Disbatteriosi dopo antibiotici

Con gravi infezioni batteriche, gli antibiotici sono semplicemente indispensabili. Ma solo loro stessi possono colpire il corpo. Pertanto, è indispensabile ripristinare il corpo dopo la terapia antibiotica..

La disbatteriosi dopo gli antibiotici è un fenomeno abbastanza comune che può verificarsi sia in forme lievi che gravi. Questo modello è spiegato dal fatto che i farmaci antibatterici distruggono non solo i microrganismi dannosi, ma anche i batteri benefici.

Lo sviluppo di questo disturbo si basa su un cambiamento nella composizione qualitativa e quantitativa della microflora intestinale. I batteri sono benefici, opportunistici e patogeni. I primi due tipi di microrganismi vivono normalmente nell'intestino. I patogeni condizionali, purché con moderazione, non causano alcun disturbo.

L'immunità è responsabile del controllo della crescita e della riproduzione dei microrganismi opportunistici, impedendo loro di attivarsi. Se le difese sono indebolite, il corpo non è semplicemente in grado di tenere traccia dei patogeni condizionati e iniziano a moltiplicarsi attivamente, causando disbiosi.

La microflora intestinale normale influenza lo stato dell'intero organismo nel suo insieme. I batteri benefici stimolano il sistema immunitario, neutralizzano i microrganismi estranei, rimuovono le tossine e partecipano anche ai processi digestivi. E questo non è un elenco completo delle funzioni di microflora..

Il motivo principale per la formazione di disbiosi è la terapia antibiotica, ma questo non è l'unico fattore provocante. La malnutrizione e le diete mono possono causare una violazione della microflora, con la quale le donne si esauriscono semplicemente alla ricerca dell'armonia. Infezioni intestinali, assunzione di farmaci ormonali, abuso di lassativi, clisteri, disturbi endocrini: tutto questo e molto altro può causare disbiosi.

Perché la disbiosi appare dopo gli antibiotici?

La probabilità di disbiosi dopo terapia antibiotica aumenta nei seguenti casi:

  • uso a lungo termine e incontrollato;
  • scarsa qualità delle compresse;
  • il loro uso improprio;
  • ignorare le raccomandazioni mediche, in particolare, l'assunzione di antibiotici insieme a probiotici;
  • ammissione irragionevole senza prescrizione medica;
  • usare durante le malattie virali.

Quali antibiotici causano la disbiosi?

  • Qualsiasi antibiotico, indipendentemente da quanti giorni viene utilizzato, può causare disbiosi. Ma ci sono alcuni gruppi di medicinali che hanno un rischio più elevato:
  • tetracicline;
  • aminoglicosidi;
  • fungicidi;
  • aminopenicillins.

Non è un caso che gli antibiotici tetracicline siano in primo luogo nell'elenco dei più pericolosi in termini di disbiosi. Questi farmaci influenzano e danneggiano in modo aggressivo la mucosa intestinale. Per quanto riguarda gli aminoglicosidi, a differenza delle tetracicline, non danneggiano la mucosa. Ma perché sono pericolosi? Questi antibiotici fermano e talvolta addirittura fermano la crescita e la riproduzione di batteri benefici.

Anche piccole dosi di agenti fungicidi causano un forte aumento del numero di batteri Proteus e di Escherichia lattosio-negativa. Infine, le aminopenicilline creano le condizioni ideali per la riproduzione attiva delle infezioni da stafilococco e streptococco. Il loro uso può persino portare a disbiosi con febbre e sanguinamento..

Manifestazioni caratteristiche negli adulti

Per la prima e la seconda fase del processo patologico, la comparsa di eventuali segni non è caratteristica. I sintomi della disbiosi compaiono solo dal terzo grado. Considera i sintomi clinici tipici della disbiosi:

  • diarrea persistente o costipazione;
  • gonfiore doloroso;
  • prurito della regione anorettale;
  • in rari casi, sangue e muco compaiono nelle feci;
  • febbre;
  • disidratazione;
  • odore fetido dalla bocca;
  • eruzione cutanea su viso e mani;
  • nausea e vomito;
  • falso impulso a defecare;
  • eruttazione;
  • crampi intestinali;
  • reazione allergica;
  • intossicazione del corpo sotto forma di mal di testa, disturbi del sonno, affaticamento, aumento della temperatura corporea;
  • pelle secca, unghie fragili, perdita di capelli, convulsioni agli angoli della bocca, stomatite: tutto ciò indica una mancanza di nutrienti nel corpo.

Quanto dura la disbiosi dopo la terapia antibiotica? Se l'insorgenza acuta della malattia è accompagnata da forte dolore, febbre, sangue nelle feci, questo di solito indica il terzo o addirittura il quarto stadio della disbiosi. In questo caso, la malattia senza un'adeguata terapia medica può trascinarsi per un mese o anche di più. In rari casi, il primo e il secondo stadio durano circa due settimane e possono comportare il recupero senza trattamento.

Separatamente, vale la pena notare alcune delle conseguenze che un ciclo di terapia antibiotica può portare. Spesso i pazienti sviluppano stomatite: questa è una malattia infettiva e infiammatoria della cavità orale, che provoca gonfiore e arrossamento della mucosa orale, nonché la formazione di ferite. Per eliminare l'infiammazione, ai pazienti vengono prescritti risciacqui antisettici e probiotici.

Durante il periodo di trattamento, è estremamente importante aderire a una dieta dietetica, che include il rifiuto di piccante, salato, dolce. Secondo gli studi, nel cinquanta percento dei casi di disbiosi intestinale nei pazienti, appare il mughetto..

Nelle donne, si manifesta sotto forma di candidosi vaginale, che è caratterizzata dall'aspetto di scarico di formaggio dalla vagina con un odore sgradevole, nonché prurito e bruciore dei genitali. Un'altra complicazione è un forte indebolimento del sistema immunitario. Con le allergie, le cellule del corpo soffrono. Di conseguenza, il numero di raffreddori e SARS aumenta notevolmente.

Disbiosi nei bambini

L'uso di antibiotici nel trattamento dei bambini è una misura obbligatoria. Ma dovresti ricorrere al loro uso solo dopo una prescrizione medica. Con disbiosi da antibiotici, i bambini avvertono disagio nell'addome, gonfiore e flatulenza. Il cibo non viene completamente digerito, quindi i pezzi rimanenti iniziano a marcire.

Quindi vengono rapidamente escreti e questo si manifesta sotto forma di diarrea, oppure diventano più densi, causando costipazione. Qualsiasi sviluppo di eventi è pericoloso per il bambino. Nel primo caso, minaccia la disidratazione e nel secondo l'avvelenamento del corpo, poiché le tossine dall'intestino vengono assorbite nel sangue.

A causa della mancanza di batteri benefici, che sono responsabili della degradazione del cibo, le proteine ​​vengono assorbite nel flusso sanguigno quasi invariate. Ciò provoca lo sviluppo di una reazione allergica, poiché il corpo del bambino li percepisce come un oggetto estraneo e inizia a combattere attivamente con esso. Clinicamente, questo può presentarsi come un'eruzione cutanea.

Il trattamento dei bambini con antibiotici può minacciare conseguenze come:

  • stomatite. Questa è un'infiammazione della bocca. Il bambino inizia ad essere capriccioso, non mangia bene;
  • tordo. Nell'infanzia, la candidosi colpisce la cavità orale. Nelle ragazze adolescenti, il mughetto può presentarsi come secrezione vaginale cagliata e prurito vulvare;
  • una reazione allergica che si verifica a causa di proteine ​​non digerite;
  • indebolimento dell'immunità, a causa della quale il bambino spesso inizia a ammalarsi di raffreddore;
  • carenza di vitamina, che minaccia un rallentamento della crescita e dello sviluppo del bambino.

Come ripristinare la microflora intestinale? Per normalizzare la composizione qualitativa e quantitativa dei batteri nell'intestino, i bambini dovrebbero ricevere latte materno e i bambini più grandi dovrebbero ricevere prodotti a base di latte fermentato. I probiotici aiuteranno a ripristinare la popolazione di batteri benefici. Il latte materno promuove i batteri benefici nell'intestino.

Per rafforzare l'immunità, i genitori devono fornire un ambiente favorevole a casa. Ciò include il mantenimento delle condizioni di temperatura e livelli di umidità sufficienti. La stanza in cui si trova il bambino deve essere periodicamente ventilata e lavare a umido. Un'atmosfera armoniosa nella casa svolge un ruolo importante nel processo di guarigione. Pertanto, cerca di proteggere tuo figlio da situazioni stressanti e conflittuali..

Bambini di età inferiore a un anno

L'intestino del neonato è assolutamente sterile. Quando passa attraverso il canale del parto, viene colonizzato da batteri. Con l'allattamento, circa una settimana dopo la nascita, i bifidobatteri compaiono nell'intestino del bambino.

I seguenti segni indicano lo sviluppo di uno squilibrio:

  • mughetto della cavità orale;
  • dermatite;
  • aumento di peso insufficiente;
  • mancanza di appetito;
  • rigurgito;
  • flatulenza;
  • vomito;
  • forte salivazione;
  • alitosi.

Come trattare?

Al fine di ridurre la manifestazione degli effetti collaterali degli antibiotici, è necessario assumersi la responsabilità della propria salute. Se non ti senti bene, non dovresti auto-medicare, dovresti cercare l'aiuto qualificato di uno specialista e seguire le sue raccomandazioni. Il medico sarà in grado di diagnosticare e redigere il regime terapeutico corretto.

Gli agenti antibatterici sono divisi in determinati gruppi, ognuno dei quali agisce su un certo tipo di agente patogeno del processo infettivo. Certo, è più facile bere un antibiotico con un ampio spettro di azione, ma tali farmaci sono dannosi per la microflora e vengono utilizzati in casi eccezionali..

Inoltre, la dose e la durata del processo di trattamento sono puramente individuali e le istruzioni fornite dal produttore sono raccomandazioni generali. Non è possibile interrompere il trattamento e ridurre in modo indipendente il corso del trattamento, questo è irto di sviluppo di complicanze e mutazioni di agenti patogeni.

farmaci

Il ripristino della microflora intestinale dopo gli antibiotici comprende una corretta alimentazione e il rifiuto delle cattive abitudini. Il gastroenterologo ti aiuterà a elaborare un programma di recupero individuale. Gli alimenti correttamente selezionati aiutano a migliorare il metabolismo.

È importante che le persone che hanno subito una terapia antibiotica aderiscano alle seguenti regole:

  • rifiuto di cibi grassi, fritti, affumicati, marinate, ecc.;
  • con costipazione, arricchire la dieta con prodotti che hanno un effetto lassativo: barbabietole, prugne secche, frutta, farina d'avena;
  • escludere temporaneamente legumi, pane, cavoli;
  • mangiare verdure bollite;
  • ripristinare l'attività funzionale del fegato aiuterà il brodo cotto sulle ossa;
  • i prodotti lattiero-caseari fermentati contribuiranno ad aumentare il numero di batteri benefici nell'intestino.

Il trattamento della disbiosi dopo l'assunzione di antibiotici avviene in più fasi. Prima di tutto, è necessario eliminare la colonizzazione dell'intestino da parte di agenti patogeni. Se un agente antibatterico specifico è la causa della disbiosi, deve essere sostituito. Gli agenti antisettici aiuteranno a neutralizzare la microflora patogena e stimolare la crescita di batteri benefici.

Il ripristino dei processi di digestione svolge un ruolo importante nel processo di trattamento. A tal fine, gli enzimi digestivi possono aiutare. E, naturalmente, nel trattamento della disbiosi dopo antibiotici, i probiotici e i prebiotici non possono essere eliminati. Qual è la differenza tra questi due gruppi di farmaci?

Innanzitutto, parliamo di probiotici. La composizione di questi farmaci comprende organismi viventi che abitano normalmente nell'intestino umano. I probiotici sono il miglior rimedio nella lotta contro la disbiosi, possono essere assunti già durante la terapia antibiotica e dopo. In casi particolarmente gravi, quando la disbiosi assume una forma protratta, ai pazienti possono essere prescritti probiotici, tra cui E. coli.

I preparati con bifidobatteri sono molto popolari. Sono anche prescritti per curare i bambini. E i probiotici con lattobacilli sono di solito prescritti nel caso in cui non sia possibile annullare il corso della terapia antibiotica. Questo perché sono altamente resistenti agli antibiotici..

Molto spesso i medici prescrivono Linex a pazienti con disbiosi. Contiene microrganismi normalmente presenti in diverse parti dell'intestino. Un altro probiotico noto è Rioflora. Il farmaco inibisce la riproduzione attiva dei patogeni, attiva il sistema immunitario e allo stesso tempo mantiene l'equilibrio della microflora sana.

Per i prebiotici, il meccanismo d'azione è leggermente diverso. Includono componenti alimentari che fermentano nell'intestino inferiore. Grazie a ciò, viene stimolata la riproduzione e viene garantita l'attività vitale dei batteri benefici. Il rappresentante dei prebiotici è Hilak-forte. È un concentrato di prodotti metabolici di microflora benefica. Il corso del trattamento è di un mese.

Rimedi popolari

Puoi anche sbarazzarti della disbiosi con l'aiuto di ricette di medicina alternativa. I preparati a base di erbe aiuteranno a ripristinare la funzione intestinale. Diamo un'occhiata ad alcune ricette. Prendi i seguenti ingredienti per preparare la miscela:

Le materie prime secche vengono versate con acqua bollente e lasciate fermentare per 24 ore. È necessario utilizzare il prodotto filtrato all'interno. Per migliorare l'effetto, è meglio combinare l'assunzione di preparati a base di erbe con l'uso di prodotti a base di latte fermentato. Per prima cosa, puoi bere un bicchiere di kefir e dopo due ore un bicchiere di tintura.

Quindi, la disbiosi dopo l'assunzione di antibiotici è un fenomeno comune, a causa del fatto che questi farmaci sopprimono sia la microflora patogena che i batteri benefici. Al fine di ridurre la probabilità di disbiosi, è necessario attenersi alle raccomandazioni del medico durante il trattamento. Il dosaggio dell'antibiotico, la frequenza del suo utilizzo e la durata del processo di trattamento sono determinati da uno specialista qualificato.

