I 10 migliori antibiotici ad ampio spettro di nuova generazione

Il trattamento delle malattie causate da infezioni batteriche viene effettuato con antibiotici presentati in forme naturali, semisintetiche e sintetiche. Antibiotici ad ampio spettro di nuova generazione, il cui elenco comprende farmaci con diverse strutture chimiche, differiscono per efficacia, durata del trattamento ed effetti collaterali.

Classificazione


Il principio di funzionamento degli antibiotici si basa sugli effetti biologici, in condizioni in cui un tipo di organismi o sostanze metaboliche sopprime la vita di un'altra specie (antibiosi), mentre l'azione non è diretta sui tessuti umani, ma sulle cellule dei microrganismi patogeni.

A seconda del metodo di influenza del principio attivo del farmaco sulle cellule dei microrganismi patogeni, si distinguono due tipi di antibiotici:

  • battericida - distruggendo i batteri interrompendo la sintesi dei componenti della parete microbica, la struttura e le funzioni delle membrane;
  • batteriostatico - inibendo la crescita e la riproduzione di microrganismi patogeni, grazie ai quali il sistema immunitario umano è in grado di far fronte all'infezione da solo.

Le forme di dosaggio antimicrobiche hanno anche un impatto sull'efficacia complessiva del trattamento, ad esempio:

  • compresse: l'assorbimento del farmaco dipende dalle caratteristiche del tratto gastrointestinale, l'assunzione è indolore, il dosaggio viene calcolato, di regola, per gli adulti;
  • gli sciroppi: consentono di dosare l'agente individualmente, per mascherare un gusto sgradevole, vengono utilizzati durante l'infanzia;
  • le soluzioni - utilizzate sotto forma di iniezioni, che sono accompagnate da sensazioni dolorose, sono completamente assorbite, creano rapidamente una massima concentrazione nel sangue;
  • candele, gocce, unguenti - hanno un effetto locale, ti permettono di evitare effetti sistemici sul corpo.

Elenco di antibiotici ad ampio spettro di nuova generazione

La revisione presenta antibiotici di nuova generazione che hanno un effetto antimicrobico sulla maggior parte delle infezioni e sono usati per trattare e prevenire le malattie batteriche.

Levomycetin


La levomicetina è un antibiotico del gruppo amfenicolo. È altamente efficace non solo contro i microrganismi resistenti alla penicillina e alla streptomicina, ma anche contro alcuni tipi di virus di grandi dimensioni (agenti patogeni del trachoma e linfogranulomatoma venereo).

La levomicetina può essere somministrata per via orale per polmonite, pertosse, disinfezione, febbre paratifo, trachoma, ecc. Ed esternamente in caso di ustioni, crepe, ascessi e con congiuntivite, blefarite, cheratite sotto forma di gocce o utilizzando linimento.

L'uso del cloramfenicolo è controindicato in gravidanza e allattamento, psoriasi, eczema, disturbi dell'ematopoiesi, quando si usano sulfamidici (streptocidi, sulfalene) e tolbutamide (butamolo), che possono causare shock insulinico.

Dalacin Phosphate


Il fosfato di dalacina è un rimedio efficace sotto forma di compresse, unguenti e applicatori vaginali, è prescritto per lo sviluppo della resistenza batterica agli antibiotici più deboli. La dalacina viene rapidamente assorbita e penetra nei tessuti infetti del corpo, dove inibisce lo sviluppo di batteri come pneumococchi, stafilococchi e streptococchi.

Le indicazioni per l'uso della dalacina sono infezioni del tratto respiratorio (ascesso polmonare, polmonite, bronchite, otite media, faringite, sinusite, scarlattina), patologie vaginali, acne e complicanze batteriche come peritonite e ascesso addominale.

Gli antibiotici possono essere usati per i bambini a partire da 1 mese di età, ma sono controindicati in gravidanza, miastenia grave, insufficienza renale ed epatica. È vietato l'uso di dalacina insieme a farmaci come gluconato di calcio, barbiturici, solfato di magnesio, eritromicina, ampicillina, vitamine del gruppo B.

azitromicina


L'azitromicina è uno degli antibiotici più efficaci, che ha un effetto antibatterico e batteriostatico contro stafilococchi, streptococchi, moraxella, chemiofili, clamidia, micobatteri, micoplasma e ureplasma.

Il vantaggio dell'azitromicina è il rapido assorbimento e la facile penetrazione attraverso le barriere istoematogene e le membrane cellulari del corpo. 5 giorni dopo l'inizio del ciclo di trattamento, viene creato un livello terapeutico stabile di azitromicina nel sangue, che rimane per una settimana dopo l'ultima dose del farmaco.

L'azitromicina è prescritta per bronchite, polmonite, laringite, otite media, sinusite, tonsillite, dermatosi secondariamente infette, erisipela, eritema, uretrite, cervicite. L'uso di azitromicina può essere accompagnato da dolore addominale, flatulenza, nausea, feci turbate, sviluppo di candidosi.

amoxiclav


L'amoxiclav è un farmaco antibatterico di terza generazione del gruppo della penicillina, che contiene principi attivi come amoxicillina triidrato e acido clavulanico ed è efficace contro una serie di patologie causate da cocchi, cornebatteri, micobatteri, proteine, salmonella, ecc..

È prescritto per bronchite, patologie ginecologiche e urologiche, malattie della pelle, ossa e articolazioni, nonché per infezioni miste (polmonite da aspirazione, ascesso, colecistite, sinusite cronica e otite media, osteomielite).

Il trattamento con amoxiclav può essere accompagnato da diarrea, nausea, vomito ed eritema. Il farmaco migliora l'effetto dei fluidificanti del sangue e non è prescritto per la mononucleosi infettiva o la leucemia.

Cefixime


Cefixima - antibiotici sotto forma di compresse e sospensioni, distruggendo streptococchi, Protea, Moscarella, Salmonella, Klebsiella. È prescritto per bambini (dai sei mesi) e adulti con bronchite, otite media, faringite, sinusite, tonsillite, nonché per patologie del tratto urinario.

