I bambini hanno bisogno di antibiotici per il raffreddore: comprendiamo le regole della prescrizione e dell'uso

Un raffreddore è una malattia che un bambino incontra in media da 2 volte all'anno. Di norma, in autunno o in primavera. E i genitori in questo caso devono affrontare una scelta: dare al bambino antibiotici o avere a che fare con altri mezzi? Per rispondere alla domanda, è necessario chiarire cos'è un raffreddore..

Quando nominato

In genere, la definizione di "freddo" include:

  • naso che cola facilmente,
  • tosse,
  • starnuti,
  • ARI,
  • ARVI,
  • influenza e persino herpes.

Un raffreddore è una moltiplicazione accelerata di microrganismi dannosi, provocata da ipotermia o infezione (virale o batterica).

In presenza dei motivi elencati, i patogeni si accumulano nel bambino, di norma, nell'area del naso e della bocca. In un ambiente di supporto, diventano attivi, causando tosse e naso che cola..

Pertanto, la malattia è provocata da batteri e virus. Ed è per le infezioni batteriche o fungine che i medici possono prescrivere antibiotici. Se il raffreddore è di natura virale, il trattamento con questi farmaci non porterà benefici.

In alcune situazioni difficili, l'uso di antibiotici è necessario perché:

  • altri disturbi di natura batterica possono "nascondersi" dietro i sintomi di un raffreddore;
  • un batterio può anche unirsi a un'infezione virale;
  • il corpo del bambino può essere indebolito a causa di frequenti malattie.

Di solito è un medico specialista che decide il trattamento farmacologico. Il corso standard di assunzione di antibiotici dura 5-14 giorni.

Elenco e nomi dei farmaci

Per il raffreddore, gli antibiotici possono essere prescritti:

  1. Gruppo di aminopenicillina Questo gruppo di farmaci ad ampio spettro, rappresentato dai seguenti farmaci: Amoxicillina, Ampicillina, Augmentina, Flemoxin Solutab.
  2. Gruppo macrolidi. Questo è forse il gruppo di medicinali più sicuro per i bambini. Include eritromicina, azitromicina, macropen, Sumamed.
  3. Cefalosporine. Fondamentalmente, hanno anche un ampio spettro di azione. La medicina più adatta per i bambini di questo gruppo è Zinnat.
  4. Gruppo tetraciclina. Hanno una vasta gamma di azioni. Da farmaci, Metacyclin, Oxytetracycline, Tetracycline, Doxiciclina sono isolati. I farmaci in questo gruppo sono altamente tossici..
  5. I fluorochinoloni sono i farmaci più potenti. Sono prescritti quando altri farmaci non funzionano. Ai bambini possono essere prescritti Levofloxacin o Moxifloxacin.

Funzioni di ricezione

I bambini stanno cercando di somministrare antibiotici per il raffreddore in modo che non causino complicazioni. Molto spesso, ricorrono alla forma di sospensioni o sciroppi, a volte iniezioni intramuscolari.

Si rivolgono alle compresse se il farmaco non è disponibile in altre forme. Gli antibiotici prescritti in base ai risultati della ricerca batteriologica (coltura batteriologica) sono più efficaci. Hanno "colpito" intenzionalmente l'agente patogeno.

Tuttavia, un ampio spettro di farmaci può essere prescritto al bambino prima dei test di laboratorio. Quindi, per l'infezione batterica del tratto respiratorio superiore, vengono utilizzate le cefalosporine. In caso di complicanze - Azitromicina, Augmentin.

Gruppo antibioticoEtà del bambino
Gruppo di aminopenicillina (tipo più leggero)Dal primo giorno di vita (farmaci con acido clavulanico - da 2 anni)
Gruppo macrolidiDa 2-6 mesi (a seconda del farmaco specifico)
cefalosporine6 mesi a 7 anni e più
Gruppo tetraciclinaDagli 8 anni
I fluorochinoloniDai 18 anni

Conseguenze dell'ammissione

Gli antibiotici sono progettati per aiutare una persona a combattere la microflora patogena. E molto spesso riescono a curare le malattie, anche nei bambini, evitando complicazioni. In altre parole, questi farmaci sono altamente efficaci..

Ma oltre ai vantaggi, hanno anche una serie di svantaggi:

  1. Addictive. Con un uso frequente, gli antibiotici possono perdere la loro efficacia quando il corpo e la microflora smettono di rispondere a loro. Di conseguenza, il bambino si ammalerà più spesso e dovrà essere trattato con farmaci sempre più potenti..
  2. Indigestione. Distruggendo i batteri nocivi, un antibiotico ad ampio spettro "pulisce" contemporaneamente il corpo dai batteri benefici, poiché non gli importa quale microflora sopprimere. Per eliminare questo problema, il medico può anche prescrivere probiotici, la cui funzione principale è quella di ripristinare la microflora intestinale.
    Nel 2010 un comitato di esperti dell'OMS ha dichiarato che la diarrea associata agli antibiotici rappresenta fino al 30% delle reazioni avverse. Gli agenti antibatterici secondo il consenso europeo sulla rinosinusite e poliposi nasale sono indicati solo per il trattamento della rinosinusite acuta grave.

Video utile

Clinica "Moscow Doctor" su antibiotici per il raffreddore:

Antibiotici per raffreddori

Informazione Generale

Oggi, la verità che gli antibiotici sono inefficaci per raffreddori, influenza e SARS è ben nota. Ma, nonostante il fatto che questo sia ben noto agli specialisti, i pazienti spesso assumono agenti antibatterici per un'infezione virale semplicemente "per prevenzione". Dopotutto, quando in caso di raffreddore, si consiglia ai pazienti di seguire quelle regole ben note che sono rilevanti nel trattamento di tali malattie, a molti sembra che bere molti liquidi, consumare cibo con vitamine, aderire al riposo a letto, i gargarismi non siano sufficienti per curare la malattia. Pertanto, molti iniziano a prendere da soli antibiotici forti o praticamente "supplicano" uno specialista di prescrivere farmaci per loro..

Molti escogitano l'idea di chiedere ai forum quale farmaco è meglio bere per il raffreddore. E sono trattati secondo i consigli, senza prescrizioni e appuntamenti. Inoltre, al momento non è difficile acquistare un farmaco del genere senza prescrizione medica, sebbene la maggior parte dei farmaci antibatterici debba essere venduta su prescrizione medica..

Molto spesso, tali errori vengono commessi da genitori che semplicemente non sanno quando somministrare al loro bambino un antibiotico. Molti pediatri preferiscono "giocare sul sicuro" e prescrivere tali medicinali ai bambini con raffreddore semplicemente "a scopo di prevenzione" al fine di prevenire complicazioni in futuro.

Ma in effetti, il modo migliore per curare un raffreddore in un bambino è seguire gli stessi consigli tradizionali sul bere molti liquidi, idratare e ventilare la stanza, usando metodi popolari alternativi e l'uso sintomatico dei rimedi per la febbre. Dopo un po ', il corpo supererà l'attacco di un'infezione respiratoria virale.

In realtà, la nomina di antibiotici per il raffreddore è associata proprio al desiderio di prevenire lo sviluppo di complicanze. In effetti, i bambini in età prescolare nel mondo moderno hanno davvero un alto rischio di complicazioni..

Non il sistema immunitario di tutti i bambini funziona senza problemi. Pertanto, molti pediatri, cercando di essere al sicuro dal fatto che in seguito non sono accusati di incompetenza, prescrivono tali medicinali ai bambini.

È importante capire che bere antibiotici per il raffreddore è nella maggior parte dei casi inutile, poiché il più delle volte raffreddori con la febbre e senza avere un'origine virale. Ciò significa che è inutile assumere farmaci antibatterici in caso di raffreddore..

È meglio bere antibiotici se, dopo un attacco virale, si sviluppano alcune complicanze, si è verificata un'infezione batterica localizzata nella cavità nasale o orale, bronchi, polmoni.

Cosa bere con un raffreddore senza febbre, se è possibile bere antibiotici a temperatura e in quali casi vale la pena assumere agenti antibatterici, parleremo di seguito.

È possibile determinare dai test che sono necessari antibiotici?

Attualmente, non vengono eseguiti test di laboratorio in tutti i casi, il che può confermare che l'infezione è di natura batterica. Le colture di urina e espettorato sono costose e poco frequenti. Un'eccezione sono i tamponi dal naso e dalla gola con angina sul bastoncino di Lefler (questo è l'agente causale della difterite). Inoltre, in caso di tonsillite cronica, vengono eseguite colture selettive di scarico di tonsille, vengono eseguite colture di urina in pazienti con patologie del tratto urinario.

I cambiamenti negli indicatori di un esame del sangue clinico sono segni indiretti dello sviluppo di un processo infiammatorio batterico. In particolare, il medico è guidato da un aumento della VES, un aumento del numero di leucociti, uno spostamento a sinistra della formula dei leucociti.

Come sapere se si stanno sviluppando complicazioni?

Per capire quale è meglio somministrare un farmaco a un bambino o un adulto, è importante determinare se si sviluppano complicanze. Puoi sospettare in modo indipendente che le seguenti complicanze batteriche si stiano sviluppando:

  • Il colore dello scarico da bronchi, naso, faringe, orecchio cambia: diventa nuvoloso, diventa verdastro o giallastro.
  • Se si unisce un'infezione batterica, la temperatura spesso aumenta di nuovo.
  • Se un'infezione batterica colpisce il sistema urinario, l'urina diventa torbida e può apparire un sedimento.
  • Il danno intestinale porta a muco, sangue o pus nelle feci.

