Tutto sulla classificazione dei medicinali antibiotici

Gli antibiotici sono composti chimici usati per uccidere o inibire la crescita di batteri patogeni.

Gli antibiotici sono un gruppo di agenti antibatterici organici derivati ​​da batteri o muffe che sono tossici per altri batteri.

Tuttavia, il termine è ora usato in un senso più ampio e comprende agenti antibatterici a base di composti sintetici e semi-sintetici..

Storia di antibiotici

La penicillina è stato il primo antibiotico ad essere usato con successo nel trattamento delle infezioni batteriche. Alexander Fleming lo scoprì per la prima volta nel 1928, ma il suo potenziale per il trattamento delle infezioni in quel momento non fu riconosciuto..

Dieci anni dopo, il biochimico britannico Ernst Cheyne e il patologo australiano Flory purificarono e raffinarono la penicillina e mostrarono l'efficacia del farmaco contro molte gravi infezioni batteriche. Ciò ha segnato l'inizio della produzione di antibiotici e dal 1940 i farmaci sono già stati attivamente utilizzati per il trattamento.

Verso la fine degli anni '50, gli scienziati hanno iniziato a sperimentare l'aggiunta di diversi gruppi chimici al nucleo della molecola della penicillina per generare versioni semisintetiche del farmaco. Pertanto, sono diventati disponibili farmaci per la penicillina per il trattamento delle infezioni causate da diverse sottospecie di batteri, come stafilococchi, streptococchi, pneumococchi, gonococchi e spirochete..

Solo il bacillo tubercolare (mycobacterium tuberculosis) non ha risposto agli effetti dei farmaci penicillinici. Questo organismo si è rivelato altamente sensibile alla streptomicina, un antibiotico che è stato isolato nel 1943. Inoltre, la streptomicina ha dimostrato di essere attiva contro molti altri tipi di batteri, incluso il bacillo tifoide.

Le successive due scoperte significative furono le sostanze gramicidina e tyrocidin, che sono prodotte da batteri del genere Bacillus. Scoperti nel 1939 dal microbiologo franco-americano Rene Dubot, erano preziosi nel trattamento delle infezioni superficiali, ma troppo tossici per uso interno..

Negli anni '50, i ricercatori hanno scoperto cefalosporine associate alla penicillina ma isolate dalla cultura del cefalosporio acremonio.

Il decennio successivo aprì una classe di antibiotici noti come chinoloni per l'umanità. I gruppi di chinolone interrompono la replicazione del DNA, un passo importante nella riproduzione batterica. Ciò ha permesso di fare una svolta nel trattamento delle infezioni del tratto urinario, della diarrea infettiva e di altre lesioni batteriche del corpo, tra cui ossa e globuli bianchi..

Classificazione dei farmaci antibatterici

Gli antibiotici possono essere classificati in diversi modi.

Il metodo più comune è la classificazione degli antibiotici per meccanismo d'azione e struttura chimica..

Per struttura chimica e meccanismo d'azione

I gruppi di antibiotici che condividono la stessa o una struttura chimica simile tendono a mostrare modelli simili di attività antibatterica, efficacia, tossicità e potenziale allergenico (Tabella 1).

Tabella 1 - Classificazione degli antibiotici per struttura chimica e meccanismo d'azione (compresi nomi internazionali).

Tipi di antibiotici (struttura chimica)Meccanismo di azioneNomi di droga
Antibiotici B-lattamici:

  • penicilline;
  • cefalosporine;
  • carbapenemi.
Inibizione della sintesi della parete cellulare batterica

    • Penicillina;
    • amoxicillina;
    • flucloxacillina.
    • cefoxitina;
    • cefotaxime;
    • ceftriaxone;
  • Carbapenems: Imipenem.
macrolidiInibizione della sintesi proteica batterica
  • eritromicina;
  • azitromicina;
  • Claritromicina.
Le tetraciclineInibizione della sintesi proteica batterica
  • tetraciclina;
  • minociclina;
  • doxiciclina;
  • Limecycline.
I fluorochinoloniInibisce la sintesi del DNA batterico
  • Norfloxacin;
  • Ciprofloxacina;
  • enoxacina;
  • Ofloxacin.
sulfamidiciBlocca il metabolismo delle cellule batteriche inibendo gli enzimi
  • Cotrimossazolo;
  • trimetoprim.
aminoglicosidiInibizione della sintesi proteica batterica
  • Gentamicina;
  • amikacina.
imidazoliInibisce la sintesi del DNA battericometronidazolo
peptidiInibizione della sintesi della parete cellulare battericaBacitracin
lincosamidiInibizione della sintesi proteica batterica
  • clindamicina;
  • lincomicina.
AltriInibizione della sintesi proteica batterica
  • Acido fusidico;
  • Mupirocin.

Gli antibiotici funzionano attraverso diversi meccanismi della loro azione. Alcuni di essi presentano proprietà antibatteriche inibendo la sintesi della parete cellulare batterica. Questi rappresentanti sono chiamati antibiotici β-lattamici. Agiscono specificamente sulle pareti di alcuni tipi di batteri, inibendo il meccanismo di legame delle catene laterali dei peptidi alla loro parete cellulare. Di conseguenza, la parete cellulare e la forma dei batteri cambiano, il che porta alla loro morte..

Altri agenti antimicrobici come aminoglicosidi, cloramfenicolo, eritromicina, clindamicina e le loro varietà inibiscono la sintesi proteica nei batteri. Il processo principale di sintesi proteica nelle cellule batteriche e nelle cellule degli esseri viventi è simile, ma le proteine ​​coinvolte nel processo sono diverse. Gli antibiotici sfruttano queste differenze per legare e inibire le proteine ​​batteriche, prevenendo così la sintesi di nuove proteine ​​e nuove cellule batteriche.

Gli antibiotici come la polimixina B e la polimixina E (colistina) si legano ai fosfolipidi nella membrana cellulare batterica e interferiscono con le loro funzioni principali agendo come barriera selettiva. La cellula batterica muore. Poiché altre cellule, comprese le cellule umane, hanno fosfolipidi simili o identici, questi farmaci sono abbastanza tossici..

Alcuni gruppi di antibiotici, come i sulfamidici, sono inibitori competitivi della sintesi dell'acido folico (acido folico), che è un passo preliminare importante nella sintesi dell'acido nucleico.

I sulfamidici sono in grado di inibire la sintesi dell'acido folico, poiché sono simili al composto intermedio - acido para-aminobenzoico, che viene successivamente convertito in acido folico da un enzima.

La somiglianza strutturale tra questi composti porta alla competizione tra acido para-aminobenzoico e sulfonamide per l'enzima responsabile della conversione dell'intermedio in acido folico. Questa reazione è reversibile dopo la rimozione della sostanza chimica, che porta all'inibizione e non porta alla morte di microrganismi.

Un antibiotico come la rifampicina interferisce con la sintesi batterica legandosi all'enzima batterico responsabile della duplicazione dell'RNA. Le cellule e i batteri umani usano enzimi simili, ma non identici, pertanto l'uso di farmaci a dosi terapeutiche non influisce negativamente sulle cellule umane.

Per spettro di azione

Gli antibiotici possono essere classificati in base al loro spettro di azione:

  • farmaci con uno spettro ristretto di azione;
  • farmaci ad ampio spettro.

Gli agenti a banda stretta (es. Penicillina) colpiscono principalmente gli organismi gram-positivi. Gli antibiotici ad ampio spettro, come la doxiciclina e il cloramfenicolo, influenzano sia gli organismi gram-positivi che alcuni gram-negativi.