Gli effetti collaterali durante la terapia con cefixima possono includere mal di testa, nausea, mal di stomaco, sviluppo di mughetto, basso numero di globuli bianchi e conta piastrinica.

Controindicazioni all'uso di Cefixime: gravidanza, allattamento e allergia al principio attivo.

Flemoxin solutab


Flemoxin solutab è un farmaco in compresse con il principio attivo sotto forma di ammoxicillina triidrato, che distrugge i microrganismi gram-positivi e gram-negativi. Le indicazioni per la nomina di Flemoxin possono essere disturbi del funzionamento dell'apparato respiratorio, genito-urinario e digestivo, causati da batteri sensibili al principio attivo.

Non è possibile assumere antibiotici con amoxicillina in caso di ipersensibilità a penicilline e cefalosporine, con mononucleosi infettiva. In alcuni casi, la terapia con amoxicillina è accompagnata da nausea, diarrea, prurito ed eruzioni cutanee.

Flemoxin, se necessario, può essere prescritto alle donne durante la gravidanza e l'allattamento, poiché attraversa la placenta e nel latte materno in piccole quantità e non danneggia (a condizione che il bambino non sia allergico).

Sumamed


Sumamed è un agente antibatterico a base di azitromicina. A bassi dosaggi, gli antibiotici inibiscono la riproduzione e in alti dosaggi distruggono i batteri, tra cui anaerobico, clamidia, micoplasma.

Sumamed è prescritto in caso di sviluppo di malattie dell'apparato respiratorio, ad esempio tonsillite, sinusite, faringite, polmonite, bronchite batterica, malattie a trasmissione sessuale (cervicite, uretrite), infezione della pelle e dei tessuti, in caso di disturbi dell'apparato digerente causati da Helicobacter pylori.

Tra gli effetti collaterali dell'assunzione di Sumamed, i più noti sono lo sviluppo di diarrea, vomito e dolore addominale, candidosi degli organi genitali esterni, mal di testa e aumento della fatica. Il farmaco è controindicato nei bambini di peso inferiore a 5 kg, nelle persone con fenilchetonuria, insufficienza renale ed epatica.

Suprax solutab


Suprax solutab è un antibiotico di nuova generazione del gruppo cefalosporina con il principio attivo cefixima. Lo strumento distrugge la maggior parte dei tipi di batteri inibendo la sintesi delle membrane cellulari.

Suprax è efficacemente usato per faringite, tonsillite, sinusite, bronchite acuta e cronica, otite media e malattie del sistema urinario. Durante la terapia con cefalosporine, in alcuni casi possono verificarsi nausea, vomito, diarrea, disbiosi..

A differenza di altri farmaci, Suprax può essere usato per insufficienza renale riducendo il dosaggio standard del farmaco e con ipersensibilità a penicilline e cefalosporine e all'età di 6 mesi il farmaco è controindicato.

Wilprafen solutab


Vilprafen solutab è un antibiotico a base di josamicina propionato del gruppo macrolidico. Il farmaco è efficace contro i batteri gram-positivi, gram-negativi, anaerobici e intracellulari e in caso di resistenza all'eritromicina.

La terapia con Vilprafen può essere utilizzata per angina, faringite, otite media, sinusite, difterite, bronchite, tosse convulsa, polmonite, prostatite, uretrite, linfoadenite ed è anche usata in oftalmologia (per blefarite e dacriocistite) e in dermatologia (per acne e erisipia).

Gli effetti collaterali più comuni sono bruciore di stomaco, nausea e mancanza di appetito. Non utilizzare il prodotto per allergie, in caso di gravi patologie epatiche, nonché insieme ad altri farmaci antimicrobici (penicilline, cefalosporine).

Zinnat


Zinnat è un antibiotico che appartiene a una nuova generazione di cefalosporine ed è disponibile sotto forma di compresse e sospensioni. Il principio attivo cefixima è attivo contro un gran numero di batteri (aerobi e anaerobi gram-positivi, aerobi gram-negativi), anche quando appare resistenza all'ampicillina e all'amoxicillina.

L'appuntamento di Zinnat è indicato per le infezioni polmonari (polmonite, bronchite batterica acuta), organi ENT (tonsillite, otite media, faringite), il sistema genito-urinario (cistite, uretrite), nonché per l'infiammazione batterica dei tessuti molli e della pelle (furunculosi, piodermite).

Gli effetti collaterali del trattamento con Zinnat sono lo sviluppo di funghi candida, orticaria, vertigini, indigestione, nausea e dolore addominale. In presenza di una reazione allergica agli antibiotici beta-lattamici (penicilline, cefalosporine, carbapenemi, monobactam), è vietato l'uso di Zinnat.

Come scegliere gli antibiotici a seconda della malattia


Quando si sceglie un antibiotico, è necessario tenere conto di tre gruppi di fattori che influenzano la durata, l'efficacia e le possibili reazioni avverse, vale a dire:

  • caratteristiche del microrganismo patogeno (varietà, sensibilità a determinati tipi di farmaci, resistenza acquisita, localizzazione nel corpo);
  • lo stato di salute umana (età, caratteristiche fisiologiche del tratto gastrointestinale, stato dei sistemi immunitario ed escretore, probabilità di allergie);
  • proprietà degli antibiotici (assorbimento, concentrazione minima per la terapia, distribuzione nel corpo ed effetti sul patogeno).

Malattie ORL

La maggior parte delle malattie acute degli organi ENT sono causate da un'infezione virale, per la quale non sono richiesti antibiotici. Se la microflora batterica si unisce al processo patologico, che spesso si verifica con otite media, tonsillite, sinusite, è necessario utilizzare farmaci antibatterici di ampio spettro d'azione per la somministrazione orale, tenendo conto dei probabili ceppi di agenti patogeni.