È possibile determinare le complicanze di ARVI con i seguenti segni:

  • Dopo un miglioramento di circa 5-6 giorni, la temperatura sale di nuovo a 38 gradi e oltre; lo stato di salute peggiora, le preoccupazioni per la tosse, la mancanza di respiro; quando si tossisce o si fa un respiro profondo, fa male al petto - tutti questi segni possono indicare lo sviluppo di polmonite.
  • In caso di temperatura, il mal di gola diventa più intenso, la placca appare sulle tonsille, i linfonodi nel collo aumentano - questi segni richiedono l'esclusione della difterite.
  • Quando si verifica dolore all'orecchio, se scorre dall'orecchio, si può presumere che l'otite media si stia sviluppando.
  • Se, con la rinite, la voce diventa nasale, l'olfatto è scomparso, fa male alla fronte o al viso e il dolore si intensifica quando una persona si sporge in avanti, significa che si sviluppa un processo infiammatorio dei seni paranasali.

In una situazione del genere, è necessario selezionare con competenza gli antibiotici per il raffreddore. Quale antibiotico è meglio per un adulto per il raffreddore o quali antibiotici per i bambini con un raffreddore sono consigliabili da usare, solo un medico decide. Dopotutto, la scelta di tali farmaci dipende da molti fattori..

  • l'età della persona;
  • localizzazione di complicanze;
  • la storia del paziente;
  • tolleranza ai farmaci;
  • resistenza agli antibiotici.

I nomi degli antibiotici per bambini per il raffreddore, i nomi dei colpi e i nomi degli antibiotici per il raffreddore e l'influenza per gli adulti possono essere trovati su qualsiasi sito medico su Internet e l'elenco è molto ampio. Ma questo non significa che i buoni antibiotici per il raffreddore possano essere bevuti semplicemente "per prevenzione" se ci sono segni di complicanze. Anche un agente antibatterico, in cui ci sono 3 compresse per confezione, può peggiorare le condizioni del paziente, influenzando negativamente il suo sistema immunitario.

Pertanto, per essere guidato dal consiglio degli amici sul fatto che questo o quel farmaco è buono, economico e in nessun caso dovresti bere antibiotici ad ampio spettro. Quali antibiotici prendere per il raffreddore dovrebbero essere determinati esclusivamente dal medico curante..

Quando non è necessario assumere antibiotici per ARVI senza complicazioni?

Per raffreddori, malattie ORL o ARVI, che passano senza complicazioni, in questi casi non è necessario assumere antibiotici:

  • se la rinite con muco e pus dura meno di 10-14 giorni;
  • quando si sviluppa congiuntivite virale;
  • in caso di tonsillite virale;
  • con rinofaringite;
  • nel caso dello sviluppo di bronchite, la tracheite, tuttavia, a volte in una condizione acuta con una temperatura elevata, sono ancora necessari agenti antibatterici;
  • nel caso della laringite in un bambino;
  • quando l'herpes appare sulle labbra.

Quando bere antibiotici per ARVI senza complicazioni?

Gli antibiotici per ARVI senza complicazioni sono prescritti in tali situazioni:

  • Se vengono determinati segni di deterioramento dell'immunità: la temperatura sale costantemente ai livelli subfebrilici, i raffreddori e le malattie virali del bambino vengono superati più spesso di cinque volte l'anno, sono preoccupati per le malattie infiammatorie e fungine in forma cronica, l'HIV in una persona, le patologie congenite dell'immunità o le malattie oncologiche.
  • Quando si sviluppano malattie del sangue - anemia aplastica, agranulocitosi.
  • Bambini fino a 6 mesi - con rachitismo, sottopeso, malformazioni.

In questo caso, un medico prescrive antibiotici per ARVI negli adulti e in particolare antibiotici per ARVI nei bambini. In tali pazienti con infezioni respiratorie acute, il medico deve monitorare lo stato del corpo..

Quando vengono prescritti antibiotici?

Le indicazioni per l'uso di tali farmaci sono:

  • Mal di gola batterico: è importante escludere immediatamente la difterite, per la quale i tamponi vengono prelevati dal naso e dalla gola. Con questa malattia vengono utilizzati macrolidi o penicilline..
  • Laringotracheite, bronchiectasie, esacerbazione di bronchite cronica o bronchite acuta: utilizzare macrolidi (Macropen). A volte i raggi X sono necessari per escludere la polmonite.
  • Linfoadenite purulenta: vengono utilizzati antibiotici di ampio spettro d'azione di ultima generazione, a volte è necessaria la consultazione di un chirurgo o di un ematologo.
  • Otite media in forma acuta: un otorinolaringoiatra esegue un'otoscopia, dopo di che prescrive cefalosporine o macrolidi.
  • Polmonite - dopo che la condizione è stata confermata dai raggi X, vengono prescritte penicilline semisintetiche.
  • Sinusite, sinusite, etmoidite: vengono prese le radiografie e vengono valutati i segni clinici per stabilire una diagnosi.

Se si sviluppano complicanze sullo sfondo di un'infezione virale, tenendo conto dell'età, della gravità della malattia, della storia, il medico determina quali antibiotici bere. Questi possono essere tali medicinali:

  • Serie di penicilline: se il paziente non ha reazioni allergiche alle penicilline, vengono prescritte penicilline semisintetiche. Questi sono i mezzi Amoxicillina, Flemoxin solutab. Se un paziente sviluppa una grave infezione resistente, i medici preferiscono prescrivere le cosiddette "penicilline protette" (amoxicillina + acido clavulanico): Augmentin, Amoxiclav, Ekoklav. Questi sono i farmaci di prima linea per l'angina..
  • I macrolidi - di norma, vengono utilizzati per il micoplasma, la polmonite da clamidia, nonché per le malattie infettive degli organi ENT. Questi sono i mezzi Azitromicina (Emomicina, Azitrox, Zetamax, Sumamed, Zitrolide, ecc.). Macropen è il farmaco di scelta per il trattamento della bronchite.
  • La serie cefalosporina è il mezzo di Cefixim (Pantsef, Supraksi, ecc.), Cefuroxime axetil (Zinnat, Super, Aksetin), ecc..
  • Fluorochinoloni: questi farmaci sono prescritti se il paziente non può tollerare altri antibiotici o se i batteri sono resistenti ai farmaci penicillinici. Questi sono i fondi Moxifloxacin (Plevilox, Avelox, Moximak), Levofloxacin (Floracid, Tavanik, Glevo, ecc.).

I fluorochinoloni non devono essere usati per trattare i bambini. Questi farmaci sono considerati "riservati" perché potrebbero essere necessari in età adulta per trattare infezioni resistenti ad altri farmaci..

È molto importante che il medico prescriva antibiotici e decida cosa è meglio per un raffreddore. Lo specialista deve agire in modo tale da fornire l'assistenza più efficace al paziente. Allo stesso tempo, lo scopo dovrebbe essere tale da non danneggiare una persona in futuro..

Gli scienziati stanno già identificando un problema molto serio associato agli antibiotici. Il fatto è che le aziende farmaceutiche non tengono conto del fatto che la resistenza dei patogeni agli agenti antibatterici è in costante crescita e presentano agli utenti nuovi farmaci che potrebbero rimanere in riserva per un certo tempo..

conclusioni

Quindi, è importante capire che gli antibiotici hanno dimostrato di essere presi per l'infezione batterica, mentre l'origine del raffreddore nella maggior parte dei casi (fino al 90%) è virale. Pertanto, l'uso di antibiotici in questo caso non è solo inutile, ma anche dannoso..

La questione se sia possibile assumere contemporaneamente antibiotici e antivirali è inappropriata in questo caso, poiché una tale combinazione aggrava il carico complessivo sul corpo.

Va tenuto presente che gli antibiotici hanno un pronunciato effetto negativo. Inibiscono le funzioni dei reni e del fegato, compromettono l'immunità, provocano manifestazioni allergiche e disbiosi. Pertanto, la questione se sia necessario e possibile bere tali medicinali dovrebbe essere trattata in modo molto sobrio..

Gli agenti antibatterici non devono essere usati per la profilassi. Alcuni genitori danno ai loro figli antibiotici per il raffreddore comune al fine di prevenire le complicanze. Ma antibiotici per la rinite negli adulti e nei bambini: questo approccio è completamente sbagliato, come con altre manifestazioni del raffreddore comune. È importante contattare uno specialista in tempo, che può identificare tempestivamente le complicanze della malattia e solo allora prescrivere tali farmaci. Con il naso che cola per i bambini, inizialmente devi prendere quelle misure che non sono associate all'assunzione di droghe sintetiche.

Puoi capire se gli antibiotici funzionano osservando un calo di temperatura. L'efficacia della terapia antibiotica è dimostrata dal fatto che la temperatura scende a 37-38 gradi e le condizioni generali migliorano. Se tale sollievo non si verifica, l'antibiotico deve essere sostituito con un altro..

L'effetto del farmaco deve essere valutato entro tre giorni. Solo dopo questo, il medicinale, in assenza di azione, viene sostituito.

Con l'uso frequente e incontrollato di agenti antibatterici, si sviluppa resistenza ad essi. Di conseguenza, ogni volta che una persona avrà bisogno di medicine più forti o l'uso di due diversi mezzi contemporaneamente..

