Ampicillina (Ampicillina)

Verifica della compatibilità dei farmaci Ampicillin e Novocain. È possibile bere questi farmaci insieme e combinarli.

Nessuna interazione rilevata.

Nessuna interazione rilevata.

Il controllo è stato effettuato sulla base di libri di consultazione sui farmaci: Vidal, Radar, Drugs.com, "Medicine. Un manuale per medici in 2 parti" ed. Mashkovsky M.D. L'idea, il raggruppamento e l'analisi manuale selettiva dei risultati sono stati realizzati dal candidato delle scienze mediche, il terapista Shkutko Pavel Mikhailovich.

2018-2020 Combomed.ru (Kombomed)

Tutte le combinazioni, i confronti e le altre informazioni presentate sul sito sono informazioni di riferimento generate automaticamente e non possono costituire una base sufficiente per prendere una decisione sulle tattiche di trattamento e sulla prevenzione delle malattie, nonché sulla sicurezza dell'uso delle combinazioni di farmaci. È richiesta la consultazione del medico.

Non è stata trovata alcuna interazione - significa che i farmaci possono essere assunti insieme o che gli effetti dell'uso combinato dei farmaci non sono attualmente sufficientemente studiati e ci vogliono tempo e statistiche accumulate per determinare la loro interazione. È necessaria una consultazione specialistica per risolvere il problema dell'assunzione congiunta di farmaci.

Interagisce con il farmaco: *** - significa che nel database dei libri di consultazione ufficiali utilizzati per creare il servizio, è stata trovata un'interazione statisticamente registrata dai risultati della ricerca e dell'uso, che può portare a conseguenze negative per la salute del paziente o migliorare l'effetto reciproco positivo, che richiede anche consulenza specialistica per determinare le tattiche di ulteriore trattamento.

ampicillina
AMPICILLINA

Azienda agricola. Gruppo

Analoghi (generici, sinonimi)

zetsil, penodil, pentrexil, puricillina, standacillina

Ricetta (internazionale)

Ricetta (Russia)

Modulo di prescrizione - 107-1 / a

Sostanza attiva

effetto farmacologico

Antibiotico di un gruppo di penicilline semisintetiche con un ampio spettro di azione. Ha un effetto battericida inibendo la sintesi della parete cellulare batterica.

Attivo contro i batteri aerobici gram-positivi: Streptococco emolitico alfa e beta, Streptococcus pneumoniae sensibile alla penicillina, Staphylococcus (ceppi che non producono betalattamasi), enterococchi (E. faecalis), Bacillus anthracis, Corystridium sp. microrganismi anaerobici che non producono penicillasi. In relazione agli enterococchi e alla listeria, l'attività dell'ampicillina supera l'attività della penicillina G.

Attivo contro i batteri aerobici gram-negativi: ceppi sensibili Neisseria gonorrhoeae, N.meningitidis, Bordetella pertussis, sensibile Haemophilus influenzae, Escherichia coli, Proteus mirabilis, Salmonella sp., Shigella sp.

Viene distrutto dall'azione della penicillinasi. Resistente agli acidi.

Modalità di applicazione

Per gli adulti: il dosaggio dell'ampicillina dipende dalla gravità del decorso, dalla posizione dell'infezione e dalla sensibilità dell'agente patogeno. Il farmaco viene somministrato per via intramuscolare e endovenosa mediante iniezione o infusione a breve termine.

- i / m: una singola dose è di 500 mg ogni 4-6 ore, la dose giornaliera è di 2-6 g.

- IV: 500 mg ogni 4-6 ore, la dose giornaliera è di 2-6 g. Nelle infezioni gravi, 150-300 mg / kg al giorno, suddivisa in dosi uguali dopo 4-6 ore come infusione a breve termine.

La durata del trattamento è di solito 7-10 giorni.

Il trattamento con ampicillina deve essere continuato per almeno 48-72 ore dopo la scomparsa dei sintomi clinici. Per le infezioni causate da streptococchi emolitici, il trattamento deve essere effettuato per almeno 10 giorni.

Per iniezione intramuscolare - aggiungere 4 ml di acqua sterile per iniezione al contenuto del flacone da 1 g.

Per somministrazione endovenosa - 10 ml di acqua sterile per preparazioni iniettabili vengono aggiunti al contenuto del flacone da 1 g. Durata della somministrazione - 5-10 minuti.

Per infusione endovenosa intermittente (si sconsiglia l'infusione continua) - la soluzione preparata come sopra descritto viene immediatamente diluita con 100 ml di soluzione di cloruro di sodio allo 0,9% o soluzione di glucosio al 5%. Durata dell'infusione 30-60 minuti.
Per bambini:

Nei pazienti in emodialisi, l'ampicillina viene somministrata dopo la dialisi e con emodialisi artero-venosa prolungata - dopo 6-12 ore. Nei pazienti in dialisi ambulatoriale cronica continua - 250 mg dopo 12 ore.

Durata del trattamento 7-10 giorni

indicazioni

Malattie infettive e infiammatorie causate da microrganismi sensibili all'ampicillina, tra cui:
- infezioni del tratto respiratorio (inclusi bronchite, polmonite, ascesso polmonare);
- infezioni degli organi ENT (inclusa tonsillite, sinusite, epiglottite, in odontoiatria - ascesso e cancrena);
- infezioni del tratto biliare (inclusa colecistite, colangite);
- infezioni del tratto urinario (tra cui pielonefrite, pielite, cistite, uretrite, epididimite, orchite, gonorrea e uretrite associate a gonorrea);
- infezioni del tratto gastrointestinale (compresi i portatori di salmone);
- infezioni ginecologiche (incluso aborto febbrile, sepsi postpartum, pelvioperitonite, endo e parametrite, annessite);
- infezioni della pelle e dei tessuti molli;
- peritonite;
- sepsi, endocardite settica;
- meningite;
- reumatismi;
- erisipela;
- scarlattina;
- gonorrea.

Controindicazioni

- ipersensibilità agli antibiotici del gruppo della penicillina e altri antibiotici beta-lattamici;
- grave disfunzione epatica.

Effetti collaterali

- Dal lato del sistema nervoso centrale:
mal di testa, vertigini, talvolta convulsioni (con somministrazione endovenosa molto rapida) o in pazienti con insufficienza renale quando vengono somministrate alte dosi.
- dal sistema digestivo:
nausea, vomito, diarrea, glossite, stomatite, colite pseudomembranosa, disbiosi intestinale, aumento dell'attività delle transaminasi epatiche.
- Dal sistema ematopoietico: anemia, leucopenia, trombocitopenia, agranulocitosi.
- Reazioni allergiche:
eruzione cutanea, orticaria, edema di Quincke, prurito, dermatite esfoliativa, eritema multiforme; in rari casi - shock anafilattico.