PatologiaNomi antibiotici
Sinusite acutaAmoxicillina, clavulanato, levofloxacina
Sinusite subacuta e ricorrenteAmoxicillina, ceftriaxone, moxifloxacin
SinusiteCeftazidima, cefepime, ticarcillina
OtiteClavulanato, ceftazidima, moxifloxacina
Tonsillite (tonsillite)Amoxicillina, eritromicina, ceftriaxone, ciprofloxacina
FaringiteCefuroxima, azitromicina

Infezioni del tratto respiratorio

Gli antibiotici efficaci per il trattamento di malattie dell'apparato respiratorio di natura batterica sono i macrolidi di ultima generazione (azitromicina, claritromicina), che hanno un effetto immunomodulatore e antinfiammatorio, nonché la capacità di concentrarsi al massimo nel tessuto polmonare e nelle secrezioni bronchiali.

Se la malattia è causata da virus, ad esempio malattie respiratorie acute (ARI), influenza, raffreddore, bronchite, l'uso di antibiotici non è consigliabile, poiché non elimina i sintomi, non cura la tosse e la febbre alta.

Infezioni del tratto genito-urinario

In caso di infezione batterica del sistema genito-urinario (cistite acuta e ricorrente, uretrite), viene prescritta una nuova generazione di antibiotici ad ampio spettro come pivmecillinam, nitrofurcntoina, co-trimoxazolo e agenti alternativi sono ciprofloxacina, levofloxacina, norfloxacina, farmaci più potenti che sviluppano la resistenza - vengono usati farmaci più forti che sviluppano la resistenza - vengono usati farmaci più forti per sviluppare resistenza o una reazione allergica.

Se il decorso della malattia è grave, così come in presenza di pielonefrite acuta, vengono prescritti fluorochinoloni antibiotici più forti e, in caso di rilevazione di microrganismi gram-positivi, cefotaxime, gentamicina, amikacina.

Malattie agli occhi

L'elenco delle malattie degli occhi che possono svilupparsi a seguito della penetrazione di batteri comprende cheratite, dacriocistite, congiuntivite, blefarite, ulcera corneale, orzo.

Per il trattamento delle malattie oftalmiche di natura batterica, nonché per la prevenzione delle infezioni postoperatorie negli occhi, gli antibiotici vengono utilizzati sotto forma di gocce e unguenti, che hanno un effetto locale direttamente nel fuoco dell'infezione.

Sostanza attivaNomi di droga
I fluorochinoloniFloxal, Ciprolet, Norfloxacin, L-ottica, Uniflox, Signicef
sulfamidiciSodio solfacile
eritromicinaUnguento di eritromicina
Le tetraciclineUnguento alla tetraciclina
Acido fusidicoFutsitalmik
Gentamicina e desametasoneDexa-gentamicina (gocce, unguento)

Se entro 3 giorni dall'uso di gocce o unguenti antibatterici non si riscontra alcun miglioramento, è necessario scegliere un medicinale con un principio attivo diverso.

Odontoiatria

L'uso di antibiotici in odontoiatria è previsto nel caso di processi purulenti-infiammatori acuti nella mascella e nel viso (pericoronite, periostite, cisti della radice infetta, ascesso, periodontite), nonché dopo interventi chirurgici, ad esempio l'estrazione del dente.

Molto spesso in odontoiatria, gli antibiotici sono usati in compresse o capsule, che hanno un effetto sistemico sul corpo:

Come prenderlo nel modo giusto

Durante il corso del trattamento, è necessario seguire le regole per l'uso di antibiotici, con l'aiuto del quale è possibile migliorare l'effetto terapeutico e ridurre gli effetti collaterali dei farmaci:

  • I fondi sono prescritti esclusivamente da un medico in base ai sintomi o all'analisi della microflora.
  • Il dosaggio dipende dal farmaco, dal peso corporeo e dalla gravità della malattia. Ridurre il dosaggio o interrompere il corso del trattamento prima del tempo prescritto può portare alla formazione di resistenza batterica a questo tipo di farmaco e alla transizione della malattia in una forma cronica.
  • I farmaci devono essere assunti alla stessa ora del giorno per mantenere la concentrazione del principio attivo nel sangue.
  • Alcuni antibiotici (cefotetan, metronidazolo, tinidazolo, linezolid, eritromicina) sono incompatibili con le bevande alcoliche, poiché rallentano la degradazione dell'alcol, che provoca nausea, vomito, vertigini, dolore toracico.

antibiotici Classificazione per struttura chimica, meccanismo e spettro d'azione.

Durante il periodo trascorso dalla scoperta di P. Ehrlich, sono stati ottenuti più di 10.000 diversi antibiotici, quindi la sistematizzazione di questi farmaci è stato un problema importante. Attualmente, ci sono varie classificazioni di antibiotici, ma nessuna di queste è generalmente accettata..

La classificazione principale degli antibiotici si basa sulla loro struttura chimica.

Le classi più importanti di antibiotici sintetici sono chinoloni e fluorochinoloni (ad es. Ciprofloxacina), sulfonamidi (sulfadimethoxine), imidazoli (metronidazolo), nitrofurani (furadonina, furagina).

Secondo lo spettro d'azione, gli antibiotici sono divisi in cinque gruppi, a seconda di quali microrganismi colpiscono. Inoltre, ci sono antibiotici antitumorali, che sono anche prodotti dagli actinomiceti. Ognuno di questi gruppi comprende due sottogruppi: antibiotici a spettro ampio e stretto..

Antibiotici antibatterici compongono il più grande gruppo di droghe. È dominato da antibiotici ad ampio spettro, che colpiscono i rappresentanti di tutte e tre le divisioni di batteri. Gli antibiotici ad ampio spettro includono aminoglicosidi, tetracicline, ecc. Gli antibiotici a spettro ristretto sono efficaci contro una piccola gamma di batteri, ad esempio le mixine di volo agiscono su quelle di gracilicut, la vancomicina colpisce i batteri gram-positivi.

In gruppi separati secernere farmaci anti-tubercolosi, antileprosia, anti-sifilitici.

Antibiotici antifungini includere un numero significativamente inferiore di farmaci. Ad esempio, l'anfotericina B possiede un ampio spettro d'azione, che è efficace nella candidosi, blastomicosi, aspergillosi; allo stesso tempo, la nistatina, che agisce sui funghi del genere Candida, è un antibiotico a spettro ristretto.

Antibiotici antiprotozoari e antivirali avere un piccolo numero di droghe.