Durante il periodo di trattamento, insieme agli agenti antibatterici, vengono prescritti probiotici, che stimolano l'attività vitale della microflora benefica e allo stesso tempo sopprimono i patogeni. Medicinali, alimenti dietetici e ricette popolari aiuteranno a ripristinare la funzione intestinale. Un approccio integrato aiuterà il corpo a riprendersi presto.

Disbatteriosi dopo antibiotici: sintomi e trattamento

La disbatteriosi è il disturbo più comune associato alla microflora. Ci sono molti fattori che provocano lo sviluppo di questa patologia nella microflora intestinale e vaginale. In molti casi, la causa della disbiosi sono gli antibiotici presi per trattare le infezioni batteriche. Oltre ai microrganismi patogeni, gli antibiotici hanno un effetto dannoso sulla flora benefica necessaria per il pieno funzionamento dell'organo. Come risultato di questo effetto, si verifica la disbiosi..

Caratteristiche della microflora e delle sue funzioni

La microflora è un insieme speciale di microrganismi che prendono parte attiva nella vita del corpo umano. La totalità di questi microrganismi è di mezzo migliaio di batteri importanti che pesano fino a 4 chilogrammi. Circa 2/3 della microflora benefica si trovano sulla superficie interna delle pareti intestinali, il resto copre il sistema genito-urinario e la pelle.

La microflora svolge le seguenti importanti funzioni nel corpo umano:

  • è impegnato nella produzione di ormoni, vitamine;
  • regola la formazione di gas nell'intestino;
  • assicura l'assorbimento di calcio, ferro, vitamine;
  • stimola il sistema immunitario a combattere virus patogeni, batteri;
  • purifica il corpo umano, gli intestini da sostanze tossiche;
  • regola e controlla il bilancio idrico-elettrolitico.

Tuttavia, quando esposto agli antibiotici, può verificarsi un grave malfunzionamento nel funzionamento della microflora, vale a dire la disbiosi.

Gli antibiotici uccidono i batteri nocivi che provocano infiammazione, intossicazione, vale a dire:

  • pneumococchi;
  • gonococchi;
  • streptococchi;
  • stafilococchi e altri.

È impossibile curare tali infezioni senza l'uso di antibiotici. Uno svantaggio importante di tale trattamento è che gli antibiotici non agiscono in modo selettivo, quindi uccidono non solo i microrganismi dannosi, ma anche benefici che vivono nel corpo umano. La disbatteriosi richiede un ciclo di trattamento abbastanza lungo, che è di 25-35 giorni. Per determinare la presenza di questa patologia, è necessario sapere quali segni si manifesta.

Quadro clinico

Lo sviluppo della disbiosi si verifica non solo nell'intestino, ma anche nei genitali, quindi è importante studiare tutti i possibili sintomi. La disbiosi intestinale presenta i seguenti sintomi: aumento della produzione di gas, dolore, pesantezza nell'addome, alternanza di costipazione con feci molli e presenza di prurito nell'ano. I sintomi possono comparire non solo dopo l'uso di droghe, ma anche all'inizio del ciclo di trattamento.

La disbiosi vaginale presenta i seguenti sintomi principali: prurito nella vagina, aumento della sensibilità, frequente minzione, secrezione dai genitali con odore, consistenza e colore caratteristici, sensazione di bruciore nell'uretra, dolore nell'addome inferiore. Se compaiono tali sintomi, è necessario consultare un medico per iniziare il trattamento..

Per quanto riguarda i bambini, la patologia si fa sentire sotto forma di dolore addominale, diarrea e cattiva salute. Fondamentalmente, prevale il disturbo delle feci, le feci diventano liquide, schiumose. La malattia è accompagnata da febbre, nausea, debolezza, irritabilità e perdita di appetito.

Il trattamento della disbiosi richiede una combinazione di una dieta competente e farmaci di qualità. Per normalizzare la microflora intestinale, sarà necessario un recupero prolungato, quindi è più facile prevenire la malattia che curarla dopo il rilevamento. Al fine di prevenire l'insorgenza di disbiosi, è necessario assumere prebiotici adeguati durante il trattamento antibiotico..

Disbiosi vaginale

Gli antibiotici eliminano attivamente i microrganismi dannosi e benefici, quindi, quando le donne assumono tali farmaci, può svilupparsi la disbiosi vaginale. In caso di violazione della microflora naturale, si verifica la riproduzione attiva dei batteri fungini.

Tali batteri contribuiscono allo sviluppo dell'infiammazione delle pareti vaginali, della cervice. Di conseguenza, possono comparire i seguenti sintomi:

  • dolore durante il rapporto sessuale;
  • scarico dai genitali;
  • prurito e bruciore;
  • arrossamento;
  • rigonfiamento;
  • dolore.

Un sintomo di disbiosi è una piccola quantità di lubrificazione naturale durante il sesso e l'eccitazione. Gli organismi patogeni sono in grado di penetrare nell'utero, provocando così l'infiammazione delle ovaie, dell'endometrio e delle tube di Falloppio. La disbiosi può causare cistite.

Per eliminare i sintomi e ripristinare la microflora benefica, saranno necessari prebiotici e speciali farmaci antifungini.

Terapia curativa

Studi speciali aiuteranno a riconoscere la disbiosi, che includono:

  • feci da semina;
  • test del respiro;
  • coprogram;
  • esame batteriologico del contenuto di aspirazione intestinale e biopsia.

Il trattamento di questa patologia viene effettuato in modo globale. Per questo, vengono utilizzate diverse direzioni principali. Scopo del trattamento: normalizzare l'immunità e l'attività del tratto gastrointestinale, ripristinare la microflora intestinale o vaginale.

Attualmente, ci sono molti farmaci per la disbiosi, progettati per ripristinare la microflora. Questi includono:

prebiotici

Questi fondi non vengono digeriti nell'intestino, poiché costituiscono la base per lo sviluppo e la crescita della microflora benefica. I prebiotici comprendono: inulina, galattosio, isomeri del fruttosio, lattulosio, oligosaccaridi. Questi componenti si trovano in mais, grano, aglio, cicoria, cipolle e latticini. Per quanto riguarda i medicinali, i più efficaci sono: Prebio, Duphalac, Lactusan, Normaza.

Probiotici

Queste medicine contengono colture batteriche vive. Non colonizzano l'intestino per ripristinare la microflora benefica. Il compito principale dei probiotici è di sopprimere la riproduzione attiva di batteri nocivi. Pertanto, i farmaci sono coinvolti nel ripristino dell'equilibrio intestinale. La durata del corso di trattamento è di 30-40 giorni. Preparati che forniscono buoni risultati: Colibacterin, Lactobacterin, Bifidumbacterin.

Mezzi che sopprimono lo sviluppo della microflora patogena

Questi medicinali contengono batteri speciali che possono neutralizzare l'attività di microrganismi dannosi. Questi includono: Enterol, Baktisubtil, Baktisporin. Durata della terapia - 1,5 mesi.

Symbiotics

I preparati contengono un complesso di importanti microrganismi batterici benefici. I simbiotici più famosi sono Bifikol, Linex e Bifiform. Durata del trattamento - 2 settimane.

simbiotici

Le medicine in questo gruppo sono costituite da importanti prebiotici e batteri benefici, necessari per lo sviluppo della microflora corretta. Mezzi efficaci: Bifido-tank, Maltodofilus, Laminolact. Il corso di trattamento è di 21 giorni.

Fondi combinati

Questi farmaci sono composti da importanti immunomodulatori, batteri. I più efficaci sono Acipol e Bifiliz. La durata del trattamento è di due settimane..

antisettici

In caso di complicanze della malattia, avrai bisogno di farmaci speciali in grado di sopprimere lo sviluppo e la riproduzione di microrganismi dannosi. L'uso di Ersefuril, Enterofuril è mostrato per una settimana, 200 mg 4 volte al giorno. Intetrix richiede 5 giorni, 2 capsule per 3 dosi al giorno.

Vitamine

Nella maggior parte dei casi, la disbiosi provoca ipovitaminosi, pertanto si consiglia di assumere Dekamevit, Multitab e altri complessi vitaminici.

Oltre all'assunzione di farmaci, sarà necessaria una dieta speciale per ripristinare la microflora. La dieta dovrebbe contenere cereali, crusca, prodotti a base di latte acido, frutta e verdura fresca, bacche. Cerca di ridurre al minimo l'assunzione di dolci, pasticcini, caffè e tè forti, spezie, cibi grassi e piccanti, soda e alcool.

Il trattamento con antibiotici aiuta ad eliminare la microflora benefica. Per evitare lo sviluppo di disbiosi, è necessario iniziare immediatamente a prendere farmaci in grado di proteggere i microrganismi benefici. Affinché il trattamento antibiotico abbia successo e proceda senza complicazioni, è necessario attenersi rigorosamente alle raccomandazioni del medico curante.

Disbatteriosi dopo antibiotici

Tutto il contenuto di iLive viene esaminato da esperti medici per garantire che sia il più preciso e reale possibile.

Abbiamo linee guida rigorose per la selezione di fonti di informazione e ci colleghiamo solo a siti Web affidabili, istituti di ricerca accademica e, ove possibile, comprovata ricerca medica. Si noti che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono collegamenti cliccabili a tali studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri materiali sia impreciso, obsoleto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La disbatteriosi è il disturbo più comune associato alla microflora intestinale. Ci sono alcuni motivi per cui la microflora nell'intestino può cambiare, ma il più delle volte la disbiosi si sviluppa dopo gli antibiotici. Attualmente, gli antibiotici sono usati per molte infezioni batteriche, ma oltre ai batteri patogeni, tali farmaci distruggono anche i microrganismi benefici di cui il corpo ha bisogno per il normale funzionamento, a seguito del quale si sviluppa la disbiosi.

Se è impossibile evitare il trattamento antibiotico, è necessario assumere contemporaneamente farmaci che contengono batteri vivi e aiutare a normalizzare la microflora intestinale.

Codice ICD-10

Cause di disbiosi dopo antibiotici

La terapia farmacologica è la causa più comune dei disturbi della microflora intestinale. Prescrizione inappropriata di antibiotici, uso di farmaci di bassa qualità, dosaggio errato, violazione del regime, prolungamento del corso del trattamento senza necessità speciale, auto-trattamento con farmaci antibatterici: tutto ciò sviluppa resistenza ai farmaci antibatterici, diminuzione della microflora benefica, ecc. Diversi gruppi di antibiotici hanno effetti diversi sull'intestino.

Le tetracicline sono dannose per lo strato superiore e la mucosa intestinale, a seguito delle quali si sviluppano buone condizioni per la riproduzione di batteri patogeni. Come risultato dell'assunzione di tetracicline, aumenta la crescita di clostridi, stafilococchi e funghi candidi.

Gli aminoglicosidi bloccano la crescita della normale microflora.

Le aminopenicilline promuovono lo sviluppo di stafilococchi, streptococchi.

Gli antibiotici fungicidi influenzano selettivamente la riproduzione dei batteri Proteus, Escherichia lattosio-negativa.

La disbatteriosi può comparire anche dopo un antibiotico selezionato individualmente, con il dosaggio corretto e il corso di trattamento indicato. Anche in questo caso, ci vorrà almeno un mese per ripristinare la normale microflora..

Sintomi di disbiosi dopo antibiotici

La disbatteriosi dopo gli antibiotici di solito si sviluppa nell'intestino o nei genitali.

La malattia si manifesta con diarrea, costipazione (o alternanza), gonfiore, prurito nella regione anale. I sintomi della disbiosi possono comparire sia nei primi giorni di trattamento che negli ultimi.

Con disbiosi vaginale, possono comparire perdite con un colore, odore o consistenza cambiati, prurito della vagina e degli organi genitali esterni, bruciore nell'uretra, minzione frequente e sensazioni dolorose nell'addome inferiore.

Se dopo la terapia antibiotica compaiono sintomi di disbiosi, è necessario consultare uno specialista.

Disbatteriosi nei bambini dopo antibiotici

Per alcune malattie infantili, è impossibile fare a meno dell'uso di antibiotici, ma tale trattamento spesso porta a gravi conseguenze. Abbastanza spesso, dopo il trattamento (o durante il trattamento), i bambini sviluppano diarrea, dolore addominale, deterioramento del benessere generale.

La disbatteriosi dopo gli antibiotici in un bambino si manifesta con un disturbo delle feci (diventa schiumoso, ammuffito, liquido, con un forte odore), flatulenza, dolore addominale, febbre. Abbastanza spesso, i bambini iniziano a sentire debolezza, nausea, diventano letargici, dormono male, il loro appetito scompare. Con la disbiosi, il bambino mostra ansia, inizia ad agire, inoltre, si possono vedere arrossamenti e irritazioni nell'area anale.

La disbatteriosi dopo gli antibiotici necessita di una combinazione competente di trattamento e dieta. Per normalizzare la microflora intestinale disturbata, è spesso richiesto un lungo ciclo di terapia riabilitativa. La disbatteriosi è molto più facile da prevenire, quindi i prebiotici devono essere presi dai primi giorni della terapia antibiotica.

Disbatteriosi dopo antibiotici nei neonati

La diarrea nei neonati è particolarmente degna di nota, poiché molto spesso si sviluppa dopo che una donna, in gravidanza, è stata sottoposta a un ciclo di terapia antibiotica senza ripristinare la flora intestinale. Nei neonati, la diarrea porta alla disidratazione, quindi dovresti consultare il pediatra il prima possibile.

Di solito, un bambino con una microflora disturbata è irrequieto, non dorme bene a causa del dolore alla pancia, che appare circa due ore dopo aver mangiato. Quasi ogni disbiosi dopo gli antibiotici procede con gonfiore, forte formazione di gas e brontolio nell'addome. A causa del fatto che la motilità intestinale è indebolita, il bambino inizia a sputare (in alcuni casi, appare il vomito). Il grave sviluppo della disbiosi porta al fatto che i nutrienti sono scarsamente assorbiti nell'intestino, appare la diarrea (secrezione schiumosa con un odore acido o putrido), il bambino non ingrassa bene.

