Cosa sono gli antibiotici

La primavera è il momento del raffreddore, quindi molti di noi tengono un pacchetto di antibiotici nel nostro armadietto dei medicinali "per ogni evenienza". Secondo un sondaggio del 2011 di VTsIOM, il 48% delle donne e il 43% degli uomini, e questa è quasi la metà dei russi, ritiene che i virus, come i batteri, non siano resistenti agli antibiotici.

Scopriamo che tipo di animale è questo antibiotico e per chi è pericoloso.

Innanzitutto, passiamo al termine "microbiologia". La microbiologia è una scienza che studia gli organismi microscopici, la loro struttura, relazioni e qualsiasi altra cosa ad essi correlata che può essere studiata. Passiamo ora a un concetto più ristretto: la batteriologia. Quello che studia, penso, e quindi è chiaro.

I batteri, come i protisti (microrganismi più complessi), sono costituiti da una cellula e sono organismi vitali indipendenti. Sebbene sia comune per loro formare ammassi - le colonie, che, a proposito, possono ben essere visibili ad occhio nudo.

Nella foto, una capsula di Petri con batteri cresciuti su di essa, raccolti da me in una delle stazioni della metropolitana di San Pietroburgo.

I batteri non hanno un nucleo e organelli formalizzati che svolgono tutte le funzioni (analogo ai nostri organi, per così dire). Sono anche chiamati procarioti (organismi prenucleari) e quelli che hanno nuclei sono chiamati eucarioti (a cui apparteniamo anche noi).

Tutto ciò di cui è composto un batterio:

- protoplasto - citoplasma (tutto il contenuto interno della cellula) e la membrana che copre la parte superiore
- parete cellulare, attorno alla quale possono essere presenti una mucosa e / o una capsula
- potrebbe esserci un flagello per il movimento

Chiunque abbia letto fino a questo punto può porre una domanda equa: "E che cosa ha a che fare questo con gli antibiotici?".

Quindi, gli antibiotici sono sostanze con attività battericida. Come accennato in precedenza, non aiuteranno contro i virus, così come dai più semplici. Ma questa è piuttosto un'eccezione..

Ora scopriamo perché agiscono sui batteri e come esattamente.

Meccanismi di azione:

  • Il primo studiato è l'effetto sulla parete cellulare.

La composizione chimica della parete cellulare batterica differisce dalla parete cellulare eucariotica. Il componente principale è la mureina, che forma una rete di mureina sulla superficie.

Il microbiologo danese Hans Gram ha proposto un metodo per la colorazione di strisci batterici, che è stato successivamente intitolato a lui. Lo striscio è stato colorato con viola genziana (colorante) e fissato con una soluzione di iodio. Inoltre, i batteri si comportano diversamente, motivo per cui sono stati divisi in due gruppi: quelli il cui colorante viene trattenuto nella cellula quando trattati con alcool o acetone (gram-positivi) e quelli che scoloriscono (gram-negativi).

Staphylococcus aureus - Staphylococcus aureus (cocchi gram-positivi, scuro) ed Escherichia coli - Escherichia coli (bacilli gram-negativi, rosa).

Non ti annoierò con ogni sorta di funzionalità aggiuntive della struttura del muro, questo è già ovvio dall'immagine qui sotto.

Il muro funge da barriera e stabilisce il contatto tra i batteri e l'ambiente. I batteri Gram-negativi sono uno stadio più evoluto dell'evoluzione, sono più resistenti alle tossine, compresi gli antibiotici, rispetto ai batteri Gram-positivi, sebbene abbiano una parete più spessa (e allo stesso tempo più vulnerabile).

Alcuni antibiotici (il gruppo di penicillina e cicloserina) sopprimono la sintesi della parete cellulare, che porta alla formazione di protoplasti (vedi sopra) e sferoplasti (la parete cellulare viene distrutta, ma non completamente). Quando interrompi l'assunzione di antibiotici, si invertono nuovamente (si trasformano) in cellule normali o si trasformano in L-forme, ma possono morire.

Le L-form non hanno una parete cellulare, ma possono svilupparsi, crescere e dividere. La formazione di L-form è una delle cause delle malattie ricorrenti croniche. Se gli antibiotici vengono assunti in modo errato, le condizioni del paziente possono migliorare, ma dopo una completa cancellazione, c'è un ritorno alle forme a pieno titolo delle specie originali con il ripristino della loro patogenicità. A proposito, può anche apparire un'immunità a questi antibiotici, il che significa che in caso di recidiva, non aiuteranno.

Per capire perché l'assunzione di antibiotici ha un dosaggio particolare, dovresti guardare questo grafico:

all'inizio la concentrazione è sempre superiore a quella ottimale, ma nel tempo viene escreta dal corpo, quindi è necessario assumere nuovamente le pillole. E quindi, è importante scegliere antibiotici in cui la loro efficacia sarebbe più forte o almeno a un livello con possibili rischi ed effetti collaterali..

È in questo modo che gli antibiotici colpiscono i rappresentanti di lobare e polmonite focale, meningite, infezioni del tratto urinario e biliare, sifilide, gonorrea, difterite, scarlattina, tonsillite, malattie ORL e molti altri.

    Un altro meccanismo d'azione è una violazione della sintesi proteica nella cellula: inibizione (soppressione) delle funzioni dei ribosomi e sintesi proteica (streptomicina). Tratta la tubercolosi dei polmoni e altri organi, la brucellosi, la peste.

Violazione dell'integrità delle membrane, vale a dire violazione dei canali ionici, che può rendere la cellula permeabile alle sostanze che non dovrebbero entrare, o viceversa - bloccare l'accesso di sostanze importanti. (gramicidina, polimixina). Utilizzato per malattie del tratto gastrointestinale, sepsi e, come la penicillina, per la meningite e le malattie ORL.

Soppressione della sintesi di acidi nucleici (DNA e RNA) a causa dell'interruzione degli enzimi che "controllano" il processo. Con leucemia, linfoma, linfosarcoma, neuroblastoma nei bambini. Utilizzato insieme ad altri farmaci antitumorali.

Violazione della sintesi di DNA e RNA, ma a causa della violazione delle basi azotate stesse - i componenti degli acidi nucleici stessi (sarcomicina). Sopprime la crescita della coltura di cellule tumorali Ehrlich.

  • E infine, l'inibizione degli enzimi respiratori dei batteri (antimicina). Utilizzato nella coltivazione di piante per la distruzione di funghi-parassiti dell'agricoltura.

  • Ora vale la pena discutere di una cosa come la resistenza agli antibiotici, cioè la resistenza di un microrganismo all'azione di un antibiotico. Può verificarsi a causa di mutazioni e, dopo l'esposizione a un antibiotico, è fissato in tutto il gruppo di organismi.