Antibiotici antineoplastici sono rappresentati da farmaci con un effetto citotossico. La maggior parte di essi viene utilizzata per molti tipi di tumore, ad esempio la mitomicina C..

L'effetto degli antibiotici sui microrganismi è associato alla loro capacità di sopprimere alcune reazioni biochimiche che si verificano nella cellula microbica.

A seconda del meccanismo d'azione, si distinguono cinque gruppi di antibiotici:

1. antibiotici che interrompono la sintesi della parete cellulare. Questo gruppo include, ad esempio, β-lattamici. I farmaci di questo gruppo sono caratterizzati dalla massima selettività d'azione: uccidono i batteri e non influenzano le cellule del microrganismo, poiché quest'ultimo non ha il componente principale della parete cellulare batterica: il peptidoglicano. A questo proposito, gli antibiotici β-lattamici sono i meno tossici per il macroorganismo;

2. antibiotici che interrompono l'organizzazione molecolare e la sintesi delle membrane cellulari. Esempi di tali farmaci sono polimixine, polieni;

3. antibiotici che interrompono la sintesi proteica; questo è il gruppo di farmaci più numeroso. I rappresentanti di questo gruppo sono aminoglicosidi, tetracicline, macrolidi, cloramfenicolo, che interrompono la sintesi proteica a diversi livelli;

4. antibiotici - inibitori della sintesi di acido nucleico. Ad esempio, i chinoloni interrompono la sintesi del DNA, la rifampicina - sintesi dell'RNA;

5. antibiotici che sopprimono la sintesi di purine e aminoacidi. Questo gruppo include, ad esempio, sulfamidici.

37 Complicanze della terapia antibiotica, loro prevenzione.

Come tutti i farmaci, quasi tutti i gruppi di farmaci chemioterapici antimicrobici possono avere effetti collaterali, sul macroorganismo, sui microbi e su altri farmaci..

Complicazioni da un macroorganismo

Le complicanze più comuni della chemioterapia antimicrobica sono:

L'effetto tossico delle droghe. Di norma, lo sviluppo di questa complicazione dipende dalle proprietà del farmaco stesso, dalla sua dose, dalla via di somministrazione, dalle condizioni del paziente e si manifesta solo con l'uso prolungato e sistematico di farmaci chemioterapici antimicrobici, quando vengono create le condizioni per il loro accumulo nel corpo. Soprattutto spesso, tali complicazioni si verificano quando l'obiettivo del farmaco sono processi o strutture che sono vicini nella composizione o nella struttura a quelli delle cellule del macroorganismo. Bambini, donne in gravidanza e pazienti con insufficienza epatica e renale sono particolarmente sensibili all'effetto tossico dei farmaci antimicrobici.

Gli effetti tossici collaterali possono manifestarsi come neurotossici (ad esempio, glicopeptidi e aminoglicosidi hanno un effetto ototossico, fino alla completa perdita dell'udito dovuta all'effetto sul nervo uditivo); nefrotossici (polieni, polipeptidi, aminoglicosidi, macrolidi, glicopeptidi, sulfamidici); tossico generale (farmaci antifungini - polieni, imidazoli); oppressione dell'ematopoiesi (tetracicline, sulfamidici, cloramfenicolo / cloramfenicolo, che contiene nitrobenzene, un soppressore del midollo osseo); teratogeno [aminoglicosidi, tetracicline interrompono lo sviluppo di ossa, cartilagine nel feto e nei bambini, formazione di smalto dei denti (denti marroni), cloramfenicolo è tossico per i neonati i cui enzimi epatici non sono completamente formati ("sindrome del bambino grigio"), chinoloni - agiscono sviluppo di cartilagine e tessuto connettivo].

avvertimento le complicanze consistono nel rifiuto di farmaci controindicati per questo paziente, nel monitoraggio dello stato delle funzioni del fegato, dei reni, ecc..

Disbiosi (disbiosi). I farmaci chemioterapici antimicrobici, in particolare di ampio spettro, possono influenzare non solo gli agenti infettivi, ma anche i microrganismi sensibili della normale microflora. Di conseguenza, si forma la disbiosi, quindi le funzioni del tratto gastrointestinale sono interrotte, si verifica una carenza di vitamina e può svilupparsi un'infezione secondaria (inclusa la endosi, ad esempio candidosi, colite pseudomembranosa). avvertimento le conseguenze di questo tipo di complicanze sono la nomina, se possibile, di farmaci con uno spettro ristretto di azione, una combinazione di trattamento della malattia di base con terapia antifungina (ad esempio la nomina di nistatina), terapia vitaminica, uso di eubiotici, ecc..

Effetti negativi sul sistema immunitario Questo gruppo di complicanze comprende principalmente reazioni allergiche. Le ragioni dello sviluppo dell'ipersensibilità possono essere il farmaco stesso, i suoi prodotti di decomposizione, nonché un complesso del farmaco con proteine ​​sieriche. Il verificarsi di tali complicanze dipende dalle proprietà del farmaco stesso, dal metodo e dalla frequenza della sua somministrazione e dalla sensibilità individuale del paziente al farmaco. Le reazioni allergiche si sviluppano in circa il 10% dei casi e si manifestano sotto forma di eruzione cutanea, prurito, orticaria, edema di Quincke. Una forma così grave di allergia come shock anafilattico è relativamente rara. Tale complicazione è più spesso data dai beta-lattamici (penicilline), dalle rifamicine. Sulfamidici possono causare ipersensibilità di tipo ritardato. avvertimento le complicanze consistono in un'accurata raccolta di anamnesi allergica e nella nomina di farmaci in base alla sensibilità individuale del paziente. Inoltre, gli antibiotici hanno alcuni effetti immunosoppressivi e possono contribuire allo sviluppo dell'immunodeficienza secondaria e all'indebolimento dell'immunità.

Shock endotossico (terapia): questo è un fenomeno che si verifica nel trattamento delle infezioni causate da batteri Gram-negativi. La somministrazione di antibiotici provoca la morte e la distruzione delle cellule e il rilascio di grandi quantità di endotossina. Questo è un fenomeno naturale, che è accompagnato da un peggioramento temporaneo delle condizioni cliniche del paziente..