I termini gram-positivo e gram-negativo sono usati per distinguere tra batteri in cui le cellule della parete sono composte da peptidoglicano reticolato spesso (un polimero di zucchero peptidico) e batteri in cui le pareti cellulari sono solo sottili strati di peptidoglicano.

Per origine

Gli antibiotici possono essere classificati per origine in antibiotici naturali e antibiotici di origine semisintetica (farmaci chemioterapici).

I seguenti gruppi appartengono alla categoria di antibiotici di origine naturale:

  1. Farmaci beta-lattamici.
  2. Serie di tetraciclina.
  3. Aminoglicosidi e aminoglicosidi.
  4. macrolidi.
  5. Levomycetin.
  6. Rifampicins.
  7. Preparazioni al poliene.

Attualmente, ci sono 14 gruppi di antibiotici semisintetici. Questi includono:

  1. sulfamidici.
  2. Gruppo di fluorochinoli / chinoloni.
  3. Preparati di imidazolo.
  4. Ossichinolina e suoi derivati.
  5. Derivati ​​del nitrofurano.
torna ai contenuti ↑

Uso e applicazione di antibiotici

Il principio di base dell'uso di farmaci antimicrobici si basa sull'assicurare che il paziente riceva l'agente a cui il microrganismo bersaglio è sensibile, a una concentrazione sufficientemente elevata per essere efficace, ma non causare effetti collaterali e per un periodo di tempo sufficiente a garantire che l'infezione sia completamente sradicata..

Gli antibiotici si differenziano per la gamma di effetti temporanei. Alcuni di loro sono molto specifici. Altri, come la tetraciclina, agiscono contro un'ampia varietà di batteri diversi.

Sono particolarmente utili nella lotta contro le infezioni miste e nel trattamento delle infezioni quando non c'è tempo per i test di sensibilità. Mentre alcuni antibiotici, come penicilline e chinoloni semisintetici, possono essere assunti per via orale, altri devono essere somministrati per iniezione intramuscolare o endovenosa.

Le modalità di utilizzo dei farmaci antimicrobici sono mostrate nella Figura 1..

Metodi per la somministrazione di antibiotici

Un problema che accompagna la terapia antibiotica sin dai primi giorni della scoperta degli antibiotici è la resistenza batterica ai farmaci antimicrobici..

Un farmaco può uccidere quasi tutti i batteri che causano malattie in un paziente, ma alcuni batteri che sono geneticamente meno vulnerabili al farmaco possono sopravvivere. Continuano a riprodursi e trasmettono la loro resistenza ad altri batteri attraverso processi di scambio genico.

L'uso indiscriminato e impreciso degli antibiotici contribuisce alla diffusione della resistenza batterica.

Classificazione degli antibiotici per gruppi - elenco per meccanismo di azione, composizione o generazione

Il corpo umano viene attaccato ogni giorno da molti microbi che cercano di stabilirsi e svilupparsi a spese delle risorse interne del corpo. L'immunità, di norma, li affronta, ma a volte la resistenza dei microrganismi è alta e devi prendere farmaci per combatterli. Esistono diversi gruppi di antibiotici che hanno un certo spettro d'azione, appartengono a generazioni diverse, ma tutti i tipi di questo farmaco uccidono efficacemente i microrganismi patologici. Come tutti i potenti medicinali, questo rimedio ha i suoi effetti collaterali..

Che cos'è un antibiotico

Questo è un gruppo di farmaci che hanno la capacità di bloccare la sintesi proteica e quindi inibire la riproduzione e la crescita delle cellule viventi. Tutti i tipi di antibiotici sono usati per trattare i processi infettivi causati da diversi ceppi di batteri: stafilococco, streptococco, meningococco. Il farmaco è stato sviluppato per la prima volta nel 1928 da Alexander Fleming. Prescrivere antibiotici di alcuni gruppi nel trattamento della patologia oncologica come parte della chemioterapia combinata. Nella terminologia moderna, questo tipo di farmaco è spesso chiamato farmaci antibatterici..

Classificazione degli antibiotici in base al meccanismo d'azione

I primi farmaci di questo tipo erano farmaci a base di penicillina. Esiste una classificazione degli antibiotici per gruppi e per meccanismo d'azione. Alcuni dei farmaci sono strettamente concentrati, mentre altri sono ad ampio spettro. Questo parametro determina in che misura la medicina influirà sulla salute umana (sia positivamente che negativamente). Le medicine aiutano a far fronte o ridurre la mortalità di malattie così gravi:

battericida

Questo è uno dei tipi dalla classificazione degli agenti antimicrobici per azione farmacologica. Gli antibiotici battericidi sono farmaci che causano la lisi e la morte dei microrganismi. Il farmaco inibisce la sintesi di membrana, sopprime la produzione di componenti del DNA. I seguenti gruppi di antibiotici hanno queste proprietà:

  • carbapenemi;
  • penicilline;
  • fluorochinoloni;
  • glicopeptidi;
  • monobattami;
  • fosfomycin.

batteriostatico

L'azione di questo gruppo di medicinali ha lo scopo di inibire la sintesi delle proteine ​​da parte delle cellule dei microrganismi, che impedisce loro di moltiplicarsi e svilupparsi ulteriormente. Il risultato dell'azione del farmaco è la limitazione dell'ulteriore sviluppo del processo patologico. Questo effetto è tipico per i seguenti gruppi di antibiotici:

Classificazione degli antibiotici per composizione chimica

La divisione principale dei farmaci è effettuata per struttura chimica. Ognuno di essi si basa su un diverso principio attivo. Questa separazione aiuta a colpire specifici tipi di microbi o ad avere una vasta gamma di effetti su un gran numero di specie. Ciò impedisce anche ai batteri di sviluppare resistenza (resistenza, immunità) a un particolare tipo di trattamento. I principali tipi di antibiotici sono descritti di seguito.

penicilline

Questo è il primo gruppo creato dall'uomo. Gli antibiotici del gruppo della penicillina (penicillium) hanno una vasta gamma di effetti sui microrganismi. All'interno del gruppo esiste una divisione aggiuntiva in:

  • farmaci penicillina naturale - prodotti da funghi in condizioni normali (fenossimetilpenicillina, benzilpenicillina);
  • penicilline semi-sintetiche, hanno una maggiore resistenza alle penicillinasi, che espande significativamente lo spettro di azione antibiotica (medicinali meticillina, oxacillina);
  • azione estesa - droghe ampicillin, amoxicillin;
  • farmaci con un ampio spettro di azione - farmaco azlocillina, mezlocillina.

Al fine di ridurre la resistenza dei batteri a questo tipo di antibiotici, vengono aggiunti inibitori della penicillinasi: sulbactam, tazobactam, acido clavulanico. Esempi eclatanti di tali medicinali sono: Tazocin, Augmentin, Tazrobida. Prescrivere fondi per le seguenti patologie:

  • infezioni del sistema respiratorio: polmonite, sinusite, bronchite, laringite, faringite;
  • genito-urinario: uretrite, cistite, gonorrea, prostatite;
  • digestivo: dissenteria, colecistite;
  • sifilide.

cefalosporine

La proprietà battericida di questo gruppo ha un ampio spettro di azione. Si distinguono le seguenti generazioni di ceflafosporine:

  • I, preparati di cefradina, cefalossina, cefazolina;
  • II, fondi con cefaclor, cefuroxime, cefoxitin, cefotiam;
  • III-e, farmaci di ceftazidima, cefotaxime, cefoperazone, ceftriaxone, cefodizime;
  • IV-e, significa con cefpirome, cefepime;
  • V-e, farmaci di fetobiprol, ceftarolina, fetolosan.