    Meccanismi di opposizione:

      blocco dell'entrata cellulare - una membrana extra nella maggior parte dei batteri gram-negativi, rendendoli immuni alla penicillina.

    una riduzione delle dimensioni dei pori (l'antibiotico non passa all'interno) o appare una proteina che rimuove immediatamente l'antibiotico dalla cellula.

    alcuni batteri hanno imparato a inattivare gli antibiotici. Ad esempio, negli stafilococchi (p. Stafilococco), viene prodotta la sostanza β-lattonasi per questo, che distrugge l'anello β-lattamico nella maggior parte delle penicilline. Per fare questo, l'acido folico viene aggiunto a loro per sopprimere la β-lattonasi.

  • Bene, la parete cellulare stessa, che è influenzata da un antibiotico, come il genere Mycoplasma (Mycoplasma), potrebbe mancare.

  • Infine, vale la pena ricordare che il fatto che gli antibiotici non influenzino i virus non significa che siano innocui per l'uomo. Non possono essere assunti così, senza assicurarsi che l'agente causale della malattia sia un batterio, perché gli antibiotici colpiscono il fegato (è lei che disintossica il corpo), l'intestino (la microflora muore e la prima cosa che entra può mettere radici al suo posto). Inoltre, tutti sanno che quando si tratta questo gruppo di farmaci non si dovrebbe bere. L'alcol influenza l'attività degli antibiotici e la loro escrezione dal corpo da parte del fegato. Alcuni antibiotici possono interagire con l'alcol e causare effetti collaterali che vanno dalla diarrea e dal vomito alle convulsioni e persino alla morte.

    Come agiscono gli antibiotici sui batteri?

    Gli antibiotici sono medicinali usati per combattere le infezioni batteriche. Prima della loro comparsa, molte malattie erano considerate incurabili e fatali. Gli antibiotici sono ancora potenti farmaci salvavita oggi. Possono anche prevenire lo sviluppo di infezioni meno gravi..

    I farmaci antibatterici sono classificati in base alla malattia specifica. Inoltre, sono prodotti in diverse forme:

    Solo alcune creme e unguenti vengono dispensati senza prescrizione medica, di solito gli antibiotici vengono acquistati per motivi medici.

    Quanto durano gli antibiotici??

    Gli antibiotici agiscono contro i batteri in diversi modi:

    rallentare o fermare la loro crescita;

    attaccare pareti o conchiglie attorno ai batteri;

    impedire la loro riproduzione;

    bloccare la produzione di proteine ​​nei batteri.

    Gli antibiotici iniziano il loro lavoro nel corpo immediatamente dopo la prima dose. Tuttavia, i segni di recupero si avvertono solo per 2-3 giorni. Tutto dipende dal tipo di infezione.

    La maggior parte dei medicinali sono prescritti per 7 o 14 giorni. A volte è efficace un ciclo di trattamento più breve. Il medico curante determina la durata ottimale e il farmaco specifico, che è particolarmente importante durante la gravidanza.

    Anche se ti senti meglio dopo pochi giorni, devi completare l'intero ciclo di trattamento per eliminare completamente l'infezione. Aiuta anche a prevenire la resistenza agli antibiotici. Non interrompere l'assunzione dei farmaci senza prima consultare il medico.

    Di cosa sono fatti gli antibiotici?

    Il primo antibiotico beta-lattamico, la penicillina, è stato scoperto per caso: è nato da uno stampo su una capsula di Petri. Gli scienziati hanno scoperto che un certo tipo di fungo produce naturalmente penicillina.

    Altri tipi di farmaci antibatterici sono stati prodotti da batteri trovati nel terreno.

    Oggi, la maggior parte dei farmaci viene prodotta in laboratorio, ma alcuni antibiotici sono ottenuti in parte naturalmente. Come risultato di una serie di reazioni chimiche, si forma una sostanza che viene utilizzata in un farmaco. La penicillina appare durante la fermentazione (fermentazione), che è spesso accompagnata da alcune reazioni che possono cambiare la sostanza originale e creare un altro farmaco.

    Il problema della resistenza agli antibiotici

    L'assunzione di antibiotici troppo spesso o il loro uso improprio provoca cambiamenti così drammatici nella composizione dei batteri che i farmaci cessano di agire contro di loro. Questo si chiama resistenza agli antibiotici. Alcuni batteri sono attualmente resistenti anche agli antibiotici più potenti.

    Pertanto, esiste la possibilità che il farmaco assunto in precedenza non sia utile. Soprattutto se è stato somministrato dall'infanzia in risposta a qualsiasi tosse sospetta.

    La resistenza agli antibiotici è una conseguenza dell'evoluzione attraverso la selezione naturale e anche un grave problema. Spesso gli operatori sanitari non dispongono di strumenti diagnostici rapidi per determinare quali malattie sono causate dai batteri e quali no. La mancanza di acqua pulita, condizioni antigieniche e programmi di vaccinazione limitati contribuiscono alla diffusione di infezioni per le quali sono prescritti antibiotici.

    Per evitare la resistenza ai batteri, è necessario rispettare alcune regole:

    Gli antibiotici possono essere utilizzati solo per le infezioni batteriche. Non usarli per malattie virali (raffreddore, influenza, tosse o mal di gola).

    La ricezione viene effettuata rigorosamente secondo la prescrizione del medico. Saltare o diversi volumi di dosaggio portano ad una maggiore resistenza agli antibiotici.

    È anche necessario interrompere l'assunzione di farmaci per motivi medici, anche se ti senti meglio dopo alcuni giorni. Altrimenti, la malattia tornerà rapidamente.

    Non assumere antibiotici prescritti a parenti o altre persone o abbandonati a trattamenti precedenti. Il farmaco è appositamente selezionato per un tipo specifico di infezione, tenendo conto delle caratteristiche individuali dell'organismo.

    Quali malattie trattano gli antibiotici??

    Gli antibiotici sono usati per trattare le infezioni causate da batteri. A volte è difficile determinare cosa sta causando esattamente l'infezione. I sintomi sono spesso simili. Potrebbero essere necessari esami del sangue o delle urine per confermare la causa della malattia..