Non puoi assumere antibiotici per l'influenza, come fanno molti. Le medicine contro l'influenza, che è una malattia virale, sono prescritte dal medico in base alle condizioni del paziente. La domanda su quali antibiotici bere con l'influenza sorge solo in caso di un grave deterioramento delle condizioni del paziente.

Istruzione: Diplomato presso il Rivne State Basic Medical College con una laurea in Farmacia. Laureato presso la Vinnitsa State Medical University dal nome I. M.I. Pirogov e stage alla sua base.

Esperienza lavorativa: dal 2003 al 2013 - ha lavorato come farmacista e capo di un chiosco farmacia. Ha ricevuto riconoscimenti e riconoscimenti per molti anni e lavoro coscienzioso. Articoli su argomenti medici sono stati pubblicati su pubblicazioni locali (giornali) e su vari portali Internet.

ARI nei bambini

Ogni madre ha riscontrato una diagnosi di infezioni respiratorie acute in un bambino, perché prima dell'età di 11 anni, questa malattia può manifestarsi 8-9 volte l'anno. In precedenza, gli antibiotici venivano prescritti per combattere le malattie virali, che sopprimono sia i batteri nocivi che la microflora benefica sulle mucose..

Ora puoi far fronte al rinovirus anche senza assumere farmaci. ARI nei bambini: sintomi e trattamento, scopri di più su questa malattia.

Cos'è l'ARI?

L'ARI è un gruppo di malattie infettive, la cui infezione si verifica attraverso l'atmosfera e per via orale. Tutte le possibili infezioni del tratto respiratorio sono attribuite a infezioni respiratorie acute (virali, microbiche, causate da parassiti).

I sintomi indicano immediatamente un danno ai tessuti delicati delle vie aeree. Innanzitutto, la cavità nasale è infetta, i microrganismi dannosi si accumulano e si moltiplicano sull'epitelio del naso. La complicanza dell'infezione da rinovirus colpisce molti sistemi di organi e porta a processi infiammatori nel corpo.

Sintomi dell'ARI

I sintomi delle infezioni respiratorie acute nei bambini dipendono direttamente dall'età. Più vecchio è il bambino, più difficile è tollerata la malattia..

Il tipo più grave di infezione è quello che il bambino ha ricevuto dalla madre da goccioline trasportate dall'aria.

I principali sintomi di infezioni respiratorie acute:

  1. Mal di gola, tosse grave.
  2. Debolezza, emicrania, rigidità muscolare, febbre.
  3. Eruzione cutanea sotto forma di esantema.
  4. Intossicazione, rinite grave.

I sintomi principali compaiono a seconda dell'agente causale delle infezioni respiratorie acute. Brividi, una temperatura che raggiunge i 39-40 gradi - un chiaro segno che la malattia è stata causata da un virus influenzale.

Se un bambino ha laringite, infiammazione, congiuntivite e linfonodi ingrossati, il corpo è affetto dal virus della parainfluenza.

La complicazione di una malattia infettiva colpisce il sistema cardiovascolare, provoca shock tossici, edema cerebrale e vie respiratorie. Molto spesso, con il rinovirus, si verifica la polmonite..

L'ARI può essere a lungo nel corpo del bambino. I sintomi non compaiono sempre immediatamente. Tuttavia, avendo notato i seguenti cambiamenti nel comportamento del bambino, si può presumere che si sia verificata un'infezione:

  • Scarso appetito o rifiuto totale di mangiare.
  • Sonno irrequieto e intermittente.
  • Pallore della pelle, lividi sotto gli occhi, intorno alla bocca e nell'area delle ali del naso.
  • Raucedine nella voce.
  • Frequente naso che cola e tosse.

Nota: dopo aver notato alcuni di questi sintomi, è necessario monitorare la temperatura del bambino, un aumento a 38-39 gradi è un chiaro segno di infezioni respiratorie acute.

Spesso i concetti di "ARVI" e "ARI" sono confusi, ma è importante essere in grado di distinguere tra gruppi di infezioni del tratto respiratorio, perché il corso del trattamento dipende dal loro tipo.

La malattia respiratoria acuta, o semplicemente ARI, è il concetto più generalizzato che include assolutamente tutte le malattie rinovirali, incluso il raffreddore comune.

Il medico parla del verificarsi di infezioni respiratorie acute il più delle volte quando le cause dell'infezione sono sconosciute e i sintomi sono pronunciati. Per approfondire il concetto e fare una conclusione più specifica, è necessario passare una serie di analisi complesse e costose. Per questo motivo, molti esperti si limitano alla definizione di "ARI".

L'infezione virale respiratoria acuta (ARVI) è una diagnosi specifica che appartiene a un tipo di ARI. Un medico esperto può facilmente identificare la causa dell'infezione in base ai risultati del test e ai sintomi generali. La SARS si diffonde rapidamente per goccioline trasportate dall'aria, motivo per cui spesso diventa la causa dello sviluppo di un'epidemia.

In inverno, il maggior numero di bambini è sensibile all'ARVI, perché l'immunità e le vitamine sono esaurite e le infezioni respiratorie acute si diffondono in autunno. In estate, le persone non sono praticamente esposte a infezioni respiratorie acute e ai suoi tipi.

Il virus si manifesta in diversi modi a seconda dell'origine. Se la causa della malattia è un'infezione da rinovirus, un naso che cola e una tosse grave saranno accompagnati da febbre alta..

Se il corpo è infetto dal virus dell'influenza, c'è un brusco salto di temperatura fino a 39-41 gradi, che non si placa per diversi giorni. È molto difficile abbattere le prime cadute di temperatura durante l'influenza. Gonfiore del viso e degli arti, sono anche possibili eruzioni cutanee.

Il corpo del bambino, in cui vaga l'adenovirus, soffre molto. Oltre a una grave tosse secca, si verifica la diarrea. Le tonsille e la cavità orale sono coperte da una fioritura con un odore sgradevole, la congiuntivite progredisce.

La manifestazione di infezioni respiratorie acute enterovirali è diversa dal resto. Questa infezione inizia con un dolore lancinante all'addome e ulcere infiammate al palato e alla lingua..

Il principale ostacolo alla comparsa di infezioni respiratorie acute nei bambini è la forte immunità. Ma non appena si indebolisce, i virus si diffondono in tutto il corpo, si moltiplicano e avvelenano gli organi con tossine dannose..

Fattori che influenzano l'indebolimento del sistema immunitario:

  • Una piccola quantità di vitamine e minerali nel corpo.
  • Ipotermia corporea.
  • Problemi ambientali della regione di residenza.
  • Tensione nervosa.
  • La presenza di virus o malattie croniche nel corpo.

Cause secondarie di malattia respiratoria:

  1. Predisposizione alle allergie.
  2. Aria domestica inadatta (troppo secca o umida).
  3. Igiene personale.

Varietà di infezioni respiratorie acute nei bambini

La classificazione dei tipi di infezioni respiratorie acute si verifica in base ai tipi di danno:

Infezioni del tratto respiratorio superiore.

  • La rinite è una lesione delle mucose del naso. (Caratterizzato da grave congestione nasale e starnuti.)
  • La sinusite è un'infiammazione dei seni nasali. (Il sintomo principale è mal di testa. Disagio quando si preme sul ponte del naso e sulle ali del naso, anche il gonfiore del viso è caratteristico.)
  • Tonsillite: danno alle tonsille.

Nota: la tonsillite acuta è generalmente chiamata angina..

  • Faringite è un'infiammazione della mucosa faringea. (Si manifesta con arrossamento della mucosa, tosse e naso che cola.)

Infezioni del tratto respiratorio inferiore.

  • Tracheite - infiammazione della trachea.
  • La bronchite colpisce i bronchi. (Caratterizzato da tosse umida e mal di gola grave.)
  • La laringite provoca infiammazione della laringe. (È causato da mal di gola, raucedine o completa perdita della voce.)
  • La parainfluenza praticamente non differisce nei sintomi dall'ARVI. Il paramykovirus si manifesta nei bambini in diversi periodi. Immediatamente dopo che il virus è entrato nel corpo, inizia il periodo di incubazione. In questo momento, il bambino è più contagioso. Dopo una settimana, inizia il periodo prodromico, dovuto alla comparsa di focolai di infezione. 3-4 settimane dopo, il virus lascia completamente il corpo, il bambino recupera.

Il virus della parainfluenza più comune nei gruppi di bambini (scuole materne e scuole). In media, fino a 10 anni, tutti soffrono questa malattia almeno una volta..

  • L'infezione da adenovirus è una malattia acuta causata da un adenovirus. Questa patologia è diffusa nella nostra regione, rappresenta il 15% dei virus nei bambini di età inferiore ai 9 anni..

Manifestazione di infezione da adenovirus nei bambini:

  • Intossicazione (scarso appetito, diarrea, coliche).
  • Scarico nasale purulento, sviluppo di faringite e tonsillite.
  • Gonfiore delle tonsille, placca in bocca, tosse e dolore alla gola.
  • Espettorato con conseguente bronchite.
  • Prurito, bruciore e lacrimazione negli occhi.
  • Possibile sangue nelle urine, dolore durante la minzione e gastroenterite generale.

Nei neonati, questa infezione si verifica raramente perché sviluppato immunità passiva.