Altri: candidosi orale, candidosi vaginale.

Modulo per il rilascio

Polvere per prigot. soluzione iniettabile 1 g: fl. 10 pezzi.
Polvere per soluzione iniettabile 1 fl..

ATTENZIONE!

Le informazioni sulla pagina che stai visualizzando sono state create solo a scopo informativo e non promuovono in alcun modo l'automedicazione. La risorsa ha lo scopo di familiarizzare gli operatori sanitari con informazioni aggiuntive su determinati farmaci, aumentando così il loro livello di professionalità. L'uso del farmaco "Ampicillin" richiede una consultazione con uno specialista, nonché le sue raccomandazioni sul metodo di applicazione e dosaggio della medicina scelta.

Ampicillina con novocaina

Descrizione della forma di dosaggio: polvere bianca o quasi bianca.

Caratteristica: una combinazione di sodio sulbactam e sodio ampicillina in un rapporto 1: 2.

Azione farmacologica: antibatterico. Il sulbactam inibisce la beta-lattamasi e previene la distruzione delle penicilline; l'ampicillina inibisce la biosintesi del mucopeptide della parete cellulare.

Indicazioni: sinusite, otite media, faringite, laringite, infezioni del tratto urinario, intraperitoneale, cute e tessuti molli, ossa e articolazioni; setticemia, polmonite, pielonefrite, infezioni gonococciche, prevenzione delle infezioni chirurgiche.

Effetti collaterali: nausea, vomito, diarrea, anemia, trombocitopenia, leucopenia, aumento dell'attività ALT e AST, dolore nel sito di iniezione (con iniezione endovenosa - flebite), eruzione cutanea, prurito e altre reazioni cutanee, reazioni anafilattoidi.

Modo di somministrazione e dosi: IV o IM. È possibile utilizzare le seguenti diluizioni:

Dose totale, gDose equivalente di sulbactam / ampicillina aVolume della bottiglia, mlVolume del solvente, mlConcentrazione finale massima, mg / ml
0.75
1.5
3.0
0,25-0,5
0,5-1,0
1.0-2.0
dieci
20
20
1.6
3.2
6.4
125-250
125-250
125-250
Per somministrazione endovenosa, sulbactam / ampicillina viene diluito con acqua sterile per preparazioni iniettabili o qualsiasi altra soluzione compatibile. Per assicurarsi che il farmaco si sia completamente dissolto, è necessario attendere che la schiuma scompaia e valutare visivamente la completezza della dissoluzione. La dose può essere somministrata in bolo per almeno 3 minuti. Può anche essere diluito e somministrato come infusione endovenosa nell'arco di 15-30 minuti.
Quando somministrato per via intramuscolare, sulbactam / ampicillina deve essere iniettato in profondità nel muscolo; quando compare dolore, la soluzione iniettabile sterile allo 0,5% di lidocaina cloridrato può essere utilizzata per sciogliere la polvere.
Di solito, la dose di sulbactam / ampicillina varia da 1,5 a 12 g / die in dosi divise ogni 6 o 8 ore; dose massima giornaliera di sulbactam - 4 g.
Per le infezioni meno gravi, il farmaco può essere utilizzato ogni 12 ore..
La frequenza di somministrazione e dosaggio del farmaco dipendono dalla gravità della malattia e dalla funzione renale del paziente. Il trattamento viene di solito continuato per altre 48 ore dopo la normalizzazione della temperatura corporea e la scomparsa di altri segni patologici. La durata del corso di terapia è di 5-14 giorni, ma nei casi più gravi, può essere aumentata o prescritta in aggiunta ampicillina.
Per la prevenzione delle infezioni chirurgiche, devono essere somministrati 1,5-3 g di destbactam / ampicillina durante l'induzione dell'anestesia, consentendo un tempo sufficiente per raggiungere concentrazioni sieriche e tissutali efficaci durante l'intervento chirurgico. La dose può essere somministrata nuovamente ogni 6-8 ore; nella maggior parte delle procedure chirurgiche, il farmaco viene generalmente sospeso 24 ore dopo l'intervento chirurgico, a meno che non sia indicata la somministrazione di sulbactam / ampicillina a scopi terapeutici.
Per il trattamento della gonorrea semplice, sulbactam / ampicillina può essere somministrato una volta alla dose di 1,5 g. Al fine di aumentare la durata del contenuto di sulbactam e ampicillina e nel plasma, probenecid alla dose di 1 g deve essere somministrato contemporaneamente.
Bambini, neonati e neonati. Nel trattamento della maggior parte delle infezioni nei neonati e nei bambini, la dose giornaliera di sulbactam / ampicillina a è di 150 mg / kg / die (che corrisponde a 50 mg / kg / die di sulbactam e 100 mg / kg / die di ampicillina a).
Nei bambini, nei neonati e nei neonati, il farmaco viene generalmente somministrato ogni 6-8 ore in conformità con la pratica abituale di utilizzo dell'ampicillina a.
Nei neonati nella prima settimana di vita (in particolare i bambini prematuri), si raccomanda di prescrivere una dose di 75 mg / kg / giorno in dosi divise con un intervallo di 12 ore.
Pazienti con funzionalità renale compromessa. Nei pazienti con insufficienza renale grave (creatinina Cl ≤30 ml / min), l'escrezione di sulbactam e ampicillina a è ugualmente compromessa, pertanto il rapporto tra le loro concentrazioni plasmatiche non cambia. In tali pazienti, il sulbactam / ampicillina deve essere somministrato con minore frequenza secondo la prassi abituale di utilizzo dell'ampicillina a.

  • Unazine (n)

Supposte con novocaina 0,1 g
Nome latino: Suppositoria cum Novocaino 0,1 g
Gruppi farmacologici: anestetici locali
Classificazione nosologica (ICD-10): emorroidi I84. K25 ulcera allo stomaco. K26 ulcera duodenale R11 Nausea e vomito. Z100 CLASSE XXII Pratica chirurgica
effetto farmacologico

Principio attivo (DCI) Procaina
Applicazione: anestesia locale: infiltrazione, conduzione, anestesia epidurale e spinale; blocco vagosimpatico e perirenale; potenziamento dell'azione degli agenti anestetici durante l'anestesia generale; sindrome del dolore di varia origine (anche con ulcera gastrica e ulcera duodenale); spasmi di vasi sanguigni, neurodermite, emorroidi, nausea.

Effetti collaterali: vertigini, debolezza, ipotensione arteriosa, reazioni allergiche (è possibile uno shock anafilattico).

Interazione: migliora l'effetto dei farmaci anestetici.