    Ecco alcune comuni malattie batteriche che gli antibiotici possono aiutare con:

    Errore medico. Perché gli antibiotici sono spesso prescritti quando non sono necessari

    Il prezzo della paura

    Forse l'errore più comune è la prescrizione di antibiotici per qualsiasi manifestazione di ARVI. Questo è il nome per le infezioni virali respiratorie acute e dal loro nome è chiaro a qualsiasi medico che gli antibiotici non sono necessari per la loro terapia. Ma continuano a essere prescritti per tosse, mal di gola (faringite), naso che cola (rinite) e altre manifestazioni di ARVI. Perché i medici fanno questo e come trattare l'ARVI, dice il Professore, Dottore in Scienze Mediche, Capo del Dipartimento di Otorinolaringoiatria dell'Accademia Medica Russa di Formazione continua post-laurea Sergey Kosyakov:

    "Immaginiamo una situazione banale: un paziente ha un naso che cola comune: la rinite, di solito in questi casi i seni paranasali continuano a reagire e, quindi, il medico diagnostica la rinosinusite. Molto spesso, questa infezione è di natura virale, il che significa che non è necessario prescrivere antibiotici nelle prime fasi. Dopotutto, i virus non reagiscono a loro. Se il periodo di recupero è ritardato, la flora batterica potrebbe unirsi e quindi potrebbero essere necessari antibiotici. Ma sfortunatamente, sono spesso prescritti al primo stadio, quando la malattia è chiaramente virale. Spesso questo è dovuto alla paura del medico: ha paura di perdere un'infezione batterica. Sebbene i medici sappiano che ciò non dovrebbe essere fatto immediatamente, ma dopo 10 giorni e se la rinosinusite non è scomparsa. Sorprendentemente, rendendosi conto di ciò, i medici spesso non possono fare a meno di prescrivere antibiotici. Pertanto, promuovono la crescita della resistenza batterica. E secondo le previsioni dell'OMS, la crescita della resistenza ai microrganismi agli antibiotici porterà alla morte di 10 milioni di persone entro il 2050. E i medici contribuiscono a questo, soprattutto quando prescrivono immediatamente antibiotici a riserva pesante in primo luogo. Sfortunatamente, nella mia pratica mi trovo ad affrontare tali errori medici quasi ogni giorno..

    E questo nonostante il fatto che ci siano farmaci che dovrebbero essere prescritti in primo luogo per la rinosinusite. Questi medicinali includono Sinupret. Oggi è l'era della medicina basata sull'evidenza e la sua efficacia è stata dimostrata in studi controllati con placebo. Il farmaco ha davvero indebolito i sintomi della malattia, ha colpito i virus e non ha avuto effetti collaterali.

    A differenza di molti altri medicinali a base di piante medicinali, Sinupret è diverso. Ha una base di prove reale ed è prodotto in modo che il contenuto di sostanze attive nel preparato sia standard. Sono stati identificati farmaci contraffatti che, a differenza di Sinupret, non hanno funzionato. La concentrazione di sostanze attive in esse contenute non ha raggiunto nemmeno la metà di ciò che dovrebbe essere nella preparazione originale.

    Le principali indicazioni per la nomina di Sinupret sono incluse nelle raccomandazioni internazionali e nazionali per il trattamento. È usato per la rinosinusite, questa condizione è quasi sempre accompagnata da ARVI. Con un corso semplice, può essere l'unico farmaco utilizzato e con una gravità media del corso, come rimedio aggiuntivo ".

    Quando sono presenti batteri ma non le infezioni

    Gli antibiotici sono prescritti irragionevolmente non solo per il raffreddore, ma anche per molte altre malattie. Sono spesso abusati in urologia. Ciò ha già portato alla formazione di batteri resistenti e ogni anno ce ne sono sempre di più..

    Dottore in Scienze mediche, Professore, Capo del Dipartimento dell'Istituto di ricerca di urologia e radiologia interventistica intitolato a V.I. N. A. Lopatkina - filiale del Centro nazionale di ricerca medica di radiologia del Ministero della salute della Federazione Russa, membro del Presidio della Sezione europea sulle infezioni in urologia dell'Associazione urologica europea Tamara Perepanova.

    “I risultati di un ampio studio DARMIS-2 sono stati appena pubblicati, in cui nel 2017-2018. studiato resistenza batterica agli antibiotici nei pazienti ambulatoriali con infezioni urinarie non complicate. Rispetto al primo studio di questo tipo nel 2010-2011. c'è stato un marcato aumento della resistenza batterica agli antibiotici usati nel trattamento di tali malattie. Una situazione simile non è solo in Russia, ma nel mondo in generale. Perché sta succedendo? I medici a volte prescrivono antibiotici molto spesso, anche quando non sono necessari.

    Ecco un classico esempio. Esiste un numero enorme di pazienti con cosiddetta batteriuria asintomatica. Questa è una condizione molto comune in cui un gran numero di batteri viene trovato nei test delle urine, ma non ci sono altri segni di infezione del tratto urinario. Il problema è che queste persone sono trattate con antibiotici. I medici considerano la presenza di batteri nelle urine come una manifestazione di infiammazione. La pielonefrite cronica viene solitamente diagnosticata e vengono prescritti antibiotici. E non è necessario farlo, perché non c'è pielonefrite e non ci sono altre infezioni nei reni, negli ureteri e nella vescica. Tale trattamento inappropriato favorisce la formazione di ceppi di batteri resistenti.

    Nella batteriuria asintomatica, le persone si preoccupano solo del cattivo odore dell'urina e del suo colore torbido. Non si verificano frequenti impulsi e altri sintomi tipici di un'infezione. Questa condizione si verifica non solo nelle donne, come spesso si pensa, ma anche negli uomini. In genere si verifica nei pazienti con diabete mellito, dopo un intervento chirurgico urologico e negli anziani, in particolare quelli che vivono in case di cura. Per il trattamento in tali situazioni, il farmaco Kanefron N, prodotto sulla base di erbe medicinali, è buono. Elimina le urine, previene il ripetersi di infezioni del tratto urinario e non induce la formazione di batteri resistenti. Il farmaco ha effetti antinfiammatori, diuretici e altri che aiutano con la batteriuria asintomatica. I corsi di trattamento durano tre mesi e sono ben tollerati dai pazienti. ".

    A cosa servono gli antibiotici ad ampio spettro?

    Gli antibiotici ad ampio spettro sono farmaci che agiscono contro un'ampia gamma di microrganismi. Scopri quando aiutano.

    Gli antibiotici a spettro limitato sono quelli attivi solo contro determinati microrganismi. Ciò non significa che siano meno efficaci degli antibiotici ad ampio spettro. Al contrario, è più conveniente usare l'uno o l'altro tipo, a seconda del caso..

    Gli antibiotici ad ampio spettro sono più comunemente usati nel mondo. Nonostante i loro vantaggi, sono sempre meno efficaci nel risolvere i problemi infettivi del mondo moderno..

    Antibiotici ad ampio spettro

    Sebbene gli antibiotici siano stati usati dalle persone fin dall'antichità, è stato nel 20 ° secolo che sono stati studiati e usati ampiamente. La scoperta della penicillina ha aperto le porte a un nuovo mondo per combattere le infezioni.

    All'inizio del 20 ° secolo, l'aspettativa di vita media era di 47,3 anni. Con l'avvento degli antibiotici e l'inizio della depurazione delle acque, questa cifra è aumentata a 75 anni, alla fine dello stesso secolo.

    In effetti, l'attuale mappa delle malattie infettive del mondo corrisponde inequivocabilmente alla mappa della disponibilità di antibiotici e acqua potabile. Questo ci dà un'idea dell'importanza di questi medicinali..

    Gli antibiotici ad ampio spettro sono farmaci che agiscono su un'ampia varietà di batteri gram-positivi e gram-negativi. Questi batteri hanno strutture diverse.