In alcuni casi, i neonati avvertono costipazione, poiché la mancanza di bifidobatteri porta al fatto che l'attività contrattile dell'intestino diminuisce.

Disbiosi vaginale dopo antibiotici

Dopo gli antibiotici, una donna sviluppa spesso disbiosi vaginale, poiché i farmaci antibatterici distruggono non solo i microrganismi patogeni, ma anche la microflora benefica, che è normalmente presente sulle mucose degli organi interni. In violazione della microflora naturale, vari agenti patogeni iniziano a mostrare attivamente attività, i batteri fungini iniziano spesso a moltiplicarsi nella vagina.

In questo caso, il trattamento richiede non solo l'assunzione di farmaci con prebiotici per ripristinare la microflora, ma anche l'assunzione di agenti antifungini. I batteri nella vagina provocano processi infiammatori nella cervice e nelle pareti vaginali, di conseguenza, aumenta la quantità di secrezione, c'è dolore, prurito, bruciore nei genitali (è anche possibile un rapporto doloroso). Il primo sintomo di una microflora vaginale disturbata è una quantità insufficiente di lubrificazione durante l'eccitazione sessuale di una donna. Inoltre, i microrganismi patogeni possono entrare nell'utero e causare infiammazione del suo strato interno (endometrio), tube di Falloppio o ovaie..

La disbiosi dopo antibiotici può causare infiammazione della vescica o dell'uretra.

Disbiosi intestinale dopo antibiotici

Oggi in medicina, gli antibiotici sono usati nel trattamento di quasi tutte le malattie, ma un trattamento efficace ha un effetto collaterale piuttosto grave - una violazione della microflora del corpo. Molto spesso, la disbiosi dopo antibiotici si sviluppa nell'intestino. Tuttavia, diversi fattori influenzano la gravità della malattia..

Prima di tutto, le persone con malattie croniche del tratto gastrointestinale sono più sensibili allo sviluppo della disbiosi. In questo caso, il trattamento antibiotico aggrava solo la situazione, poiché quando i processi digestivi sono disturbati, la microflora intestinale è già cambiata.

Inoltre, l'assunzione di farmaci antibatterici per più del periodo prescritto può influenzare notevolmente la microflora intestinale. A volte una persona estende in modo indipendente il periodo di trattamento al fine di distruggere finalmente l'infezione. In questo caso, più a lungo viene assunto l'antibiotico, più la microflora intestinale naturale viene disturbata..

Frequenti cicli di terapia antibiotica hanno anche un effetto negativo sulla microflora intestinale. In alcuni casi particolarmente gravi, le condizioni del paziente richiedono solo un tale trattamento, ma quando una persona decide da sola di essere trattata con tali farmaci, specialmente ai primi segni di raffreddore, la disbiosi è quasi impossibile da evitare.

La microflora intestinale è in grado di recuperare da sola, tuttavia, ciò richiede tempo e, se i farmaci antibatterici vengono presi troppo spesso, il corpo non ha abbastanza tempo per recuperare, di conseguenza, i batteri benefici rimangono sempre meno e i batteri patogeni ricevono condizioni ottimali per la riproduzione.

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alla nutrizione durante il corso di antibiotici. Dovresti includere più cereali e latticini, frutta e verdura nel tuo menu. Lo sviluppo della microflora naturale è facilitato dalla fibra alimentare e dai prodotti a base di latte fermentato e, se non li consumate, la disbiosi si sviluppa più rapidamente e procede in una forma più grave..

Diagnosi di disbiosi dopo antibiotici

La disbatteriosi dopo antibiotici o per altri motivi viene diagnosticata da un gastroenterologo. Il modo principale per diagnosticare la disbiosi è l'esame batteriologico delle feci.

Se necessario, uno specialista può prescrivere diversi metodi di ricerca aggiuntivi:

  • esame radiografico di contrasto;
  • sigmoidoscopia (esame dell'intestino fino a 30 cm con un dispositivo speciale);
  • colonscopia (esame dell'intestino fino a 1 m con un dispositivo speciale)

Con la disbiosi, di norma, di solito, oltre all'analisi delle feci, vengono prescritte PCR, analisi spettrale di massa e analisi della microflora parietale.

Per determinare la disbiosi, nonché la sua natura, è necessario determinare quali batteri e in quale quantità si sono moltiplicati nell'intestino.

Attualmente vengono principalmente utilizzati due tipi di ricerca: batteriologica e analisi dei metaboliti della microflora.

L'esame batteriologico rivela fino al 10% dei microrganismi che popolano la microflora intestinale. I risultati dello studio sono stati ottenuti in una settimana (questo è esattamente il tempo necessario ai batteri per crescere in un ambiente speciale ed è possibile determinare il loro tipo.

La ricerca metabolica consiste nella determinazione delle sostanze rilasciate dai microrganismi nel processo della vita. Questo metodo è abbastanza semplice ed efficace, inoltre, dopo poche ore puoi già scoprire i risultati.

Quando si diagnostica la disbiosi, è importante ricordare che ogni persona è individuale e che la microflora intestinale dipende dall'età, dalla dieta, dalla stagione. Pertanto, la diagnosi non viene effettuata solo sulla base di analisi, ma richiede ulteriori metodi di ricerca..

Chi contattare?

Trattamento della disbiosi dopo antibiotici

La disbatteriosi dopo gli antibiotici viene generalmente trattata con farmaci speciali che contengono batteri benefici.

Prebiotici e probiotici comunemente usati.

I prebiotici entrano nel corpo con il cibo e non vengono digeriti nell'intestino, ma tali sostanze sono un eccellente mezzo nutritivo per la microflora. Tali sostanze si trovano in grandi quantità in cipolle, aglio, mais e prodotti lattiero-caseari. Esistono anche preparazioni speciali contenenti prebiotici (normze, prebio, ecc.).

I probiotici contengono batteri vivi che non colonizzano l'intestino, ma inibiscono la crescita di microrganismi patogeni e ripristinano l'equilibrio naturale nell'intestino. Tuttavia, nei casi più gravi di disbiosi, tali farmaci sono inefficaci ed è necessario l'uso di farmaci antimicrobici.

Come trattare la disbiosi dopo gli antibiotici?

La disbatteriosi dopo gli antibiotici può essere trattata con antisettici intestinali, che sopprimono la crescita di batteri patogeni, praticamente senza influenzare i batteri importanti per l'intestino.

Intetrix è un derivato di tre chinoloni ed è prescritto in un periodo non superiore a 5 giorni.

La nifuroxzide appartiene al gruppo dei nitrofurani, generalmente prescritto come un corso settimanale quattro volte al giorno, 200 mg.

Preparati per disbiosi dopo antibiotici

La disbatteriosi dopo antibiotici, specialmente in forma grave, è soggetta a trattamento farmacologico. I farmaci antibatterici per il ripristino della microflora intestinale sono prescritti solo dopo che è stata stabilita la natura della disbiosi e anche solo dopo un'analisi per la sensibilità dei microrganismi.

  • Con stafilococchi, enterococchi, vengono prescritti agenti del gruppo dei macrolidi (oleandomicina), penicilline semisintetiche (amoxicillina).
  • Con E. coli, i derivati ​​dell'acido nalidixico, i nitrofurani (antisettici), i sulfamidici (ftalazolo) mostrano una grande efficienza.
  • Con Pseudomonas aeruginosa, polimixina, aminoglicosidi (kanamicina).
  • Con candidomicosi - lamisil, amfotericina.
  • Con la disbiosi vengono anche utilizzati i batteriofagi: virus che agiscono contro un solo tipo di batteri. Questi farmaci possono essere utilizzati in combinazione con antibiotici o in alternativa al trattamento. I batteriofagi vengono assunti per via orale o usati come clistere. Il moderno mercato farmaceutico offre coliproteina, stafilococco, Pseudomonas aeruginosa, batteriofagi proteici.

La disbatteriosi porta all'ipovitaminosi, per il trattamento di cui sono prescritti complessi vitaminici (multitab). Inoltre, con la disbatteriosi, la difesa immunitaria è disturbata, quindi gli immunomodulatori sono usati nel trattamento, che non solo aiutano ad aumentare l'immunità, ma anche a ripristinare la microflora intestinale. Di solito, i rimedi a base di erbe vengono utilizzati per questo scopo (tintura di echinacea, propoli).

Nutrizione per la disbiosi dopo antibiotici

Per mantenere il naturale equilibrio della microflora intestinale, è importante consumare prodotti a base di cereali e acido lattico, verdure, frutta, che contengono fibre alimentari, aminoacidi, latto- e bifidobatteri.

Nel trattamento della disbiosi, è necessario rispettare i principi di base della nutrizione:

  • mangiare ad orari rigorosamente definiti;
  • la dieta dovrebbe includere fibre alimentari e prodotti a base di latte fermentato;
  • la dieta è individuale, se il prodotto non risponde, deve essere immediatamente escluso dalla dieta.

Per normalizzare la microflora intestinale, è importante includere nella dieta alimenti contenenti poli e oligosaccaridi (cereali, frutta, verdura). Queste sostanze servono come fonte di energia per i bifidobatteri.

Il latte materno contiene oligosaccaridi, pertanto, con la disbiosi dei bambini, è importante continuare l'allattamento.

Altre fonti di oligosaccaridi sono zucchine, carote, farina d'avena, cipolle e aglio. Molte bacche, mele, banane e albicocche contengono fruttoligosaccaridi. Le radici di tarassaco, i legumi, la cicoria sono ricchi di polisaccaridi. Per ottenere l'assunzione giornaliera di saccaridi, è necessario mangiare almeno cinque porzioni di frutta e verdura..

Polisaccaridi, sono anche fibre alimentari necessarie per l'intestino come fonte di cibo per i batteri, per migliorare la motilità, fungono anche da enterosorbenti naturali.

  • In caso di disbiosi causata da stafilococchi, si raccomanda di aumentare il consumo di lamponi, fragole, sorbo.
  • Con proteine, Pseudomonas aeruginosa, aglio, cipolla, ravanello, mele, albicocche sono soppressivi.
  • E. coli modificato è oppresso da melograni, peperoni, cipolle.
  • Con candidosi, carote, mirtilli rossi aiutano.

Come fonte di probiotici, puoi usare prodotti a base di acido lattico (kefir, acidophilus, activia, kumis, ecc.).

La disbatteriosi dopo gli antibiotici è stata recentemente riscontrata sempre più spesso, poiché quasi tutte le malattie sono trattate con agenti antibatterici. Al fine di ridurre l'effetto negativo di tali farmaci, dai primi giorni di trattamento è necessario sostenere la microflora intestinale con l'aiuto di farmaci speciali e una dieta equilibrata..

Cosa fare con la disbiosi dopo gli antibiotici

È difficile trovare un adulto che non abbia familiarità con gli antibiotici. Spesso, tali farmaci sono prescritti per i bambini, ad esempio nel trattamento dell'angina o dell'otite media. Molte persone sanno che l'assunzione di antibiotici può portare allo sviluppo di disbiosi. L'interruzione del normale microbiota intestinale dopo l'assunzione di farmaci antibatterici è un effetto collaterale comune di questi farmaci. A volte questa condizione scompare da sola, ma in alcune situazioni richiede una correzione mirata..

Perché la disbiosi si verifica dopo gli antibiotici?

I farmaci antibatterici sono davvero salvavita per le infezioni batteriche. Distruggono i microrganismi patogeni dannosi per la salute. Ma tali farmaci influenzano anche i batteri benefici che vivono sulle mucose del corpo. Un numero enorme di questi batteri è presente nel tratto digestivo, costituendo il microbo intestinale. Sono importanti per:

  • salute normale;
  • completa digestione del cibo;
  • produzione di vitamine;
  • assimilazione di nutrienti, ecc..

La terapia antibiotica a breve termine sotto la supervisione di un medico interrompe in modo insignificante la flora intestinale. Con un'immunità normale e una buona salute, l'equilibrio della microflora viene ripristinato da solo entro un paio di settimane. Il rischio di sviluppare una grave disbiosi aumenta con:

  • età precoce e avanzata del paziente;
  • assunzione incontrollata di antibiotici;
  • terapia antibiotica a lungo termine;
  • problemi di salute associati.

La disbatteriosi dopo gli antibiotici può causare disturbi del benessere. Aumenta anche il rischio di sviluppare altri problemi di salute..

Foto: Poznyakov / Shutterstock.com

Segni di disbiosi

Puoi sospettare uno squilibrio nella microflora intestinale dopo gli antibiotici:

  • disturbi delle feci;
  • feci molli con rilascio di feci molli, schiumose, fetide;
  • disagio, dolore addominale;
  • formazione eccessiva di gas;
  • perdita di appetito;
  • nausea frequente;
  • bruciore di stomaco e eruttazione periodici;
  • alitosi.

Inoltre, la disbiosi intestinale può manifestarsi con disturbi delle condizioni generali e manifestazioni cutanee..

LocalizzazioneDescrizione della funzione
Sintomi comuniMal di testa, debolezza grave, malessere costante, affaticamento eccessivo, problemi di sonno, perdita di peso.
PellePrurito, bruciore, secchezza e desquamazione, eruzione cutanea allergica.

La disbatteriosi può manifestarsi in diversi modi nei pazienti. Gli stmptomatici dipendono dall'età del paziente, dai problemi di salute associati e dalla gravità del disturbo del microbiota intestinale.

Foto: AstroStar / Shutterstock.com

Schema di correzione

Per eliminare la disbiosi intestinale, è necessario attenersi alle raccomandazioni del proprio medico. Se la disbiosi semplice si è sviluppata dopo gli antibiotici, il trattamento viene eseguito da un terapista e i casi gravi della malattia richiedono una visita a un gastroenterologo. Tipicamente, il regime di trattamento per la disbiosi dopo la terapia antibiotica comprende: dieta; prendendo probiotici e sinbiotici che aiutano a ripristinare la normale flora intestinale.