In base alla gravità del decorso, l'infezione da adenovirus è suddivisa in: forma lieve (con una temperatura fino a 38 gradi), moderata (a una temperatura non superiore a 40) e una forma grave con complicanze (infiammazione dei polmoni, bronchi).

  • Il virus respiratorio sinciziale provoca danni al tratto respiratorio inferiore. Colpisce bambini di età inferiore a 5 anni e maggiore di 12 anni.

Nei neonati e nei bambini di età inferiore a 2 anni, la principale manifestazione della malattia è la bronchiolite (infiammazione dei bronchi). Appare una tosse acuta, il processo di respirazione diventa più difficile e si formano forme di espettorato denso. Tutti i sintomi della SM sono suddivisi in due sindromi da infezione virale:

Tossico (brividi, congestione nasale, febbre, emicrania).

Dannoso (ha un grave effetto sul sistema respiratorio: tosse, nausea e vomito, in casi estremi - attacchi di soffocamento o completa cessazione della respirazione).

Trattamento delle infezioni respiratorie acute nei bambini

Le malattie respiratorie acute si verificano non solo negli adulti, nei bambini di mezza età, ma anche nei neonati. Ecco perché la conoscenza del trattamento di questa infezione acuta è essenziale per ogni madre. Molto spesso, se la malattia viene rilevata nelle prime fasi, il trattamento consisterà solo in buone cure e riposo a letto. È particolarmente importante iniziare a trattare i bambini il prima possibile. il virus si diffonde attraverso il corpo del neonato molto rapidamente.

L'obiettivo principale dei genitori durante la lotta contro le infezioni respiratorie acute è quello di rafforzare il sistema immunitario del bambino. Ma, a causa dell'inesperienza, le giovani madri spesso commettono errori, che in seguito possono solo peggiorare la situazione..

Raccomandazioni generali per il trattamento delle infezioni respiratorie acute nei bambini

Quali sono le principali raccomandazioni per il trattamento? L'elenco delle misure necessarie per creare condizioni favorevoli alla lotta del corpo contro le infezioni dannose:

  1. Creare un'atmosfera salutare. Batteri e virus vengono uccisi in un'area fresca e ventilata. Una regolare pulizia a umido e basse temperature aiutano a pulire i polmoni del bambino da muco e polvere.
  2. Bere in grandi quantità accelererà l'eliminazione di sostanze nocive dal corpo. Si consiglia di bere acqua naturale a temperatura ambiente.
  3. Sciacquare il naso con una soluzione di sale marino, soluzione salina pronta o medicinali con acqua di mare. Questo è un metodo per combattere i microrganismi sulla mucosa nasale.
  4. Alimenti leggeri ma nutrienti (cereali, brodi, puree vegetali) per ripristinare il metabolismo.
  5. Sonno diurno regolare per un recupero più rapido.

Il trattamento con ODS è impossibile senza farmaci. Esiste una vasta gamma di farmaci, ognuno dei quali ha un effetto specifico sulla patologia. Il primo giorno di esacerbazione, devono essere assunti agenti antivirali. Per il mal di testa e la febbre sono prescritti antipiretici e antidolorifici. Gli antibiotici per le infezioni respiratorie acute sono prescritti sempre meno, perché distruggono tutti i batteri nel corpo, compresi quelli benefici. Affrontare l'infezione ora, nel 2020, è possibile senza di loro.

Farmaci antivirali.

Contribuiscono alla rapida eliminazione del virus dal corpo. Dovresti prenderli con cura, perché sorge la dipendenza. Scegli e calcola il dosaggio in base all'età del bambino.

Gli agenti antivirali sono suddivisi in: farmaci di uso diffuso (Viferon, Anaferon, Kagocel, Grippferon) e specificamente contro il virus dell'influenza (Rimantadin, Tamiflu, Orvirem).

Gocce fredde

Dall'inizio dello sviluppo di ODS, quando la secrezione nasale è liquida e trasparente, utilizzare mezzi per vasocostrizione (Nazivin, Tizin, Vibrocil).

Nota: diluire i vasocostrittori per bambini di età inferiore a 4 anni con acqua per ridurre la concentrazione. Evitare il sovradosaggio, instillare non più di 2 volte al giorno.

Quando le secrezioni nasali si addensano e diventano gialle, devono essere usati farmaci antibatterici (Protargol, Pinosol). Queste sono medicine naturali che uccidono rapidamente i batteri dalla cavità nasale..

Soppressori della tosse

Una tosse è la risposta del corpo ai batteri, che aiuta a rimuovere meccanicamente i virus. È necessario cercare di eliminare la tosse nelle malattie infettive. Gli espettoranti devono essere assunti solo quando l'infezione si sviluppa in bronchite o dopo aver consultato un medico. Puoi alleviare le sensazioni dolorose alla gola ed eliminare una tosse soffocante con l'aiuto di lecca-lecca (Doctor Mom, Linkas) o spray (Ingalipt, Tantum Verde).

Nota: sotto i due anni, sono proibiti tutti i farmaci espettoranti..

Rimedi popolari

Il trattamento delle infezioni respiratorie acute nei bambini con metodi popolari dovrebbe essere una decisione deliberata. Prima di utilizzare questi metodi, consultare un pediatra e assicurarsi che il bambino non sia allergico agli alimenti proposti..

Metodi tradizionali di trattamento:

  • Mangiare lamponi. Questo è un prodotto sicuro che anche i medici consigliano di usare. Questa bacca contiene un complesso di vitamine, ha proprietà antivirali e antipiretiche. Offri al tuo bambino lamponi freschi o congelati, aggiungi lamponi interi al tè o fai una marmellata;
  • Latte e miele. Versa il miele nel latte bollito, mescola bene e dai al bambino prima di coricarsi. È un rimedio per combattere la febbre e la debolezza;
  • Succo di limone e miele. Mescola cinque cucchiai di succo di limone con 1 cucchiaio di brandy e miele. Dopo aver mescolato, lasciare in un luogo fresco per un giorno, quindi dare al bambino;
  • Cipolla e aglio Agenti antivirali indispensabili che accelerano il trattamento del raffreddore. Se il bambino rifiuta questi prodotti, macinali in una pappa e mescolali con il miele. Questo medicinale deve essere assunto una volta al giorno con acqua calda;
  • Decotti di erbe. I preparati farmaceutici a base di erbe che possono essere preparati e bevuti al posto del tè sono eccellenti nella lotta contro la tosse e il naso che cola, alleviano i sintomi dell'ARVI e aumentano l'immunità.

Temperatura per infezioni respiratorie acute nei bambini

Una temperatura elevata durante un'infezione virale è una normale reazione del corpo a uno stimolo esterno. Il fatto è che i batteri nocivi non tollerano le alte temperature e muoiono. Pertanto, abbattendo la temperatura del bambino quando non ha raggiunto i 38 gradi, rimandi solo il processo di guarigione.

Terapia Etiotropica

La terapia etiotropica è un tipo speciale di trattamento volto ad eliminare la causa della malattia. La distruzione di batteri dannosi è possibile quando si utilizzano i seguenti farmaci:

  1. Agenti antivirali. Distruggono le cellule del virus.
  2. Droga interferone. L'interferone è una proteina prodotta dall'organismo per autodifesa. Durante le infezioni respiratorie acute, la quantità di interferone diminuisce ed è necessario ottenerla dall'esterno. L'interferone umano è ottenuto dal sangue del donatore.
  3. Induttore del tuo interferone. L'interferone intrinseco viene prodotto in quantità maggiori se vengono assunti stimolanti. Consentono di produrre un gran numero di corpi protettivi. Ma quando si utilizza l'interferone umano, il rischio di effetti collaterali è molto più basso..

Terapia sintomatica

La terapia sintomatica è mirata ad alleviare il dolore, ma non a combattere il virus. I mezzi di questa terapia includono farmaci antipiretici, analgesici ed espettoranti..

Cosa non fare?

Ci sono alcuni passaggi che contribuiscono solo al deterioramento della salute del bambino. A causa dell'inesperienza, le madri possono commetterle e danneggiare il loro bambino:

  1. Non abbassare la temperatura sotto i 38 gradi.
  2. Non usare antipiretici per nessun motivo particolare. In realtà, questi farmaci mascherano solo i sintomi, impedendo al corpo di combattere la malattia..
  3. Non fare impacchi caldi a temperatura quando il bambino ha la febbre e brividi..
  4. Non dare al tuo bambino antibiotici senza prescrizione medica.
  5. Mettere vestiti troppo caldi sul paziente o avvolgerli in una coperta calda, tutto ciò porterà solo ad un aumento della temperatura corporea.
  6. Non forzare il bambino a nutrirsi forzatamente o sdraiarsi quando vuole muoversi un po '. Non puoi ignorare i desideri del corpo durante l'infezione.

Come puoi liberarti rapidamente delle infezioni respiratorie acute?

Per sconfiggere l'ARVI il più rapidamente possibile, è necessario iniziare il trattamento ai primi sintomi. Riposo a letto obbligatorio e assunzione di dosi shock di farmaci (dopo aver consultato un pediatra), bevendo molti liquidi e cibi leggeri. Se si prende il trattamento in tempo, le possibilità di curare il bambino in un paio di giorni sono molto alte..

La prevenzione delle infezioni respiratorie acute nei bambini è una misura necessaria per prevenire conseguenze disastrose. Ogni giorno, i bambini sono in contatto tra loro nella scuola materna, dove tutti sono portatori del virus.