    Quelli Gram-positivi sono sensibili all'azione della penicillina, mentre quelli Gram-negativi non sono così tanti. I primi sono di colore blu o viola secondo Grammo, mentre i secondi no. Dal cognome dello scienziato e il loro nome deriva.

    Classificazione

    I principali antibiotici ad ampio spettro sono tetracicline, macrolidi e beta-lattamici. Sono anche conosciute come penicilline. Tra loro:

    Le tetracicline

    Sono considerati il ​​prototipo di antibiotici ad ampio spettro. Sono di origine naturale e sintetica. Sono utilizzati per infezioni cutanee, urogenitali, gastrointestinali, respiratorie e di altro tipo.

    macrolidi

    Un gruppo di antibiotici derivati ​​dall'eritromicina. Sono usati principalmente per combattere le infezioni del tratto respiratorio superiore, della pelle e dei tessuti bianchi. Sono particolarmente indicati per i pazienti allergici alle penicilline..

    betalattamine

    Questi includono diversi derivati ​​della penicillina, cefalosporine, monobactam, carbapenems, carbacehem e inibitori della beta-lattamasi. Una gamma più ampia è la quarta generazione.

    cefalosporine

    Il meccanismo d'azione di questo gruppo di antibiotici è simile a quello delle penicilline. La gamma più ampia è la quarta e la quinta generazione. Sono efficaci contro i cocchi gram-positivi e contro alcuni batteri gram-negativi.

    lincosamidi

    Sono particolarmente indicati per streptococchi emolitici alfa e beta, S. pneumoniae e S. aureus.

    Antibiotici ad ampio spettro

    Gli antibiotici ad ampio spettro vengono utilizzati principalmente quando gli organismi infettivi non vengono identificati con assoluta certezza. Sono utilizzati nei seguenti casi:

    • Se esiste una vasta gamma di possibili malattie. Soprattutto con gravi patologie che possono peggiorare se il trattamento è ritardato.
    • Quando ci sono batteri resistenti che non rispondono positivamente all'uso di antibiotici a spettro limitato.
    • Come agente profilattico dopo l'intervento chirurgico. Questi antibiotici offrono una prevenzione più efficace contro vari tipi di infezioni.
    • Quando si verifica la superinfezione. Esistono diversi tipi di batteri che causano malattie. Ciò giustifica l'uso di antibiotici ad ampio spettro o una combinazione di antibiotici ad ampio spettro..

    Come tutti i medicinali, gli antibiotici ad ampio spettro rappresentano un potenziale pericolo per la salute. Il loro uso è richiesto rigorosamente come indicato da un medico.

    Quali antibiotici prendere (bere) per varie infezioni?

    Gli antibiotici sono una categoria molto importante di farmaci che risolve molti problemi associati a molte malattie infettive (escluso il virus).

    In precedenza, erano ottenuti da microrganismi e oggi quasi tutti gli antibiotici possono essere ottenuti sinteticamente..

    È molto importante capire che per ogni agente infettivo, è necessario scegliere l'antibiotico appropriato, tenendo conto di molti fattori, tra cui le singole controindicazioni per il paziente..

    L'assunzione di qualsiasi antibiotico deve essere coordinata con l'assunzione di altri farmaci al fine di evitare effetti collaterali.

    Attenzione! Si consiglia di consultare il proprio medico prima di assumere qualsiasi farmaco (compresi gli antibiotici)!

    Con infezioni locali (empiema, flemmone, ascesso)

    Si consigliano impacchi umidi, lievi antinfiammatori (non corticosteroidi e fenilbutazone) prima di drenare..

    In alcune situazioni, gli antibiotici non solo possono non aiutare, ma possono anche nuocere. Il fatto è che anche se il paziente sembra a prima vista migliore, l'infezione persiste!

    È molto importante identificare l'agente causale dell'infezione mediante emocoltura (sangue) o analisi delle urine.

    A volte, a seconda della posizione dell'infezione, è possibile identificare un microrganismo:

    • ascesso prostatico:
      • Pseudomonas aeruginosa;
      • Proteus;
      • Enterococcus;
      • gonococco;
      • E. coli.
    • linfangite:
      • streptococco beta emolitico.
    • ascesso dentale:
      • stafilococchi anaerobici;
      • Streptococcus viridans.

    In caso di tali infezioni, il drenaggio del pus è obbligatorio..

    Per le infezioni dentali, il trattamento topico è combinato con l'uso di antibiotici attivi contro batteri e microrganismi anaerobici che causano la comparsa di pus:

    Nel caso di infezioni da streptococco, si consiglia di assumere farmaci del gruppo della penicillina, ma in caso di infezioni da stafilococco, viene prescritto un antibiogramma.

    Con malattie infettive genitali

    Le infezioni sessuali (annessite, metrite, perimetrite, peritonite pelvica, infezioni postpartum) possono essere causate dai seguenti batteri:

    • Pseudomonas aeruginosa;
    • Proteus;
    • batteri anaerobici;
    • Enterococcus;
    • E. coli;
    • stafilococco aureo (spesso malato);
    • streptococco.

    La scelta dell'antibiotico viene effettuata in base all'agente causale dell'infezione (se può essere isolato).

    Un aborto incompleto, anche in assenza di segni di infezione, dovrebbe essere trattato come un aborto settico.

    I disturbi infettivi postpartum possono essere causati da:

    • vari stafilococchi resistenti agli antibiotici;
    • bacilli gram-negativi;
    • infezioni anaerobiche.

    I sintomi possono essere molto lievi e le donne malate possono ignorarli. Ciò aumenta il rischio di sepsi..

    Nel caso della sepsi nelle donne, un esame degli organi genitali è considerato obbligatorio. Per le infezioni da stafilococco ospedaliero resistente, l'oxacillina è prescritta in grandi dosi in combinazione con gentamicina, kanamicina solfato, streptomicina o penicillina.

    Con un'infezione genito-urinaria

    Tali infezioni sono considerate le più comuni.

    Infezione genito-urinaria

    Ci sono molte ragioni per questo tipo di disturbo:

    • prostatite cronica (negli uomini);
    • cistite cronica (nelle donne);
    • calcoli urinari, specialmente nel caso della litiasi infetta da proteus.

    La leucocturia supera i 5.000 leucociti / ml e la batteriuria supera i 100.000 CFU (numero di unità formanti colonie) / ml.

    Se vengono rilevati microrganismi patogeni, è necessario un antibiogramma!

    Vengono prescritti antibiotici, che vengono escreti in forma attiva nelle urine, esclusi:

    Nel trattamento delle infezioni genito-urinarie, il pH è considerato molto importante:

    • a pH acido, sono attivi i seguenti farmaci:
      • penicilline naturali e semisintetiche;
      • Nitrofurantoin;
      • Acido nalidixico.
    • a pH alcalino sono attivi i seguenti farmaci:
      • Gentamicina;
      • Kanamicina solfato;
      • Eritromicina (a pH> 8).