Interazione con altri farmaci Gli antibiotici possono potenziare l'azione o l'inattivazione di altri farmaci (ad esempio, l'eritromicina stimola la produzione di enzimi epatici, che iniziano a metabolizzare rapidamente i farmaci per vari scopi).

Effetti collaterali sui microrganismi.

L'uso di farmaci chemioterapici antimicrobici non ha solo un effetto depressivo o distruttivo diretto sui microbi, ma può anche portare alla formazione di forme atipiche di microbi (ad esempio, la formazione di forme L di batteri o cambiamenti in altre proprietà dei microbi, che complica significativamente la diagnosi di malattie infettive) e forme persistenti microbi. L'uso diffuso di farmaci antimicrobici porta anche alla formazione di dipendenza da antibiotici (raramente) e resistenza ai farmaci - resistenza agli antibiotici (abbastanza spesso).

38 Meccanismi di resistenza ai farmaci degli agenti infettivi. Modi per superarlo.

La resistenza agli antibiotici è la resistenza dei microbi ai farmaci chemioterapici antimicrobici. I batteri dovrebbero essere considerati resistenti se non sono neutralizzati da tali concentrazioni di farmaci che sono effettivamente create nel macroorganismo. La resistenza può essere naturale o acquisita.

Resistenza naturale. Alcuni tipi di microbi sono naturalmente resistenti a determinate famiglie di antibiotici, sia a causa della mancanza di un bersaglio appropriato (ad esempio, i micoplasmi non hanno una parete cellulare, quindi non sono sensibili a tutti i farmaci che agiscono a questo livello), sia a causa dell'impermeabilità batterica a un determinato farmaco (ad esempio, microbi gram-negativi meno permeabile ai composti di grandi molecole rispetto ai batteri gram-positivi, poiché la loro membrana esterna ha "piccoli" pori).

Resilienza acquisita. L'acquisizione di resistenza è una regolarità biologica associata all'adattamento dei microrganismi alle condizioni ambientali. È, sebbene in varia misura, valido per tutti i batteri e tutti gli antibiotici. Non solo i batteri si adattano ai farmaci chemioterapici, ma anche altri microbi - dalle forme eucariotiche (protozoi, funghi) ai virus. Il problema della formazione e diffusione della resistenza ai farmaci dei microbi è particolarmente significativo per le infezioni nosocomiali causate dai cosiddetti "ceppi ospedalieri", che, di norma, hanno una resistenza multipla agli antibiotici (la cosiddetta resistenza multidroga).

Le basi genetiche della resistenza acquisita. La resistenza agli antibiotici è determinata e mantenuta dai geni di resistenza (geni r) e dalle condizioni favorevoli alla loro diffusione nelle popolazioni microbiche. La resistenza ai farmaci acquisita può insorgere e diffondersi in una popolazione batterica a seguito di:

• mutazioni nel cromosoma di una cellula batterica, seguite dalla selezione (cioè selezione) dei mutanti La selezione è particolarmente facile in presenza di antibiotici, poiché in queste condizioni i mutanti ottengono un vantaggio rispetto ad altre cellule della popolazione sensibili al farmaco. Le mutazioni insorgono indipendentemente dall'uso dell'antibiotico, cioè il farmaco stesso non influenza la frequenza delle mutazioni e non è la loro causa, ma funge da fattore di selezione. Inoltre, le cellule resistenti danno origine alla prole e possono essere trasferite al prossimo ospite (umano o animale), formando e diffondendo ceppi resistenti. Le mutazioni possono essere: 1) singole (se la mutazione si è verificata in una cellula, a seguito della quale sono sintetizzate proteine ​​alterate in essa) e 2) multiple (una serie di mutazioni, a seguito della quale non una, ma un intero insieme di proteine ​​cambia, ad esempio, le proteine ​​leganti la penicillina pneumococco resistente alla penicillina);

• trasferimento di plasmidi di resistenza trasmissibili (plasmidi R) I plasmidi di resistenza (trasmissibili) di solito codificano la resistenza crociata a diverse famiglie di antibiotici. Per la prima volta una tale resistenza multipla è stata descritta dai ricercatori giapponesi contro i batteri intestinali. È stato ora dimostrato che si trova anche in altri gruppi di batteri. Alcuni plasmidi possono essere trasferiti tra batteri di specie diverse, quindi lo stesso gene di resistenza può essere trovato in batteri che sono tassonomicamente distanti tra loro. Ad esempio, la beta-lattamasi, codificata dal plasmide TEM-1, è diffusa nei batteri ugra-negativi e si trova nel colibacillo e in altri batteri intestinali, così come nel gonococco, resistente alla penicillina e all'Haemophilus influenzae, resistente all'ampicillina;

• trasferimento di trasposoni portatori di geni r (o sequenze genetiche migratorie). I trasposoni possono migrare dal cromosoma al plasmide e viceversa, nonché dal plasmide a un altro plasmide. Pertanto, i geni di resistenza possono essere trasmessi alle cellule figlie o, quando ricombinati, ad altri batteri riceventi..

Realizzazione della stabilità acquisita. I cambiamenti nel genoma batterico portano al fatto che anche alcune proprietà della cellula batterica cambiano, a seguito della quale diventa resistente ai farmaci antibatterici. Di solito, l'effetto antimicrobico del farmaco viene eseguito in questo modo: l'agente deve contattare il batterio e passare attraverso la sua membrana, quindi deve essere trasportato nel sito di azione, dopo di che il farmaco interagisce con bersagli intracellulari. La realizzazione della resistenza ai farmaci acquisita è possibile in ciascuna delle seguenti fasi:

• modifica del target L'enzima target può essere modificato in modo da non comprometterne le funzioni, ma la capacità di legarsi al farmaco chemioterapico (affinità) è nettamente ridotta, oppure può essere attivato un "percorso di bypass" del metabolismo, ovvero un altro enzima viene attivato nella cellula, che non è colpito da questo farmaco.

• "inaccessibilità" del bersaglio a causa di una diminuzione della permeabilità della parete cellulare e delle membrane cellulari o del "meccanismo di effluco, quando la cellula, per così dire," spinge "l'antibiotico da se stesso.