Vi è la maggior parte dei medicinali antibatterici in questo gruppo solo sotto forma di iniezioni, quindi sono usati più spesso nelle cliniche. Le cefalosporine sono gli antibiotici ospedalieri più popolari. Questa classe di agenti antibatterici è prescritta per:

  • pielonefrite;
  • generalizzazione dell'infezione;
  • infiammazione di tessuti molli, ossa;
  • meningite;
  • polmonite;
  • linfangite.

macrolidi

Questo gruppo di farmaci antibatterici si basa su un anello di lattone macrociclico. Gli antibiotici macrolidi hanno una divite batteriostatica contro batteri gram-positivi, membrane e parassiti intracellulari. Ci sono molti più macrolidi nei tessuti che nel plasma sanguigno dei pazienti. I mezzi di questo tipo hanno una bassa tossicità, se necessario, possono essere somministrati a un bambino, una ragazza incinta. I macrolitici sono suddivisi nei seguenti tipi:

  1. Naturale. Furono sintetizzati per la prima volta negli anni '60 del XX secolo, tra cui gli agenti spiramicina, eritromicina, midecamicina, josamicina.
  2. Prodrugs, la forma attiva viene assunta dopo il metabolismo, come la troleandomicina.
  3. Semi sintetico. Questi sono i mezzi di claritromicina, telitromicina, azitromicina, diritromicina.

Le tetracicline

Questa specie è stata creata nella seconda metà del 20 ° secolo. Gli antibiotici del gruppo tetraciclina hanno un'azione antimicrobica contro un gran numero di ceppi della flora microbica. Ad alta concentrazione, si manifesta un effetto battericida. Una caratteristica delle tetracicline è la capacità di accumularsi nello smalto dei denti, nel tessuto osseo. Aiuta nel trattamento dell'osteomielite cronica, ma interrompe anche lo sviluppo scheletrico nei bambini piccoli. Questo gruppo è vietato per l'ammissione alle ragazze in gravidanza, i bambini di età inferiore ai 12 anni. Questi medicinali antibatterici sono rappresentati dai seguenti farmaci:

  • Oxytetracycline;
  • tigeciclina;
  • doxiciclina;
  • minociclina.

Controindicazioni includono ipersensibilità ai componenti, patologie epatiche croniche, porfiria. Le indicazioni per l'uso sono le seguenti patologie:

  • Malattia di Lyme;
  • patologie intestinali;
  • leptospirosi;
  • brucellosi;
  • infezioni gonococciche;
  • rickettsiosi;
  • tracoma;
  • actinomicosi;
  • tularemia.

aminoglicosidi

L'uso attivo di questa serie di medicinali viene effettuato nel trattamento delle infezioni che hanno causato flora gram-negativa. Gli antibiotici sono battericidi. I farmaci mostrano un'elevata efficienza, che non è correlata all'indicatore dell'attività di immunità del paziente, il che rende questi farmaci indispensabili per l'indebolimento e la neutropenia. Esistono le seguenti generazioni di questi agenti antibatterici:

  1. I preparati di kanamicina, neomicina, cloramfenicolo, streptomicina appartengono alla prima generazione.
  2. Il secondo include fondi con gentamicina, tobramicina.
  3. Il terzo include preparazioni di amikacin.
  4. La quarta generazione è rappresentata dall'isepamicina.

Le indicazioni per l'uso di questo gruppo di medicinali sono le seguenti patologie:

  • sepsi;
  • infezioni del tratto respiratorio;
  • cistite;
  • peritonite;
  • endocardite;
  • meningite;
  • osteomielite.

I fluorochinoloni

Uno dei più grandi gruppi di agenti antibatterici, hanno un ampio effetto battericida sui microrganismi patogeni. Tutti i medicinali marcano l'acido nalidixico. Hanno iniziato a utilizzare attivamente i fluorochinoloni all'età di 7 anni, esiste una classificazione per generazione:

  • medicine di acido ossolinico, nalidixic;
  • agenti con ciprofloxacina, ofloxacina, pefloxacina, norfloxacina;
  • preparati di levofloxacina;
  • farmaci con moxifloxacina, gatifloxacina, gemifloxacina.

Quest'ultima specie è stata chiamata "respiratoria", che è associata all'attività contro la microflora, che, di norma, è la causa dello sviluppo della polmonite. Le medicine di questo gruppo sono usate per la terapia:

  • bronchite;
  • sinusite;
  • gonorrea;
  • infezioni intestinali;
  • tubercolosi;
  • sepsi;
  • meningite;
  • prostatite.

Biblioteca medica scientifica statale
Ministero della sanità della Repubblica di Uzbekistan

Antibiotici: classificazione, regole e caratteristiche d'uso

Gli antibiotici sono un enorme gruppo di farmaci battericidi, ognuno dei quali è caratterizzato da un proprio spettro d'azione, indicazioni per l'uso e la presenza di alcune conseguenze

Gli antibiotici sono sostanze che possono inibire la crescita di microrganismi o distruggerli. Secondo la definizione di GOST, gli antibiotici includono sostanze di origine vegetale, animale o microbica. Attualmente, questa definizione è in qualche modo obsoleta, poiché è stato creato un numero enorme di droghe sintetiche, tuttavia, sono stati gli antibiotici naturali a fungere da prototipo per la loro creazione..

La storia dei farmaci antimicrobici inizia nel 1928, quando A. Fleming scoprì per la prima volta la penicillina. Questa sostanza è stata scoperta e non creata con precisione, poiché è sempre esistita in natura. Nella natura vivente, è prodotto da funghi microscopici del genere Penicillium, proteggendosi da altri microrganismi.

In meno di 100 anni sono stati creati più di cento diversi farmaci antibatterici. Alcuni di essi sono già obsoleti e non utilizzati nel trattamento e altri vengono introdotti solo nella pratica clinica..

COME FUNZIONANO ANTIBIOTICI

Tutti i farmaci antibatterici possono essere divisi in due grandi gruppi in base al loro effetto sui microrganismi:

  • battericida - provoca direttamente la morte di microbi;
  • batteriostatico - prevenire la crescita di microrganismi. Incapace di crescere e moltiplicarsi, i batteri vengono distrutti dal sistema immunitario della persona malata.

Gli antibiotici realizzano i loro effetti in molti modi: alcuni di essi interferiscono con la sintesi degli acidi nucleici nei microbi; altri interferiscono con la sintesi della parete cellulare batterica, altri interrompono la sintesi proteica e il quarto blocca le funzioni degli enzimi respiratori.

Il meccanismo d'azione degli antibiotici

GRUPPI ANTIBIOTICI

Nonostante la diversità di questo gruppo di farmaci, tutti possono essere attribuiti a diversi tipi principali. Questa classificazione si basa sulla struttura chimica - i farmaci di un gruppo hanno una formula chimica simile, differendo l'uno dall'altro in presenza o assenza di alcuni frammenti di molecole.