    Infezioni genito-urinarie acute e croniche

    Dai batteri patogeni prevalgono nell'infezione genito-urinaria acuta:

    • entreococcus;
    • Proteus;
    • balantidio intestinale.

    Nel caso di una forma cronica:

    Raccomandazioni importanti per il trattamento delle infezioni genito-urinarie sono:

    • trattamento di tali disturbi:
      • vulvovaginite (nelle donne);
      • stipsi;
      • diabete.
    • buona igiene personale nella zona del cavallo;
    • svuotamento completo della vescica durante ogni minzione;
    • assunzione frequente e pesante di liquidi.

    Per il trattamento di casi gravi, sono prescritti i seguenti antibiotici:

    Per le infezioni meno gravi, utilizzare:

    • sulfamidici:
      • Cotrimossazolo;
      • Sulfamethoxydiazine;
      • sulfisossazolo.
    • Nitrofurantoin;
    • acido di mandorle;
    • cycloserine;
    • Acido nalidixico.

    Per un effetto più efficace, si consigliano combinazioni sinergiche:

    • combinazioni di farmaci sulfa;
    • Ampicillina + Gentamicina;
    • Ampicillina + Kanamicina solfato.

    Attenzione! Chi soffre di allergie: sulfamidici e penicilline sono controindicati.

    Attenzione! Le donne in gravidanza sono categoricamente controindicate nei seguenti farmaci: nitrofurantoina, co-trimoxazolo, sulfonamidi, gentamicina, kanamicina solfato, streptomicina.

    Ogni agente causale del disturbo ha una diversa sensibilità agli antibiotici:

    • enterococco a ampicillina o streptomicina + penicillina;
    • Pseudomonas aeruginosa a Carbenicillin, Kolimycin o Gentamicin;
    • Klebsiella a Colistin o Gentamicin;
    • Proteus a Co-trimoxazole o Ampicillin.

    Il trattamento della pielonefrite acuta consiste in diverse fasi:

    • Fase 1. Assunzione di Kanamicina solfato 6 giorni a 1 g / giorno;
    • Fase 2. Assunzione di ampicillina per 14 giorni a 1,5-2 g / giorno;
    • Fase 3. Continuazione del corso di trattamento con solfazazazolo, sulfametossiazina, nitrofurantoina o acido mandelico.

    Per non trascurare il momento dell'inizio del trattamento, durante un attacco acuto, vengono eseguiti tutti i test, il paziente deve consumare quanti più liquidi possibile e aderire al riposo a letto. Dei farmaci sono prescritti il ​​Co-trimoxazolo o la Sulfamethoxydiazine.

    Se l'infezione genito-urinaria non scompare dopo 48 ore, viene utilizzato un antibiotico rilevato da un antibiogramma.

    Il trattamento a lungo termine può essere continuo per 1-3 mesi:

    • Nitrofurantoin - 50-100 mg / giorno
    • Acido nalidixico - 500-1000 mg / giorno;
    • sulfamidici - 500-1000 mg / giorno.

    Inoltre, il trattamento può essere intermittente 10-20 giorni al mese, alternando 1-2 farmaci (ad esempio, metenamina con acido mandelico).

    In molte situazioni, gli antibiotici non possono sostituire alcuni agenti chemioterapici: co-trimoxazolo, sulfamidici, nitrofurantoina, acido nalidixico.

    Cosa fare con l'insufficienza renale?

    L'insufficienza renale può causare l'accumulo di antibiotici nel corpo, aumentandone la tossicità. La clearance endogena della creatinina (test di Reberg, velocità di filtrazione glomerulare) può essere necessaria per comprendere il quadro dell'insufficienza renale.

    Ai pazienti con insufficienza renale vengono prescritti antibiotici non tossici:

    Per infezioni intestinali e gastriche

    Le malattie infettive intestinali più comuni sono:

    • dissenteria;
    • diarrea acuta;
    • enterocolite;
    • colite;
    • gastroenterite;
    • gastrite acuta.

    Per trattare la maggior parte delle infezioni del tratto digestivo, sono sufficienti le seguenti misure:

    • cambiamento nella dieta;
    • reidratazione orale o endovenosa;
    • terapia sintomatica con antisettici intestinali:
      • Intestopan;
      • Mexaform;
      • clorchinaldolo.

    Gli antibiotici non sono generalmente richiesti per trattare le infezioni intestinali.

    Le principali cause di questi disturbi sono:

    • intossicazione alimentare da vari microrganismi:
      • salmonella;
      • Enterococcus;
      • batteri anaerobici;
      • Staphylococcus;
      • bastoni;
      • streptococco;
      • Pseudomonas aeruginosa.
    • intolleranza alimentare;
    • disturbi secretori;
    • discinesia;
    • allergia;
    • eccesso di cibo.

    Se sono necessari antibiotici per la guarigione, dovrebbero essere scelti quelli che si concentrano nel lume intestinale:

    • sulfamidici insolubili:
      • sulfasalazina.
    • colistina;
    • neomicina;
    • Streptomicina.

    I casi gravi di infezioni intestinali sono trattati associando 3 tipi di antibiotici ad alto dosaggio:

    Enterite da stafilococco

    Con l'enterite da stafilococco, che si verifica dopo un trattamento antibiotico prolungato (con feci liquide), possono essere prescritti i seguenti farmaci:

    • Kanamicina solfato;
    • rifampicina;
    • eritromicina;
    • Cloxacillin;
    • Oxacillin.

    In tali situazioni, è consigliabile disinfettare i trasportatori di batteri sani e non abusare degli antibiotici..

    Dissenteria bacillare

    Per curare la dissenteria bacillare, oltre a trattare i sintomi, il riposo e la dieta, sono necessari i seguenti farmaci antibiotici (o farmaci chemioterapici):

    • Levomicetina (cloramfenicolo): 2 g / die (assunto solo in casi gravi)
    • Tetraciclina: 0,5 g / giorno (3-4 giorni)
    • antisettici intestinali:
      • Intestopan o clorquinaldolo: 12 compresse il primo giorno e 8 compresse nei successivi 2-3 giorni;
      • Mexaform: mezza dose.

    In caso di forme resistenti, viene prescritta streptomicina o neomicina con tetraciclina o sulfanilamide.

    L'abuso di antibiotici può causare enterite con Candida albicans.

    Tifo

    Con la febbre tifoide, i seguenti farmaci antibiotici aiutano:

    • Cotrimossazolo;
    • ampicillina
    • Levomicetina (cloramfenicolo).

    Colera

    Il trattamento del colera si basa sul ripristino dell'equilibrio idroelettrolitico e sull'assunzione di tali farmaci:

    • Cotrimossazolo;
    • Levomicetina (cloramfenicolo);
    • tetraciclina.