In caso di lesioni gravi che si sviluppano sullo sfondo di altri problemi di salute, potrebbe essere necessario un trattamento farmacologico aggiuntivo. Il medico seleziona i farmaci che eliminano i batteri patogeni nell'intestino.

Prodotti farmaceutici per il ripristino del microbiota intestinale dopo antibiotici:

Nome del gruppoDescrizioneDroghe campione
ProbioticiColonizzano l'intestino con batteri benefici. Può essere monocomponente (contenere un tipo di batteri), multicomponente e multicomponente (ad esempio, con assorbenti nella composizione)Lactobacterin, Bifidumbacterin, Bifiform, Acipol, Enterol, Linex, Probifor, Bifidumbacterin Forte.
simbioticiContiene batteri e nutrienti benefici per la loro crescita e riproduzione.Normoflorin, Narine forte, Maxilak.

Lattobatterino

È un semplice probiotico con lattobacilli vivi. La sua ricezione aiuta a popolare gli intestini con microrganismi benefici, a causa dei quali i patogeni patogeni e opportunistici diventano meno attivi e muoiono. Il lattobatterio contribuisce alla distruzione di E. coli, nonché a stafilococchi pericolosi.

Il farmaco può essere acquistato in varie forme di dosaggio. La disbiosi del tratto gastrointestinale di solito comporta l'uso di compresse o polvere.

Modulo per il rilascioDosaggio per bambiniDosaggio negli adultiSchema di ricezione
pillole2-3 compresse al giorno5 compresse al giorno30-40 minuti prima dei pasti.
Polvere1-5 dosi al giorno3-5 dosi di 2-3 r. in un giorno.Tra 20 minuti prima dei pasti. Prima di prendere, diluire con acqua - 1 cucchiaino. per 1 dose.

Bifidumbacterin

Questo medicinale contiene esclusivamente bifidobatteri. La sua ricezione aiuta:

  • normalizzare il microbiota intestinale dopo antibiotici;
  • attivare il processo di digestione;
  • stimolare le funzioni del tratto digestivo;
  • normalizzare il metabolismo;
  • aumentare la resistenza aspecifica del corpo (immunità).

Si raccomanda di assumere bifidumbacterin anche prima dell'inizio dei segni di disbiosi - a scopo preventivo. Quando si utilizza il farmaco a scopi terapeutici, il dosaggio è leggermente aumentato.

Scopo dell'ammissioneBambini fino a sei mesiDa sei mesi a 3 anniDa 3 a 7 anniDa 7 anni e adultiDurata dell'ammissione
Prevenzione1 bustina 1 sfregamento. tra 24 ore1 pacco. 1-2 p. tra 24 ore2 pacchi. 1-2 p. tra 24 ore2 pacchi. 1-2 p. tra 24 ore2-3 settimane
Trattamento1 pacco. 2-3 p. tra 24 ore1 pacco. 3-4 p. tra 24 ore1 pacco. 3-5 p. tra 24 ore2 pacchi. 3-4 p. tra 24 ore3-4 settimane

Bifiform

Aiuta a prevenire ed eliminare la disbiosi gastrointestinale di varia origine. La composizione dipende dalla forma di rilascio:

  • capsule enteriche Bifiform contengono bifidobatteri e enterococchi;
  • polvere per preparazione di sospensione Bifiform Kid ospita lattobacilli e bifidobatteri;
  • compresse masticabili Bifiform Kid contengono lattobacilli, bifidobatteri, vitamine (B1 e B6);
  • soluzione in polvere e olio Bifiform Kids contiene bifidobatteri e streptococcus thermophilus;
  • Le compresse complesse bififormi contengono bifidobatteri, lattobacilli e lattobacilli, nonché inulina.

Il dosaggio del medicinale, naturalmente, dipende dalla forma di rilascio. Il trattamento dei pazienti adulti si verifica più spesso utilizzando capsule bififormi convenzionali. Devono essere presi in 2-3 pezzi. un giorno senza riferimento al cibo. La durata della terapia è di 10-21 giorni. Questa forma di farmaco è adatta anche per bambini dai 2 anni. Tuttavia, i medici raccomandano di dare la preferenza a Bifiform per bambini durante il trattamento dei bambini..

Acipol

Questo probiotico contiene funghi kefir e acidophilus lactobacilli. Si ritiene che tali componenti aiutino:

  • sopprimere l'attività dei batteri patogeni e opportunistici;
  • regolare la composizione del microbiota intestinale;
  • aumentare la reattività immunologica.

Acipol può essere usato nel trattamento di bambini dai 3 anni di età. Il dosaggio dipende dall'età e dalle raccomandazioni del medico.

Età3 mesi a 3 anniDa 3 anni e adulti
Dose1 caps. 2-3 p. tra 24 ore1 caps. fino a 4 p. al giorno.

Si consiglia di assumere il farmaco 30 minuti prima dei pasti. I bambini hanno bisogno di estrarre il contenuto della capsula e dissolverlo nel latte o nell'acqua normale. Gli adulti devono ingerire la capsula intera con acqua. Durata della terapia - da 15 giorni.

Foto: Bukhta Yurii / Shutterstock.com

Linex

Questo probiotico contiene batteri lattici liofilizzati vivi: lattobacilli, bifidobatteri e enterococchi. Inoltre, il prodotto contiene lattosio e fecola di patate.

Linex è adatto per la prevenzione e la correzione della disbiosi intestinale. È prescritto a pazienti di età diverse:

Categoria del pazienteBambini sotto i 24 mesiBambini da 2 a 12 anniBambini da 12 e adulti
Dosaggio1 caps. 3 p. al giorno1-2 tappi. 3 p. al giorno2 tappi 3 p. al giorno

I bambini piccoli che non sono in grado di deglutire un'intera capsula devono diluirne il contenuto in una piccola quantità di liquido. L'assunzione dell'intera capsula è considerata preferibile. Il prodotto deve essere assunto con acqua.

Normoflorin

Esistono diverse varietà di un tale integratore alimentare, leggermente diverse nella composizione. Il prodotto contiene:

  • colture di bifidobatteri;
  • metaboliti di bifidobatteri;
  • vitamine;
  • oligoelementi;
  • prebiotico.

L'assunzione di Normoflorin aiuta a ripristinare il microbiota intestinale ottimale. Il farmaco è in grado di:

  • partecipare al metabolismo e all'assimilazione di proteine, grassi e carboidrati;
  • ripristinare il metabolismo del colesterolo e della bilirubina;
  • ottimizzare l'assorbimento di calcio e sali di ferro, nonché di vitamine;
  • normalizzare la produzione di vitamine del gruppo B;
  • prevenire l'avvelenamento da endotossine;
  • stimolare la sintesi di interferoni, ecc..

La normoflorina è intesa per uso interno. Viene rilasciato sotto forma di gocce, che devono essere diluite in un liquido commestibile in un rapporto di 1: 3. Successivamente, il medicinale deve essere bevuto immediatamente. La ricezione deve essere ripetuta 1-2 p. in un giorno.

Il dosaggio standard per gli adulti è di 2-3 cucchiai. l. Il dosaggio dei bambini è concordato con il medico. Durata della terapia - da 14 a 30 giorni.

Si raccomanda di assumere la normoflorina sin dai primi giorni di utilizzo di antibiotici. In tale situazione, il farmaco aiuterà a prevenire la disbiosi..

Dieta per disbiosi intestinale

Per ripristinare con successo la normale microflora intestinale, i medici raccomandano:

  • passare a una dieta corretta ed equilibrata;
  • mangiare spesso, in piccole porzioni;
  • consumare quotidianamente prodotti a base di latte fermentato;
  • includere verdure in salamoia nella dieta;
  • mangiare verdure, frutta, una varietà di verdure e noci regolarmente.

La disbatteriosi dopo gli antibiotici richiede il rifiuto di prodotti francamente dannosi. Anche l'alcol è vietato..

Trattamento della disbiosi intestinale negli adulti dopo antibiotici

Il primo antibiotico (penicillina) è stato scoperto quasi 90 anni fa dallo scienziato inglese Fleming. La parola "antibiotico" significa letteralmente ciò che è contro la vita. Nonostante il suo formidabile nome, gli antibiotici hanno salvato milioni di vite durante la loro esistenza come medicina..

Oggi gli antibiotici sono rappresentati da più di una dozzina di gruppi nella loro struttura chimica e centinaia di nomi di farmaci. Continuano a salvare vite. Ma come qualsiasi medicina, gli antibiotici hanno i loro effetti collaterali..

L'espressione "uno guarisce, un altro paralitico" è in gran parte vera per gli antibiotici.


Il primo antibiotico - penicillina

Quali antibiotici causano la disbiosi?

  • Qualsiasi antibiotico, indipendentemente da quanti giorni viene utilizzato, può causare disbiosi. Ma ci sono alcuni gruppi di medicinali che hanno un rischio più elevato:
  • tetracicline;
  • aminoglicosidi;
  • fungicidi;
  • aminopenicillins.

Non è un caso che gli antibiotici tetracicline siano in primo luogo nell'elenco dei più pericolosi in termini di disbiosi. Questi farmaci influenzano e danneggiano in modo aggressivo la mucosa intestinale. Per quanto riguarda gli aminoglicosidi, a differenza delle tetracicline, non danneggiano la mucosa. Ma perché sono pericolosi? Questi antibiotici fermano e talvolta addirittura fermano la crescita e la riproduzione di batteri benefici.

Anche piccole dosi di agenti fungicidi causano un forte aumento del numero di batteri Proteus e di Escherichia lattosio-negativa. Infine, le aminopenicilline creano le condizioni ideali per la riproduzione attiva delle infezioni da stafilococco e streptococco. Il loro uso può persino portare a disbiosi con febbre e sanguinamento..

Erbe medicinali

Questi sono farmaci la cui azione si basa sulle proprietà di varie piante. I loro principi attivi sono estratti ed estratti di erbe e alberi..

  • Tintura di semi di aneto
    . Queste gocce economiche sono nella lista delle medicine naturali per coliche e gonfiore. Allevia gli spasmi, rilassa l'intestino e stimola lo stomaco. Ai bambini e ai pazienti con mucose sensibili si consiglia di assumere acqua di aneto;
  • Frutto di cumino
    . Conosciuto per le proprietà carminative;
  • Lo stomaco fa cadere Herbion
    . Completamente composto da ingredienti naturali. Contiene estratti di genziana, semi di cumino, camomilla, achillea. Sono necessari per alleviare rapidamente lo spasmo gastrointestinale e rimuovere le bolle di ossigeno dal tratto. Può essere usato per trattare i bambini dai 6 anni di età e le donne in gravidanza (solo dopo aver consultato un medico).

Consultare uno specialista prima di trattare gonfiore e gas con questi farmaci. La maggior parte di essi ha gravi controindicazioni ed effetti collaterali..

Vari farmaci antibatterici sono usati per trattare molte malattie. Ma hanno tutti uno svantaggio significativo, che risiede nell'impatto negativo, oltre ai microrganismi patogeni, sulla flora benefica degli organi digestivi. Cioè, inibiscono indiscriminatamente sia i batteri benefici che quelli che causano malattie. I bambini piccoli sono più sensibili a questo processo patologico. Al fine di prevenire l'insorgere di fenomeni spiacevoli, è necessario comprendere più dettagliatamente perché possono svilupparsi e come recuperare dopo aver subito un ciclo di terapia antibiotica..

Manifestazioni caratteristiche negli adulti

Per la prima e la seconda fase del processo patologico, la comparsa di eventuali segni non è caratteristica. I sintomi della disbiosi compaiono solo dal terzo grado. Considera i sintomi clinici tipici della disbiosi:

  • diarrea persistente o costipazione;
  • gonfiore doloroso;
  • prurito della regione anorettale;
  • in rari casi, sangue e muco compaiono nelle feci;
  • febbre;
  • disidratazione;
  • odore fetido dalla bocca;
  • eruzione cutanea su viso e mani;
  • nausea e vomito;
  • falso impulso a defecare;
  • eruttazione;
  • crampi intestinali;
  • reazione allergica;
  • intossicazione del corpo sotto forma di mal di testa, disturbi del sonno, affaticamento, aumento della temperatura corporea;
  • pelle secca, unghie fragili, perdita di capelli, convulsioni agli angoli della bocca, stomatite: tutto ciò indica una mancanza di nutrienti nel corpo.

Quanto dura la disbiosi dopo la terapia antibiotica? Se l'insorgenza acuta della malattia è accompagnata da forte dolore, febbre, sangue nelle feci, questo di solito indica il terzo o addirittura il quarto stadio della disbiosi. In questo caso, la malattia senza un'adeguata terapia medica può trascinarsi per un mese o anche di più. In rari casi, il primo e il secondo stadio durano circa due settimane e possono comportare il recupero senza trattamento.

Separatamente, vale la pena notare alcune delle conseguenze che un ciclo di terapia antibiotica può portare. Spesso i pazienti sviluppano stomatite: questa è una malattia infettiva e infiammatoria della cavità orale, che provoca gonfiore e arrossamento della mucosa orale, nonché la formazione di ferite. Per eliminare l'infiammazione, ai pazienti vengono prescritti risciacqui antisettici e probiotici.

Durante il periodo di trattamento, è estremamente importante aderire a una dieta dietetica, che include il rifiuto di piccante, salato, dolce. Secondo gli studi, nel cinquanta percento dei casi di disbiosi intestinale nei pazienti, appare il mughetto..

Nelle donne, si manifesta sotto forma di candidosi vaginale, che è caratterizzata dall'aspetto di scarico di formaggio dalla vagina con un odore sgradevole, nonché prurito e bruciore dei genitali. Un'altra complicazione è un forte indebolimento del sistema immunitario. Con le allergie, le cellule del corpo soffrono. Di conseguenza, il numero di raffreddori e SARS aumenta notevolmente.