La classificazione degli antibiotici implica la presenza di gruppi:

  1. Derivati ​​della penicillina. Ciò include tutti i farmaci basati sul primo antibiotico. In questo gruppo, si distinguono i seguenti sottogruppi o generazioni di farmaci penicillina:
  • Benzilpenicillina naturale, che è sintetizzata da funghi e droghe semisintetiche: meticillina, nafcillina.
  • Farmaci sintetici: carbpenicillina e ticarcillina, che hanno una gamma più ampia di effetti.
  • Mecillam e azlocillina, che hanno uno spettro d'azione ancora più ampio.
  1. cefalosporine - i parenti più stretti di penicilline. Il primo antibiotico di questo gruppo, la cefazolina C, è prodotto da funghi del genere Cefalosporium. La maggior parte dei farmaci in questo gruppo ha un effetto battericida, cioè uccide i microrganismi. Esistono diverse generazioni di cefalosporine:
  • 1a generazione: cefazolina, cefalossina, cefradina, ecc..
  • 2a generazione: cefsulodin, cefamandol, cefuroxime.
  • III generazione: cefotaxime, ceftazidime, cefodizime.
  • IV generazione: cefpirome.
  • V generazione: ceftolosan, ceftopibrol.

Le differenze tra i diversi gruppi risiedono principalmente nella loro efficacia: le generazioni successive hanno uno spettro d'azione più ampio e sono più efficaci. Le cefalosporine di prima e seconda generazione vengono ora utilizzate molto raramente nella pratica clinica, la maggior parte di esse non viene nemmeno prodotta.

  1. macrolidi - farmaci con una struttura chimica complessa che hanno un effetto batteriostatico su una vasta gamma di microbi. Rappresentanti: azitromicina, rovamicina, josamicina, leucomicina e molti altri. I macrolidi sono considerati uno dei farmaci antibatterici più sicuri - possono anche essere utilizzati da donne in gravidanza. Azalidi e chetolidi sono varietà di macorlidi con differenze nella struttura delle molecole attive.

Un altro vantaggio di questo gruppo di farmaci è che sono in grado di penetrare nelle cellule del corpo umano, il che li rende efficaci nel trattamento delle infezioni intracellulari: clamidia, micoplasmosi.

  1. aminoglicosidi. Rappresentanti: gentamicina, amikacin, kanamicina. Efficace contro un gran numero di microrganismi aerobici gram-negativi. Questi farmaci sono considerati i più tossici e possono portare a complicazioni abbastanza gravi. Usato per trattare le infezioni del tratto urinario, la foruncolosi.
  2. Le tetracicline. Fondamentalmente, si tratta di droghe semisintetiche e sintetiche, che includono: tetraciclina, doxiciclina, minociclina. Efficace contro molti batteri. Lo svantaggio di questi farmaci è la resistenza crociata, cioè i microrganismi che hanno sviluppato resistenza a un farmaco saranno insensibili agli altri di questo gruppo..
  3. I fluorochinoloni. Queste sono droghe completamente sintetiche che non hanno la loro controparte naturale. Tutti i farmaci di questo gruppo sono suddivisi in prima generazione (pefloxacina, ciprofloxacina, norfloxacina) e seconda (levofloxacina, moxifloxacina). Più spesso usato per il trattamento delle infezioni degli organi ENT (otite media, sinusite) e del tratto respiratorio (bronchite, polmonite).
  4. lincosamidi. Questo gruppo include la lincomicina antibiotica naturale e la sua clindamicina derivata. Hanno effetti sia batteriostatici che battericidi, l'effetto dipende dalla concentrazione.
  5. carbapenemi. Questi sono uno degli antibiotici più moderni che agiscono su un gran numero di microrganismi. I farmaci di questo gruppo appartengono alla riserva di antibiotici, cioè vengono utilizzati nei casi più difficili quando altri farmaci sono inefficaci. Rappresentanti: imipenem, meropenem, ertapenem.
  6. Polimixine. Questi sono farmaci altamente specializzati usati per trattare le infezioni causate da Pseudomonas aeruginosa. Le polimixine includono la polimixina M e B. Lo svantaggio di questi farmaci è un effetto tossico sul sistema nervoso e sui reni..
  7. Farmaci anti-tubercolosi. Questo è un gruppo separato di farmaci che hanno un effetto pronunciato sul bacillo del tubercolo. Questi includono rifampicina, isoniazide e PASK. Altri antibiotici sono anche usati per trattare la tubercolosi, ma solo se si è sviluppata la resistenza a questi farmaci.
  8. Agenti antifungini. Questo gruppo comprende farmaci usati per trattare le micosi - infezioni fungine: amfotirecina B, nistatina, fluconazolo.

METODI DI APPLICAZIONE DEGLI ANTIBIOTICI

I farmaci antibatterici sono disponibili in diverse forme: compresse, polvere, da cui viene preparata una soluzione iniettabile, pomate, gocce, spray, sciroppo, supposte. Gli usi principali per gli antibiotici sono:

  1. Orale - somministrazione orale. Il medicinale può essere assunto sotto forma di compresse, capsule, sciroppo o polvere. La frequenza di somministrazione dipende dal tipo di antibiotici, ad esempio l'azitromicina viene assunta una volta al giorno e la tetraciclina - 4 volte al giorno. Ci sono linee guida per ogni tipo di antibiotico che ti dicono quando prenderlo - prima, durante o dopo. L'efficacia del trattamento e la gravità degli effetti collaterali dipendono da questo. Per i bambini piccoli, gli antibiotici sono talvolta prescritti sotto forma di sciroppo: è più facile per i bambini bere un liquido che ingerire una pillola o una capsula. Inoltre, lo sciroppo può essere addolcito per eliminare il sapore sgradevole o amaro della medicina stessa..
  2. iniettabili - sotto forma di iniezioni intramuscolari o endovenose. Con questo metodo, il farmaco entra più rapidamente nel sito dell'infezione e agisce in modo più attivo. Lo svantaggio di questa via di somministrazione è la dolorosità durante l'iniezione. Applicare iniezioni per malattia moderata e grave.

Importante: solo un'infermiera in un policlinico o in ospedale dovrebbe fare iniezioni! L'iniezione di antibiotici a casa non è strettamente raccomandata.

  1. Locale - applicare pomate o creme direttamente nel sito di infezione. Questo metodo di somministrazione del farmaco viene utilizzato principalmente per le infezioni della pelle - erisipela, nonché in oftalmologia - per le infezioni agli occhi, ad esempio un unguento tetraciclico per la congiuntivite.

La via di somministrazione è determinata solo dal medico. In questo caso, vengono presi in considerazione molti fattori: l'assorbimento del farmaco nel tratto gastrointestinale, lo stato dell'apparato digerente nel suo insieme (in alcune malattie, il tasso di assorbimento diminuisce e l'efficacia del trattamento diminuisce). Alcuni farmaci possono essere somministrati solo in un modo.

Quando iniettato, è necessario sapere come si può sciogliere la polvere. Ad esempio, Abaktal può essere diluito solo con glucosio, poiché quando viene usato cloruro di sodio viene distrutto, il che significa che il trattamento sarà inefficace.

SENSIBILITÀ AGLI ANTIBIOTICI

Qualsiasi organismo prima o poi si abitua alle condizioni più gravi. Questa affermazione è vera anche in relazione ai microrganismi: in risposta all'esposizione prolungata agli antibiotici, i microbi sviluppano resistenza nei loro confronti. Il concetto di sensibilità agli antibiotici è stato introdotto nella pratica medica - con quale efficacia questo o quel farmaco influenza il patogeno.