    Dissenteria amebica

    La dissenteria amebica viene trattata con i seguenti farmaci:

    • derivati ​​della chinolina (Mexaform, Clioquinol);
    • tetraciclina;
    • metronidazolo.

    L'antibiogramma non sempre funziona.

    Salmonellosi e infezione da stafilococco

    L'intestino del paziente è infetto da salmonella o stafilococco se, dopo aver consumato torte con panna, presenta i seguenti sintomi:

    • abbondanti sgabelli verdognoli sfusi;
    • dolore addominale;
    • vomito.

    Oltre alla dieta e alla disidratazione, vengono utilizzati antisettici intestinali.

    Un paziente con feci molli, ma senza febbre, sono raccomandate le seguenti tecniche:

    • trattamento dei sintomi, compresi antisettici intestinali;
    • ricreazione;
    • dieta.

    L'uso eccessivo di antibiotici dovrebbe essere evitato, che dovrebbe essere preso solo in casi gravi..

    Per infezione virale respiratoria acuta (ARVI)

    La maggior parte di questi disturbi è virale, motivo per cui gli antibiotici non sono solo inefficaci ma anche dannosi. La terapia antibiotica promuove la selezione di microbi resistenti e l'emergere di superinfezioni batteriche.

    Potrebbe essere necessario il co-trimoxazolo, l'ampicillina o la tetraciclina per il trattamento delle superinfezioni batteriche.

    Con candidosi (infezione fungina)

    Di norma, tali disturbi compaiono in pazienti sottoposti a trattamento con antibiotici ad ampio spettro..

    Per eliminare la candidosi, si consiglia di:

    • lavare con una soluzione debole di soda;
    • uso locale di tali farmaci:
      • Stamicina (aiuta con la candidosi intestinale);
      • derivati ​​dell'ossichinolina (Intestopan, clorquinaldolo);
      • Amfotericina B.

    Con antrace

    Il trattamento si basa sull'assunzione di dosi elevate di penicillina (1.600.000 - 3.000.000 UI). Il siero di antrace è inutile e obsoleto.

    Con la gonorrea

    Gonococco - sensibile a tali antibiotici:

    • tetraciclina;
    • Streptomicina;
    • rifampicina;
    • eritromicina;
    • Penicillina.

    Nella gonorrea acuta, la terapia a shock corto è prescritta usando i seguenti farmaci:

    • Eritromicina (1,5-2 g);
    • Rifampicina (1-2 g);
    • Tetraciclina (1 g).

    Tutti questi farmaci vengono assunti sotto controllo medico in pochi minuti..

    Con actinomicosi

    Questa malattia è trattata con chirurgia e farmaci (penicillina, co-trimoxazolo).

    Con angina (tonsillite acuta)

    L'angina può essere di vari tipi, ma, molto spesso, stiamo parlando di virale (infiammazione rossa delle tonsille) o batterica (infiammazione delle tonsille con pus bianco).

    I principali batteri responsabili della comparsa del mal di gola sono:

    • batteri anaerobici;
    • batteri gram-negativi;
    • pneumococco;
    • Staphylococcus;
    • streptococco.

    È molto importante capire la causa dell'angina, perché le forme virali non possono essere trattate con antibiotici.!

    Mal di gola micotico

    Il trattamento del tipo micotico di mal di gola viene eseguito utilizzando Stamicina, Nistatina sotto forma di polvere o sospensione, che deve essere tenuta in bocca.

    Malattie del sangue dell'angina

    Per la tonsillite delle malattie del sangue (leucemia, agranulocitosi) con presenza di superinfezione batterica, deve essere utilizzata una terapia antibiotica (ad esempio, penicillina, ma non levomicetina o sulfa).

    Difterite angina

    Il mal di gola difterite viene trattato con una terapia specifica, così come tali farmaci:

    Tonsillite ulcerosa filmosa di Simanovsky-Plaut-Vincent

    Per il trattamento del mal di gola da film ulcerativo, Simanovsky-Plaut-Vincent ha raccomandato:

    • Fenossimetilpenicillina (penicillina V), le cui compresse devono essere aspirate intere;
    • Benzilpenicillina (penicillina G), per via intramuscolare.

    Mal di gola streptococcica

    Con mal di gola da streptococco, viene prescritta la penicillina (benzilpenicillina - 1.000.000 UI / giorno a 3-4 dosi / giorno ogni 3-4 ore, per 10-12 giorni).

    A causa del fatto che questo mal di gola da streptococco può diventare l'inizio di altri disturbi (reumatismi articolari acuti, glomerulonefrite acuta, nefrite), per la prevenzione delle infezioni da streptococco, è necessario assumere il farmaco Penicillina - Benzilpenicillina.

    Con bronchite, polmonite e broncopolmonite

    A seconda del metodo diagnostico, è possibile identificare un possibile disturbo:

    • Usando la radiografia:
      • infezione da adenovirus polmonare;
      • psittacosi;
      • polmonite atipica dei polmoni;
      • Febbre Q;
      • polmonite da stafilococco o streptococco;
      • tubercolosi polmonare.
    • L'analisi dell'espettorato può aiutare a rilevare la neoplasia o la tubercolosi.

    Bronchite

    Le principali complicanze della bronchite cronica sono:

    • asma bronchiale;
    • cuore polmonare cronico;
    • enfisema.

    Il trattamento si basa sull'assunzione di tali antibiotici:

    Si raccomanda di evitare lunghi cicli di antibiotici o altri farmaci chemioterapici.

    Broncopolmonite

    I principali agenti patogeni per la broncopolmonite sono:

    • polmonite da Klebsiella;
    • Pseudomonas aeruginosa;
    • Proteus;
    • bacillo emofilo;
    • E. coli;
    • Enterococcus;
    • stafilococco ospedaliero;
    • pneumococco;
    • streptococco.

    A seconda dell'antibiogramma, viene prescritta una terapia antibiotica:

    L'uso di rifampicina o streptomicina non è raccomandato a causa di sospetta infezione da tubercolosi.

    Polmonite

    Il trattamento della polmonite non è molto diverso dal trattamento della broncopolmonite.