Sovradosaggio: Se utilizzato in dosi elevate, è possibile un assorbimento eccessivo, accompagnato da nausea, vomito, improvviso collasso cardiovascolare, aumento dell'irritabilità nervosa, tremori e convulsioni, depressione respiratoria.
Trattamento: misure generali di rianimazione. In caso di sviluppo di intossicazione dopo un'iniezione nei muscoli del braccio o della gamba, si raccomanda l'applicazione urgente di un laccio emostatico per ridurre l'ulteriore assunzione del farmaco nel flusso sanguigno generale.

Dosaggio e somministrazione: interno, endovenoso, intramuscolare, endovenoso, mediante elettroforesi, rettale. Per l'anestesia da infiltrazione usare soluzioni allo 0,25-0,5%, conduttive - 1-2% epossidiche o epidurali - 2% (20-25 ml), cerebrospinale - soluzione al 5% (2-3 ml). Eventuale appuntamento per l'anestesia intraosseo.
In caso di blocco perirenale, vengono iniettati 50–80 ml di una soluzione allo 0,5%, per blocco vagosimpatico - 30–100 ml di una soluzione allo 0,25%. Per eliminare il dolore, viene utilizzato per via orale, intramuscolare o endovenosa. Nella vena viene iniettato lentamente da 1 a 10-15 ml di soluzione allo 0,25-0,5%.
Uso interno Soluzione dallo 0,25-0,5% fino a 30-50 ml 2-3 volte al giorno.
Per il blocco circolare e paravertebrale nell'eczema e nella neurodermite, si raccomanda l'iniezione endovenosa di una soluzione dello 0,25-0,5%.
Trattamento di ipertensione, aterosclerosi, spasmo dei vasi coronarici - soluzione i / m 2%, 5 ml 3 volte a settimana, corso - 12 iniezioni (sono possibili 4 cicli durante l'anno).

Istruzioni speciali: non assorbito dalle mucose; non fornisce anestesia superficiale. Utilizzato in combinazione con una soluzione allo 0,1% di epinefrina cloridrato alla velocità di 1 goccia per 2-5 ml di soluzione di procaina.

  • Supposte con novocaina 0,1 g (Suppositoria cum Novocaino 0,1 g)

Principio attivo (DCI) Ampicillina (Ampicillina)
Applicazione: Malattie infettive e infiammatorie del tratto respiratorio (polmonite, ascesso polmonare, bronchite, sinusite, faringite), otite media, peritonite, sepsi, endocardite, infezioni del rene e del tratto urinario, cistite, pielonefrite, uretrite, gonorrea, infezioni del sistema biliare, whooping, febbre tifoide e paratifo, infezioni della pelle e dei tessuti molli, meningite.

Controindicazioni: Ipersensibilità (incluso ad altre penicilline, cefalosporine, carbapenemi), grave disfunzione epatica, allattamento al seno.

Applicazione durante la gravidanza e l'allattamento: Durante la gravidanza, è possibile che l'effetto atteso della terapia superi il potenziale rischio per il feto. L'allattamento al seno deve essere interrotto durante il trattamento.

Effetti collaterali: fenomeni dispeptici, disbiosi, superinfezioni causate da ceppi resistenti; reazioni allergiche (orticaria, in rari casi - shock anafilattico).

Interazione: riduce l'effetto dei contraccettivi orali, aumenta gli anticoagulanti, gli antibiotici aminoglicosidici. L'allopurinolo aumenta la probabilità di eruzioni cutanee.

Sovradosaggio: manifestato da effetti tossici sul sistema nervoso centrale (specialmente nei pazienti con insufficienza renale).
Trattamento: sintomatico.

Dosaggio e somministrazione: all'interno, indipendentemente dall'assunzione di cibo, una singola dose per adulti - 0,5 g, dose giornaliera - 2-3 g. Per infezioni moderate, somministrare per via intramuscolare agli adulti a 0,25-0,5 g ogni 6 8 ore, per infezioni gravi - 1-2 g ogni 4-6 ore o 0,5 g EV ogni 6 ore I bambini di età inferiore a 1 mese non sono prescritti, in età avanzata vengono utilizzati al ritmo di 100-200 mg / kg peso corporeo, la dose giornaliera è divisa in 4-6 dosi. La durata del trattamento dipende dalla gravità della condizione e dall'efficacia della terapia (da 5-10 giorni a 2-3 settimane o più).

  • Ampicillina (Ampicillina)

Ingrediente attivo (DCI) Niketamide (Nikethamide)
Applicazione: collasso, asfissia, condizioni di shock, asfissia neonatale, disturbi circolatori nelle malattie infettive, avvelenamento da ipnotici, droghe, barbiturici.

Controindicazioni: ipersensibilità, epilessia, una storia di convulsioni tonico-cloniche, ipertermia nei bambini.

Limitazioni d'uso: non vi sono informazioni sulla sicurezza d'uso nelle donne in gravidanza.

Effetti collaterali: convulsioni tonico-cloniche, reazioni allergiche; infiltrazione e indolenzimento nel sito di iniezione.

Interazione: migliora gli effetti di psicostimolanti, antidepressivi. Riduce l'effetto di analgesici narcotici, sonniferi, neurolettici, tranquillanti, anticonvulsivanti.

Dosaggio e somministrazione: Adulti: iniezione intramuscolare, sottocutanea o endovenosa 1-2 ml 1-3 volte al giorno; all'interno - 15-40 gocce 2-3 volte al giorno.
Bambini: s / c iniettare 0,1-0,75 ml (a seconda dell'età); all'interno - tante gocce quanti sono l'età del bambino.
Dosi più elevate per gli adulti: singolo - 2 ml, ogni giorno - 6 ml.

  • Nikethamide (-)

Ingrediente attivo (DCI) Raloxifene (Raloxifene)
Applicazione: osteoporosi nelle donne in postmenopausa e dopo isterectomia (prevenzione).

Controindicazioni: ipersensibilità, tromboembolia (inclusa la storia), embolia polmonare e trombosi venosa retinica, trombosi venosa profonda, insufficienza epatica, immobilizzazione prolungata, età fertile nelle donne, gravidanza e allattamento.

Effetti collaterali: trombosi venosa profonda, tromboembolia, embolia venosa polmonare e trombosi venosa retinica, vasodilatazione nei primi 6 mesi di trattamento, vampate di calore, spasmi dolorosi dei muscoli del polpaccio, edema periferico.

Interazione: riduce l'effetto dei derivati ​​cumarinici. La colestiramina riduce la biodisponibilità e blocca la circolazione enteroepatica. L'ampicillina abbassa la Cmax.

Metodo di applicazione e dose: interno, 1 etichetta. (60 mg) al giorno, a lungo termine (può essere combinato con integratori di calcio).