Qualsiasi prescrizione di antibiotici dovrebbe essere basata sulla conoscenza della sensibilità dell'agente patogeno. Idealmente, prima di prescrivere un farmaco, il medico dovrebbe condurre un test di sensibilità e prescrivere il farmaco più efficace. Ma il tempo per condurre una simile analisi è nella migliore delle ipotesi alcuni giorni e durante questo periodo l'infezione può portare al risultato più triste..

Capsula di Petri per test di sensibilità agli antibiotici

Pertanto, in caso di infezione da un agente patogeno inspiegabile, i medici prescrivono i farmaci empiricamente, tenendo conto del patogeno più probabile, con conoscenza della situazione epidemiologica in una particolare regione e un'istituzione medica. Per questo, vengono utilizzati antibiotici di ampio spettro d'azione..

Dopo aver eseguito un'analisi di sensibilità, il medico ha l'opportunità di cambiare il farmaco in uno più efficace. La sostituzione del farmaco può essere effettuata anche in assenza dell'effetto del trattamento per 3-5 giorni.

La prescrizione etiotropica (mirata) di antibiotici è più efficace. In questo caso, si scopre che cosa ha causato la malattia - con l'aiuto della ricerca batteriologica, viene stabilito il tipo di agente patogeno. Quindi il medico seleziona un farmaco specifico a cui il microbo non ha resistenza (resistenza).

SONO ANTIBIOTICI SEMPRE EFFICACI

Gli antibiotici funzionano solo su batteri e funghi! I microrganismi unicellulari sono considerati batteri. Esistono diverse migliaia di specie di batteri, alcune delle quali coesistono abbastanza normalmente con l'uomo - più di 20 specie di batteri vivono nell'intestino crasso. Alcuni batteri sono condizionatamente patogeni: diventano la causa della malattia solo in determinate condizioni, ad esempio, quando entrano in un habitat atipico per loro. Ad esempio, molto spesso la prostatite è causata da E. coli, che entra nella prostata dal retto ascendente..

Nota: gli antibiotici sono assolutamente inefficaci per le malattie virali. I virus sono molte volte più piccoli dei batteri e gli antibiotici semplicemente non hanno un punto di applicazione delle loro capacità. Pertanto, gli antibiotici per il raffreddore non hanno alcun effetto, poiché i raffreddori nel 99% dei casi sono causati da virus.

Gli antibiotici per la tosse e la bronchite possono essere efficaci se i batteri causano i sintomi. Solo un medico può capire cosa ha causato la malattia - per questo prescrive esami del sangue, se necessario, un test dell'espettorato, se lascia.

Importante: è inaccettabile prescrivere antibiotici a te stesso! Questo porterà solo al fatto che alcuni agenti patogeni sviluppano resistenza e la prossima volta la malattia sarà molto più difficile da curare..

Naturalmente, gli antibiotici sono efficaci per l'angina: questa malattia è esclusivamente di natura batterica, causata da streptococchi o stafilococchi. Per il trattamento dell'angina vengono utilizzati gli antibiotici più semplici: penicillina, eritromicina. La cosa più importante nel trattamento dell'angina è il rispetto della frequenza di somministrazione dei farmaci e la durata del trattamento - almeno 7 giorni. Non è possibile interrompere l'assunzione del farmaco immediatamente dopo l'inizio della condizione, che di solito si nota nel 3-4 ° giorno. La vera angina non deve essere confusa con la tonsillite, che può essere di origine virale..

Nota: il mal di gola non trattato può causare febbre reumatica acuta o glomerulonefrite!

L'infiammazione dei polmoni (polmonite) può essere sia di origine batterica che virale. I batteri causano la polmonite nell'80% dei casi, quindi anche quando prescritti empiricamente, gli antibiotici per la polmonite hanno un buon effetto. Nella polmonite virale, gli antibiotici non hanno un effetto terapeutico, anche se impediscono alla flora batterica di unirsi al processo infiammatorio.

ANTIBIOTICI E ALCOL

L'assunzione simultanea di alcol e antibiotici in un breve periodo di tempo non porta a nulla di buono. Alcuni farmaci vengono scomposti nel fegato, proprio come l'alcol. La presenza di un antibiotico e di alcol nel sangue mette un carico pesante sul fegato - semplicemente non ha il tempo di neutralizzare l'alcol etilico. Di conseguenza, aumenta la probabilità di sviluppare sintomi spiacevoli: nausea, vomito, disturbi intestinali.

Importante: un numero di farmaci interagisce con l'alcol a livello chimico, a seguito del quale l'effetto terapeutico viene direttamente ridotto. Questi farmaci includono metronidazolo, cloramfenicolo, cefoperazone e numerosi altri. L'assunzione simultanea di alcol e questi farmaci non solo può ridurre l'effetto terapeutico, ma anche portare a mancanza di respiro, convulsioni e morte..

Certo, alcuni antibiotici possono essere assunti bevendo alcolici, ma perché rischiare la salute? È meglio astenersi dall'alcool per un breve periodo - il corso della terapia antibatterica raramente supera 1,5-2 settimane.

ANTIBIOTICI DURANTE LA GRAVIDANZA

Le donne incinte soffrono di malattie infettive non meno spesso di chiunque altro. Ma il trattamento delle donne in gravidanza con antibiotici è molto difficile. Nel corpo di una donna incinta, un feto cresce e si sviluppa - un bambino non ancora nato, molto sensibile a molte sostanze chimiche. L'ingestione di antibiotici nell'organismo in via di sviluppo può provocare lo sviluppo di malformazioni fetali, danni tossici al sistema nervoso centrale del feto.

Nel primo trimestre, è consigliabile evitare del tutto l'uso di antibiotici. Nel secondo e terzo trimestre, il loro appuntamento è più sicuro, ma anche, se possibile, dovrebbe essere limitato..

È impossibile rifiutare di prescrivere antibiotici a una donna incinta per le seguenti malattie:

  • Polmonite;
  • angina;
  • pielonefrite;
  • ferite infette;
  • sepsi;
  • infezioni specifiche: brucellosi, borreliosi;
  • infezioni genitali: sifilide, gonorrea.

QUALI ANTIBIOTICI POSSONO ESSERE UTILIZZATI PER UNA DONNA INCINTA?

Penicillina, cefalosporine, eritromicina, josamicina non hanno quasi alcun effetto sul feto. La penicillina, sebbene attraversi la placenta, non influisce negativamente sul feto. La cefalosporina e altri farmaci nominati attraversano la placenta in una concentrazione estremamente bassa e non sono in grado di danneggiare il nascituro.

I farmaci condizionatamente sicuri includono metronidazolo, gentamicina e azitromicina. Sono prescritti solo per motivi di salute, quando i benefici per la donna superano i rischi per il bambino. Tali situazioni includono polmonite grave, sepsi e altre infezioni gravi, in cui una donna può semplicemente morire senza antibiotici..

QUALI PREPARATIVI NON DOVREBBERO ESSERE UTILIZZATI DURANTE LA GRAVIDANZA

I seguenti farmaci non devono essere usati nelle donne in gravidanza:

  • aminoglicosidi - può portare a sordità congenita (l'eccezione è gentamicina);
  • claritromicina, roxitromicina - negli esperimenti, hanno avuto un effetto tossico sugli embrioni di animali;
  • fluorochinoloni;
  • tetraciclina - interrompe la formazione del sistema scheletrico e dei denti;
  • cloramfenicolo - pericoloso nella tarda gravidanza a causa della soppressione delle funzioni del midollo osseo nel bambino.