    In caso di difficoltà nello stabilire una diagnosi, vengono prescritti i seguenti antibiotici:

    In altri casi, la scelta del farmaco viene effettuata in base ai batteri:

    • Per pneumococco e streptococco:
      • Benzilpenicillina - 2.000.000 - 6.000.000 UI / giorno, assunti in dosi divise ogni 4-6 ore, per 4-8 giorni;
      • Eritromicina (in caso di allergia alla penicillina) - 2 - 3 g / giorno, assunta in dosi divise per 4 dosi al giorno, per 4-8 giorni;
      • Tetraciclina: assumere le stesse dosi dell'eritromicina;
      • Co-trimoxazole - 4 compresse / giorno, per 4-8 giorni.
    • Per Haemophilus influenzae:
      • Sulfamethoxydiazine;
      • eritromicina;
      • cloramfenicolo;
      • tetraciclina;
      • ampicillina.
    • Per Klebsiella:
      • Gentamicina - 150 mg / giorno per 10-12 giorni
      • Kanamicina solfato - 1 g / giorno, per 10-12 giorni;
      • Streptomicina - 1 g / giorno, per 10-12 giorni.
    • Per stafilococco:
      • Le dosi massime dei seguenti antibiotici per 10-30 giorni:
        • Cephaloridin;
        • Oxacillin;
        • meticillina;
        • eritromicina;
        • Penicillina.
    • Per i batteri Gram-negativi:
      • Corsi di trattamento con tali farmaci antibiotici per 8-30 giorni:
        • Cotrimossazolo;
        • sulfisossazolo;
        • polimixina;
        • Gentamicina;
        • Kanamicina solfato;
        • Streptomicina;
        • cefalosporina;
        • ampicillina.
    • Per micoplasma:
      • tetraciclina;
      • eritromicina.
    • Con febbre Q (coxiellosi):
      • cloramfenicolo;
      • tetraciclina.
    • Con psittacosi (psittacosi):
      • Cotrimossazolo;
      • Streptomicina;
      • tetraciclina.

    La polmonite ricorrente, specialmente nella stessa area, può indicare una neoplasia (tumore), forme interstiziali della malattia indicano polmonite non batterica (virale, rickettsiale o micoplasmatica) e forme della malattia con essudato indicano polmonite batterica.

    Esistono anche tipi misti di polmonite. Nelle forme acute di polmonite, quando non è possibile identificare l'agente patogeno, viene utilizzata la tetraciclina, a cui quasi tutti i patogeni sono sensibili.

    Per la brucellosi acuta

    Di norma, il trattamento di questa malattia viene affrontato utilizzando diversi farmaci:

    • Tetraciclina (2-3 g / giorno) + Streptomicina (2 g / giorno per 7 giorni, seguita da 1 g / giorno per 10-20 giorni). A seconda della situazione, il co-trimoxazolo (4 g / die) può essere aggiunto a questo elenco.

    Con colecistite

    Questa malattia può richiedere, a seconda del caso, un intervento chirurgico, nonché un trattamento antispasmodico e antinfettivo..

    Gli agenti causali più comuni di questo disturbo sono:

    • Pseudomonas aeruginosa;
    • streptococco;
    • Staphylococcus;
    • salmonella;
    • Klebsiella;
    • Enterococcus;
    • E. coli.

    I principali antibiotici usati per questa malattia sono:

    • rifampicina;
    • tetraciclina;
    • novobiocina;
    • eritromicina;
    • Penicillina;
    • ampicillina.

    Con endocardite batterica

    La terapia antibiotica è molto importante se la si inizia in una fase precoce della malattia e se si tiene conto della sensibilità dell'agente patogeno.

    A causa del fatto che questa malattia è molto grave e la conferma della diagnosi, di regola, richiede tempo, quindi per qualsiasi valvulopatie congenita o reumatismi accompagnata da febbre, vengono eseguite 4-6 procedure di emocoltura nelle prime 24-48 ore, su vari media.

    Sono utilizzati i seguenti antibiotici:

    • Benzilpenicillina (4.000.000 - 8.000.000 UI / giorno) + Streptomicina (1-2 g / giorno) + Kanamicina solfato (1 g / giorno). La gentamicina (200 mg / die) può essere utilizzata al posto del Kanamicina Solfato.

    Metodo di somministrazione del farmaco: endovenoso, intramuscolare, orale o misto.

    Corso di trattamento: almeno 1,5 mesi.

    Se sei allergico alla penicillina, puoi provare a desensibilizzare usando i corticoidi.

    Di solito, l'endocardite causata da streptococco beta-emolitico richiede un ciclo di trattamento più breve, ma con Streptococcus viridans, un corso più lungo.

    Le forme della malattia con enterococco sono più gravi e richiedono una combinazione di ampicillina o penicillina con gentamicina, kanamicina solfato o streptomicina.

    I tipi di malattia causati da stafilococchi resistenti alla penicillina sono più complessi di quelli per i quali la penicillina aiuta.

    Per sopprimere lo sviluppo di tali tipi di stafilococco, è possibile utilizzare:

    • rifampicina;
    • Vancomicina;
    • Fucidin;
    • Cefalosporina (4 - 6 g / 24 ore);
    • Meticillina (8-16 g / 24 ore);
    • Oxacillin (6-8 g / 24 ore).

    La malattia di Pseudomonas aeruginosa è molto resistente al trattamento.

    Con erisipela

    Questo disturbo è molto ben trattato con sulfamidici e penicillina.

    Con febbre ricorrente

    Questa malattia può essere curata usando la penicillina.

    Con l'influenza

    Questa malattia è virale, quindi gli antibiotici sono controindicati! L'uso di antibiotici può persino far male! Per il trattamento dell'influenza, puoi usare Amantadine, Zanamivir, Oseltamivir o i metodi e i rimedi descritti in questo articolo: 15 medicinali efficaci per il trattamento dell'influenza e del raffreddore

    A scopo preventivo, utilizzare la vaccinazione antivirale.

    Con Giardiasi

    Il metronidazolo è usato per trattare questa malattia (0,5 - 1 g / 24 ore).

    Con lebbra (lebbra, hansenosi)

    La guarigione di questo disturbo si fa usando:

    • Kanamicina solfato;
    • Streptomicina;
    • Sulfadimethoxine;
    • Cotrimossazolo;
    • solfoni.

    Con linfogranulomatosi inguinale benigna

    Il trattamento è con farmaci sulfa o tetraciclina.

    Con meningite

    La meningite è una malattia molto grave che può essere causata da protozoi, batteri, spirochete, leptospira, funghi o virus.

    I batteri più comuni nel caso della meningite sono:

    • Bacchetta di Koch;
    • Pseudomonas aeruginosa;
    • Proteus;
    • salmonella;
    • E. coli;
    • bacillo emofilo;
    • Enterococcus;
    • Staphylococcus;
    • streptococco;
    • meningococco.

    Il trattamento è complesso:

    • sedativi;
    • antibiotici;
    • eliminazione di shock;
    • disidratazione.

    A causa della gravità della malattia, viene prima prescritto un trattamento presuntivo e, dopo aver confermato la diagnosi, continua a prendere in considerazione l'agente causale della malattia.

    Meningite meningococcica, streptococcica o gonococcica

    Nel caso di meningite meningococcica, streptococcica o gonococcica, viene prescritto un ciclo di trattamento (da 5 a 10 giorni) con uno dei seguenti antibiotici:

    Meningite pneumococcica ed enterococcica

    Per meningite da pneumococco o enterococco - Ampicillina o penicillina con Co-trimoxazolo e Streptomicina o Kanamicina solfato.

    Meningite emofila

    La forma emofila della malattia risponde all'ampicillina con strepomicina o Kanamicina solfato.