• inattivazione del farmaco da parte degli enzimi batterici Alcuni batteri sono in grado di produrre enzimi speciali che rendono inattivi i farmaci (ad esempio, beta-lattamasi, enzimi modificanti l'aminoglicoside, cloramfenicolo acetiltransferasi). Le beta-lattamasi sono enzimi che scompongono l'anello del beta-lattame per formare composti inattivi. I geni che codificano questi enzimi sono molto diffusi tra i batteri e possono essere sia nel cromosoma che nel plasmide.

Per combattere l'effetto inattivante delle beta-lattamasi, vengono utilizzate sostanze: inibitori (ad esempio acido clavulanico, sulbactam, tazobactam). Queste sostanze contengono un anello di beta-lattamici e sono in grado di legarsi alle beta-lattamasi, prevenendo il loro effetto distruttivo sui beta-lattamici. Inoltre, l'attività antibatterica intrinseca di tali inibitori è bassa. L'acido clavulanico inibisce la maggior parte delle beta-lattamasi note. È combinato con penicilline: amoxicillina, ticarcillina, piperacillina.

È quasi impossibile prevenire lo sviluppo della resistenza agli antibiotici nei batteri, ma è necessario utilizzare farmaci antimicrobici in modo da non promuovere lo sviluppo e la diffusione della resistenza (in particolare, usare gli antibiotici rigorosamente secondo le indicazioni, evitare il loro uso a scopi profilattici, cambiare il farmaco dopo 10-15 giorni di terapia antibiotica, se possibile, usare farmaci con uno spettro ristretto di azione, un uso limitato di antibiotici in medicina veterinaria e non usarli come fattore di crescita).

39 Metodi per determinare la sensibilità dei batteri agli antibiotici.

Per determinare la sensibilità dei batteri agli antibiotici (antibiotici), vengono generalmente utilizzati:

• Metodo di diffusione dell'agar. Il microbo in studio viene inoculato su un mezzo nutritivo per agar e quindi vengono introdotti antibiotici. Di solito, i farmaci vengono introdotti in speciali pozzetti in agar o vengono posati dischi con antibiotici sulla superficie dell'inoculazione ("metodo del disco"). I risultati vengono registrati a giorni alterni in base alla presenza o all'assenza di crescita microbica attorno ai pozzetti (dischi). Il metodo del disco è qualitativo e consente di valutare se il microbo è sensibile o resistente al farmaco.

Determinazione della sensibilità dei batteri agli antibiotici mediante il metodo del disco La coltura batterica studiata viene inoculata con un prato su agar nutriente o terreno AGV in una capsula di Petri.

Terreno AGV: brodo di pesce nutriente secco, agar-agar, fosfato di sodio non sostituito. Il mezzo è preparato da polvere secca secondo le istruzioni.

Dischi di carta contenenti determinate dosi di diversi antibiotici vengono posizionati sulla superficie seminata con una pinzetta alla stessa distanza l'uno dall'altro. Le colture vengono incubate a 37 ° C fino al giorno successivo. Il diametro delle zone di inibizione della crescita della coltura batterica studiata viene utilizzato per giudicare la sua sensibilità agli antibiotici.

Per ottenere risultati affidabili, è necessario utilizzare dischi e terreni di coltura standard, per il controllo di quali ceppi di riferimento dei microrganismi corrispondenti vengono utilizzati. Il metodo del disco non fornisce dati affidabili per determinare la sensibilità dei microrganismi agli antibiotici polipeptidici che si diffondono scarsamente nell'agar (ad esempio, polimixina, ristomicina). Se questi antibiotici devono essere utilizzati per il trattamento, si raccomanda di determinare la sensibilità dei microrganismi mediante diluizione seriale.

Determinazione della sensibilità dei batteri agli antibiotici mediante metodo di diluizione seriale Questo metodo determina la concentrazione minima di antibiotico che inibisce la crescita della coltura batterica studiata. Innanzitutto, viene preparata una soluzione madre contenente una certa concentrazione dell'antibiotico (μg / ml o U / ml) in una soluzione solvente o tampone speciale. Tutte le successive diluizioni nel brodo (in un volume di 1 ml) vengono preparate da esso, dopo di che a ciascuna diluizione vengono aggiunti 0,1 ml della sospensione batterica studiata contenente 10 6-10 7 cellule batteriche per ml. Nell'ultima provetta aggiungere 1 ml di brodo e 0,1 ml di sospensione batterica (controllo della coltura). Le inoculazioni vengono incubate a 37 ° C fino al giorno successivo, dopo di che si notano i risultati dell'esperimento sulla torbidità del terreno di coltura, rispetto alla coltura di controllo. L'ultima provetta con un terreno di coltura trasparente indica un ritardo di crescita della coltura batterica studiata sotto l'influenza della concentrazione inibitoria minima (MIC) dell'antibiotico in essa contenuto..

La valutazione dei risultati della determinazione della sensibilità dei microrganismi agli antibiotici viene effettuata secondo una speciale tabella pronta all'uso, che contiene i valori limite dei diametri delle zone di inibizione della crescita per ceppi resistenti, moderatamente resistenti e sensibili, nonché i valori MIC degli antibiotici per ceppi resistenti e sensibili..

I ceppi sensibili includono microrganismi, la cui crescita è inibita a concentrazioni di farmaco rilevate nel siero del paziente quando si usano dosi convenzionali di antibiotici. Varietà moderatamente resistenti comprendono, per sopprimere la crescita di cui sono necessarie le concentrazioni che si creano nel siero del sangue quando vengono somministrate le dosi massime del farmaco. I microrganismi sono resistenti, la cui crescita non è soppressa dal farmaco a concentrazioni create nel corpo quando si utilizzano le dosi massime consentite.