Per alcuni farmaci antibatterici, non ci sono prove di effetti negativi sul feto. La spiegazione è semplice: non sono stati condotti esperimenti su donne in gravidanza per determinare la tossicità dei farmaci. Gli esperimenti sugli animali non consentono al 100% di certezza di escludere tutti gli effetti negativi, poiché il metabolismo dei farmaci nell'uomo e negli animali può differire in modo significativo.

Va notato che prima della gravidanza pianificata, dovresti anche interrompere l'assunzione di antibiotici o modificare i tuoi piani di concepimento. Alcuni farmaci hanno un effetto cumulativo: possono accumularsi nel corpo di una donna e per qualche tempo dopo la fine del ciclo di trattamento vengono gradualmente metabolizzati ed escreti. Si raccomanda di rimanere incinta non prima di 2-3 settimane dopo la fine dell'assunzione di antibiotici.

CONSEGUENZE DI ASSUMERE ANTIBIOTICI

L'ingestione di antibiotici nel corpo umano porta non solo alla distruzione di batteri patogeni. Come tutti i prodotti chimici estranei, gli antibiotici hanno un effetto sistemico: in un modo o nell'altro, influenzano tutti i sistemi del corpo.

Esistono diversi gruppi di effetti collaterali antibiotici:

REAZIONI ALLERGICHE

Quasi tutti gli antibiotici possono causare allergie. La gravità della reazione è diversa: un'eruzione cutanea sul corpo, l'edema di Quincke (angioedema), shock anafilattico. Se un'eruzione allergica non è praticamente pericolosa, lo shock anafilattico può essere fatale. Il rischio di shock è molto più elevato con iniezioni di antibiotici, motivo per cui le iniezioni dovrebbero essere somministrate solo in strutture mediche - ci possono essere cure di emergenza.

Antibiotici e altri farmaci antimicrobici che causano reazioni allergiche crociate:

REAZIONI TOSSICHE

Gli antibiotici possono danneggiare molti organi, ma il fegato è più suscettibile ai loro effetti: sullo sfondo della terapia antibiotica, può verificarsi epatite tossica. Alcuni farmaci hanno un effetto tossico selettivo su altri organi: aminoglicosidi - sull'apparecchio acustico (causa sordità); le tetracicline inibiscono la crescita ossea nei bambini.

Nota: la tossicità del farmaco di solito dipende dalla sua dose, ma con intolleranza individuale, a volte anche dosi più piccole sono sufficienti per far apparire l'effetto.

EFFETTI SUL TRATTO GASTROINTESTINALE

Quando assumono alcuni antibiotici, i pazienti si lamentano spesso di mal di stomaco, nausea, vomito e feci turbate (diarrea). Queste reazioni sono spesso dovute all'effetto irritante locale dei farmaci. L'effetto specifico degli antibiotici sulla flora intestinale porta a disturbi funzionali della sua attività, che è spesso accompagnata da diarrea. Questa condizione è chiamata così - diarrea associata ad antibiotico, che è popolarmente conosciuta con il termine disbiosi dopo antibiotici.

ALTRI EFFETTI COLLATERALI

Altri effetti collaterali includono:

  • soppressione dell'immunità;
  • la comparsa di ceppi di microrganismi resistenti agli antibiotici;
  • superinfezione - una condizione in cui vengono attivati ​​microbi resistenti a un determinato antibiotico, portando alla comparsa di una nuova malattia;
  • violazione del metabolismo delle vitamine - a causa della soppressione della flora naturale del colon, che sintetizza alcune vitamine del gruppo B;
  • La batteriolisi di Jarisch-Herxheimer è una reazione che si verifica quando si usano farmaci battericidi, quando una grande quantità di tossine viene rilasciata nel sangue a seguito della morte simultanea di un gran numero di batteri. Reazione clinicamente simile con shock.

È POSSIBILE USARE ANTIBIOTICI A SCOPO PREVENTIVO

L'autoeducazione nel campo del trattamento ha portato al fatto che molti pazienti, in particolare le giovani madri, cercano di prescrivere un antibiotico per se stessi (o il loro bambino) al minimo segno di raffreddore. Gli antibiotici non hanno un effetto profilattico: trattano la causa della malattia, cioè eliminano i microrganismi e in assenza compaiono solo gli effetti collaterali dei farmaci.

Esistono un numero limitato di situazioni in cui gli antibiotici vengono somministrati prima delle manifestazioni cliniche di infezione, al fine di prevenirlo:

  • chirurgia - in questo caso, l'antibiotico nel sangue e nei tessuti previene lo sviluppo dell'infezione. Di norma, è sufficiente una singola dose del farmaco somministrata 30-40 minuti prima dell'intervento. A volte anche dopo l'appendicectomia, gli antibiotici non vengono iniettati nel periodo postoperatorio. Gli antibiotici non sono affatto prescritti dopo un intervento chirurgico "pulito".
  • gravi lesioni o ferite (fratture aperte, contaminazione del suolo della ferita). In questo caso, è assolutamente ovvio che un'infezione è entrata nella ferita e dovresti "schiacciarla" prima che si manifesti;
  • prevenzione d'emergenza della sifilide viene effettuato durante il contatto sessuale non protetto con una persona potenzialmente malata, nonché con operatori sanitari che ottengono il sangue di una persona infetta o altri fluidi biologici sulla mucosa
  • la penicillina può essere prescritta per i bambini per la prevenzione della febbre reumatica, che è una complicazione del mal di gola.

ANTIBIOTICI PER I BAMBINI

L'uso di antibiotici nei bambini non è generalmente diverso dal loro uso in altri gruppi di persone. Per i bambini piccoli, i pediatri spesso prescrivono antibiotici allo sciroppo. Questa forma di dosaggio è più conveniente da assumere, a differenza delle iniezioni, è completamente indolore. Ai bambini più grandi possono essere somministrati antibiotici in compresse e capsule. In casi gravi di infezione, passano alla via di somministrazione parenterale: le iniezioni.

Importante: la caratteristica principale nell'uso di antibiotici in pediatria sono i dosaggi: ai bambini vengono prescritte dosi più piccole, poiché il calcolo del farmaco viene calcolato per chilogrammo di peso corporeo.

Gli antibiotici sono farmaci molto efficaci con molti effetti collaterali. Per guarire con il loro aiuto e non danneggiare il tuo corpo, dovrebbero essere presi solo come indicato da un medico..

I 10 migliori antibiotici ad ampio spettro di nuova generazione

Il trattamento delle malattie causate da infezioni batteriche viene effettuato con antibiotici presentati in forme naturali, semisintetiche e sintetiche. Antibiotici ad ampio spettro di nuova generazione, il cui elenco comprende farmaci con diverse strutture chimiche, differiscono per efficacia, durata del trattamento ed effetti collaterali.

Classificazione


Il principio di funzionamento degli antibiotici si basa sugli effetti biologici, in condizioni in cui un tipo di organismi o sostanze metaboliche sopprime la vita di un'altra specie (antibiosi), mentre l'azione non è diretta sui tessuti umani, ma sulle cellule dei microrganismi patogeni.

A seconda del metodo di influenza del principio attivo del farmaco sulle cellule dei microrganismi patogeni, si distinguono due tipi di antibiotici:

  • battericida - distruggendo i batteri interrompendo la sintesi dei componenti della parete microbica, la struttura e le funzioni delle membrane;
  • batteriostatico - inibendo la crescita e la riproduzione di microrganismi patogeni, grazie ai quali il sistema immunitario umano è in grado di far fronte all'infezione da solo.