A scopo preventivo, è necessario assumere un complesso di vitamine tutto l'anno, iniettare interferoni in uno dei modi sopra elencati, bere farmaci immunotropi (echinacea, olio dell'albero del tè). Con una predisposizione alle infezioni respiratorie, devono essere somministrati farmaci immunoglobulinici per via endovenosa.

Vaccinazione influenzale di routine - il modo principale per prevenire l'ARI.

Maggiori dettagli sulla prevenzione di ARVI e influenza nei bambini sono disponibili nel nostro articolo.

La maggior parte delle complicanze delle infezioni respiratorie acute e delle infezioni virali respiratorie acute sono associate all'infiammazione del sistema respiratorio, ma a volte colpiscono il cervello, il muscolo cardiaco.

Cause ARI: esacerbazione dell'asma bronchiale, otite media, adenoidite, stenosi acuta, scarlattina, reumatismi, patologia renale, esacerbazione di tutti i tipi di infezioni del tratto respiratorio. Queste malattie richiedono un trattamento serio in clinica, ma per evitare tali conseguenze, è sufficiente iniziare il trattamento in tempo.

È necessario un contatto immediato con un pediatra se:

  • L'ARI si è verificato in un bambino di età inferiore a 1 anno.
  • La temperatura non scende per più di 4 giorni.
  • Si verifica un'eruzione cutanea che colpisce tutto il corpo.
  • Dopo che la temperatura è scesa, le condizioni generali non sono migliorate.
  • C'è un rivestimento bianco sulle tonsille.

Caratteristiche del trattamento ARVI nei bambini piccoli

Quando un bambino molto giovane è infetto da ARVI, è necessario un approccio attento e attento al trattamento. La caratteristica principale della terapia è che l'assunzione di ciascun farmaco e l'uso di ciascun metodo devono essere discussi con il pediatra. Ai bambini non vengono mai prescritti farmaci per la tosse, specialmente espettoranti.

Anche lo sfregamento di bambini di età inferiore a un anno è controindicato.

Dalla medicina tradizionale, i bambini possono usare solo un decotto di camomilla a temperatura ambiente.

Nota: è importante osservare rigorosamente i dosaggi correlati all'età.

Se un bambino è infetto da infezioni respiratorie acute, il fondamento del trattamento è l'allattamento al seno. Con il latte materno, gli aminoacidi essenziali entrano nel corpo del bambino, molecole specifiche nelle loro proprietà, che formano l'immunità e costituiscono una barriera all'ingresso di sostanze nocive.

Trattamento delle infezioni respiratorie acute nei bambini

Le malattie respiratorie acute (ARI) sono un ampio gruppo di infezioni che hanno molto in comune nella patogenesi e nelle vie di trasmissione: stiamo parlando principalmente di infezioni nell'aria, sebbene la via di trasmissione del contatto (attraverso le mani sporche) abbia un ruolo altrettanto importante.

Le malattie respiratorie acute (ARI) sono un ampio gruppo di infezioni che hanno molto in comune nella patogenesi e nelle vie di trasmissione: stiamo parlando principalmente di infezioni disperse nell'aria, sebbene la via di trasmissione del contatto (attraverso le mani sporche) abbia un ruolo altrettanto importante. Questo termine è usato per combinare infezioni acute aspecifiche indipendentemente dalla loro posizione, dalla rinite alla polmonite. Tuttavia, poiché una diagnosi clinica di infezioni respiratorie acute richiede la decodifica: deve esserci un'indicazione del danno d'organo (otite media, bronchite, faringite, ecc.), Per il quale è noto lo spettro di agenti patogeni, o della possibile eziologia della malattia (infezioni respiratorie acute virali, batteriche). Poiché fino al 90% degli ARI sono causati da virus respiratori e virus influenzali in assenza di segni di infezione batterica, il termine "infezione virale respiratoria acuta" (ARVI) è giustificato e la nomina di terapia antivirale.

Secondo gli autori di una serie di lavori realizzati sotto l'egida dell'OMS, in diversi paesi, sia sviluppati che in via di sviluppo, i bambini piccoli soffrono di 5-8 ARI ogni anno e nelle zone rurali si ammalano meno spesso che nelle città in cui un bambino può tollerare 10 12 infezioni all'anno. I bambini che, nella prima infanzia, hanno meno probabilità di entrare in contatto con fonti di infezione e quindi si ammalano di meno durante questo periodo, "ottengono le infezioni mancanti" nella scuola elementare. L'affermazione di questo fatto, ovviamente, non dovrebbe essere la ragione per lo sviluppo del fatalismo in relazione all'ARVI: i bambini dovrebbero essere temperati e, se possibile, protetti da fonti di infezione, malattie completamente nutrite e trattate (tonsillite cronica, allergie), contro le quali l'ARI si sviluppa particolarmente spesso. Allo stesso tempo, è necessario proteggere i bambini malati da inutili interventi terapeutici in ogni modo possibile, poiché è l'ARI che è la ragione del trattamento ingiustificato e la causa più comune degli effetti collaterali dei farmaci.

Agenti antivirali

A rigor di termini, la terapia antivirale è indicata per qualsiasi malattia virale respiratoria. Sfortunatamente, gli agenti antivirali a nostra disposizione spesso non danno un effetto pronunciato e la facilità della maggior parte degli episodi di infezioni virali respiratorie acute, limitata a 1-3 giorni febbrili e sindrome catarrale per 1-2 settimane, non giustifica la chemioterapia. Ma nei casi più gravi, specialmente con l'influenza, i farmaci antivirali hanno un certo effetto e dovrebbero essere usati più ampiamente di quanto non sia ritenuto appropriato oggi..

La regola di base per l'uso di farmaci chemioterapici antivirali è il loro appuntamento nelle prime 24-36 ore della malattia; nei periodi successivi, il loro effetto non è visibile. Il principale agente antinfluenzale, che agisce anche su una serie di altri virus [1], è la rimantadina, che inibisce la riproduzione di tutti i ceppi di influenza di tipo A. La rimantadina inibisce anche la riproduzione dei virus respiratori sinciziali (RS) e parainfluenzali. Consigliato; Corso di 5 giorni al tasso di 1,5 mg / kg / giorno in 2 dosi per bambini di 3-7 anni; 50 mg 2 volte per i bambini di 7-10 anni - 3 volte al giorno - di età superiore ai 10 anni [2]. In tenera età, la rimantadina viene utilizzata sotto forma di algirem (sciroppo dello 0,2%): nei bambini di 1-3 anni, 10 ml; 3-7 anni - 15 ml ciascuno: 1 ° giorno 3 volte, 2-3 ° giorno - 2 volte, 4 ° - 1 volta al giorno. L'efficacia della rimantadina aumenta quando viene assunta per via orale con il farmaco no-shpa (drotaverina), alla dose di 0,02–0,04 g - nei bambini di età compresa tra 4 e 6 anni e 0,04-0,1 g - per pazienti di età compresa tra 7 e 12 anni, soprattutto in violazione del trasferimento di calore (estremità fredde, marmorizzazione della pelle) [3].

L'arbidolo ha un effetto antivirale simile, inibendo la fusione dell'involucro lipidico dei virus dell'influenza con la membrana delle cellule epiteliali. È anche un induttore di interferone. Questo farmaco a bassa tossicità può essere prescritto per infezioni virali respiratorie acute moderate a partire dai 2 anni di età: bambini 2-6 anni, 50 mg per dose, 6-12 anni, 100 mg, oltre 12 anni - 200 mg per dose 4 volte al giorno. Sia la rimantadina che l'arbidolo accorciano il periodo febbrile di una media di 1 giorno sia con influenza A2, infezioni miste e ARVI non influenzale [1].

La ribavirina (ribamidil, virazolo) è un farmaco antivirale originariamente utilizzato (principalmente negli Stati Uniti) come attività contro il virus della RS nella bronchiolite nei pazienti più gravi con uno sfondo premorboso sfavorevole (prematurità, con displasia broncopolmonare). Il farmaco viene utilizzato a questo scopo sotto forma di inalazioni costanti (fino a 18 ore al giorno) attraverso un inalatore speciale alla dose di 20 mg / kg / giorno; a causa del prezzo elevato e degli effetti collaterali in Europa, non viene praticamente utilizzato. Si è anche scoperto che questo farmaco è attivo contro virus influenzali, parainfluenza, herpes simplex, adenovirus e coronavirus, l'agente causale della sindrome respiratoria acuta grave (SARS - SARS). Con l'influenza negli adolescenti di età superiore ai 12 anni, viene somministrato per via orale alla dose di 10 mg / kg / giorno per 5-7 giorni. Per la SARS, la ribavirina viene somministrata per via endovenosa.