  • Raloxifene (-)

Evista
Nome latino: Evista
Gruppi farmacologici: estrogeni, gestageni; i loro omologhi e antagonisti
Classificazione nosologica (ICD-10): M81.0 osteoporosi postmenopausale
effetto farmacologico

Ingrediente attivo (DCI) Raloxifene (Raloxifene)
Applicazione: osteoporosi nelle donne in postmenopausa e dopo isterectomia (prevenzione).

Controindicazioni: ipersensibilità, tromboembolia (inclusa la storia), embolia polmonare e trombosi venosa retinica, trombosi venosa profonda, insufficienza epatica, immobilizzazione prolungata, età fertile nelle donne, gravidanza e allattamento.

Effetti collaterali: trombosi venosa profonda, tromboembolia, embolia venosa polmonare e trombosi venosa retinica, vasodilatazione nei primi 6 mesi di trattamento, vampate di calore, spasmi dolorosi dei muscoli del polpaccio, edema periferico.

Interazione: riduce l'effetto dei derivati ​​cumarinici. La colestiramina riduce la biodisponibilità e blocca la circolazione enteroepatica. L'ampicillina abbassa la Cmax.

Metodo di applicazione e dose: interno, 1 etichetta. (60 mg) al giorno, a lungo termine (può essere combinato con integratori di calcio).

  • Evista

Niketamide
Nome latino: Nikethamide
Gruppi farmacologici: stimolanti respiratori
Classificazione nosologica (ICD-10): J96 Insufficienza respiratoria, non classificata altrove. P21 Asfissia durante il parto. R55 Svenimento [sincope] e collasso. T40 Avvelenamento da droghe e psicodislepici [allucinogeni]. T42 Avvelenamento con anticonvulsivanti, sedativi, ipnotici e farmaci antiparkinsoniani. T42.3 Barbiturici
effetto farmacologico

Ingrediente attivo (DCI) Niketamide (Nikethamide)
Applicazione: collasso, asfissia, condizioni di shock, asfissia neonatale, disturbi circolatori nelle malattie infettive, avvelenamento da ipnotici, droghe, barbiturici.

Controindicazioni: ipersensibilità, epilessia, una storia di convulsioni tonico-cloniche, ipertermia nei bambini.

Limitazioni d'uso: non vi sono informazioni sulla sicurezza d'uso nelle donne in gravidanza.

Effetti collaterali: convulsioni tonico-cloniche, reazioni allergiche; infiltrazione e indolenzimento nel sito di iniezione.

Interazione: migliora gli effetti di psicostimolanti, antidepressivi. Riduce l'effetto di analgesici narcotici, sonniferi, neurolettici, tranquillanti, anticonvulsivanti.

Dosaggio e somministrazione: Adulti: iniezione intramuscolare, sottocutanea o endovenosa 1-2 ml 1-3 volte al giorno; all'interno - 15-40 gocce 2-3 volte al giorno.
Bambini: s / c iniettare 0,1-0,75 ml (a seconda dell'età); all'interno - tante gocce quanti sono l'età del bambino.
Dosi più elevate per gli adulti: singolo - 2 ml, ogni giorno - 6 ml.

  • Nikethamide

Ampicillin Watham
Gruppi farmacologici: penicilline
Classificazione nosologica (ICD-10): A01 Tifo e paratifo. A01.0 Febbre tifoide A02 Altre infezioni da salmonella. A02.0 Enterite da Salmonella A04.9 Infezione batterica intestinale, non specificata A05.9 Intossicazione alimentare di origine batterica, non specificata A09 Diarrea e gastroenterite di sospetta origine infettiva (dissenteria, diarrea batterica). A32 Listeriosi. A37 Tosse convulsa. A38 Febbre scarlatta. A39 Infezione da meningococco A40 Setticemia streptococcica. A41 Altra setticemia. A46 Erisipela. A54 Infezione gonococcica. G00 Meningite batterica, non classificata altrove. H65 Otite media non suppurativa. H66 Otite media purulenta e non specificata. H74 Altre malattie dell'orecchio medio e del mastoide. H93.9 Disturbo dell'orecchio, non specificato I33 Endocardite acuta e subacuta. J00-J06 Infezioni acute del tratto respiratorio superiore. J02 Faringite acuta. J03 tonsillite acuta [angina]. J04 Laringite acuta e tracheite. J18 Polmonite senza specificare l'agente causale. J32 Sinusite cronica. Bronchite J40 non specificata come acuta o cronica. J42 Bronchite cronica non specificata. Bronchiectasie J47 [bronchiectasie]. J85 Ascesso di polmone e mediastino. K10.2 Malattie infiammatorie delle mascelle Peritonite K65 Colecistite K81 L00-L08 Infezioni della pelle e del tessuto sottocutaneo. L08.9 Infezione locale di cute e tessuto sottocutaneo, non specificata M60.0 Miosite infettiva M65.0 Ascesso della guaina del tendine M65.1 Altra tenosinovite infettiva M71.0 Ascesso di borsa M71.1 Altra borsite infettiva Reumatismo M79.0, non specificato N10 Nefrite tubulointerstiziale acuta. N11 Nefrite tubulointerstiziale cronica. Nefrite tubulo-interstiziale N12, non specificata come acuta o cronica. Cistite N30 N39.0 Infezione del tratto urinario senza localizzazione N49 Malattie infiammatorie degli organi genitali maschili, non classificate altrove N61 Malattie infiammatorie del seno. N70-N77 Malattie infiammatorie degli organi pelvici femminili. N73.9 Malattia infiammatoria pelvica femminile, non specificata N74.3 Malattia infiammatoria pelvica femminile gonococcica O85 Sepsi postpartum. T79.3 Infezione post-traumatica della ferita, non classificata altrove T81.4 Infezione associata a una procedura, non classificata altrove Z100 CLASSE XXII Pratica chirurgica
effetto farmacologico

Principio attivo (DCI) Ampicillina (Ampicillina)
Applicazione: Malattie infettive e infiammatorie del tratto respiratorio (polmonite, ascesso polmonare, bronchite, sinusite, faringite), otite media, peritonite, sepsi, endocardite, infezioni del rene e del tratto urinario, cistite, pielonefrite, uretrite, gonorrea, infezioni del sistema biliare, whooping, febbre tifoide e paratifo, infezioni della pelle e dei tessuti molli, meningite.

Controindicazioni: Ipersensibilità (incluso ad altre penicilline, cefalosporine, carbapenemi), grave disfunzione epatica, allattamento al seno.

Applicazione durante la gravidanza e l'allattamento: Durante la gravidanza, è possibile che l'effetto atteso della terapia superi il potenziale rischio per il feto. L'allattamento al seno deve essere interrotto durante il trattamento.