I principali metodi di terapia riabilitativa

Il modo più semplice per ripristinare la flora intestinale è utilizzare prodotti a base di latte fermentato contenenti acidiobifidobatteri e lattobacilli. Sono abbastanza facili da acquistare nel negozio, poiché la scelta di kefir arricchiti e yogurt dal vivo in essi è semplicemente enorme oggi. Grazie a queste bevande, il numero di batteri benefici nel tratto digestivo verrà gradualmente ripristinato, poiché per loro verranno create le condizioni ideali per la vita. Ma non dimenticare di controllare le date di scadenza al momento dell'acquisto di questi prodotti. Per la terapia riabilitativa dopo il trattamento antibiotico, vengono utilizzati:

  • prodotti a base di acido lattico con una breve durata (non più di una settimana);
  • farmaci speciali che aiutano a correggere efficacemente lo stato della microflora intestinale (Bifikol, Acylact, Lactobacterin, Bifidumbacterin e altri).

Puoi anche usare metodi popolari per ripristinare l'intestino. I mirtilli freschi o il succo da essi aiutano a rimuovere bene gli antibiotici dal corpo. Puoi anche preparare questa infusione:

  • Mezzo litro di kefir viene versato in un barattolo da un litro (puoi sostituirlo con yogurt), tritato finemente ma non schiacciato 2 spicchi d'aglio, lo stesso quantitativo di cipolle, prezzemolo e aneto.
  • A loro si aggiunge un cucchiaino di fiori secchi tritati di camomilla da farmacia e erba di San Giovanni.
  • Inoltre, il barattolo viene versato in cima con acqua bollente e lasciato in infusione per mezz'ora, dopo di che la composizione viene filtrata e bevuta, a seconda del peso corporeo, una o due volte.

I farmaci antibatterici hanno un effetto negativo su tutto il corpo, ma il sistema digestivo ne soffre di più. La durata delle misure di riabilitazione dipende direttamente dalla durata e dalla durata del trattamento antibiotico. Tuttavia, il modo migliore per risolvere questo problema dovrebbe essere la sua prevenzione, pertanto tutti gli sforzi del medico e del paziente dovrebbero mirare a ottimizzare il corso del trattamento con farmaci antibatterici.

Come risultato dello sviluppo di farmaci e dello sviluppo di una serie di farmaci "sicuri", le persone hanno iniziato a usarli spesso, anche senza consultare un medico. Questo vale anche per gli antibiotici volti a combattere le malattie infettive, o meglio, i batteri che le causano. Di norma, questi farmaci fanno fronte alla loro funzione, ma sono possibili effetti collaterali, in particolare - gonfiore dopo l'assunzione di antibiotici. Quali sono le ragioni di ciò e cosa fare in questo caso? Le risposte a queste domande sono in questo articolo..

Disbiosi nei bambini

L'uso di antibiotici nel trattamento dei bambini è una misura obbligatoria. Ma dovresti ricorrere al loro uso solo dopo una prescrizione medica. Con disbiosi da antibiotici, i bambini avvertono disagio nell'addome, gonfiore e flatulenza. Il cibo non viene completamente digerito, quindi i pezzi rimanenti iniziano a marcire.

Quindi vengono rapidamente escreti e questo si manifesta sotto forma di diarrea, oppure diventano più densi, causando costipazione. Qualsiasi sviluppo di eventi è pericoloso per il bambino. Nel primo caso, minaccia la disidratazione e nel secondo l'avvelenamento del corpo, poiché le tossine dall'intestino vengono assorbite nel sangue.

A causa della mancanza di batteri benefici, che sono responsabili della degradazione del cibo, le proteine ​​vengono assorbite nel flusso sanguigno quasi invariate. Ciò provoca lo sviluppo di una reazione allergica, poiché il corpo del bambino li percepisce come un oggetto estraneo e inizia a combattere attivamente con esso. Clinicamente, questo può presentarsi come un'eruzione cutanea.

Il trattamento dei bambini con antibiotici può minacciare conseguenze come:

  • stomatite. Questa è un'infiammazione della bocca. Il bambino inizia ad essere capriccioso, non mangia bene;
  • tordo. Nell'infanzia, la candidosi colpisce la cavità orale. Nelle ragazze adolescenti, il mughetto può presentarsi come secrezione vaginale cagliata e prurito vulvare;
  • una reazione allergica che si verifica a causa di proteine ​​non digerite;
  • indebolimento dell'immunità, a causa della quale il bambino spesso inizia a ammalarsi di raffreddore;
  • carenza di vitamina, che minaccia un rallentamento della crescita e dello sviluppo del bambino.

Enterosorbents

Gli enterosorbenti sono un tipo speciale di farmaco che viene utilizzato per assorbire e rimuovere tossine, formazioni putrefattive e altre sostanze tossiche dall'intestino. Sono classificati in base alla forma (compresse, polveri, soluzioni), area di azione (convenzionale e selettiva) e origine (naturale e sintetica).

Quando si usano questi farmaci, i principi attivi, come una spugna, assorbono veleni e tossine. La loro caratteristica è un'azione soft e risultati rapidi. Sono sicuri per le mucose e la maggior parte di questi farmaci è approvata per l'uso nei bambini..

Sorbenti selettivi popolari:

  • Carbone attivo
    - Le pillole più economiche e conosciute per gonfiore e formazione di gas. È un assorbente naturale che viene utilizzato per purificare il corpo ed eliminare la diarrea, flatulenza derivante da avvelenamento. Disponibile in polvere e compresse;
  • Polysorb
    . Un analogo del carbone attivo, ma con meno effetti collaterali. Anche l'uso a lungo termine di questo assorbente non provoca costipazione e quando si pulisce l'intestino con il suo aiuto, l'equilibrio della microflora non cambia;
  • filtrum
    . È prescritto per la rapida intossicazione e la rimozione dei prodotti di scarto dal tratto gastrointestinale (compresi i gas). Fatto da carbone riciclato. È caratterizzato da elevate proprietà assorbenti, non viene assorbito nell'intestino;
  • Lactofiltrum
    - sorbente selettivo di lattulosio e lignina. Normalizza la microflora, riduce il gonfiore e la flatulenza, aiuta con diarrea e intossicazione alimentare. Il farmaco è approvato per l'ostruzione intestinale;

Gli assorbenti naturali includono:

  • Cellulosa
    . Fornisce il rilassamento dei muscoli intestinali, come una spugna, pulisce dalla sua superficie vecchie feci e altre formazioni che provocano il decadimento e l'accumulo di gas. Considerato sicuro da usare durante la gravidanza. Il dosaggio raccomandato è di mezzo cucchiaio prima o durante i pasti.
  • chitina
    . Passa delicatamente attraverso il tratto intestinale, eliminando i patogeni e normalizzando la microflora.
  • Cellulosa
    . Si riferisce agli assorbenti meccanici attivi. Se utilizzato, può causare infiammazione dell'intestino, quindi viene utilizzato solo in casi di emergenza.

Come trattare?

Al fine di ridurre la manifestazione degli effetti collaterali degli antibiotici, è necessario assumersi la responsabilità della propria salute. Se non ti senti bene, non dovresti auto-medicare, dovresti cercare l'aiuto qualificato di uno specialista e seguire le sue raccomandazioni. Il medico sarà in grado di diagnosticare e redigere il regime terapeutico corretto.

Gli agenti antibatterici sono divisi in determinati gruppi, ognuno dei quali agisce su un certo tipo di agente patogeno del processo infettivo. Certo, è più facile bere un antibiotico con un ampio spettro di azione, ma tali farmaci sono dannosi per la microflora e vengono utilizzati in casi eccezionali..

Inoltre, la dose e la durata del processo di trattamento sono puramente individuali e le istruzioni fornite dal produttore sono raccomandazioni generali. Non è possibile interrompere il trattamento e ridurre in modo indipendente il corso del trattamento, questo è irto di sviluppo di complicanze e mutazioni di agenti patogeni.

farmaci

Il ripristino della microflora intestinale dopo gli antibiotici comprende una corretta alimentazione e il rifiuto delle cattive abitudini. Il gastroenterologo ti aiuterà a elaborare un programma di recupero individuale. Gli alimenti correttamente selezionati aiutano a migliorare il metabolismo.

È importante che le persone che hanno subito una terapia antibiotica aderiscano alle seguenti regole:

  • rifiuto di cibi grassi, fritti, affumicati, marinate, ecc.;
  • con costipazione, arricchire la dieta con prodotti che hanno un effetto lassativo: barbabietole, prugne secche, frutta, farina d'avena;
  • escludere temporaneamente legumi, pane, cavoli;
  • mangiare verdure bollite;
  • ripristinare l'attività funzionale del fegato aiuterà il brodo cotto sulle ossa;
  • i prodotti lattiero-caseari fermentati contribuiranno ad aumentare il numero di batteri benefici nell'intestino.

Il trattamento della disbiosi dopo l'assunzione di antibiotici avviene in più fasi. Prima di tutto, è necessario eliminare la colonizzazione dell'intestino da parte di agenti patogeni. Se un agente antibatterico specifico è la causa della disbiosi, deve essere sostituito. Gli agenti antisettici aiuteranno a neutralizzare la microflora patogena e stimolare la crescita di batteri benefici.

Il ripristino dei processi di digestione svolge un ruolo importante nel processo di trattamento. A tal fine, gli enzimi digestivi possono aiutare. E, naturalmente, nel trattamento della disbiosi dopo antibiotici, i probiotici e i prebiotici non possono essere eliminati. Qual è la differenza tra questi due gruppi di farmaci?

Innanzitutto, parliamo di probiotici. La composizione di questi farmaci comprende organismi viventi che abitano normalmente nell'intestino umano. I probiotici sono il miglior rimedio nella lotta contro la disbiosi, possono essere assunti già durante la terapia antibiotica e dopo. In casi particolarmente gravi, quando la disbiosi assume una forma protratta, ai pazienti possono essere prescritti probiotici, tra cui E. coli.

I preparati con bifidobatteri sono molto popolari. Sono anche prescritti per curare i bambini. E i probiotici con lattobacilli sono di solito prescritti nel caso in cui non sia possibile annullare il corso della terapia antibiotica. Questo perché sono altamente resistenti agli antibiotici..

Molto spesso i medici prescrivono Linex a pazienti con disbiosi. Contiene microrganismi normalmente presenti in diverse parti dell'intestino. Un altro probiotico noto è Rioflora. Il farmaco inibisce la riproduzione attiva dei patogeni, attiva il sistema immunitario e allo stesso tempo mantiene l'equilibrio della microflora sana.

Per i prebiotici, il meccanismo d'azione è leggermente diverso. Includono componenti alimentari che fermentano nell'intestino inferiore. Grazie a ciò, viene stimolata la riproduzione e viene garantita l'attività vitale dei batteri benefici. Il rappresentante dei prebiotici è Hilak-forte. È un concentrato di prodotti metabolici di microflora benefica. Il corso del trattamento è di un mese.

Prevenzione della resistenza agli antibiotici

Se necessario, il medico prescriverà la terapia antibiotica. All'appuntamento del medico, è consigliabile informarti quali antibiotici hai recentemente assunto. Quando si sceglie un farmaco, la preferenza dovrebbe essere data alle ultime generazioni con un effetto strettamente mirato..

Lo spettro d'azione dei farmaci antibatterici

Antibiotici a spettro ristretto

  • macrolidi
  • glicopeptidi
  • Polimixine
  • monobattami

Antibiotici ad ampio spettro

  • Tutti i farmaci di prima generazione (penicilline semisintetiche, cefalosporine, tetracicline)

Rimedi popolari

Puoi anche sbarazzarti della disbiosi con l'aiuto di ricette di medicina alternativa. I preparati a base di erbe aiuteranno a ripristinare la funzione intestinale. Diamo un'occhiata ad alcune ricette. Prendi i seguenti ingredienti per preparare la miscela:

Le materie prime secche vengono versate con acqua bollente e lasciate fermentare per 24 ore. È necessario utilizzare il prodotto filtrato all'interno. Per migliorare l'effetto, è meglio combinare l'assunzione di preparati a base di erbe con l'uso di prodotti a base di latte fermentato. Per prima cosa, puoi bere un bicchiere di kefir e dopo due ore un bicchiere di tintura.

Quindi, la disbiosi dopo l'assunzione di antibiotici è un fenomeno comune, a causa del fatto che questi farmaci sopprimono sia la microflora patogena che i batteri benefici. Al fine di ridurre la probabilità di disbiosi, è necessario attenersi alle raccomandazioni del medico durante il trattamento. Il dosaggio dell'antibiotico, la frequenza del suo utilizzo e la durata del processo di trattamento sono determinati da uno specialista qualificato.

Durante il periodo di trattamento, insieme agli agenti antibatterici, vengono prescritti probiotici, che stimolano l'attività vitale della microflora benefica e allo stesso tempo sopprimono i patogeni. Medicinali, alimenti dietetici e ricette popolari aiuteranno a ripristinare la funzione intestinale. Un approccio integrato aiuterà il corpo a riprendersi presto.

La disbatteriosi è un fenomeno comune causato da una violazione della microflora intestinale. Ci sono molti fattori che contribuiscono allo sviluppo della malattia. Gli antibiotici usati come trattamento per le infezioni batteriche sono una causa comune di disbiosi. Oltre agli organismi patogeni, i farmaci influenzano negativamente la microflora benefica, necessaria per il corretto funzionamento dell'organo. Di conseguenza, si forma la patologia. È necessario iniziare immediatamente il trattamento della disbiosi intestinale negli adulti nelle sue prime manifestazioni, altrimenti, in caso di inattività, sono possibili conseguenze avverse.

procinetici

GERD è progettato per attivare la motilità gastrointestinale. "Iniziano" lo stomaco e l'intestino in caso di avvelenamento o disturbi metabolici, sono prescritti dopo anestesia e altri interventi, sono ampiamente usati per eliminare il vomito e gli spasmi.

  • Motilium. Un noto procinetico che elimina il vomito, accelera il lavoro dello stomaco e dell'intestino superiore. Ha un effetto positivo sul ritmo delle contrazioni del tratto gastrointestinale, a causa del quale i gas e le tossine vengono naturalmente rimossi dal corpo.
  • Duspatolin. Il più forte antispasmodico procinetico. Elimina rapidamente il dolore e i crampi nell'addome dal gonfiore, semplifica i movimenti intestinali. Ha un effetto deprimente sulla microflora intestinale, è prescritto solo in casi eccezionali.
  • Eglonil (nella foto) è un farmaco antipsicotico usato per accelerare la motilità intestinale. Migliora il tratto digestivo, colpisce delicatamente il duodeno, rimuove i gas e aiuta a ridurne la formazione.

