si trovano sulle pareti interne dei vasi sanguigni e sulle membrane dei globuli bianchi, che includono neutrofili, linfociti e basofili. Dopo la penetrazione nel tratto gastrointestinale, la cetirizina viene assorbita nella circolazione sistemica ed entra nel linfonodo infiammato, dove si manifesta la sua attività terapeutica:

Come trattare i linfonodi infiammati

  • nella messa a fuoco infettiva, i vasi sanguigni si restringono;
  • la permeabilità capillare diminuisce, prevenendo l'escrezione di leucociti e liquido accumulato dai vasi;
  • i globuli bianchi cessano di entrare nel fuoco infiammatorio;
  • i composti biologicamente attivi che contribuiscono alla diffusione dell'infiammazione cessano di essere rilasciati dai leucociti.

Il corso di assunzione di antistaminici consente di eliminare rapidamente il gonfiore dei tessuti situati direttamente vicino al fuoco infettivo. Un altro effetto positivo di questi farmaci è il sollievo delle reazioni allergiche sullo sfondo dell'uso di un gran numero di farmaci farmacologici..

I farmaci antinfiammatori non steroidei sono utilizzati nella terapia della linfoadenite per alleviare il dolore e la febbre

La linfoadenite cervicale, toracica, sottomandibolare è complicata da sintomi di intossicazione generale del corpo. Un numero significativo di microrganismi patogeni e prodotti tossici della loro attività vitale penetrano nella circolazione sistemica. Un adulto o un bambino soffre di febbre alta, disturbi dispeptici, mal di testa. In questi casi è rilevante l'uso di farmaci antinfiammatori non steroidei. Hanno un effetto complesso sul corpo umano.

Anche una singola assunzione di FANS elimina il dolore, arresta la diffusione del processo infiammatorio e abbassa la temperatura corporea. Cosa può prescrivere un medico:

A seconda dello stadio della linfoadenite, i FANS vengono utilizzati sotto forma di compresse, capsule o soluzioni per la somministrazione intramuscolare. Al momento della prescrizione, il medico tiene conto dell'età del paziente e della salute generale. Se, durante lo studio della storia, vengono rilevate eventuali malattie del tratto gastrointestinale, questi farmaci vengono esclusi dal regime terapeutico.

Il principale effetto collaterale dei FANS è la capacità di danneggiare le mucose dell'apparato digerente. I farmaci antinfiammatori non steroidei vengono assunti per 7-10 giorni in combinazione con inibitori della pompa protonica: Rabeprazolo, Omeprazolo, Esomeprazolo, Pantoprazolo. Per i pazienti che sono controindicati nell'assunzione di FANS, per ridurre la gravità del dolore, si raccomanda di assumere antispasmodici o analgesici - Spazmalgon, Baralgin, Spazgan.

Il trattamento principale della linfoadenite virale, batterica e fungina viene effettuato con farmaci ad azione sistemica. L'uso dei soli fondi locali non ha alcun effetto terapeutico. Una leggera diminuzione dei sintomi è possibile solo per un breve periodo. Ma la combinazione di rimedi locali e sistemici accelererà il recupero e ridurrà la durata del periodo di riabilitazione. Nella stragrande maggioranza dei casi, i medici prescrivono i seguenti farmaci per uso esterno:

  • linimento di Vishnevsky,
  • Unguento di ittiolo.

Questi agenti hanno effetti locali antisettici, antinfiammatori, battericidi e anche immunomodulatori. Come risultato del miglioramento della microcircolazione, si verifica una rapida guarigione dei tessuti danneggiati.

Unguento di Vishnevsky

Un altro nome per l'unguento di Vishevsky è "Linimet Balsamic"

Questo rimedio è noto alla medicina da quasi un secolo e salvato da molte malattie..

L'unguento di Vishnevsky ha forti proprietà antibatteriche e antisettiche, penetra in profondità nei tessuti, quindi allevia perfettamente il processo infiammatorio.

A causa del forte odore, il prodotto viene utilizzato sotto forma di impacco: una piccola quantità di unguento viene applicata su una garza o una benda pulita e applicata al linfonodo infiammato. Di solito, al 3 ° giorno di trattamento, si verifica un significativo sollievo o la linfoadenite scompare completamente.

È controindicato usare questo unguento per un processo infiammatorio purulento, poiché è possibile provocare un peggioramento della malattia e danneggiare solo i linfonodi infiammati. È anche vietato usarlo per le donne in gravidanza e durante l'allattamento..

Con questo rimedio, è necessario spalmare i linfonodi infiammati sul collo allo stesso modo dell'unguento di Vishnevsky.

L'unguento ittiolo rigenera perfettamente i tessuti, allevia l'infiammazione a causa delle forti proprietà antisettiche e migliora anche la microcircolazione nei tessuti del sistema linfatico, che è necessaria nel processo infiammatorio.