Effetti collaterali: fenomeni dispeptici, disbiosi, superinfezioni causate da ceppi resistenti; reazioni allergiche (orticaria, in rari casi - shock anafilattico).

Interazione: riduce l'effetto dei contraccettivi orali, aumenta gli anticoagulanti, gli antibiotici aminoglicosidici. L'allopurinolo aumenta la probabilità di eruzioni cutanee.

Sovradosaggio: manifestato da effetti tossici sul sistema nervoso centrale (specialmente nei pazienti con insufficienza renale).
Trattamento: sintomatico.

Dosaggio e somministrazione: all'interno, indipendentemente dall'assunzione di cibo, una singola dose per adulti - 0,5 g, dose giornaliera - 2-3 g. Per infezioni moderate, somministrare per via intramuscolare agli adulti a 0,25-0,5 g ogni 6 8 ore, per infezioni gravi - 1-2 g ogni 4-6 ore o 0,5 g EV ogni 6 ore I bambini di età inferiore a 1 mese non sono prescritti, in età avanzata vengono utilizzati al ritmo di 100-200 mg / kg peso corporeo, la dose giornaliera è divisa in 4-6 dosi. La durata del trattamento dipende dalla gravità della condizione e dall'efficacia della terapia (da 5-10 giorni a 2-3 settimane o più).

  • Ampicillin Watham (Penicilline)

Cordiamine
Nome latino: Cordiaminum
Gruppi farmacologici: stimolanti respiratori
Classificazione nosologica (ICD-10): J96 Insufficienza respiratoria, non classificata altrove. P21 Asfissia durante il parto. R55 Svenimento [sincope] e collasso. T40 Avvelenamento da droghe e psicodislepici [allucinogeni]. T42 Avvelenamento con anticonvulsivanti, sedativi, ipnotici e farmaci antiparkinsoniani. T42.3 Barbiturici
effetto farmacologico

Ingrediente attivo (DCI) Niketamide (Nikethamide)
Applicazione: collasso, asfissia, condizioni di shock, asfissia neonatale, disturbi circolatori nelle malattie infettive, avvelenamento da ipnotici, droghe, barbiturici.

Controindicazioni: ipersensibilità, epilessia, una storia di convulsioni tonico-cloniche, ipertermia nei bambini.

Limitazioni d'uso: non vi sono informazioni sulla sicurezza d'uso nelle donne in gravidanza.

Effetti collaterali: convulsioni tonico-cloniche, reazioni allergiche; infiltrazione e indolenzimento nel sito di iniezione.

Interazione: migliora gli effetti di psicostimolanti, antidepressivi. Riduce l'effetto di analgesici narcotici, sonniferi, neurolettici, tranquillanti, anticonvulsivanti.

Dosaggio e somministrazione: Adulti: iniezione intramuscolare, sottocutanea o endovenosa 1-2 ml 1-3 volte al giorno; all'interno - 15-40 gocce 2-3 volte al giorno.
Bambini: s / c iniettare 0,1-0,75 ml (a seconda dell'età); all'interno - tante gocce quanti sono l'età del bambino.
Dosi più elevate per gli adulti: singolo - 2 ml, ogni giorno - 6 ml.

  • Cordiaminum

Cordimid
Nome latino: Cordimid
Gruppi farmacologici: stimolanti respiratori
Classificazione nosologica (ICD-10): J96 Insufficienza respiratoria, non classificata altrove. P21 Asfissia durante il parto. R55 Svenimento [sincope] e collasso. T40 Avvelenamento da droghe e psicodislepici [allucinogeni]. T42 Avvelenamento con anticonvulsivanti, sedativi, ipnotici e farmaci antiparkinsoniani. T42.3 Barbiturici
effetto farmacologico

Ingrediente attivo (DCI) Niketamide (Nikethamide)
Applicazione: collasso, asfissia, condizioni di shock, asfissia neonatale, disturbi circolatori nelle malattie infettive, avvelenamento da ipnotici, droghe, barbiturici.

Controindicazioni: ipersensibilità, epilessia, una storia di convulsioni tonico-cloniche, ipertermia nei bambini.

Limitazioni d'uso: non vi sono informazioni sulla sicurezza d'uso nelle donne in gravidanza.

Effetti collaterali: convulsioni tonico-cloniche, reazioni allergiche; infiltrazione e indolenzimento nel sito di iniezione.

Interazione: migliora gli effetti di psicostimolanti, antidepressivi. Riduce l'effetto di analgesici narcotici, sonniferi, neurolettici, tranquillanti, anticonvulsivanti.

Dosaggio e somministrazione: Adulti: iniezione intramuscolare, sottocutanea o endovenosa 1-2 ml 1-3 volte al giorno; all'interno - 15-40 gocce 2-3 volte al giorno.
Bambini: s / c iniettare 0,1-0,75 ml (a seconda dell'età); all'interno - tante gocce quanti sono l'età del bambino.
Dosi più elevate per gli adulti: singolo - 2 ml, ogni giorno - 6 ml.

Iniezioni di ampicillina: istruzioni per l'uso

Forma di dosaggio

Polvere per soluzione iniettabile 1,0 g

Composizione

Una bottiglia contiene

principio attivo: sale di sodio ampicillina in termini di ampicillina 1,0 g.

Descrizione

Polvere bianca, igroscopica

Gruppo farmacoterapico

Farmaci antibatterici per uso sistemico. Farmaci antibatterici beta-lattamici - penicilline. Penicilline ad ampio spettro. ampicillina.

Codice ATX J01C A01

Proprietà farmacologiche

Quando somministrato per via intramuscolare o endovenosa, circola in alte concentrazioni nel sangue. La massima concentrazione nel sangue viene rilevata dopo 15 minuti con la somministrazione endovenosa e dopo 0,5-1,0 ore dalla somministrazione intramuscolare. Con l'iniezione intramuscolare di 0,5-1 g di ampicillina con un intervallo tra le iniezioni di 4-6 ore, la concentrazione terapeutica viene mantenuta nel sangue.

Penetra bene nei tessuti e nei fluidi corporei, si trova nelle concentrazioni terapeutiche nei fluidi pleurici, peritoneali e sinoviali. Nella bile può essere trovato in concentrazioni 4-100 volte superiori rispetto al sangue. Una parte relativamente piccola (10-30%) si lega alle proteine ​​plasmatiche.