Esposizione agli antibiotici

La comparsa di disbiosi intestinale dopo gli antibiotici ha segni caratteristici, sintomi, dipende da quale gruppo di farmaci ha colpito il corpo:

  1. Serie di tetraciclina: influisce negativamente sullo strato superiore e sulle pareti dell'intestino. Le medicine forniscono un buon ambiente per invadere i batteri patogeni. Il numero di stafilococchi, funghi, candida, clostridi aumenta notevolmente. Un tale fenomeno patologico è pericoloso per la salute, specialmente per i bambini..
  2. Ampicillina: influenza la flora aerobica e anaerobica. I farmaci beta-lattamici possono causare diarrea e colite pseudomembranosa.
  3. Aminoglicosidi - inibiscono l'azione della sintesi proteica degli organismi desiderati, per questo motivo, la crescita della normale flora si ferma.
  4. Fungicida - un aumento del numero di Escherichia, batteri Proteus.

Probiotici e prebiotici

L'uso a lungo termine di antibiotici influisce negativamente sulla microflora dell'intero organismo. Il tratto gastrointestinale reagisce in modo particolarmente acuto. Per normalizzare lo sfondo e creare condizioni normali per lo sviluppo e la vita dei microrganismi, vengono utilizzati pre e probiotici.

- medicinali che creano buone condizioni per la vita della flora utile. Non contengono ingredienti attivi, ma sono in grado di neutralizzare l'azione di veleni e tossine, bilanciare l'acidità.

- contiene batteri simbiotici attivi. Rimuovono rapidamente le conseguenze dell'effetto negativo degli antibiotici, sono prescritti dai medici dopo un trattamento a lungo termine con farmaci aggressivi. Ci sono mono, multicomponente, gene e combinati.

Per comodità, abbiamo compilato una tabella con pre e probiotici popolari e i loro effetti:

prebioticiProbiotici
Forte di Hilak. Questo è uno dei migliori farmaci da farmacia per gonfiore negli adulti. Non contiene batteri viventi, ma è ricco di liquidi in cui si riproducono e vivono.Linex. Utilizzato per trattare la colica nei bambini e la flatulenza dagli antibiotici negli adulti. Contiene Lactobacillus, Bifidobacterium, Enterococcus.
Portalac. Un potente lassativo con un ingrediente attivo: il lattulosio. È prescritto per il trattamento della costipazione, il ripristino del corpo dopo l'intervento operabile e la disbiosi.Bifidumbacterin. Polvere monocomponente contenente bifidobatteri. Possiede le più forti proprietà immunobiologiche.
Eubicor. Composizione a base di fibre. Rimuove le tossine dal tratto gastrointestinale, a causa dell'intestino normalizza indipendentemente lo stato della microflora.Lactobacillus. Un altro rappresentante del gruppo "mono" di probiotici. È caratterizzato da un effetto molto delicato sulla mucosa gastrointestinale. Contiene antagonisti che formano spore che forniscono un effetto di rigenerazione "a lungo termine" per i batteri benefici.

Le ragioni

Le ragioni per lo sviluppo della disbiosi sono causate da farmaci che sono stati usati in modo incontrollato, con un aumento della dose o che sono stati assunti per un periodo piuttosto lungo. Se la medicina è di scarsa qualità, porta a danni alla mucosa e uccide senza pietà gli organismi benefici..

Spesso, la disbiosi si verifica al momento del corso di terapia corretto e accuratamente selezionato.

Il disturbo può essere dovuto a:

  • interruzione del funzionamento dell'apparato digerente;
  • abuso di alcool;
  • dieta impropria, alimentazione pesante;
  • patologie intestinali acute;
  • malattie oncologiche.

Per ripristinare la microflora, in ogni caso, è necessario almeno 1 mese.

Gli effetti dannosi dei farmaci sul tratto gastrointestinale

La terapia antibiotica ai nostri giorni è riconosciuta come il modo più efficace per sbarazzarsi dei batteri patogeni localizzati nel corpo umano. Tuttavia, la sua implementazione può causare gravi danni, poiché provoca lo sviluppo di disturbi nello stomaco e nell'intestino. Ciò è dovuto non solo al meccanismo d'azione di questi farmaci, ma anche all'ammissione di violazioni da parte del paziente durante l'assunzione. Ogni gruppo di farmaci antibatterici ha il suo effetto specifico sull'intestino:

  • dopo aver seguito un corso di trattamento con compresse di aminoglicosidi, la riproduzione di microrganismi benefici nel tratto gastrointestinale umano si interrompe;
  • le tetracicline hanno un effetto negativo sulla motilità intestinale e sullo stato della sua mucosa, che provoca un aumento della crescita della microflora patogena;
  • le aminopenicilline causano un aumento della crescita di streptococchi e stafilococchi.

Ne consegue che la probabilità di sviluppare disturbi nel tratto digestivo dipende direttamente dal tipo di farmaco utilizzato a fini terapeutici..

Dopo antibiotici, possono verificarsi gonfiore e altri problemi gastrointestinali anche se il farmaco più innocuo è stato usato per il trattamento. Questa situazione è anche spiacevole perché ci vorrà almeno un mese per eliminarla e ripristinare completamente l'attività funzionale degli organi digestivi..

Sintomi

Molto spesso, la disbiosi colpisce l'intestino, i genitali. Ma la prima opzione è considerata la più comune..

È caratterizzato dai seguenti segni di manifestazione:

  • flatulenza, gonfiore intenso;
  • disturbo delle feci - diarrea o costipazione, ci può essere la loro alternanza;
  • prurito, bruciore nell'ano;
  • disagio epigastrico;
  • mal di testa;
  • cambiamento di colore, densità delle feci.

Quando la disbiosi in un bambino, vengono aggiunti nuovi segni:

  • feci molli puzzolenti;
  • diminuzione dell'appetito, disturbo del sonno;
  • intenso dolore addominale;
  • malessere, debolezza;
  • nausea, aumento della temperatura corporea;
  • il bambino è irrequieto;
  • la schiuma è evidente nelle feci;
  • vicino all'ano, la pelle è rossa, irritata.

La sensazione di dolore si intensifica qualche tempo dopo aver mangiato, si sente il rombo, causato dalla formazione di gas. I disturbi della motilità nei bambini dopo gli antibiotici si manifestano con rigurgito, vomito, il bambino perde peso. Nei neonati è possibile la disidratazione del corpo, quindi tali sintomi richiedono una consultazione urgente con un medico e la nomina di una terapia appropriata.

Compresse antispasmodiche per gonfiore e formazione di gas

Gli antispasmodici sono utili in situazioni di emergenza quando il gonfiore è causato da mal di stomaco o eccesso di cibo. Non sono usati per trattare la flatulenza causata da malattie croniche..

antispastici:

  • Mezim Forte
    assunto dopo i pasti, con forte dolore addominale o sensazione di pesantezza, gonfiore. I principi attivi sono pancreatina e lipasi. Non ha alcun effetto di assorbimento, ma rimuove rapidamente l'iposprezione;
  • Motigect
    - il più forte antiemetico. Una delle sue proprietà è quella di eliminare spiacevoli eruttazioni, singhiozzi e flatulenza. Può essere prescritto solo da un medico, disponibile in farmacia su prescrizione medica;
  • Motillium contiene Domperidone
    e altre sostanze che attivano la peristalsi intestinale e rimuovono gli spasmi. Rimuove il gas, rilassa i muscoli molli.

Diagnostica e conseguenze della disbiosi

Se la terapia con disbiosi non viene eseguita in tempo, sono possibili le seguenti conseguenze:

  • il corretto funzionamento dell'intestino, lo stomaco viene interrotto, il che porta a costipazione o diarrea, flatulenza;
  • ¾ l'immunità è fornita dalla microflora intestinale, quando viene violata, il corpo diventa indifeso contro batteri, virus;
  • la produzione di alcuni ormoni, le vitamine è sospesa;
  • minerali e vitamine sono scarsamente assorbiti, a causa della quale il corpo si indebolisce, è possibile l'anemia da carenza di ferro.

Per evitare tutto ciò, è necessario trattare la disbiosi in tempo..

Per confermare la patologia, il gastroenterologo invierà la persona per l'esame e alcuni test:

  • feci da semina per disbiosi;
  • esame batteriologico della presenza di aspirazione dell'intestino, biopsia;
  • test del respiro;
  • coprogram.

Dopo aver identificato la disbiosi intestinale, lo specialista prescrive azioni terapeutiche.

Come ridurre al minimo gli effetti negativi degli antibiotici

Per non pensare a come ripristinare il corpo dopo gli antibiotici, è necessario seguire le regole per prenderli, che aiuteranno a preservare i batteri benefici della microflora e la salute di altri organi..

Prima di tutto, dovresti sapere sugli antibiotici che devi bere questi farmaci solo come prescritto da un medico e fare test. I farmaci antimicrobici più tossici sono i farmaci ad ampio spettro, è molto più efficace all'inizio della malattia identificare il patogeno seminando la flora e assumere un farmaco selettivo.

In nessun caso dovresti bere farmaci antibiotici senza prescrizione medica. questo porta non solo all'intossicazione del corpo, ma anche al fatto che i batteri si abituano al farmaco e diventano resistenti ai suoi effetti. Questo è già pericoloso non solo per una persona specifica, ma anche per tutti coloro che entrano in contatto con lui..

La seconda regola d'oro è che è necessario assumere farmaci antibiotici rigorosamente nel dosaggio e nella durata prescritti dal medico. Una dose e un tempo più piccoli possono portare i batteri a diventare resistenti e sopravvivere, quindi è necessario bere l'intero corso, anche se il paziente pensa di essere già sano.

La dieta durante e dopo il trattamento è una parte importante del mantenimento della microflora. Dopo gli antibiotici, per ripristinare il funzionamento del fegato e dell'intestino, è bene mangiare prodotti a base di latte fermentato, cereali (soprattutto farina d'avena), pane con farina integrale e aggiunta di crusca, frutta e verdura, molte verdure, noci.

Per eliminare sintomi come flatulenza, diarrea, costipazione, bere diversi bicchieri di kefir al giorno o almeno un bicchiere di notte. Per quelle persone che non sopportano il gusto del kefir, c'è un'alternativa: latte fermentato al forno, pasta madre, bere yogurt con un gusto più mite.

Trattamento

Il regime di trattamento per la disbiosi dopo gli antibiotici è complesso e consiste in diverse fasi:

  • eliminazione dell'instabilità tra microflora intestinale benefica e patogena;
  • rafforzare le difese del corpo umano;
  • normalizzazione dell'equilibrio dei batteri;
  • stabilire il trasporto dei componenti assimilati dalla cavità del lume digestivo alla linfa, la zona intercellulare;
  • attivazione della peristalsi d'organo.

Il trattamento di adulti e bambini prevede la terapia farmacologica, l'alimentazione dietetica. Le ricette popolari non stanno diventando meno efficaci..

Terapia farmacologica

Con sintomi gravi, i farmaci vengono utilizzati per la disbiosi. Nel caso di uno stadio grave della malattia, il trattamento si svolge in ospedale sotto la supervisione di un medico. Il consumo di batteri buoni è essenziale. Aiuteranno a stabilire la microflora normale in un breve periodo di tempo..

Vengono utilizzati i seguenti farmaci:

  1. Prebiotici (Normase, Duphalac, Lactusan): queste compresse per disbiosi non vengono digerite dall'intestino, favoriscono la crescita e lo sviluppo della microflora necessaria. Questo gruppo di farmaci comprende lattulosio, galattosio, inulina e altri. Tali sostanze si trovano in aglio, cipolle, mais, latticini..
  2. Probiotici (lattobatteri, bifidumbacterin, bactistatina): contengono batteri vivi che popolano l'intestino. Lo scopo principale di queste capsule è di sopprimere la diffusione intensiva di microrganismi dannosi. Tali fondi aiutano a normalizzare l'equilibrio intestinale. Corso terapeutico - 30-40 giorni.
  3. Synbiotics (Laminolact, Maltodofilus) - contengono batteri vitali, probiotici necessari per il corretto funzionamento del tratto digestivo.
  4. Simbiotici (Linex, Bifiform) - ci sono batteri viventi. La durata del trattamento è di 14 giorni.
  5. Antisettici (Enterofuril, Ersefuril) - se la disbiosi dopo gli antibiotici è complicata, vengono utilizzati questi farmaci che distruggono gli organismi nocivi. Usato quattro volte al giorno a 200 mg.
  6. Preparati combinati (Bifiliz, Acipol) - contengono importanti batteri, immunomodulatori. Durata della terapia - 2 settimane.
  7. Complessi vitaminici (Multi tabs, Dekamevit) - poiché la disbiosi porta all'ipovitaminosi, questi farmaci sono prescritti.
  8. Agenti che inibiscono la crescita della flora patogena (Bactisporin, Enterol): i batteri presenti nei medicinali non sono considerati naturali, ma sono efficaci nel distruggere gli organismi nocivi.

Probiotici, prebiotici sono buoni rimedi che sono la base per una cura efficace della disbiosi.

Inoltre, la disbiosi nei bambini e negli adulti può essere curata con la terapia antibiotica. Lo specialista ricorre a loro in caso di sviluppo improprio della flora patogena. Il corso della terapia antibiotica e la scelta del farmaco viene effettuato dopo aver superato i test per la sensibilità ai batteri.

Dieta

Il cibo dietetico aiuterà a prevenire la disbiosi, che migliorerà il funzionamento dell'intestino. La dieta dovrebbe essere sana, gustosa, equilibrata. Mangia cibo almeno 5-6 volte al giorno, a piccole dosi. Dopo aver mangiato, dovrebbero passare almeno 2 ore, quindi puoi andare a sdraiarti. È necessario un cambiamento nella normale assunzione di cibo per alleviare spiacevoli segni di malattia.