Devi usare questo unguento 2 volte al giorno - al mattino e alla sera - per diversi giorni (non più di una settimana).

Le controindicazioni sono la gravidanza e le allergie ai componenti del farmaco.

Regole antibiotiche

Se il medico ha prescritto antibiotici per il trattamento della linfoadenite, è importante seguire le regole per l'assunzione di farmaci per non danneggiare la salute e rendere efficace la terapia:

  1. È necessario combinare farmaci antibatterici e probiotici a intervalli di 2 ore. Ciò attenuerà l'effetto negativo dei principali farmaci sul corpo. Il corso della terapia probiotica dovrebbe essere 3 volte più lungo dell'assunzione di antibiotici.
  2. È preliminarmente importante superare i test per determinare il tipo di agente patogeno e la sua sensibilità al trattamento con farmaci antibatterici. Non tutti gli antibiotici sono efficaci per ogni tipo di infezione.
  3. Solo un medico ha il diritto di prescrivere un farmaco e un regime di dosaggio con un dosaggio esatto. La deviazione dalle regole stabilite dal medico può essere pericolosa per la salute del paziente..
  4. Il trattamento della linfoadenite con antibiotici è di almeno 14 giorni. Il corso della terapia non deve essere interrotto, altrimenti non avrà alcun effetto..

Sfortunatamente, l'esame preliminare del paziente per la presenza di allergie ai farmaci non è sempre praticato. Se possibile, tale analisi identificherà la fonte di una potenziale minaccia e prescriverà il trattamento corretto..

Caratteristiche della malattia

Una serie di malattie con la via alimentare dell'infezione è accompagnata da una reazione dei linfonodi mesenterici (addominali).

Con la progressione del processo infiammatorio, i nodi interessati possono suppurare, ubriacarsi con i tessuti circostanti e sclerosarsi.

La linfoadenite purulenta è, di regola, una malattia secondaria. L'obiettivo principale sarà: ferite infette, bolle, carbonchio, mastite, ascessi, ecc..

È importante tenere conto del fatto che, al momento della reazione dei linfonodi, il focus primario potrebbe già essere appena percettibile (una ferita guarita).... Con suppurazione del linfonodo, sono caratteristici:

Con suppurazione del linfonodo, sono caratteristici:

  • un aumento significativo delle sue dimensioni;
  • forte dolore;
  • fluttuazione e rammollimento alla palpazione.

Iperemia della pelle, ispessimento dei tessuti lungo i vasi linfatici indica l'aggiunta di linfangite. Si notano sintomi di intossicazione generale (brividi, debolezza, letargia).

Con la linfoadenite sottomandibolare, ci sono lamentele per difficoltà ad aprire la bocca, dolore durante la masticazione, girando la testa.

La mesodenite è accompagnata da un'immagine di un addome acuto (forte dolore, nausea, vomito, febbre).

Nell'analisi generale del sangue, leucocitosi neutrofila, si nota un aumento dell'ESR.

Quando si semina il pus ottenuto dalla puntura di un nodo festivo, è possibile seminare l'agente patogeno, molto spesso è stafilococco, pneumococco e streptococco. Tuttavia, con una terapia antibiotica massiccia precoce, la coltura può essere sterile..

Il quadro clinico della linfoadenite

Qualsiasi patologia batterica si manifesta in vari sintomi clinici. L'infiammazione acuta o cronica dei linfonodi si manifesta principalmente con i loro cambiamenti locali:

  • aumento delle dimensioni;
  • arrossamento della pelle sopra i linfonodi;
  • indolenzimento;
  • un aumento della temperatura locale nell'area in cui si è sviluppata la linfoadenite.

I sintomi clinici spesso dipendono dalla posizione del linfonodo interessato. Se si trova nella cavità addominale, potrebbero esserci tensioni nei muscoli della parete addominale anteriore, sintomi peritoneali positivi. Se la linfoadenite si è sviluppata nel collo, si osserva spesso difficoltà a deglutire.

Se i linfonodi inguinali sono interessati, spesso si sviluppano problemi con la minzione e la funzione sessuale. Se il paziente ha una linfoadenite nella cavità toracica, si può osservare dolore nella regione del cuore, che simula varie patologie di questo organo.

Inoltre, ci sono sintomi generali non specifici. Prima di tutto - un aumento della temperatura ai valori febbrili (38,0˚С). I sintomi di intossicazione generale aumentano gradualmente: affaticamento, vertigini, disturbi dispeptici (nausea, diarrea).

In tale situazione, vengono immediatamente prescritti antibiotici per l'infiammazione dei linfonodi..

In futuro, in assenza di un trattamento adeguato, il processo si trasforma in infiammazione purulenta. In questo caso, si può osservare la fluttuazione dei linfonodi interessati, quando si verifica l'accumulo di essudato infiammatorio..