Le forme di dosaggio antimicrobiche hanno anche un impatto sull'efficacia complessiva del trattamento, ad esempio:

  • compresse: l'assorbimento del farmaco dipende dalle caratteristiche del tratto gastrointestinale, l'assunzione è indolore, il dosaggio viene calcolato, di regola, per gli adulti;
  • gli sciroppi: consentono di dosare l'agente individualmente, per mascherare un gusto sgradevole, vengono utilizzati durante l'infanzia;
  • le soluzioni - utilizzate sotto forma di iniezioni, che sono accompagnate da sensazioni dolorose, sono completamente assorbite, creano rapidamente una massima concentrazione nel sangue;
  • candele, gocce, unguenti - hanno un effetto locale, ti permettono di evitare effetti sistemici sul corpo.

Elenco di antibiotici ad ampio spettro di nuova generazione

La revisione presenta antibiotici di nuova generazione che hanno un effetto antimicrobico sulla maggior parte delle infezioni e sono usati per trattare e prevenire le malattie batteriche.

Levomycetin


La levomicetina è un antibiotico del gruppo amfenicolo. È altamente efficace non solo contro i microrganismi resistenti alla penicillina e alla streptomicina, ma anche contro alcuni tipi di virus di grandi dimensioni (agenti patogeni del trachoma e linfogranulomatoma venereo).

La levomicetina può essere somministrata per via orale per polmonite, pertosse, disinfezione, febbre paratifo, trachoma, ecc. Ed esternamente in caso di ustioni, crepe, ascessi e con congiuntivite, blefarite, cheratite sotto forma di gocce o utilizzando linimento.

L'uso del cloramfenicolo è controindicato in gravidanza e allattamento, psoriasi, eczema, disturbi dell'ematopoiesi, quando si usano sulfamidici (streptocidi, sulfalene) e tolbutamide (butamolo), che possono causare shock insulinico.

Dalacin Phosphate


Il fosfato di dalacina è un rimedio efficace sotto forma di compresse, unguenti e applicatori vaginali, è prescritto per lo sviluppo della resistenza batterica agli antibiotici più deboli. La dalacina viene rapidamente assorbita e penetra nei tessuti infetti del corpo, dove inibisce lo sviluppo di batteri come pneumococchi, stafilococchi e streptococchi.

Le indicazioni per l'uso della dalacina sono infezioni del tratto respiratorio (ascesso polmonare, polmonite, bronchite, otite media, faringite, sinusite, scarlattina), patologie vaginali, acne e complicanze batteriche come peritonite e ascesso addominale.

Gli antibiotici possono essere usati per i bambini a partire da 1 mese di età, ma sono controindicati in gravidanza, miastenia grave, insufficienza renale ed epatica. È vietato l'uso di dalacina insieme a farmaci come gluconato di calcio, barbiturici, solfato di magnesio, eritromicina, ampicillina, vitamine del gruppo B.

azitromicina


L'azitromicina è uno degli antibiotici più efficaci, che ha un effetto antibatterico e batteriostatico contro stafilococchi, streptococchi, moraxella, chemiofili, clamidia, micobatteri, micoplasma e ureplasma.

Il vantaggio dell'azitromicina è il rapido assorbimento e la facile penetrazione attraverso le barriere istoematogene e le membrane cellulari del corpo. 5 giorni dopo l'inizio del ciclo di trattamento, viene creato un livello terapeutico stabile di azitromicina nel sangue, che rimane per una settimana dopo l'ultima dose del farmaco.

L'azitromicina è prescritta per bronchite, polmonite, laringite, otite media, sinusite, tonsillite, dermatosi secondariamente infette, erisipela, eritema, uretrite, cervicite. L'uso di azitromicina può essere accompagnato da dolore addominale, flatulenza, nausea, feci turbate, sviluppo di candidosi.

amoxiclav


L'amoxiclav è un farmaco antibatterico di terza generazione del gruppo della penicillina, che contiene principi attivi come amoxicillina triidrato e acido clavulanico ed è efficace contro una serie di patologie causate da cocchi, cornebatteri, micobatteri, proteine, salmonella, ecc..

È prescritto per bronchite, patologie ginecologiche e urologiche, malattie della pelle, ossa e articolazioni, nonché per infezioni miste (polmonite da aspirazione, ascesso, colecistite, sinusite cronica e otite media, osteomielite).

Il trattamento con amoxiclav può essere accompagnato da diarrea, nausea, vomito ed eritema. Il farmaco migliora l'effetto dei fluidificanti del sangue e non è prescritto per la mononucleosi infettiva o la leucemia.

Cefixime


Cefixima - antibiotici sotto forma di compresse e sospensioni, distruggendo streptococchi, Protea, Moscarella, Salmonella, Klebsiella. È prescritto per bambini (dai sei mesi) e adulti con bronchite, otite media, faringite, sinusite, tonsillite, nonché per patologie del tratto urinario.

Gli effetti collaterali durante la terapia con cefixima possono includere mal di testa, nausea, mal di stomaco, sviluppo di mughetto, basso numero di globuli bianchi e conta piastrinica.

Controindicazioni all'uso di Cefixime: gravidanza, allattamento e allergia al principio attivo.

Flemoxin solutab


Flemoxin solutab è un farmaco in compresse con il principio attivo sotto forma di ammoxicillina triidrato, che distrugge i microrganismi gram-positivi e gram-negativi. Le indicazioni per la nomina di Flemoxin possono essere disturbi del funzionamento dell'apparato respiratorio, genito-urinario e digestivo, causati da batteri sensibili al principio attivo.

Non è possibile assumere antibiotici con amoxicillina in caso di ipersensibilità a penicilline e cefalosporine, con mononucleosi infettiva. In alcuni casi, la terapia con amoxicillina è accompagnata da nausea, diarrea, prurito ed eruzioni cutanee.

Flemoxin, se necessario, può essere prescritto alle donne durante la gravidanza e l'allattamento, poiché attraversa la placenta e nel latte materno in piccole quantità e non danneggia (a condizione che il bambino non sia allergico).

Sumamed


Sumamed è un agente antibatterico a base di azitromicina. A bassi dosaggi, gli antibiotici inibiscono la riproduzione e in alti dosaggi distruggono i batteri, tra cui anaerobico, clamidia, micoplasma.

Sumamed è prescritto in caso di sviluppo di malattie dell'apparato respiratorio, ad esempio tonsillite, sinusite, faringite, polmonite, bronchite batterica, malattie a trasmissione sessuale (cervicite, uretrite), infezione della pelle e dei tessuti, in caso di disturbi dell'apparato digerente causati da Helicobacter pylori.

Tra gli effetti collaterali dell'assunzione di Sumamed, i più noti sono lo sviluppo di diarrea, vomito e dolore addominale, candidosi degli organi genitali esterni, mal di testa e aumento della fatica. Il farmaco è controindicato nei bambini di peso inferiore a 5 kg, nelle persone con fenilchetonuria, insufficienza renale ed epatica.

Suprax solutab


Suprax solutab è un antibiotico di nuova generazione del gruppo cefalosporina con il principio attivo cefixima. Lo strumento distrugge la maggior parte dei tipi di batteri inibendo la sintesi delle membrane cellulari.

Suprax è efficacemente usato per faringite, tonsillite, sinusite, bronchite acuta e cronica, otite media e malattie del sistema urinario. Durante la terapia con cefalosporine, in alcuni casi possono verificarsi nausea, vomito, diarrea, disbiosi..