40 Principi della terapia antibiotica razionale.

La prevenzione dello sviluppo di complicanze consiste principalmente nell'adesione ai principi della terapia antibiotica razionale (chemioterapia antimicrobica):

• Principio microbiologico Prima di prescrivere un farmaco, è necessario identificare l'agente infettivo e determinare la sua sensibilità individuale ai farmaci chemioterapici antimicrobici. Secondo i risultati dell'antibioticogramma, al paziente viene prescritto un farmaco con uno spettro d'azione ristretto, che ha l'attività più pronunciata contro uno specifico agente patogeno, in una dose 2-3 volte superiore alla concentrazione inibitoria minima. Se l'agente causale è ancora sconosciuto, vengono solitamente prescritti farmaci di uno spettro più ampio, che sono attivi contro tutti i possibili microbi che molto spesso causano questa patologia. La correzione del trattamento viene eseguita tenendo conto dei risultati dell'esame batteriologico e della determinazione della sensibilità individuale di un determinato agente patogeno (di solito dopo 2-3 giorni). È necessario iniziare il trattamento dell'infezione il più presto possibile (in primo luogo, all'inizio della malattia ci sono meno microbi nel corpo e, in secondo luogo, i farmaci sono più attivi sulla crescita e sulla moltiplicazione dei microbi).

• Principio farmacologico: tenendo conto delle caratteristiche del farmaco: farmacocinetica e farmacodinamica, distribuzione nel corpo, frequenza di somministrazione, possibilità di combinazione di farmaci, ecc. Le dosi di farmaci dovrebbero essere sufficienti a fornire concentrazioni microbostatiche o microbicide in fluidi e tessuti biologici. È necessario immaginare la durata ottimale del trattamento, poiché il miglioramento clinico non è una ragione per l'interruzione del farmaco, poiché i patogeni possono persistere nel corpo e potrebbe esserci una ricaduta della malattia. Vengono prese in considerazione anche le vie ottimali di somministrazione dei farmaci, poiché molti antibiotici sono scarsamente assorbiti dal tratto gastrointestinale o non penetrano nella barriera emato-encefalica..

• Principio clinico: quando si prescrive un farmaco, si tiene conto di quanto sarà sicuro per un determinato paziente, che dipende dalle caratteristiche individuali delle condizioni del paziente (gravità dell'infezione, stato immunitario, genere, gravidanza, età, funzionalità epatica e renale, malattie concomitanti, ecc..) Nelle infezioni gravi e potenzialmente letali, la terapia antibiotica tempestiva è di particolare importanza. A tali pazienti vengono prescritte combinazioni di due o tre farmaci per fornire il più ampio spettro di azione possibile. Quando si prescrive una combinazione di più farmaci, si dovrebbe sapere quanto sia efficace la combinazione di questi farmaci contro il patogeno e quanto sarà sicura per il paziente, cioè in modo che non vi sia antagonismo dei farmaci in relazione all'attività antibatterica e non vi sia una somma dei loro effetti tossici.

• Principio epidemiologico: la scelta di un farmaco, specialmente per un ricoverato, dovrebbe tenere conto dello stato di resistenza dei ceppi microbici che circolano in un determinato reparto, ospedale e persino nella regione. Va ricordato che la resistenza agli antibiotici non solo può essere acquisita, ma anche persa, mentre viene ripristinata la naturale sensibilità del microrganismo al farmaco. Solo la stabilità naturale non cambia.

• Principio farmaceutico: è necessario tenere conto della durata di conservazione e osservare le regole per la conservazione del farmaco, poiché se queste regole vengono violate, l'antibiotico può non solo perdere la sua attività, ma anche diventare tossico a causa del degrado. Anche il costo del farmaco è importante..

Antibiotici: classificazione, indicazioni e controindicazioni

Gli antibiotici sono medicinali di origine naturale o artificiale usati per trattare varie infezioni.

Nel 1928, il medico britannico Alexander Fleming scoprì che una specie di muffa, il Penicillium, impediva lo sviluppo di batteri.

La sostanza rilasciata dalla muffa, la penicillina, divenne disponibile come farmaco negli anni '40 ed è il primo antibiotico.

Dalla loro scoperta, gli antibiotici hanno permesso il trattamento di varie malattie, inclusa la tubercolosi..

I ricercatori stanno attualmente cercando di trovare altri antibiotici efficaci in grado di combattere i batteri resistenti o quelli che hanno perso la loro sensibilità agli antibiotici..

Di seguito sono elencate le principali categorie di antibiotici senza le quali la nostra medicina non potrebbe farcela.

Aminoglicosidi (aminociclitoli aminoglicosidici)

Metodi di amministrazione

  • Iniezioni e locali.

Tipi di antibiotici

Streptomicina, Amikacin, Dibekacin, Gentamicin, Netilmicin, Sisomycin, Spectinomycin.

Indicazioni per gli aminoglicosidi

  • Tubercolosi (streptomicina);
  • Infezioni del tratto urinario (amikacina, dibekacina, gentamicina, netilmicina, sisomicina, spectinomicina).

Possibili effetti collaterali degli aminoglicosidi

  • Problemi di udito;
  • Nefrotossicità (tossicità renale).

Le principali controindicazioni

  • Allergia;
  • Miastenia grave.

Farmaci anti-tubercolosi

Metodi di amministrazione

  • Per via orale.

Tipi di antibiotici

Etambutolo, Isoniazide, Pirazinamide, Rifampicina, Rifabutina.

Nuovi e migliori antibiotici ad ampio spettro: nomi di compresse, unguenti, gocce, sospensioni

Articoli di esperti medici

Le malattie causate da infezioni batteriche esistono da quando esiste l'umanità stessa. Ma il problema è che ogni anno il loro numero cresce e i batteri si evolvono, imparano a mimetizzarsi e sopravvivere in condizioni avverse. L'approccio empirico al trattamento delle patologie infettive implica la nomina di un agente antimicrobico immediatamente durante la somministrazione, senza attendere i risultati dell'analisi per l'agente causativo della malattia. In tali condizioni, è molto difficile trovare un farmaco efficace, poiché molti antibiotici agiscono solo su un determinato gruppo di batteri. E qui vengono in soccorso antibiotici di un ampio spettro d'azione, efficaci contro un gran numero di agenti patogeni e usati per trattare varie patologie infettive di vari organi e sistemi del corpo umano.