Conferma di laboratorio e strumentale della linfoadenite batterica

Poiché la linfoadenite non è solo di origine batterica, ma anche di origine virale, è necessario verificare il fattore eziologico. A tal fine, il medico deve condurre una serie di test di laboratorio. Prima di tutto, prescrive un esame del sangue generale. Durante il processo batterico, c'è un aumento del numero di leucociti, neutrofili e l'aspetto delle loro forme giovani, un aumento dell'ESR.

Lo studio batteriologico consente di verificare accuratamente l'agente patogeno. Per eseguirlo, è necessario eseguire una puntura del linfonodo interessato. Pochi giorni dopo, il medico riceve informazioni sul patogeno patogeno, nonché sulla sua sensibilità a vari farmaci antibatterici.

Inoltre, sono prescritti metodi diagnostici strumentali. Consentono di visualizzare i linfonodi e distinguere la linfoadenite da altre patologie. Innanzitutto svolgono:

  • esame ecografico (ultrasuoni);
  • tomografia computerizzata (CT);
  • risonanza magnetica (MRI).

Metodi di ricerca diagnostica

I linfonodi ingrossati sono un motivo per consultare immediatamente un medico per il trattamento. In alcuni casi, l'infiammazione segnala il corso di processi pericolosi nel corpo..

Per escludere tali patologie, gli specialisti ricorrono a vari metodi diagnostici..

Biopsia del linfonodo cervicale

Questo metodo si basa su un campione di tessuto intravitale al fine di determinare l'esatta composizione cellulare. Una biopsia di un linfonodo nel collo è uno degli studi obbligatori effettuati se si sospetta il cancro. Inoltre, si distinguono le seguenti indicazioni per questa procedura:

  • la dimensione del nodo in un adulto è superiore a 3 centimetri;
  • la patogenesi della linfoadenite cervicale non è stata determinata, nonostante tutti gli studi condotti;
  • la terapia raccomandata per l'infiammazione non porta miglioramenti;
  • c'è un'infiammazione solitaria del linfonodo senza la formazione di articolazioni (non sono stati trovati sintomi di malattia linfoproliferativa);
  • secondo i dati degli ultrasuoni, l'educazione è di natura liquida.

Il modo in cui viene eseguita una biopsia dei linfonodi nel collo dipende da come viene eseguita la procedura. Esistono i seguenti metodi per ottenere campioni:

  1. Foratura. La puntura del linfonodo nel collo viene eseguita utilizzando l'anestesia locale. Un ago di grande diametro viene utilizzato per la procedura..
  2. Aperto. È la rimozione di un linfonodo nel collo per escissione.

Indipendentemente dal metodo, i campioni ottenuti vengono inviati per l'esame citologico e istologico. I dati ottenuti ci consentono di trarre conclusioni sulla causa principale dell'infiammazione e sul trattamento raccomandato..

La risonanza magnetica è uno dei metodi di ricerca più accurati. È considerato più preferibile degli ultrasuoni, in quanto consente di valutare l'immagine in 3D, visualizzare i tessuti molli e ossei. Risonanza magnetica dei linfonodi del collo:

  • dà una comprensione della dimensione dei nodi, della loro posizione, forma e densità;
  • ti permette di rilevare l'infiammazione;
  • identificare accumuli di pus;
  • diagnosticare tumori maligni e formazioni benigne;
  • rilevare gli stati di immunodeficienza e così via.

Se vengono rilevate anomalie durante la risonanza magnetica, al fine di confermare la diagnosi, viene inoltre eseguita una biopsia o una puntura dei linfonodi. Lo studio è controindicato:

  • donne in gravidanza e in allattamento;
  • pazienti con insufficienza cardiaca nella fase di scompenso;
  • quando si indossano protesi non staccabili o un pacemaker;
  • con claustrofobia.

La tomografia computerizzata si basa sull'uso dei raggi X. A differenza dei raggi X, CT consente di ottenere un'immagine strato per strato. La TC dei linfonodi del collo viene utilizzata in numerosi casi e consente:

  • rilevare il processo infiammatorio;
  • diagnosticare il flemmone;
  • identificare le neoplasie.

La TAC richiede un po 'di preparazione. Vale la pena mangiare tre ore prima della procedura e interrompere l'assunzione di liquidi un'ora prima. Con l'intolleranza individuale alle sostanze radio-opache, è vietato sottoporsi a uno studio.

Quali antibiotici sono prescritti per i bambini

Le infezioni del tratto respiratorio sono tra le cause più comuni di linfoadenite e trattamento con un pediatra. La maggior parte delle infezioni associate alla linfoadenite sono causate da virus respiratori. Gli antibiotici sono troppo spesso prescritti in modo inappropriato per i bambini con infezioni respiratorie.