A differenza di altri farmaci, Suprax può essere usato per insufficienza renale riducendo il dosaggio standard del farmaco e con ipersensibilità a penicilline e cefalosporine e all'età di 6 mesi il farmaco è controindicato.

Wilprafen solutab


Vilprafen solutab è un antibiotico a base di josamicina propionato del gruppo macrolidico. Il farmaco è efficace contro i batteri gram-positivi, gram-negativi, anaerobici e intracellulari e in caso di resistenza all'eritromicina.

La terapia con Vilprafen può essere utilizzata per angina, faringite, otite media, sinusite, difterite, bronchite, tosse convulsa, polmonite, prostatite, uretrite, linfoadenite ed è anche usata in oftalmologia (per blefarite e dacriocistite) e in dermatologia (per acne e erisipia).

Gli effetti collaterali più comuni sono bruciore di stomaco, nausea e mancanza di appetito. Non utilizzare il prodotto per allergie, in caso di gravi patologie epatiche, nonché insieme ad altri farmaci antimicrobici (penicilline, cefalosporine).

Zinnat


Zinnat è un antibiotico che appartiene a una nuova generazione di cefalosporine ed è disponibile sotto forma di compresse e sospensioni. Il principio attivo cefixima è attivo contro un gran numero di batteri (aerobi e anaerobi gram-positivi, aerobi gram-negativi), anche quando appare resistenza all'ampicillina e all'amoxicillina.

L'appuntamento di Zinnat è indicato per le infezioni polmonari (polmonite, bronchite batterica acuta), organi ENT (tonsillite, otite media, faringite), il sistema genito-urinario (cistite, uretrite), nonché per l'infiammazione batterica dei tessuti molli e della pelle (furunculosi, piodermite).

Gli effetti collaterali del trattamento con Zinnat sono lo sviluppo di funghi candida, orticaria, vertigini, indigestione, nausea e dolore addominale. In presenza di una reazione allergica agli antibiotici beta-lattamici (penicilline, cefalosporine, carbapenemi, monobactam), è vietato l'uso di Zinnat.

Come scegliere gli antibiotici a seconda della malattia


Quando si sceglie un antibiotico, è necessario tenere conto di tre gruppi di fattori che influenzano la durata, l'efficacia e le possibili reazioni avverse, vale a dire:

  • caratteristiche del microrganismo patogeno (varietà, sensibilità a determinati tipi di farmaci, resistenza acquisita, localizzazione nel corpo);
  • lo stato di salute umana (età, caratteristiche fisiologiche del tratto gastrointestinale, stato dei sistemi immunitario ed escretore, probabilità di allergie);
  • proprietà degli antibiotici (assorbimento, concentrazione minima per la terapia, distribuzione nel corpo ed effetti sul patogeno).

Malattie ORL

La maggior parte delle malattie acute degli organi ENT sono causate da un'infezione virale, per la quale non sono richiesti antibiotici. Se la microflora batterica si unisce al processo patologico, che spesso si verifica con otite media, tonsillite, sinusite, è necessario utilizzare farmaci antibatterici di ampio spettro d'azione per la somministrazione orale, tenendo conto dei probabili ceppi di agenti patogeni.

PatologiaNomi antibiotici
Sinusite acutaAmoxicillina, clavulanato, levofloxacina
Sinusite subacuta e ricorrenteAmoxicillina, ceftriaxone, moxifloxacin
SinusiteCeftazidima, cefepime, ticarcillina
OtiteClavulanato, ceftazidima, moxifloxacina
Tonsillite (tonsillite)Amoxicillina, eritromicina, ceftriaxone, ciprofloxacina
FaringiteCefuroxima, azitromicina

Infezioni del tratto respiratorio

Gli antibiotici efficaci per il trattamento di malattie dell'apparato respiratorio di natura batterica sono i macrolidi di ultima generazione (azitromicina, claritromicina), che hanno un effetto immunomodulatore e antinfiammatorio, nonché la capacità di concentrarsi al massimo nel tessuto polmonare e nelle secrezioni bronchiali.

Se la malattia è causata da virus, ad esempio malattie respiratorie acute (ARI), influenza, raffreddore, bronchite, l'uso di antibiotici non è consigliabile, poiché non elimina i sintomi, non cura la tosse e la febbre alta.

Infezioni del tratto genito-urinario

In caso di infezione batterica del sistema genito-urinario (cistite acuta e ricorrente, uretrite), viene prescritta una nuova generazione di antibiotici ad ampio spettro come pivmecillinam, nitrofurcntoina, co-trimoxazolo e agenti alternativi sono ciprofloxacina, levofloxacina, norfloxacina, farmaci più potenti che sviluppano la resistenza - vengono usati farmaci più forti che sviluppano la resistenza - vengono usati farmaci più forti per sviluppare resistenza o una reazione allergica.

Se il decorso della malattia è grave, così come in presenza di pielonefrite acuta, vengono prescritti fluorochinoloni antibiotici più forti e, in caso di rilevazione di microrganismi gram-positivi, cefotaxime, gentamicina, amikacina.

Malattie agli occhi

L'elenco delle malattie degli occhi che possono svilupparsi a seguito della penetrazione di batteri comprende cheratite, dacriocistite, congiuntivite, blefarite, ulcera corneale, orzo.

Per il trattamento delle malattie oftalmiche di natura batterica, nonché per la prevenzione delle infezioni postoperatorie negli occhi, gli antibiotici vengono utilizzati sotto forma di gocce e unguenti, che hanno un effetto locale direttamente nel fuoco dell'infezione.

Sostanza attivaNomi di droga
I fluorochinoloniFloxal, Ciprolet, Norfloxacin, L-ottica, Uniflox, Signicef
sulfamidiciSodio solfacile
eritromicinaUnguento di eritromicina
Le tetraciclineUnguento alla tetraciclina
Acido fusidicoFutsitalmik
Gentamicina e desametasoneDexa-gentamicina (gocce, unguento)

Se entro 3 giorni dall'uso di gocce o unguenti antibatterici non si riscontra alcun miglioramento, è necessario scegliere un medicinale con un principio attivo diverso.

Odontoiatria

L'uso di antibiotici in odontoiatria è previsto nel caso di processi purulenti-infiammatori acuti nella mascella e nel viso (pericoronite, periostite, cisti della radice infetta, ascesso, periodontite), nonché dopo interventi chirurgici, ad esempio l'estrazione del dente.

Molto spesso in odontoiatria, gli antibiotici sono usati in compresse o capsule, che hanno un effetto sistemico sul corpo:

Come prenderlo nel modo giusto

Durante il corso del trattamento, è necessario seguire le regole per l'uso di antibiotici, con l'aiuto del quale è possibile migliorare l'effetto terapeutico e ridurre gli effetti collaterali dei farmaci:

  • I fondi sono prescritti esclusivamente da un medico in base ai sintomi o all'analisi della microflora.
  • Il dosaggio dipende dal farmaco, dal peso corporeo e dalla gravità della malattia. Ridurre il dosaggio o interrompere il corso del trattamento prima del tempo prescritto può portare alla formazione di resistenza batterica a questo tipo di farmaco e alla transizione della malattia in una forma cronica.
  • I farmaci devono essere assunti alla stessa ora del giorno per mantenere la concentrazione del principio attivo nel sangue.
  • Alcuni antibiotici (cefotetan, metronidazolo, tinidazolo, linezolid, eritromicina) sono incompatibili con le bevande alcoliche, poiché rallentano la degradazione dell'alcol, che provoca nausea, vomito, vertigini, dolore toracico.