I progressi nel trattamento dell'influenza causati da virus sia di tipo A che di tipo B possono essere associati all'uso degli inibitori della neuraminidasi oseltamivir-tamiflu e zanamivir-relenza. Se assunti in anticipo, questi farmaci riducono la durata della febbre di 24–36 ore e hanno un effetto profilattico, ma c'è poca esperienza del loro uso nei bambini (dai 12 anni di età) in Russia e praticamente non sono scritti nei libri di consultazione degli ultimi anni. Relenza è usato sotto forma di inalazione di polvere (negli Stati Uniti da 7 anni) - 2 inalazioni (5 mg ciascuna) al giorno con un intervallo di almeno 2 ore (il 1 ° giorno) e 12 ore (dal 2 ° al 5 ° giorno trattamento). Tamiflu (75 mg capsule e 12 mg / ml sospensione) negli adulti e nei bambini dai 12 anni viene usato 75 mg una volta al giorno per 5 giorni (negli Stati Uniti, dosi per bambini 1-12 anni: peso fino a 15 kg - 30 mg 2 volte al giorno, 15-23 kg - 45 mg 2 volte al giorno, 23-40 kg - 60 mg 2 volte al giorno). Questo farmaco è l'unico a cui l'influenza aviaria H5N1 è sensibile e un certo numero di paesi lo sta attualmente accumulando in caso di epidemia, che apparentemente limita il suo uso in una produzione relativamente piccola (Hoffman-La Roche, Svizzera, produce 7 milioni di dosi di Tamiflu in anno).

I preparati per uso topico (nel naso, negli occhi) florenal 0,5%, unguento ossolinico 1-2%, bonafton, lokferon e altri hanno una certa attività antivirale; sono indicati, ad esempio, nell'infezione da adenovirus. Sebbene il loro effetto sia difficile da valutare, la bassa tossicità giustifica l'uso di questi agenti..

I processi proteolitici che si verificano durante la sintesi di polipeptidi virali, così come la fusione di virus con le membrane cellulari, sono in grado di inibire le aprotinine - contrycal, gordox, ecc., Nonché l'ambene. Questi farmaci possono essere utilizzati per forme gravi di infezioni respiratorie con un'alta attività infiammatoria, di solito con segni di coagulazione intravascolare disseminata (come inibitori della fibrinolisi) e disturbi della microcircolazione. Amben è una parte di spugne emostatiche. Contrikal viene usato alla dose di 500-1000 U / kg / giorno. Olifen ed erisod utilizzati negli adulti, che fanno parte dei farmaci di questo gruppo, non sono ancora stati testati nei bambini.

Gli interferoni e i loro induttori hanno proprietà antivirali universali, sopprimendo la replicazione di RNA e DNA, stimolando contemporaneamente le reazioni immunologiche del macroorganismo. L'uso precoce degli interferoni può, se non interrompere il decorso dell'infezione, mitigare le sue manifestazioni.

L'interferone leucocitario nativo α (1000 UI / ml - 4–6 volte al giorno nel naso in una dose totale di 2 ml nei giorni 1–2 di malattia) è meno efficace delle preparazioni ricombinanti dell'interferone [4]. Tra questi ultimi, è promettente l'uso dell'influenza - interferone α-2β (10.000 UI / ml) con addensanti; viene somministrato sotto forma di gocce nasali - 5 giorni, bambini di età inferiore a un anno - 1 goccia 5 volte al giorno (dose singola 1000 UI, dose giornaliera - 5000 UI), bambini da 1 a 3 anni - 2 gocce 3-4 volte al giorno (dose singola 2000 UI, dose giornaliera 6000-8000 UI), dai 3 ai 14 anni - due gocce 4-5 volte al giorno (dose singola 2000 UI, dose giornaliera 8000-10 000 UI). La somministrazione parenterale di preparati a base di interferone, praticata, ad esempio, per il trattamento dell'epatite cronica, è difficilmente giustificata nella stragrande maggioranza delle infezioni respiratorie. Tuttavia, in numerosi lavori, è stata dimostrata l'efficacia delle supposte rettali per l'influenza e l'ARVI - Viferon - interferone α-2β + vitamine E e C. 7 anni: vengono prescritti 2-3 volte al giorno per 5 giorni. Viferon è anche usato profilatticamente - nei bambini spesso malati [3].

Laferon - polvere di interferone α-2β - viene utilizzato sotto forma di gocce nasali e nei bambini di età superiore ai 12 anni viene somministrato per via intramuscolare a 1-3 milioni UI.

Oltre all'arbidolo, vengono utilizzati numerosi farmaci come induttori dell'interferone. Amiksin (tilorone) ha vinto la più grande popolarità tra i bambini di età superiore ai 7 anni: viene somministrato ai primi sintomi di infezioni respiratorie acute o influenza per via orale dopo aver mangiato 60 mg 1 volta al giorno il 1 °, 2 ° e 4 ° giorno dall'inizio del trattamento. Anaferone nei bambini - dosi omeopatiche di affinità purificate anticorpi contro l'interferone α, viene utilizzata 1 compressa ogni 30 minuti per 2 ore, quindi 3 volte al giorno, tuttavia ci sono pochi dati convincenti sulla sua efficacia.

Nei bambini con infezioni virali respiratorie acute, è spesso necessario trattare l'infezione da herpesvirus primario, che procede come grave stomatite febbrile. I bambini con dermatite atopica spesso sviluppano l'eczema di Kaposi, un'infezione da herpesvirus della pelle colpita che è anche grave. Nei bambini più grandi, l'ARVI è la causa più comune di riattivazione dei virus dell'herpes sotto forma di eruzioni cutanee specifiche sulle labbra, sulle ali del naso e meno spesso sui genitali. Questa infezione risponde bene al trattamento con aciclovir - viene usato a 20 mg / kg / die in 4 dosi, in casi gravi - fino a 80 mg / kg / die o endovenosamente a 30-60 mg / kg / die. Valacyclovir non richiede la somministrazione frazionata, la sua dose per adulti e adolescenti di età superiore ai 12 anni è di 500 mg 2 volte al giorno.

Per il trattamento delle infezioni virali respiratorie acute, nella pratica viene utilizzato un numero molto maggiore di agenti, anche di origine vegetale (adattogeni, integratori alimentari, tinture, ecc.). Non ci sono dati sull'efficacia della stragrande maggioranza di essi, ma si riscontrano spesso effetti collaterali..

Agenti antibatterici

Le infezioni respiratorie acute batteriche nei bambini, come negli adulti, sono relativamente poche, ma rappresentano la maggiore minaccia in termini di sviluppo di gravi complicanze. La diagnosi di infezioni respiratorie acute batteriche al capezzale di un bambino gravemente malato presenta grandi difficoltà a causa della somiglianza di molte delle loro manifestazioni con quelle nelle infezioni virali respiratorie acute (febbre, naso che cola, tosse, mal di gola) e metodi espressi di diagnosi eziologica sono praticamente inaccessibili. E l'identificazione di un patogeno microbico nel materiale del tratto respiratorio non parla ancora del suo ruolo eziologico, poiché la maggior parte delle malattie batteriche sono causate da agenti patogeni che crescono costantemente nel tratto respiratorio.

In queste condizioni, naturalmente, il medico, al primo contatto con il bambino, tende a sopravvalutare il possibile ruolo della flora batterica e ad usare gli antibiotici più spesso del necessario. I nostri dati mostrano che a Mosca il 25% dei bambini con ARVI prescrive antibiotici, in alcune città della Russia questa percentuale raggiunge il 50-60%. La stessa tendenza è tipica per altri paesi: gli antibiotici per ARVI sono usati nei bambini nel 14-80% dei casi [6, 7]. Indicatori vicini ai nostri dati sono forniti da autori francesi (24% [8]) e statunitensi (25% [9]). Nei paesi in via di sviluppo, anche i farmaci antibatterici per l'ARI sono usati troppo ampiamente, sebbene questo processo sia limitato dalla loro minore disponibilità. In Cina, il 97% dei bambini con infezioni respiratorie acute che cercano assistenza medica riceve antibiotici [10]. Ovviamente, nel caso di un'eziologia virale della malattia, gli antibiotici sono almeno inutili e, molto probabilmente, persino dannosi, poiché interrompono la biocenosi del tratto respiratorio e contribuiscono quindi alla colonizzazione della loro insolita, spesso intestinale, flora [11].

Gli antibiotici nei bambini con ARVI più spesso che con malattie batteriche causano effetti collaterali - varie eruzioni cutanee e altre manifestazioni allergiche. Durante i processi batterici nel corpo, c'è un potente rilascio di un numero di mediatori (ad esempio, adenosina monofosfato ciclico), che prevengono la manifestazione di manifestazioni allergiche. Con le infezioni virali, ciò non accade, quindi le reazioni allergiche si realizzano molto più spesso.

Un altro pericolo di uso eccessivo di antibiotici è la diffusione di ceppi di batteri pneumotropici resistenti ai farmaci, che è noto in molti paesi del mondo. Chiaramente, l'uso di antibiotici non necessari comporta anche costi di trattamento non necessari..

L'effetto degli antibiotici sullo sviluppo del sistema immunitario del bambino non deve essere ignorato. La prevalenza della risposta immunitaria T-helper del 2 ° tipo (Th-2) caratteristica del neonato è inferiore alla risposta T-helper più matura del 1 ° tipo (Th-1), in gran parte sotto l'influenza della stimolazione con endotossine e altri prodotti di origine batterica. Tale stimolazione si verifica sia durante l'infezione batterica che durante l'ARVI, poiché l'infezione virale è accompagnata da una riproduzione migliorata (sebbene non invasiva) della flora pneumotropica [11]. Naturalmente, l'uso di antibiotici indebolisce o generalmente sopprime questa stimolazione, che, a sua volta, contribuisce alla conservazione della direzione Th-2 della risposta immunitaria, che aumenta il rischio di manifestazioni allergiche e riduce l'intensità della protezione anti-infettiva..