Con meningi intatte, la concentrazione di ampicillina nel liquido cerebrospinale è del 5% della concentrazione nel plasma sanguigno. In caso di infiammazione delle meningi, la concentrazione di ampicillina nel liquido cerebrospinale può raggiungere il 50% della concentrazione nel plasma sanguigno. Quasi non subisce biotrasformazione. Viene escreto principalmente dai reni, in parte con la bile, nelle donne che allattano al seno, viene escreto nel latte. Entro 12 ore, il 45-70% della dose somministrata viene escreta nelle urine. In caso di compromissione della funzione escretoria renale, il livello del farmaco nel sangue aumenta e la sua escrezione rallenta. Con una clearance della creatinina inferiore a 10 ml / min, il livello di antibiotico nel sangue può essere 10 volte superiore rispetto ai pazienti con normale funzionalità renale. L'emivita aumenta da 1-2 ore normalmente a 10-12 ore. L'ampicillina non si cumula con iniezioni ripetute, il che rende possibile usarlo a grandi dosi e per lungo tempo.

L'ampicillina ha un ampio spettro di azione antibatterica (battericida). È attivo contro i microrganismi gram-positivi (Staphylococcus spp., Ad eccezione dei ceppi che producono penicillinasi; Streptococcus spp., Compresi S. pneumoniae; Corynebacterium diphtheriae, Bacillus anthracis, Clostridium spp., Most enterococci (E. coli-negativo e gram-negativo), Salmonella spp., Neisseria meningitidis, N. gonorrhoeae, Proteus mirabilis, alcuni ceppi di Klebsiella pneumoniae, Haemophilus influenzae) microrganismi.

Il farmaco viene distrutto dalla penicillinasi e pertanto non agisce sui ceppi batterici che formano la penicillinasi. Il farmaco inibisce la peptidoglicano polimerasi e la transpeptidasi, previene la formazione di legami peptidici e interrompe le fasi tardive della sintesi della parete cellulare dei microrganismi in divisione. I difetti di membrana risultanti riducono la resistenza osmotica della cellula batterica, che porta alla sua morte (lisi).

Ampicillina (1000 mg)

Istruzioni

  • russo
  • қazaқsha

Nome depositato

Nome internazionale non proprietario

Forma di dosaggio

Polvere per preparazione di soluzione iniettabile 500 mg e 1000 mg

Composizione

principio attivo - ampicillina sale sodico 531,5 mg e 1063 mg (in termini di ampicillina 500 mg e 1000 mg)

Descrizione

Polvere igroscopica bianca o quasi bianca

Gruppo farmacoterapico

Antimicrobici per uso sistemico. Farmaci antibatterici per uso sistemico. Penicilline ad ampio spettro

Codice ATC J01CA01

Proprietà farmacologiche

farmacocinetica

Dopo l'iniezione intramuscolare, il livello massimo del farmaco nel plasma sanguigno viene raggiunto in 30-60 minuti. Circa il 17-20% dell'ampicillina si lega alle proteine ​​plasmatiche. Volume di distribuzione - circa 15 litri.

L'ampicillina penetra bene nei tessuti, attraversa la barriera placentare ed è escreta nel latte materno. Con meningi intatte, il livello del farmaco nel liquido cerebrospinale raggiunge solo il 5% del livello del plasma. Tuttavia, con l'infiammazione delle meningi, la concentrazione del farmaco nel liquido cerebrospinale aumenta al 50% della concentrazione nel plasma.

L'ampicillina viene escreta principalmente in forma immodificata nelle urine e nella bile. Dopo somministrazione parenterale, circa il 73+ 10% della dose somministrata viene escreta nelle urine in forma invariata entro 12 ore. Fino al 10% della dose viene escreto sotto forma di prodotti metabolici. L'emivita è di 50-60 minuti. In condizioni oliguriche, l'emivita può aumentare a 8-20 ore. L'emivita è aumentata anche nei neonati (2-4 ore). La clearance renale dell'ampicillina dopo somministrazione endovenosa è di circa 194 ml / min.

farmacodinamica

Un antibiotico battericida ad ampio spettro d'azione, attivo contro i microrganismi gram-positivi e gram-negativi, copre anche microrganismi gram-positivi come streptococchi, enterococchi, stafilococchi, pneumococchi, Listeria, Corynebacteria, Clostridia, Bacillrysopus anthracisthrix microrganismi Haemophilus influenzae, meningococchi, gonococchi e Bordetella pertussis, Proteus mirabilis, Salmonella, Shigella, E. coli.

Circa il 20-50% di E. coli è resistente all'ampicillina. Dal Proteus sp. solo Proteus mirabilis è sensibile al 15-40% e Proteus vulgaris al 45-70%. Rispetto a Salmonella e Shigella, il livello di resistenza varia a seconda dell'area, ma c'è una tendenza alla resistenza completa.

Morganella morganii e Providenica rettgeri sono quasi completamente resistenti ai farmaci.

Lo spettro terapeutico dell'ampicillina non copre gli aerogeni di Pseudomonas e tutti gli organismi produttori di penicillinasi.

A seconda della frequenza di somministrazione, aumenta la probabilità di formazione di beta-lattamasi e lo sviluppo della resistenza all'ampicillina

Indicazioni per l'uso

Infezioni batteriche acute e croniche di diversa gravità e localizzazione, tenendo conto dell'agente patogeno sensibile:

- meningite batterica, endocardite, osteomielite, setticemia

- infezioni del tratto respiratorio (inclusa la pertosse)

- infezioni del tratto urinario

- infezioni della colecisti e delle vie biliari

- infezioni del tratto gastrointestinale (incluso debridement di portatori cronici di salmonellosi)

- infezioni della pelle e dei tessuti molli

- malattie oculari infiammatorie

Metodo di somministrazione e dosaggio

Per le infezioni acute e gravi, si preferisce la somministrazione endovenosa del farmaco.

La durata del trattamento dipende dalla gravità della malattia ed è determinata dal medico.

In genere, l'ampicillina viene utilizzata per 7-10 giorni, ma la terapia deve essere continuata per almeno 2-3 giorni dopo la scomparsa dei sintomi della malattia.

Quando si trattano infezioni causate da streptococco beta-emolitico, l'ampicillina deve essere utilizzata per almeno 10 giorni per ottenere risultati positivi, altrimenti esiste il rischio di un ulteriore sviluppo di reumatismi o disfunzioni renali (glomerulonefrite).

Per le infezioni moderate, gli adulti e i bambini di peso superiore a 20 kg vengono iniettati per via intramuscolare –250-500 mg ogni 6 ore; nei casi più gravi 2,0 g ogni 3-4 ore.

Bambini di peso fino a 20 kg - 12,5-25 mg / kg ogni 6 ore.

Bambini (con meningite): neonati di peso fino a 2 kg - 25-50 mg / kg ogni 12 ore nella prima settimana di vita, quindi 50 mg / kg ogni 8 ore; neonati di peso pari o superiore a 2 kg - 50 mg / kg ogni 8 ore nella prima settimana di vita, quindi 50 mg / kg ogni 6 ore.