Consigli nutrizionali:

  • carni affumicate, alcool, salsicce, pasta varia, prodotti farinacei dovrebbero essere esclusi;
  • non mangiare cibi fritti, piccanti, carne grassa, zucchero;
  • è vietato assumere frutta, verdura e alimenti contenenti fibre alimentari; prodotti farinacei, cereali, patate sopprimono le capacità motorie, che causano difficoltà nello svuotamento;
  • dolci, soda, uva, porridge (riso, semola) - provocano flatulenza, quindi dovresti anche sbarazzartene;
  • non consumare legumi, cavoli, tè forte.

La dieta sarà clinica. Le feci disturbate sotto forma di diarrea richiedono l'esclusione dalla dieta degli alimenti che attivano la funzione motoria dell'organo.

I prodotti a base di latte fermentato (yogurt fatto in casa, kefir, ricotta), crusca, cereali avranno un effetto benefico sul corpo. È possibile aumentare il risultato dei farmaci prendendo mirtilli, mirtilli rossi, mele, che mostrano effetti antimicrobici.

Metodi popolari

Le ricette popolari aiuteranno a trattare la disbiosi e ad alleviarne i sintomi:

  • quando la patologia è accoppiata con una maggiore formazione di gas, viene utilizzata acqua di aneto, brodo di camomilla;
  • in caso di flatulenza, lo zenzero è efficace, completano i piatti o producono bevande calde;
  • riduce la camomilla del dolore, tuttavia, è indesiderabile per la costipazione;
  • i semi di lino ripristinano la normale funzione intestinale;
  • il succo di barbabietola aiuterà ad eliminare la costipazione.

Poiché la diarrea si verifica spesso, viene utilizzato un decotto di galanga. Questa pianta ha un effetto astringente, rimuove rapidamente l'infiammazione.

Lo scopo di prevenire la disbiosi durante l'assunzione di antibiotici è l'uso simultaneo di farmaci che proteggono gli organismi benefici. Affinché la terapia antibatterica abbia successo, senza conseguenze negative, è necessario seguire rigorosamente le regole del medico curante.

Le informazioni sul nostro sito Web sono fornite da medici qualificati e sono solo a scopo informativo. Non automedicare! Assicurati di contattare uno specialista!

Autore: Rumyantsev V.G. Esperienza 34 anni.

Gastroenterologo, professore, dottore in scienze mediche. Nomina la diagnostica e il trattamento. Esperto di gruppo sulle malattie infiammatorie. Autore di oltre 300 articoli scientifici.

Terapia nutrizionale per disbiosi

Articolo principale: Considerazioni nutrizionali durante l'assunzione di antibiotici

La dieta svolge un ruolo importante nella normale funzione intestinale. La nutrizione dovrebbe essere equilibrata e sana. È necessario un aggiustamento della dieta abituale per eliminare i sintomi spiacevoli che accompagnano il decorso della disbiosi e l'introduzione di una quantità aggiuntiva di prebiotici. I prebiotici entrano nel corpo attraverso il cibo. Si trovano in grandi quantità in prodotti lattiero-caseari, pane, cipolle, fagioli, asparagi e banane..

  • È necessario escludere completamente bevande alcoliche, carni affumicate, salsicce, prodotti farinacei, pasta, carne grassa, cibi fritti, zucchero. La dieta dipende dal quadro clinico. Per i disturbi delle feci (diarrea), non mangiare cibi che stimolano la funzione motoria intestinale.
  • Frutta e verdura vietate, che contengono fibre alimentari. Patate, cereali e prodotti da forno inibiscono la motilità intestinale, causando un difficile movimento intestinale.
  • Bevande gassate, uva, dolci, semola e porridge di riso sono indesiderabili poiché causano flatulenza.

Devi mangiare almeno cinque volte al giorno. Le porzioni dovrebbero essere piccole. Quanto dura la disbiosi dopo gli antibiotici dipende dal rispetto di queste raccomandazioni.

Caratteristiche della microflora e delle sue funzioni

La microflora è un insieme speciale di microrganismi che prendono parte attiva nella vita del corpo umano. La totalità di questi microrganismi è di mezzo migliaio di batteri importanti che pesano fino a 4 chilogrammi. Circa 2/3 della microflora benefica si trovano sulla superficie interna delle pareti intestinali, il resto copre il sistema genito-urinario e la pelle.

La microflora svolge le seguenti importanti funzioni nel corpo umano:

  • è impegnato nella produzione di ormoni, vitamine;
  • regola la formazione di gas nell'intestino;
  • assicura l'assorbimento di calcio, ferro, vitamine;
  • stimola il sistema immunitario a combattere virus patogeni, batteri;
  • purifica il corpo umano, gli intestini da sostanze tossiche;
  • regola e controlla il bilancio idrico-elettrolitico.

Tuttavia, quando esposto agli antibiotici, può verificarsi un grave malfunzionamento nel funzionamento della microflora, vale a dire la disbiosi.

Gli antibiotici uccidono i batteri nocivi che provocano infiammazione, intossicazione, vale a dire:

  • pneumococchi;
  • gonococchi;
  • streptococchi;
  • stafilococchi e altri.

È impossibile curare tali infezioni senza l'uso di antibiotici. Uno svantaggio importante di tale trattamento è che gli antibiotici non agiscono in modo selettivo, quindi uccidono non solo i microrganismi dannosi, ma anche benefici che vivono nel corpo umano. La disbatteriosi richiede un ciclo di trattamento abbastanza lungo, che è di 25-35 giorni. Per determinare la presenza di questa patologia, è necessario sapere quali segni si manifesta.

Microflora intestinale

Circa 50.000.000.000.000 (50 trilioni) di microrganismi vivono nella cavità intestinale. Tutti i batteri sono divisi in flora utile e condizionatamente patogena. Quelli utili includono bifidobatteri e lattobacilli, sono circa il 95-97% nell'intestino.

La flora condizionatamente patogena, sebbene rilasci tossine, svolge diverse importanti funzioni in tandem con la flora normale. E. coli previene la crescita di microrganismi davvero pericolosi, stimola il sistema immunitario intestinale, partecipa ai processi di digestione.

Quadro clinico

Lo sviluppo della disbiosi si verifica non solo nell'intestino, ma anche nei genitali, quindi è importante studiare tutti i possibili sintomi. La disbiosi intestinale presenta i seguenti sintomi: aumento della produzione di gas, dolore, pesantezza nell'addome, alternanza di costipazione con feci molli e presenza di prurito nell'ano. I sintomi possono comparire non solo dopo l'uso di droghe, ma anche all'inizio del ciclo di trattamento.

La disbiosi vaginale presenta i seguenti sintomi principali: prurito nella vagina, aumento della sensibilità, frequente minzione, secrezione dai genitali con odore, consistenza e colore caratteristici, sensazione di bruciore nell'uretra, dolore nell'addome inferiore. Se compaiono tali sintomi, è necessario consultare un medico per iniziare il trattamento..

Per quanto riguarda i bambini, la patologia si fa sentire sotto forma di dolore addominale, diarrea e cattiva salute. Fondamentalmente, prevale il disturbo delle feci, le feci diventano liquide, schiumose. La malattia è accompagnata da febbre, nausea, debolezza, irritabilità e perdita di appetito.

Il trattamento della disbiosi richiede una combinazione di una dieta competente e farmaci di qualità. Per normalizzare la microflora intestinale, sarà necessario un recupero prolungato, quindi è più facile prevenire la malattia che curarla dopo il rilevamento. Al fine di prevenire l'insorgenza di disbiosi, è necessario assumere prebiotici adeguati durante il trattamento antibiotico..

Droghe carminative

L'unico gruppo di quelli elencati che mira esclusivamente a risolvere il problema della flatulenza sono i farmaci carminativi:

    Benegast Redugaz
    . Questi sono integratori alimentari, compresse masticabili. Un complesso specializzato con Inulina. Riduce rapidamente il gonfiore e ripristina la microflora, aiuta ad alleviare il bruciore di stomaco e una sensazione di pesantezza;

  • Espumisan
    . Rilascia i gas che si accumulano nell'intestino inferiore. Contiene simeticone, che allevia gli spasmi e favorisce la rottura delle bolle di ossigeno;
  • Bebinos
    . Il miglior farmaco per flatulenza e gonfiore nei bambini. Le recensioni affermano che queste gocce possono risolvere completamente il problema di coliche e crampi in 20 minuti. Contiene estratti di piante (finocchio, coriandolo, camomilla);
  • Colikid
    . Disponibile in sospensione e in forma di capsule. Queste gocce o compresse efficaci vengono assunte ai pasti. Già nel processo di digestione, impediscono la formazione di gas. Aiuta con grave flatulenza in bambini e adulti;
  • Meteospazmil
    . Gocce russe con alverina citrato e simeticone. Aiutano a preparare il tratto gastrointestinale all'intervento operabile ed eliminano l'eccessiva formazione di gas. Possono essere bevuti solo come indicato da uno specialista..

    Disbiosi vaginale

    Gli antibiotici eliminano attivamente i microrganismi dannosi e benefici, quindi, quando le donne assumono tali farmaci, può svilupparsi la disbiosi vaginale. In caso di violazione della microflora naturale, si verifica la riproduzione attiva dei batteri fungini.

    Tali batteri contribuiscono allo sviluppo dell'infiammazione delle pareti vaginali, della cervice. Di conseguenza, possono comparire i seguenti sintomi:

    • dolore durante il rapporto sessuale;
    • scarico dai genitali;
    • prurito e bruciore;
    • arrossamento;
    • rigonfiamento;
    • dolore.

    Un sintomo di disbiosi è una piccola quantità di lubrificazione naturale durante il sesso e l'eccitazione. Gli organismi patogeni sono in grado di penetrare nell'utero, provocando così l'infiammazione delle ovaie, dell'endometrio e delle tube di Falloppio. La disbiosi può causare cistite.

    Per eliminare i sintomi e ripristinare la microflora benefica, saranno necessari prebiotici e speciali farmaci antifungini.

    Patologia gastrointestinale provocata da un potente farmaco

    I disordini che si verificano nel tratto gastrointestinale dopo l'assunzione di potenti farmaci antibatterici sono chiamati disbiosi. Questa patologia è intesa come uno squilibrio significativo tra i microrganismi patogeni e, direttamente, i loro batteri benefici. Lo squilibrio si verifica principalmente nell'intestino, lo stomaco ne è molto meno colpito. La patologia è sempre accompagnata dal seguente insieme di segni:

    • improvvisi dolori acuti si verificano nell'addome;
    • le feci di una persona diventano instabili, liquide o molli, ma non si notano inclusioni patologiche sotto forma di pus o sangue;
    • c'è gonfiore, brontolio e grave flatulenza.

    Questa patologia, provocata dall'assunzione di antibiotici, differisce da un'infezione intestinale in quanto il disagio addominale accompagna costantemente una persona malata, indipendentemente dall'uso di qualsiasi prodotto o dall'assunzione di cibo. Durante il suo sviluppo, gli organi digestivi non sono in grado di funzionare normalmente, quindi il corpo umano perde l'opportunità di soddisfare pienamente la necessità di vitamine per i minerali e i nutrienti necessari per la vita normale.

    Terapia curativa

    Studi speciali aiuteranno a riconoscere la disbiosi, che includono:

    • feci da semina;
    • test del respiro;
    • coprogram;
    • esame batteriologico del contenuto di aspirazione intestinale e biopsia.

    Il trattamento di questa patologia viene effettuato in modo globale. Per questo, vengono utilizzate diverse direzioni principali. Scopo del trattamento: normalizzare l'immunità e l'attività del tratto gastrointestinale, ripristinare la microflora intestinale o vaginale.

    Attualmente, ci sono molti farmaci per la disbiosi, progettati per ripristinare la microflora. Questi includono:

    prebiotici

    Questi fondi non vengono digeriti nell'intestino, poiché costituiscono la base per lo sviluppo e la crescita della microflora benefica. I prebiotici comprendono: inulina, galattosio, isomeri del fruttosio, lattulosio, oligosaccaridi. Questi componenti si trovano in mais, grano, aglio, cicoria, cipolle e latticini. Per quanto riguarda i medicinali, i più efficaci sono: Prebio, Duphalac, Lactusan, Normaza.

    Probiotici

    Queste medicine contengono colture batteriche vive. Non colonizzano l'intestino per ripristinare la microflora benefica. Il compito principale dei probiotici è di sopprimere la riproduzione attiva di batteri nocivi. Pertanto, i farmaci sono coinvolti nel ripristino dell'equilibrio intestinale. La durata del corso di trattamento è di 30-40 giorni. Preparati che forniscono buoni risultati: Colibacterin, Lactobacterin, Bifidumbacterin.

    Mezzi che sopprimono lo sviluppo della microflora patogena

    Questi medicinali contengono batteri speciali che possono neutralizzare l'attività di microrganismi dannosi. Questi includono: Enterol, Baktisubtil, Baktisporin. Durata della terapia - 1,5 mesi.

    Symbiotics

    I preparati contengono un complesso di importanti microrganismi batterici benefici. I simbiotici più famosi sono Bifikol, Linex e Bifiform. Durata del trattamento - 2 settimane.

    simbiotici

    Le medicine in questo gruppo sono costituite da importanti prebiotici e batteri benefici, necessari per lo sviluppo della microflora corretta. Mezzi efficaci: Bifido-tank, Maltodofilus, Laminolact. Il corso di trattamento è di 21 giorni.

    Fondi combinati

    Questi farmaci sono composti da importanti immunomodulatori, batteri. I più efficaci sono Acipol e Bifiliz. La durata del trattamento è di due settimane..

    antisettici

    In caso di complicanze della malattia, avrai bisogno di farmaci speciali in grado di sopprimere lo sviluppo e la riproduzione di microrganismi dannosi. L'uso di Ersefuril, Enterofuril è mostrato per una settimana, 200 mg 4 volte al giorno. Intetrix richiede 5 giorni, 2 capsule per 3 dosi al giorno.