Indicazioni per il trattamento antibatterico delle infezioni respiratorie acute

Le raccomandazioni delle società professionali dei pediatri nella maggior parte dei paesi sottolineano l'importanza di evitare l'uso di agenti antibatterici nei bambini con infezione virale respiratoria semplice. Le raccomandazioni della US Academy of Pediatrics sottolineano che gli antibiotici non sono usati non solo per l'ARVI semplice, ma anche la rinite mucopurulenta non è un'indicazione per la prescrizione di antibiotici se dura meno di 10-14 giorni [8]. Il consenso francese consente l'uso di antibiotici per ARVI solo nei bambini con una storia di otite media ricorrente, nei bambini di età inferiore ai 6 mesi, se frequentano il nido e in presenza di immunodeficienza [9].

Le raccomandazioni dell'Unione dei pediatri della Russia indicano che nella ARVI semplice, gli antibiotici sistemici non sono indicati nella stragrande maggioranza dei casi [4]. Questo documento elenca le manifestazioni della malattia osservate nei primi 10-14 giorni che non possono giustificare la somministrazione di antibiotici.

La questione della prescrizione di antibiotici in un bambino con ARVI si pone se ha una storia di otite media ricorrente, uno sfondo premorboso sfavorevole (malnutrizione grave, malformazioni congenite) o in presenza di segni clinici di immunodeficienza.

I seguenti sono segni di un'infezione batterica che richiede un trattamento antibiotico:

  • processi purulenti (sinusite con gonfiore del viso o dell'orbita, linfoadenite con fluttuazioni, ascesso paratonsillare, laringotracheite discendente);
  • tonsillite acuta con semina di streptococco di gruppo A;
  • mal di gola anaerobico - di solito ulcerativo, con un odore putrido;
  • otite media acuta, confermata da otoscopia o con suppurazione;
  • sinusite - pur mantenendo i cambiamenti clinici e radiologici nei seni 10-14 giorni dopo l'inizio dell'ARVI;
  • micoplasmosi respiratoria e clamidia;
  • polmonite.

Più spesso di questi ovvi focolai, il pediatra vede solo sintomi indiretti di una probabile infezione batterica, tra cui temperatura febbrile persistente (3 giorni o più), mancanza di respiro in assenza di ostruzione (frequenza respiratoria superiore a 60 per 1 minuto nei bambini 0-2 mesi di età), più di 50 in 1 minuto all'età di 3-12 mesi e più di 40 - nei bambini di 1-3 anni), asimmetria dei dati auscultatori nei polmoni. Tale sintomatologia costringe a prescrivere un antibiotico che, se la diagnosi non fosse confermata durante il successivo esame, dovrebbe essere immediatamente cancellato.

Per la terapia iniziale delle infezioni respiratorie acute batteriche, viene utilizzato un piccolo set di antibiotici. Per l'otite media e la sinusite, l'amoxicillina è prescritta entro 45-90 mg / kg / die per sopprimere i principali agenti patogeni: pneumococco e Haemophilus influenzae. Nei bambini recentemente trattati con antibiotici, si usa amoxicillina / clavulanato 45 mg / kg / die, che inibisce la crescita di Haemophilus influenzae e moraxella, che sono probabilmente resistenti in questi pazienti.

La tonsillite acuta richiede una diagnosi differenziale tra mal di gola dell'adenovirus, mononucleosi infettiva e tonsillite da streptococco. Per mal di gola virale, tosse, sindrome catarrale è caratteristica, per streptococco - nessuna tosse, per mononucleosi - alterazioni del sangue. Gli antibiotici (penicillina Fau, cefalossina, cefadroxil) sono indicati per la tonsillite da streptococco; l'uso di amoxicillina è indesiderabile, poiché con la mononucleosi può causare eruzioni tossiche. Sebbene il mal di gola adenovirale non richieda la prescrizione di antibiotici, la presenza di leucocitosi grave (15–25x10 9 / L) e un aumento del livello di proteina C reattiva ne giustificano l'uso in molti casi..

La bronchite è di solito una malattia virale che non richiede un trattamento antibiotico. L'eccezione è la bronchite causata dal micoplasma; quando vengono rilevati, viene mostrato l'uso di macrolidi (azitromicina, midecamicina, ecc.). I segni clinici della bronchite da micoplasma sono:

  • età (prescolare e anziani);
  • alta temperatura senza tossicosi pronunciata;
  • un'abbondanza di respiro sibilante crepitante (come nella bronchiolite nei neonati);
  • asimmetria del respiro sibilante;
  • catarro morbido "secco" del tratto respiratorio superiore;
  • iperemia congiuntivale ("congiuntivite secca");
  • potenziamento locale del pattern bronco-vascolare sulla radiografia.

Anche la scelta di agenti antibatterici per il trattamento iniziale della polmonite acquisita in comunità non è molto ampia, poiché la maggior parte della polmonite "tipica" è causata da pneumococco o Haemophilus influenzae (l'eccezione sono i primi mesi di vita, quando gli stafilococchi e la flora intestinale possono essere l'agente causale), mentre le forme atipiche sono curabili macrolidi. La scelta dell'inizio dell'antibiotico per la polmonite è determinata tenendo conto del probabile agente causale della malattia.

Per la polmonite tipica (febbrile, con focus o infiltrazione omogenea), applicare:

  • 1–6 mesi (gli agenti causali più probabili sono E. coli, stafilococco aureo) - amoxicillina / clavulanato per via orale, per via endovenosa; cefuroxima, ceftriaxone o cefazolina + aminoglicoside per via endovenosa, intramuscolare;
  • 6 mesi - 18 anni: lieve (i patogeni più probabili sono pneumococco, H. influenzae) - amoxicillina all'interno; grave (i patogeni più probabili sono pneumococco, nei bambini di età inferiore a 5 anni - H. influenzae di tipo b) - cefuroxima, ceftriaxone o cefazolina + aminoglicoside per via endovenosa, intramuscolare.

Con polmonite atipica (con infiltrazione disomogenea):

  • 1–6 mesi (i patogeni più probabili sono C. trachomatis, U. urealyticum, raramente P. carinii) - macrolide, azitromicina orale, co-trimoxazolo;
  • 6 mesi - 15 anni (gli agenti causali più probabili sono M. pneumoniae, C. pneumoniae) - macrolide, azitromicina, doxiciclina (> 12 anni) all'interno.

Trattamenti patogenetici

Questi metodi includono interventi utilizzati nella laringite acuta e forme ostruttive di bronchite..

Laringite acuta, groppa sono condizioni che richiedono una valutazione del grado di stenosi, che viene giudicata dall'intensità della retrazione del torace inspiratorio, dalla frequenza del polso e dalla respirazione. La groppa di grado 3 richiede un'intubazione urgente, la groppa di grado 1 e 2 viene trattata in modo conservativo. A un paziente con laringite non vengono somministrati antibiotici, secondo il consenso mondiale, la somministrazione più efficace di desametasone per via intramuscolare 0,6 mg / kg, che interrompe la progressione della stenosi. Il trattamento ulteriore è continuato con steroidi per inalazione (somministrati o attraverso un nebulizzatore - Pulmicort) in combinazione con antispastici (salbutamolo, berotek, berodual per inalazione).

La stenosi della laringe può essere causata dall'epiglottite (nella sua eziologia, il ruolo principale appartiene a H. influenzae di tipo b) - è caratterizzato da febbre alta e aumento della stenosi in posizione supina; la nomina di un antibiotico (cefuroxima, ceftriaxone) in questo caso è obbligatoria.

Difficoltà respiratorie e dispnea espiratoria sono spesso osservate con bronchiolite e bronchite ostruttiva, nonché con un attacco d'asma sullo sfondo di ARVI. Poiché in tali casi l'infezione batterica è rara, gli antibiotici non sono garantiti. Il trattamento - l'inalazione di simpaticomimetici (nei bambini piccoli è meglio in combinazione con ipratropio bromuro) e l'uso di steroidi in casi refrattari - consente di far fronte all'ostruzione in 1-3 giorni.

Terapia sintomatica per infezioni respiratorie acute

Come detto sopra, l'ARI è la ragione più comune per l'uso di droghe, in particolare di droghe sintomatiche, che occupano la maggior parte degli scaffali della farmacia. È importante, tuttavia, comprendere chiaramente che la semplice presenza di questo o quel sintomo non dovrebbe essere la base dell'intervento, è necessario innanzitutto valutare fino a che punto questo sintomo interrompe l'attività vitale e se il trattamento non sarà più pericoloso del sintomo.

La febbre accompagna la maggior parte delle infezioni respiratorie acute ed è una reazione difensiva, quindi ridurne il livello con antipiretici è giustificata solo in determinate situazioni. Sfortunatamente, molti genitori e medici considerano la febbre la manifestazione più pericolosa della malattia e si sforzano di normalizzare la temperatura a tutti i costi. Secondo i nostri studi [12], il 95% dei bambini con ARVI riceve antipiretici, incluso il 92% dei bambini con febbre di basso grado. Questa tattica non può essere considerata razionale, poiché la febbre come componente della risposta infiammatoria del corpo alle infezioni è ampiamente protettiva..