Con funzionalità renale compromessa

Dipende dalla velocità di filtrazione glomerulare:

- con clearance della creatinina 20-30 ml / min - 2/3 della dose abituale

- con clearance della creatinina inferiore a 20 ml / min - 1/3 della dose abituale.

Con grave disfunzione renale, la dose di ampicillina per 8 ore non deve superare 1 g.

Possibile squilibrio elettrolitico

Nei pazienti con grave squilibrio elettrolitico, deve essere considerato il contenuto di sodio del preparato.

Questo vale sia per una singola dose che per l'intero ciclo di trattamento, nonché per test speciali per determinare l'equilibrio elettrolitico.

In particolare è necessario tenere conto del contenuto di sodio in pazienti con funzionalità renale compromessa, edema ed emorragie di varia origine e localizzazione (con insufficienza cardiaca, cirrosi epatica, sanguinamento intracavitario ricorrente), con terapia anti-shock per stabilizzare l'attività cardiovascolare, nutrizione parenterale per adulti, bambini e neonati.

5 ml di soluzione pronta per ampicillina al 10% contiene 531,5 mg di sale di sodio ampicillina, che corrisponde a 0,5 g di ampicillina e 31,5 mg (1,43 mmol) di sodio.

10 ml di soluzione pronta per ampicillina al 10% contiene 1063 mg di ampicillina sale sodico, che corrisponde a 1,0 g di ampicillina e 65,8 mg (2,86 mmol) di sodio.

Il contenuto di una fiala da 1000 mg di ampicillina viene sciolto in 10 ml di acqua per preparazioni iniettabili (500 mg - rispettivamente in 5 ml di acqua per preparazioni iniettabili).

Dovresti usare una soluzione preparata di recente, trasparente, priva di sedimenti e impurità meccaniche. L'ampicillina non deve essere somministrata contemporaneamente ad altri farmaci.

L'ampicillina (soluzione al 10%) viene somministrata per flebo intramuscolare, endovenosa o endovenosa.

Quando somministrato per via endovenosa, il farmaco viene iniettato lentamente per 3 minuti.

L'ampicillina è compatibile con una soluzione di cloruro di sodio allo 0,9%, una soluzione di destrosio al 5% e una soluzione di levulosio al 5%.

Effetti collaterali

- gonfiore e dolore nel sito di iniezione, esantema, prurito, arrossamento

- nausea, vomito, flatulenza, diarrea

- febbre da farmaco, eosinofilia, angioedema, sindrome di Lyell, edema laringeo, malattia da siero, anemia emolitica, vasculite allergica o nefrite

- infiammazione della mucosa (di solito la cavità orale)

- flebite locale e in rari casi cristalluria (con somministrazione endovenosa prolungata di grandi dosi)

- eccitazione del sistema nervoso centrale, cloni e parossismi

- aumento dei livelli di transaminasi

- diminuzione reversibile del livello di protrombina, diminuzione del tempo di coagulazione del sangue

- nefrite interstiziale acuta (più spesso senza gravi sintomi clinici)

- trombocitopenia, granulocitopenia, anemia, pancitopenia

- piteudomembranosa, colite emorragica

- mal di testa, convulsioni

- Edema di Quincke, essudativo maligno eritema di Stevens-Johnson

Controindicazioni

- ipersensibilità a penicilline, cefalosporine, carbapenemi

- reazioni allergiche agli antibiotici beta-lattamici

- mononucleosi infettiva, leucemia linfocitaria

- gravidanza e allattamento

- una storia di malattie gastrointestinali (colite dovuta all'uso di antibiotici)

Interazioni farmacologiche

A causa della potenziale riduzione dell'effetto terapeutico, l'ampicillina non deve essere utilizzata in combinazione con farmaci chemioterapici batterioterapici o antibiotici (come tetraciclina, eritromicina, sulfonamidi e cloramfenicolo).

La somministrazione simultanea con probenecid porta a una diminuzione dell'escrezione di ampicillina nelle urine, a un aumento della concentrazione del farmaco nel sangue e della bile e ad un aumento del tempo della sua escrezione.

L'ampicillina può ridurre temporaneamente l'efficacia dei contraccettivi orali, pertanto, quando si prescrive il farmaco, si raccomanda l'uso aggiuntivo di metodi contraccettivi di barriera.

I metodi non enzimatici di analisi dello zucchero nelle urine possono dare risultati falsi positivi, che si osservano quando si determina il contenuto di pigmenti di urina.

istruzioni speciali

Nel corso del trattamento con ampicillina, è necessario un monitoraggio sistematico della funzione dei reni, del fegato e del sangue periferico. I pazienti con compromissione della funzionalità renale richiedono un aggiustamento della dose. Quando si utilizza l'ampicillina in pazienti con batteriemia (sepsi), è possibile una reazione di batteriolisi (reazione di Jarisch-Herxheimer).

Overdose

Sintomi: nausea, vomito, diarrea, convulsioni, agitazione del sistema nervoso centrale, mioclono o spasmi, reazione anafilattica (shock).

Trattamento: sospensione di terapia, terapia sintomatica e di supporto. Pazienti con funzionalità renale compromessa - emodialisi.

Modulo di rilascio e confezione

500 mg e 1000 mg in flaconcini di vetro, chiusi ermeticamente con tappi di gomma e aggraffati con tappi di alluminio.

50 fiale, insieme a 50 istruzioni per l'uso medico nelle lingue statale e russa, sono collocate in una scatola di cartone.

Condizioni di archiviazione

Conservare in luogo asciutto e buio a una temperatura non superiore a 25 ° С

Tenere fuori dalla portata dei bambini!

Periodo di conservazione

Non utilizzare dopo la data di scadenza

Condizioni di erogazione dalle farmacie

fabbricante

SANAVITA Pharmaceuticals GmbH, D-59368 Werne, Germania

Titolare dell'autorizzazione all'immissione in commercio

SANAVITA Pharmaceuticals GmbH, D-59368 Werne, Germania

Indirizzo dell'organizzazione che accetta i reclami dei consumatori sulla qualità dei prodotti (merci) nella Repubblica del Kazakistan

Ufficio di rappresentanza della società "SANAVITA Pharmaceuticals GmbH"

Cosa aiuta "Ampicillin"? Istruzioni per l'uso

"Ampicillina", cosa aiuta questo antibiotico del gruppo delle penicilline? Il medicinale è efficace contro molti batteri. Il farmaco "Ampicillin" istruzioni per l'uso raccomanda l'uso di polmonite, bronchite, ascessi, tonsillite.