A causa dell'uso improprio di droghe, i bambini possono provare dolore addominale, nausea, vomito, diarrea. In casi molto rari, si verificano gravi complicazioni: enterocolite, insufficienza epatica acuta o gravi reazioni cutanee che portano all'eritema multiforme.

L'uso improprio di antibiotici crea ulteriori problemi. L'uso aumentato e incontrollato di antibiotici è associato al rischio di sviluppare ceppi resistenti agli antibiotici.

Gli antibiotici sono assolutamente necessari nei seguenti casi:

  • Polmonite batterica.
  • Meningite.
  • Infezioni del tratto urinario.
  • tonsillite.

Per le infezioni del tratto respiratorio, si raccomanda una terapia in attesa. Per il raffreddore, i genitori dovrebbero prima monitorare il proprio bambino per 48 ore e non usare antibiotici, poiché dall'80 al 90% di tutte le infezioni si risolve spontaneamente. Se il bambino continua ad avere la febbre, consultare un medico.

Per un'infezione acuta dell'orecchio medio, il trattamento dipende dall'età del paziente. Se il giovane paziente non ha ancora 6 mesi, dovrebbe essere immediatamente prescritto un antibiotico, perché il rischio di infezioni gravi e recidive successive è maggiore a questa età. Nei bambini da sei mesi a 2 anni, il trattamento non è sempre necessario. Anche un bambino di età superiore a 2 anni non ha bisogno di cure in tutti i casi..

amoxicillina

L'amoxicillina è un antibiotico ad ampio spettro appartenente alla classe delle penicilline. È il più ampiamente usato e usato per trattare le infezioni del tratto respiratorio nei bambini: tonsillite, infezioni dell'orecchio, del naso e della gola, malattia di Lyme, infiammazione delle ossa e avvelenamento del sangue. Viene anche prescritto a scopo profilattico prima dell'intervento chirurgico..

L'amoxicillina è un antibiotico molto ben tollerato. È disponibile in diversi dosaggi: 250, 500, 750 o 1000 milligrammi. Il medico indicherà il dosaggio in base alla malattia, all'età e al peso del bambino. Si raccomanda di assumere il medicinale ai pasti. Si consiglia ai bambini di seguire una buona igiene orale, altrimenti il ​​farmaco può causare l'ingiallimento dei denti.

Cefuroxime

La cefuroxima è un'alternativa all'amoxicillina ed è quindi considerata un trattamento di seconda linea. La cefuroxima è efficace contro streptococchi, pneumococchi, stafilococchi, che sono spesso la principale causa di infiammazione nella bocca e nella gola. È anche usato per infezioni respiratorie come bronchite cronica o polmonite, otite, gola e naso. È anche usato per le infezioni ai reni e alle vie urinarie..

La cefuroxima è meglio tollerata dell'amoxicillina. 10 bambini su 1000 possono manifestare vertigini, gonfiore articolare, flebite, polmonite o mal di testa. Le reazioni cutanee, l'epatite o l'ittero sono rare. 10 bambini su 10.000 sviluppano allucinazioni, nervosismo e ansia.

Secondo sottogruppo

Il meccanismo si basa su un effetto indiretto sui batteri. Quando somministrati, gli agenti antibatterici alterano la biochimica del microrganismo, il che porta all'inibizione della sintesi proteica. Senza proteine, gli organismi viventi non sono in grado di riprodursi. Pertanto, periranno gradualmente da soli. Gli antibiotici aumentano ulteriormente l'effetto del sistema di difesa del corpo: l'immunità.

Quando si usano medicinali, la biodisponibilità è considerata un indicatore medico. Mostra la percentuale del farmaco che, una volta usato, entrerà nel plasma sanguigno e non sarà lavato via dai filtri naturali del corpo.

I linfonodi fungono da filtro linfatico. I linfonodi sono localizzati in tutto il corpo umano, numerosi cluster si trovano sotto l'ascella, dietro l'orecchio, sotto la mascella, negli organi pelvici. Quando la linfa scorre da tessuti e organi vicini, i nodi dividono il flusso in linfa e particelle estranee. Con un gran numero di particelle estranee e antigeni, il linfonodo si infiamma. Il sintomo è solitamente chiamato linfoadenite..

Linfoadenite sotto l'ascella

I farmaci antibatterici sono il pilastro del trattamento. Il luogo di localizzazione è ovunque nel corpo - la scelta degli antibiotici deve essere affrontata con competenza. L'uso di un ciclo di farmaci deve essere prescritto da un medico o endocrinologo. Il risultato del trattamento dipende dai risultati dell'agente utilizzato, dalla sensibilità del corpo, dal grado e dal tempo di sviluppo della malattia, dallo stato di immunità e dalle caratteristiche del corpo..