Gli antipiretici non influenzano la causa della febbre e non ne riducono la durata; aumentano il periodo di diffusione del virus nelle infezioni respiratorie acute [12, 13]. Nella maggior parte delle infezioni, la temperatura massima supera raramente 39,5 °. Questa temperatura non rappresenta una minaccia per un bambino di età superiore a 2-3 mesi; Di solito, per migliorare lo stato di salute, è sufficiente abbassarlo di 1–1,5 °. Indicazione per la riduzione della temperatura [4]:

  • Bambini precedentemente sani di età superiore ai 3 mesi - a temperature> 39,0 ° -39,5 ° e / o con disagio, dolori muscolari e mal di testa.
  • Bambini con una storia di convulsioni febbrili, gravi malattie cardiache e polmonari e da 0 a 3 mesi di età - a una temperatura> 38 ° -38,5 °.

L'antipiretico più sicuro per i bambini è il paracetamolo, la sua dose singola è di 15 mg / kg, la dose giornaliera è di 60 mg / kg. L'ibuprofene (5-10 mg / kg per dose) spesso dà effetti collaterali (con un simile effetto antipiretico), si consiglia di usarlo nei casi in cui è richiesto un effetto antinfiammatorio (artralgia, dolore muscolare, ecc.).

Con le infezioni respiratorie acute nei bambini, l'acido acetilsalicilico (aspirina) non viene utilizzato - a causa dello sviluppo della sindrome di Reye, del metamizolo sodico (analgin) all'interno (pericolo di agranulocitosi e stato di collaptoide), amidopirina, antipirina, fenacetina. La nimesulide è epatotossica; sfortunatamente, le sue forme figlio erano registrate in Russia, sebbene non fossero utilizzate in nessun'altra parte del mondo.

Il trattamento della rinite con gocce vasocostrittive migliora la respirazione nasale solo nei primi 1-2 giorni di malattia, con un uso più lungo possono aumentare il naso che cola e causare effetti collaterali. In tenera età, a causa del dolore, vengono utilizzate solo soluzioni dello 0,01% e 0,025%. Spray nasali convenienti (dopo 6 anni), che consentono a una dose inferiore di distribuire uniformemente il farmaco (nasale, vibrocile). Ma pulisce in modo più efficace naso e rinofaringe, soprattutto con essudato denso, soluzione fisiologica (o suoi analoghi, compresa una soluzione di sale da cucina preparata a casa: aggiungi sale a 1/2 bicchiere d'acqua sulla punta di un coltello) - 2-3 pipette in ciascuna narice 3-4 volte al giorno in posizione supina con la testa pendente verso il basso e la schiena. I rimedi usati per via orale per i simpaticomimetici comuni contenenti raffreddore (fenilefrina, fenilpropanolamina, pseudoefedrina) vengono utilizzati dopo 12 anni, a partire da 6 anni Fervex è prescritto per i bambini che non contengono questi componenti. Gli antistaminici, inclusa la seconda generazione, efficaci per la rinite allergica, l'OMS non raccomanda l'uso dell'ARI [15].

L'indicazione per la nomina di antitosse (azione centrale non narcotica - glaucina, butamirato, oxeladina) è solo una tosse secca, che di solito si bagna rapidamente con la bronchite. Gli espettoranti (la loro azione stimolante la tosse è simile all'emetico) hanno un'efficacia discutibile e possono causare vomito nei bambini piccoli, nonché reazioni allergiche - fino all'anafilassi. La loro nomina è più un tributo alla tradizione che una necessità, i mezzi costosi di questo gruppo non hanno vantaggi rispetto a quelli galenici convenzionali, l'OMS generalmente consiglia di limitarsi ai "rimedi casalinghi" [15].

Dei mucolitici, l'acetilcisteina è la più attiva, ma nella bronchite acuta nei bambini non è praticamente necessario per il suo uso; La carbocisteina è prescritta per la bronchite - in base al suo effetto benefico sulla clearance mucociliare. Ambroxol per espettorato denso viene utilizzato sia all'interno che per inalazione. L'inalazione di aerosol di mucolitici viene utilizzata per la bronchite cronica; non vengono mostrate inalazioni di aerosol di acqua, soluzione salina, ecc. per infezioni respiratorie acute.

Con una tosse di lunga durata (tosse convulsa, tracheite persistente), vengono mostrati farmaci anti-infiammatori: steroidi per inalazione, fenspiride (erespal). Pastiglie emollienti e spray per faringite di solito contengono antisettici, sono usati da 6 anni; a partire da 30 mesi, viene utilizzato l'antibiotico locale fuzafunzhin, prodotto in aerosol (bioparox) e utilizzato sia per via nasale che orale.

Intonaci di senape, lattine, cerotti in fiamme, che sono ancora popolari in Russia per la bronchite, non dovrebbero essere usati nei bambini; con infezioni respiratorie acute, ci sono raramente indicazioni per la fisioterapia. Sorprendente è la popolarità degli alogeni, il soggiorno in cui si intende "inalare il vapore del sale da cucina", come in una miniera di sale. Ma in una miniera di sale, il paziente non è influenzato dal sale (che non appartiene a sostanze volatili), ma dall'aria pulita, priva di polvere e altri allergeni; inoltre, non sono lì per 15 minuti. Il trattamento nell'halochamber non è incluso nel consenso sull'asma, tuttavia molti policlinici spendono enormi soldi per la loro costruzione.

I fondi indicati in questa sezione, con poche eccezioni, non possono essere considerati obbligatori per ARVI; Inoltre, siamo spesso di fronte a effetti collaterali derivanti da tale trattamento. Pertanto, dovrebbe essere assunto di norma per ridurre al minimo il carico di droga in caso di lieve ARVI..

Il problema delle infezioni respiratorie acute durante l'infanzia rimane rilevante non solo per la loro prevalenza, ma anche per la necessità di rivedere e ottimizzare le tattiche di trattamento. I dati accumulati mostrano che almeno gli approcci prevalenti nella pratica dei pediatri non contribuiscono alla formazione del sistema immunitario del bambino, pertanto la revisione delle tattiche dovrebbe mirare principalmente a modificare l'attività terapeutica, in particolare a ridurre l'incidenza di prescrizioni ingiustificate di farmaci antibatterici e antipiretici..

Letteratura
  1. Drinevsky V.P. Valutazione della sicurezza e dell'efficacia di nuovi farmaci per il trattamento etiotropico e la prevenzione specifica dell'influenza nei bambini. M., 1999.
  2. Drinevsky VP, Osidak LV, Natsina VK e altri Chemioterapia nel trattamento dell'influenza e di altre infezioni virali respiratorie acute nei bambini // Antibiotici e chemioterapia. M., 1998. T. 43. 9.P. 29–34.
  3. Ministero della Salute della Federazione Russa, RAMS, Istituto di ricerca sull'influenza. Principi standardizzati per la diagnosi, il trattamento e la prevenzione d'emergenza dell'influenza e di altre infezioni respiratorie acute nei bambini. SPb, 2004.
  4. Unione dei pediatri della Russia, Fondo internazionale per la protezione della salute materna e infantile: programma scientifico e pratico “Malattie respiratorie acute nei bambini. Terapia e prevenzione ”. M., 2002.
  5. Mainous A., Hueston W., Love M. Antibiotici per il raffreddore nei bambini: chi sono i migliori prescrittori? Arco. Pediatr. Adolesc. Med. 1998; 52: 349-352.
  6. Pennie R. Studio prospettico della prescrizione di antibiotici per i bambini. Può. Fam. Medico 1998; 44: 1850-1855.
  7. Nyquist A., Gonzales R., Steiner G. F., Sande M. A. Prescrizione antibiotica per bambini con raffreddore, infezioni delle vie respiratorie superiori e bronchite. JAMA 1998; 279: 875-879.
  8. Chalumeneau M., Salannave B., Assathiany R. et al. Convegno e applicazione per i pediatri della città della conferenza di consenso sulle rinofaringiti alle porte dell'enfant. Arco. Pediatr. 2000; 7 (5), 481–488.
  9. Jacobs R. F. Uso giudizioso di antibiotici per le comuni infezioni respiratorie pediatriche. Pediatr. Infettare. Dis. J. 2000; 19 (9): 938-943.
  10. Li Hui, Xiao - Song Li, Xian - Jia Zeng et al. Modello e determinanti dell'uso di antibiotici per le infezioni acute del tratto respiratorio nei bambini in Cina. Pediatr. Infettare. Dis J. 1997; 16 (6): 560РЗР-564.
  11. Polmonite acuta nei bambini / Ed. V. K. Tatochenko. Ceboksary: ​​Ed. Università Chuvash, 1994.
  12. Shokhtobov H. Ottimizzazione della gestione dei pazienti con infezioni respiratorie acute nell'area pediatrica: Dis.... Cand. miele. scienze. M., 1990.130 s.
  13. Romanenko A. I. Corso ed esiti delle malattie respiratorie acute nei bambini: abstract dell'autore. dis.... Cand. miele. scienze. M., 1988.
  14. Stanley E. D., Jackson G. G., Panusarn C. et al. Aumento della diffusione del virus con il trattamento con aspirina dell'infezione da rinovirus. JAMA 1975; 231: 1248.
  15. Organizzazione mondiale della sanità. Rimedi per la tosse e il raffreddore per il trattamento delle infezioni respiratorie acute nei bambini piccoli. CHI / FCH / CAH / 01.02. OMS. 2001.

V. K. Tatochenko, dottore in scienze mediche, professore
SCCH RAMS, Mosca