Composizione e forma di rilascio

Nelle farmacie, il farmaco si presenta sotto forma di capsule, compresse, polvere per ricevere una soluzione di iniezione, nonché una composizione granulare da cui viene fatta una sospensione. L'elemento attivo del farmaco "Ampicillin", da cui aiuta il rimedio per patologie infettive, è l'ampicillina triidrato. Il suo contenuto in compresse e capsule raggiunge 0,25 g I componenti ausiliari sono amido, stearato di calcio, sodio croscarmellosa.

Proprietà farmacologiche

Il farmaco è un antibiotico efficace appartenente al gruppo delle penicilline semisintetiche. Il farmaco ha un ampio spettro di azione. Il farmaco "Ampicillin", da cui si manifestano le proprietà battericide, sopprime la riproduzione della microflora patogena.

Lo strumento affronta efficacemente i microrganismi anaerobi gram-positivi e negativi, i ceppi virali: streptococchi, stafilococchi, shigella, bordetella, salmonella e altri microbi.

Da quali compresse aiutano "Ampicillin"?

Le indicazioni per l'uso includono le seguenti patologie provocate da infezioni miste:

  • gola infiammata;
  • polmonite;
  • infezioni del tratto urinario;
  • colecistite;
  • broncopolmonite;
  • gonorrea;
  • infezioni dei tessuti molli dopo l'intervento chirurgico;
  • sepsi;
  • ascessi polmonari;
  • infezioni intestinali;
  • peritonite.

Controindicazioni

Le istruzioni per l'uso del farmaco "Ampicillin" vietano l'assunzione di:

  1. colite causata da agenti antibatterici;
  2. leucemia linfocitica;
  3. ipersensibilità alle penicilline, che includono l'ampicillina triidrato, da cui possono verificarsi reazioni allergiche;
  4. disfunzione epatica (iniezioni);
  5. mononucleosi infettiva;
  6. neonati fino a 1 mese.

Medicina "Ampicillin": istruzioni per l'uso

Come prendere le pillole

L '"ampicillina" in capsule e in compresse viene assunta per via orale in una quantità di 0,25 - 0,5 g, che è il dosaggio per i pazienti adulti. Il rimedio viene bevuto 4 volte al giorno prima dei pasti. Le infezioni del tratto urinario vengono trattate con 0,5 g 4 volte al giorno. Il dosaggio massimo non deve superare i 4 g al giorno. Con l'uretrite gonococcica, viene prescritta una singola dose di 3,5 g del farmaco. Ai bambini viene somministrata la medicina in forma di sospensione.

Istruzioni per l'uso di iniezioni "Ampicillin"

La soluzione è destinata all'iniezione nel tessuto muscolare o in una vena. Nel primo caso, la polvere viene diluita in 2 ml di soluzione di novocaina. Puoi anche usare "Lidocaina" o acqua per iniezione. Per la preparazione di farmaci per via endovenosa "Ampicillina" viene diluita in 10 ml di soluzione di glucosio o composizione isotonica.

Se è necessario utilizzare dosi elevate superiori a 2 g, mettere un contagocce. In questo caso, l'antibiotico viene diluito con una soluzione isotonica in un volume di 250 ml. La velocità di iniezione non deve superare 60 gocce / min..

Con una gravità media delle malattie infettive, vengono somministrate iniezioni nel gluteo. Un singolo dosaggio per adulti e bambini di peso superiore a 20 kg è di 0,25 - 0,5 g. Nelle malattie gravi, vengono prescritti 1-2 g di farmaco. In entrambi i casi, le iniezioni vengono somministrate 4 volte al giorno. Per la meningite, il medicinale viene somministrato 6-8 volte. La dose giornaliera raggiunge 14 g Per i bambini fino a 20 kg, il volume giornaliero del farmaco raggiunge i 12,5 - 25 mg.

Sospensione "Ampicillin" per bambini

L'uso dell'agente è indicato per i bambini di età superiore a 1 mese. Lo sciroppo viene preparato aggiungendo acqua bollita calda alla bottiglia fino alla divisione specificata. Agitare accuratamente il contenitore. Il medicinale risultante può essere conservato in un luogo buio per non più di 2 settimane..

Prestare attenzione nel determinare il dosaggio. Vengono realizzate sospensioni di due tipi: con l'inclusione di un elemento attivo in un volume di 250 o 125 mg. Nel primo caso, un misurino pieno conterrà 250 mg di ampicillina triidrato, il suo volume è di 5 ml. Quando si prescrivono 125 mg, la sospensione deve essere versata in un cucchiaio fino al segno inferiore.

Con moderata gravità delle patologie infettive, ai bambini viene somministrata "Ampicillina" in un volume giornaliero:

  • fino a 12 mesi - 100 mg per kg di peso corporeo;
  • 1-4 anni - 100-150 mg / kg;
  • oltre 4 anni - 1-2 g.

Il medicinale deve essere somministrato ai bambini 4-6 volte.

Effetti collaterali

Il farmaco "Ampicillina", le istruzioni e le recensioni dei pazienti indicano questo, possono causare i seguenti effetti collaterali:

  • orticaria;
  • congiuntivite;
  • artralgia;
  • diarrea;
  • eruzione cutanea;
  • rinite;
  • stomatite;
  • nausea;
  • shock anafilattico;
  • febbre;
  • disbiosi;
  • vomito;
  • edema angioneurotico;
  • convulsioni;
  • dermatite esfoliativa;
  • gastrite;
  • tremore;
  • dolore addominale;
  • mal di testa.

Analoghi

L '"ampicillina" può essere sostituita dai seguenti farmaci contenenti un principio attivo identico:

Prezzo dove acquistare

A Minsk le compresse "Ampicillin" possono essere acquistate per 0,63-2 BYN. rublo. Il prezzo della polvere per preparazioni iniettabili a Mosca è di 21 - 390 rubli. In Ucraina, la polvere costa 5-7, compresse - 31 grivna. In Kazakistan, la medicina viene venduta per 225 anni.

Recensioni di pazienti e medici

Perché "Ampicillin" in compresse è popolare tra i pazienti? Il medicinale è ampiamente usato per il trattamento di malattie infettive, mentre i pazienti ne notano l'efficacia e il prezzo basso. Allo stesso tempo, l'agente, rispetto ad altri antibiotici, ha un effetto minimo sul fegato..

L'aspetto negativo è la bassa biodisponibilità del farmaco. Le iniezioni mostrano un risultato migliore nel trattamento delle infezioni rispetto alle forme per uso interno. Le compresse e lo sciroppo sono inferiori nella loro efficacia al farmaco "Amoxicillina", che è ben assorbito e praticamente non sopprime la microflora.

I pazienti che hanno ricevuto un'iniezione intramuscolare durante il trattamento della sinusite o della tonsillite lasciano recensioni positive. Nei casi più gravi, il farmaco può essere combinato con i farmaci "Ouanazine", "Sultasin", "Ampisulbin".