    Meningite da E. coli

    La meningite da E. coli può essere trattata con Ampicillina + Streptomicina (Kanamicina Solfato o Gentamicina).

    Meningite da Pseudomonas aeruginosa

    Anche Pseudomonas aeruginosa può causare questa malattia. In questo caso, la malattia viene trattata con Polimixina (Colistina), Gentamicina o Carbenicillina + Kanamicina solfato.

    Meningite da stafilococco

    La meningite da stafilococco può essere trattata con i seguenti antibiotici:

    • Penicillina + Kanamicina solfato + Oxacillina.

    Il trattamento dura 15-30 giorni. La corticoterapia non è sempre necessaria.

    Con psittacosi

    Per questa malattia, la terapia viene eseguita con tetraciclina o eritromicina.

    Con otite media, mastoidite e sinusite

    Le principali cause di sinusite, otite media e mastoidite sono:

    • Staphylococcus;
    • pneumococco;
    • streptococco;
    • Pseudomonas aeruginosa;
    • Proteus;
    • E. coli;
    • haemophilus influenzae.

    L'eliminazione di queste infezioni viene effettuata con tali farmaci:

    • ampicillina
    • Penicillina;
    • Kanamicina solfato (meno comunemente a causa di ototossicità);
    • Streptomicina (meno comunemente dovuta a ototossicità).

    Con reumatismo articolare acuto

    Questa malattia allergica infettiva è una conseguenza dell'infezione da streptococco beta-emolitico.

    La terapia consiste nell'uso di tali medicinali:

    • Penicillina;
    • corticosteroidi;
    • aminofenazone;
    • acido acetilsalicilico (aspirina).

    Per la prevenzione, viene utilizzato Bitsillin-1.

    Con rickettsiosi

    Va notato che ci sono diversi tipi di rickettsia:

    • Rickettsia Provacheka (causa il tifo);
    • Rickettsia Quintana, conosciuta anche con il nome di Bartonella quintana, Rochalimaea quintana (causa febbre da trincea);
    • Coxiella burnetii (causa febbre Q).

    La tetraciclina è adatta per il trattamento (2-3 g / die), meno spesso viene utilizzata la levomicetina.

    A causa del fatto che la rickettsia Quintana e la Coxiella burnetii possono essere nel corpo in forma latente, la tetraciclina viene prescritta come misura preventiva.

    Con salmonellosi

    I tipi più comuni di salmonellosi sono la febbre tifoide e paratifo..

    Il trattamento per tali disturbi consiste nelle seguenti misure:

    • restauro del corpo;
    • dieta;
    • ricreazione;
    • prendendo antibiotici:
      • Levomicetina (principalmente),
      • ampicillina,
      • Cotrimossazolo.

    Con la scarlattina

    La guarigione di questa malattia si basa sull'uso della penicillina.

    Con sepsi

    La sepsi è un'infezione comune e grave che può essere causata da molti microbi:

    • Proteus;
    • Klebsiella;
    • Pseudomonas aeruginosa;
    • E. coli;
    • Enterococcus;
    • Staphylococcus;
    • streptococco.

    In caso di infezioni così gravi, si consiglia di seguire alcune regole:

    • disinfezione delle parti del corpo attraverso le quali l'infezione è entrata nel corpo;
    • eliminazione di focolai di infezione;
    • terapia anti-infettiva.

    Vengono eseguite ripetute procedure di analisi delle urine e emocolture.

    Se non è possibile identificare l'agente causale dell'infezione, viene prescritta una terapia antibiotica prolungata (2-3 settimane), utilizzando i seguenti farmaci:

    • Benzilpenicillina (o ampicillina) + gentamicina (o Kanamicina solfato) + ossacillina (o meticillina).

    Va notato che la sepsi può essere un sintomo o una complicazione della neoplasia (tumore) o di altre malattie.

    L'uso di corticosteroidi è controindicato!

    Con infezioni da stafilococco

    La categoria delle infezioni da stafilococco comprende molte malattie:

    • sepsi;
    • meningite;
    • endocardite;
    • enterite;
    • osteomielite;
    • pleurite purulenta;
    • infezioni polmonari;
    • flebite;
    • metrite;
    • flemmone;
    • ascesso;
    • mastoidite;
    • otite;
    • angina;
    • pyoderma.

    Negli ultimi anni, c'è stato un aumento del numero di infezioni da stafilococco ospedaliero, che ha una pronunciata resistenza a molti antibiotici..

    Nei casi più gravi, si raccomanda il seguente ciclo di trattamento:

    • Benzilpencillina + oxacillina (o meticillina) + Kanamicina solfato.

    Per le infezioni da stafilococco aureo sensibile ai farmaci penicillinici, si consiglia di assumere: eritromicina, ampicillina o benzilpenicillina, ma se lo stafilococco è caratterizzato da resistenza alla penicillina, si consiglia di assumere: cloxacillina, meticillina, ossicillina, ampromidina, ampridina, ficididina, ampridina, ficididina.

    Se viene eseguito un trattamento errato in relazione alle infezioni da stafilococco, usando antibiotici, possono essere complicati da superinfezioni batteriche, in cui compaiono forme resistenti di stafilococco.

    Con infezione da streptococco

    Di queste infezioni, le più comuni sono:

    • sepsi;
    • meningite;
    • endocardite;
    • flemmone;
    • ascesso;
    • linfangite;
    • broncopolmonite;
    • reumatismo articolare acuto;
    • nefrite;
    • scarlattina;
    • sinusite;
    • otite;
    • angina.

    Lo streptococco beta-emolitico risponde a questi antibiotici:

    • Benzylpenicillin;
    • eritromicina;
    • Cephaloridin;
    • ampicillina.

    Streptococcus viridans - sensibile ai seguenti antibiotici:

    • Kanamicina solfato;
    • Streptomicina;
    • eritromicina;
    • Benzylpenicillin;
    • ampicillina.

    Con il tetano

    Diazepam (5 mg / kg di peso intramuscolare, endovenoso o orale), tossoide tetanico e, in alcuni casi, penicillina sono raccomandati per il trattamento di questa malattia..

    Con toxoplasmosi

    La causa di questa malattia è la più semplice. Il trattamento viene effettuato con Daraprim in associazione con Co-trimoxazole o Sulfamethoxydiazine.

    Con Trachoma

    Il trachoma curativo si basa sull'assunzione di tali farmaci:

    • Preparati di penicillina;
    • sulfamidici;
    • tetraciclina.

    Con tricomoniasi

    Il trattamento della tricomoniasi richiede l'assunzione di tali farmaci:

    • Metronidazolo (ciclo di trattamento 15-20 giorni, orale).

    Con pertosse

    La pertosse è l'agente eziologico di questa malattia. La terapia per questo disturbo è quella di assumere i seguenti antibiotici:

    Con vaiolo

    La terapia per questo disturbo si basa sull'uso di Metisazone.