    Vitamine

    Nella maggior parte dei casi, la disbiosi provoca ipovitaminosi, pertanto si consiglia di assumere Dekamevit, Multitab e altri complessi vitaminici.

    Oltre all'assunzione di farmaci, sarà necessaria una dieta speciale per ripristinare la microflora. La dieta dovrebbe contenere cereali, crusca, prodotti a base di latte acido, frutta e verdura fresca, bacche. Cerca di ridurre al minimo l'assunzione di dolci, pasticcini, caffè e tè forti, spezie, cibi grassi e piccanti, soda e alcool.

    Il trattamento con antibiotici aiuta ad eliminare la microflora benefica. Per evitare lo sviluppo di disbiosi, è necessario iniziare immediatamente a prendere farmaci in grado di proteggere i microrganismi benefici. Affinché il trattamento antibiotico abbia successo e proceda senza complicazioni, è necessario attenersi rigorosamente alle raccomandazioni del medico curante.

    Rafforzare l'immunità dopo gli antibiotici

    Abbiamo scoperto come pulire il corpo dopo gli antibiotici. Il prossimo passo è ripristinare la normale immunità e aumentare la resistenza del corpo. Dopo aver assunto antibiotici, puoi bere preparati speciali contenenti antiossidanti, oppure puoi bere rimedi naturali che agiscono allo stesso modo.

    Per molti pazienti, la domanda è importante: cosa bere durante il corso di recupero, ad eccezione di kefir e acqua? La quantità di liquido consumato può essere integrata con decotti di erbe naturali, ad esempio un decotto di foglie di ortica. Puoi anche usare altre erbe, ad esempio la raccolta gastrointestinale, le foglie di tiglio e altre. È indesiderabile usare caffè e tè forte, perché possono stancare un corpo indebolito e disidratarlo rapidamente.

    Con la normalizzazione della motilità gastrica, nella dieta possono essere introdotti più prodotti proteici: carne e pesce magri, uova. È indesiderabile nelle prime fasi del recupero sovraccaricare il corpo con cibi pesanti, abbondantemente conditi e fritti. Dai la preferenza a pollame e pesce al vapore o bolliti. Non dovresti lasciarti trasportare dall'uso di dolci e muffin..

    Cosa bere per un ulteriore rafforzamento del corpo, deve decidere il medico. A volte capita che anche complessi multivitaminici apparentemente innocui possano danneggiare la salute, perché sullo sfondo di uno squilibrio nel corpo, agiscono in modo inadeguato. Quindi, dopo aver seguito un ciclo di antibiotici, insieme a come trattare la malattia, il medico dovrebbe suggerire quali misure adottare per riabilitarlo..

    Cosa fare?

    Se una persona sospetta di avere disbiosi, si consiglia di sottoporsi immediatamente a una visita medica. Se i test confermano questa diagnosi, il medico prescriverà un trattamento speciale complesso..

    Cosa include?

    Innanzitutto, terapia dietetica. Cioè, una persona deve, durante il corso del trattamento, mangiare solo determinati alimenti e in un determinato regime stabilito dal medico..

    In secondo luogo, è l'assunzione di speciali prebiotici e probiotici, preparati enzimatici che contribuiscono alla normalizzazione della microflora del corpo.

    Ma c'è anche un "terzo" - rimedi popolari per il trattamento della disbiosi (o, come viene anche chiamato, sindrome dell'intestino irritabile), che può aumentare l'efficacia dell'intero corso del trattamento. Ecco alcune delle ricette:

    • Siero:
    • Ricetta: il kefir viene messo in acqua calda per il tempo necessario per separarsi in ricotta e siero di latte. La ricotta può essere utilizzata per le esigenze domestiche, ma sarà necessario il siero per combattere la disbiosi;
    • Applicazione: due o tre volte al giorno. Per cena - non raccomandato;
    • Latte acido:
    • Ricetta: bollire e poi raffreddare un litro di latte. Quindi deve essere fermentato con piccoli pezzi di pane integrale essiccato. La fermentazione dovrebbe durare 24 ore. Quindi i crostini grattugiati con aglio vengono aggiunti al piatto e lo yogurt è pronto;
    • Applicazione: almeno due porzioni al giorno. Tale latte cagliato è un piatto gustoso, quindi, molto probabilmente, ci sarà un problema di possibile eccesso di cibo. Ma è anche impossibile lasciarsi trasportare, poiché un grande volume di prodotti a base di latte fermentato porta anche a problemi con il tratto gastrointestinale;
    • Infuso di erbe:
    • Ricetta: 100 grammi di erba di San Giovanni, menta piperita e Potentilla eretti, nonché 50 grammi di origano vengono miscelati e versati con 1 litro di acqua bollente. Quindi è necessario lasciarli fermentare per 24 ore;
    • Applicazione: tre volte al giorno, 1 bicchiere alla volta. Si consiglia di mangiare yogurt, ricco di latto- e bifidobatteri tra i pasti;
    • Kvas curativo:
    • Ricetta: 500 grammi di pane nero tritato finemente vengono versati con 1 kg di zucchero e 3 litri di acqua calda. La miscela dovrebbe fermentare per 2-3 giorni fino a quando una schiuma appare sulla superficie;
    • Applicazione: 300 ml tre volte al giorno. Per aumentare l'efficacia del prodotto, vale la pena bere 1 litro di kefir, yogurt o latte cotto fermentato due volte al giorno.

    Preparati enzimatici per flatulenza

    Gli enzimi sono polveri progettate per aiutare a normalizzare la digestione. La loro differenza dai sorbenti è il numero minimo di controindicazioni e un ampio spettro di azione. Sono prescritti allo scopo di liberare lo stomaco dagli accumuli di cibo e liberare l'intestino dalle feci. La stragrande maggioranza degli enzimi sono polveri a base di pancreatina, che si ottiene dal pancreas di maiale.


    Preparati enzimatici
    enzimi:

    • Abomin. Il principio attivo è la pepsina. Una sostanza organica insostituibile di cui l'organismo ha bisogno per digerire il cibo. La sua controparte è Unienzyme;
    • Pancreatina. Un noto enzima pancreatico a base di lipasi. È prescritto per la rimozione di rifiuti e il rilascio del tratto gastrointestinale da particelle putrefattive. Promuove l'eliminazione di gas e feci, normalizza l'acidità;
    • Oraza. Un enzima di origine vegetale derivato dalla lipasi. Utile per intossicazione alimentare e attività digestiva insufficiente (diminuzione dell'appetito, ribollimento nell'addome, eruttazione con un odore sgradevole);
    • Somilase. Contiene emicellulasi, che aiuta con flatulenza. Sono prescritti per il gonfiore del cibo, ma sono controindicati nella pancreatite e nell'epatite;
    • Di festa. Enzima pancreatico che aiuta a scomporre i residui dalla lavorazione di proteine, grassi e carboidrati.

    Influenza indiretta

    Gli antibiotici possono influenzare direttamente il rivestimento dello stomaco. Ma non solo. Inoltre deprimono spesso la funzionalità epatica. Indipendentemente dal fatto che vengano assunte pillole o iniezioni, la disbiosi è possibile.

    Il fegato produce la bile, che entra nell'intestino, è necessario per digerire grassi, carboidrati, principalmente e proteine ​​in parte. È responsabile del metabolismo dei farmaci, quindi peggiorano significativamente le sue condizioni.

    Gli antibiotici possono avere un cattivo effetto sui reni, che influenzeranno anche lo stato della microflora del sistema digestivo..

    La disfunzione renale è un cambiamento patologico nei processi metabolici. I batteri che proteggono le mucose dipendono dalla presenza di determinate sostanze nel sangue, nei tessuti e nelle cellule. Se il processo di formazione delle urine è disturbato, una delle sue fasi, i nutrienti necessari nel corpo potrebbero non esserlo, ma le tossine si accumuleranno attivamente.

    Gli antibiotici vengono eliminati attraverso i reni. La disbatteriosi dopo gli antibiotici è inevitabile, anche se non entrano direttamente nel sistema digestivo.

    A volte le persone rifiutano il trattamento con antibiotici proprio a causa della loro azione, potere distruttivo. Ma dal punto di vista della disbiosi, non ha senso farlo. La temperatura, che più spesso accompagna le malattie che richiedono l'uso di antibiotici, influisce anche negativamente, cambia la microflora. In ogni caso, è necessario adottare misure per mantenere le mucose in buono stato di salute..

    Trattamento, cosa fare, come trattare il dolore

    1 Disturbi dell'apparato digerente negli adulti. Questi includono: ulcera peptica, gastrite, malfunzionamento dei dotti biliari e pancreatite. Tutto ciò è accompagnato da una violazione dell'epigastrio. Il cibo nello stomaco è scarsamente digerito. Penetrando nell'intestino tenue, provoca crampi al dolore.

    2 Infezione tossica alimentare - causa coliche nell'intestino crasso. Ciò è dovuto alla scarsa qualità o al cibo scaduto. Le tossine, che si accumulano nel corpo, causano una sensazione di nausea, vomito e sensazioni spiacevoli nello stomaco. Il trattamento deve essere effettuato immediatamente prima che le tossine vengano assorbite nel flusso sanguigno..

    3 L'infezione dell'intestino eccita crampi e coliche, aumenta la flatulenza. I microrganismi vengono introdotti nel corpo che producono sostanze tossiche (salmonella, colera e bacillo di dissenteria).

    4 Disturbi da stress e nervosi. Tali disturbi si verificano in persone molto impressionabili, con un fisico sottile e con persone che hanno patologie intestinali congenite.

    5 Invasione parassitaria. Gli elminti, essendo nell'intestino, irritano la sua parete mucosa. L'appetito è significativamente ridotto e ci sono crampi e dolore nell'intestino. C'è una grande perdita di peso e il paziente è costantemente gonfio.

    6 Malattia con influenza e infezioni virali. L'ARVI colpisce più spesso il sistema respiratorio e il tratto digestivo. La flora patogena si deposita nei linfonodi della cavità addominale, causando grave infiammazione e colica spastica nell'addome.

    7 L'ostruzione intestinale è anche uno dei fattori della malattia. La peristalsi è disturbata, gli anelli intestinali sono allungati e si verifica un forte dolore dovuto all'accumulo di una grande quantità di feci. Inoltre, la ragione potrebbe essere neoplasie o aderenze..

    1 durante la colica, compaiono dolori acuti nell'intestino, che sono comparsi a causa di malattie gastrointestinali;

    2 quando la colica è accompagnata da un addome disteso - questo significa flatulenza progressiva;

    3 per PTI - nausea, vomito, dolore spastico;

    4 amarezza in bocca e dolore nell'intestino indicano insufficienza epatica;

    5 dolore nell'addome inferiore a destra è una forma acuta di infiammazione dell'appendicite.

    Quando compaiono sintomi di colica gastrica, è necessario consultare urgentemente un medico. Se diagnosticato correttamente, prescriverà un trattamento.

    2 anziani.

    Lo stato primario della malattia si forma a causa di fattori psicogeni che influenzano la salute umana. La causa della malattia può essere stress, tensione, esaurimento nervoso, depressione, sconvolgimento emotivo. Inoltre, la formazione della malattia è influenzata dalla dieta osservata. L'assunzione insufficiente di fibre porta alla discinesia. La malattia può manifestarsi a causa di agenti patogeni dell'infezione intestinale.

    La manifestazione secondaria nella maggior parte dei casi è una conseguenza dei disturbi cronici formati o dei recenti interventi chirurgici degli organi addominali: milza, pancreas, fegato. La malattia è provocata da disturbi ormonali, ghiandola pituitaria, diabete mellito.

    • La colica negli adulti può essere causata da malattie dell'apparato digerente. Tali malattie includono ulcere, gastrite, malfunzionamenti della cistifellea, fegato, pancreas. In questo caso, si verifica un disturbo digestivo. Il cibo inizia a digerire male. Viaggia fino all'intestino tenue, causando spasmi lancinanti..
    • La colica è causata da intossicazione alimentare con cibo scadente o scadente. Il corpo accumula tossine che causano gonfiore, vomito e nausea. In questo caso, il trattamento deve essere iniziato urgentemente, fino a quando le tossine non hanno avuto il tempo di essere assorbite nel sangue umano..
    • Crampi e flatulenza possono causare infezioni intestinali. In questo caso, i microbi patogeni entrano nel corpo, causando tossine. Le infezioni intestinali includono salmonellosi, colera, dissenteria..
    • La malattia è causata da malattie nervose. Questi includono stress, tensione nervosa. Nella maggior parte dei casi, questa manifestazione si verifica in persone impressionabili che hanno un fisico magro. Inoltre, i pazienti soffrono di malposizione congenita dell'intestino.
    • Una manifestazione spiacevole è causata dall'infezione da elminti. I parassiti nell'intestino colpiscono le pareti delle mucose. Ciò provoca crampi all'addome, diminuisce l'appetito. La persona sta perdendo peso in modo catastrofico. Si verifica flatulenza, una persona inizia a gonfiarsi.
    • Un altro motivo per il verificarsi di un disturbo spiacevole è l'influenza e la SARS. Le infezioni virali iniziano a colpire il sistema digestivo e respiratorio. I microrganismi patogeni si depositano nei linfonodi della cavità addominale. Ciò provoca grave infiammazione, coliche e dolore spastico..
    • La colica intestinale si verifica a causa dell'ostruzione delle feci nell'intestino. Vi è una violazione della sua motilità, l'accumulo di feci nell'intestino, l'insorgenza di tagli, l'allungamento dei cappi intestinali. Il motivo può essere rappresentato dalle barriere meccaniche sotto forma di aderenze o tumori. Questa manifestazione si forma a causa di sollevamento pesi o intenso sforzo fisico sul corpo..
    • La colica intestinale è accompagnata da un forte dolore addominale dovuto a problemi con il tratto gastrointestinale.
    • La colica intestinale con gonfiore indica la formazione di flatulenza..
    • Spasmi, coliche e nausea possono indicare intossicazione alimentare.
    • Coliche e sapore amaro in bocca indicano insufficienza epatica..
    • Dolori acuti sul lato destro, coliche nella zona addominale possono indicare una forma acuta di appendicite.