I medici abbastanza spesso hanno a che fare con non uno, ma diversi agenti patogeni che si sono stabiliti nel corpo di una determinata persona. Gli agenti antibatterici con una vasta gamma di attività antimicrobica aiutano in questa situazione, limitando il numero di farmaci prescritti al paziente.

Codice ATX

Indicazioni per l'uso di antibiotici ad ampio spettro

Gli antibiotici ad ampio spettro sono giustamente considerati farmaci universali, poiché qualsiasi infezione si annida nel corpo, certamente infliggeranno un colpo devastante su di esso. Sono utilizzati per varie patologie di organi e sistemi umani, che sono causati da un'infezione batterica di uno o più tipi.

Gli antibiotici ad ampio spettro per l'infezione possono essere prescritti nei seguenti casi:

  • Se non è possibile in breve tempo determinare l'agente causale della malattia e il trattamento viene prescritto empiricamente. Coloro. sulla base dei reclami del paziente, viene stabilita una diagnosi preliminare e gli viene prescritto un farmaco antimicrobico, che dovrà contenere l'infezione fino al momento in cui viene identificato il vero patogeno.

A proposito, questa è una pratica comune nella maggior parte delle istituzioni mediche, specialmente quando si tratta di cure ambulatoriali. Anche con laboratori ben attrezzati.

Questo approccio alla terapia antibiotica può essere giustificato quando si tratta di infezioni gravi caratterizzate da un rapido decorso e diffusione del processo ad altri organi e su patologie diffuse, i cui agenti causali sono ben noti..

  • Se i batteri che causano la malattia sono resistenti agli antibiotici ai farmaci con uno spettro d'azione ristretto.
  • In caso di rilevazione di una superinfezione non standard, che è caratterizzata dalla presenza di più tipi di agenti patogeni batterici contemporaneamente.
  • Al fine di prevenire lo sviluppo di patologie infettive dopo interventi chirurgici o pulizia delle superfici della ferita.

Il medico prende la decisione sulla nomina di uno o un altro farmaco da un certo gruppo di antibiotici ad ampio spettro in modo indipendente, in base alla situazione e all'efficacia del trattamento precedentemente prescritto.

Antibiotici ad ampio spettro per varie malattie

Una caratteristica sorprendente degli antibiotici ad ampio spettro è che non è necessario inventare molti di questi farmaci per curare varie malattie. Lo stesso antibiotico può essere utilizzato per il trattamento dell'apparato respiratorio e per il trattamento delle infezioni genitourinarie. Le indicazioni per l'uso sono annotate nelle istruzioni per i farmaci e i medici specialisti hanno l'opportunità di familiarizzare con loro e utilizzare queste informazioni nel loro lavoro..

Considera l'uso di diversi gruppi di antibiotici attivi nel trattamento delle patologie più popolari.

Antibiotici ad ampio spettro per infezioni genito-urinarie. UTI e UTI sono le diagnosi più comuni nella pratica di un urologo. Il loro trattamento non è in alcun modo completo senza l'uso di antibiotici efficaci, che, idealmente, dovrebbero distruggere completamente i patogeni senza causare gravi danni al corpo umano..

I farmaci per il trattamento del sistema genito-urinario devono essere escreti dai reni ed essere efficaci contro tutti i batteri che possono causare queste patologie. L'uso di diversi farmaci è un colpo, prima di tutto, per il tratto gastrointestinale (se assunto per via orale), fegato e reni. Questo può essere evitato dagli antibiotici di un ampio spettro di azione, perché con la corretta selezione di farmaci, è possibile fare con un singolo farmaco.

Le infezioni del sistema genito-urinario possono essere causate da vari tipi di batteri, ma i più popolari sono streptococchi, stafilococchi ed Escherichia coli e in un'infezione ospedaliera - ureoplasma e clamidia. Dovrebbero essere l'obiettivo dell'antibiotico prescritto..

Diversi gruppi di farmaci soddisfano questo requisito:

  • Beta-lattamici
    • Penicilline (in particolare aminopenicilline e antibiotici combinati di un ampio spettro d'azione della serie di penicilline, che sono protette dall'azione distruttiva delle beta-lattamasi includendo gli inibitori di questo enzima nella preparazione).
    • Cefalosporine di 3a e 4a generazione con un ampio spettro di azione. La terza generazione di farmaci è un rimedio efficace per la pielonefrite e la quarta generazione è un rimedio insostituibile per infezioni persistenti complesse.
  • Aminoglicosidi. Sono anche usati per patologie del tratto urinario, tuttavia, a causa dell'effetto negativo sui reni, il loro uso è giustificato solo in ambito ospedaliero..
  • I macrolidi vengono utilizzati solo in connessione con una patologia come l'uretrite non gonococcica quando viene rilevata una microflora atipica (ad esempio la clamidia).
  • Lo stesso si può dire per le tetracicline..
  • Carbapenemi. Sono spesso i farmaci di scelta per la pielonefrite (di solito imipinem o suoi analoghi).
  • I fluorochinoloni sono indicativi della loro capacità di accumularsi nei tessuti, compresi gli organi genito-urinari (vescica, reni, prostata, ecc.). E grazie alla loro capacità di sopprimere la maggior parte dei ceppi di batteri resistenti ad altri antibiotici, hanno trovato un'applicazione abbastanza ampia in urologia.

In particolare con cistite, una delle patologie più comuni del sistema genito-urinario, sono applicabili i seguenti antibiotici ad ampio spettro:

  • Farmaci di penicillina di nuova generazione, rilevanti contro vari agenti patogeni della malattia (E. coli, microbi anaerobici, Trichomonas, clamidia, micoplasma, ureoplasma, ecc.), Comprese le penicilline protette (Augmentin, Amoxiclav, ecc.).
  • Antibiotici della serie cefalosporina, resistenti a ceppi resistenti di infezione batterica (Ceftriaxone, Cefotaxime sotto forma di iniezioni, Cefuraxim per somministrazione orale, ecc.).
  • Macrolidi ("Azitromicina" e suoi analoghi per somministrazione orale). L'esperienza del loro uso nel trattamento delle infezioni genitourinarie nelle donne con intolleranza alla penicillina è indicativa, poiché i macrolidi sono meno tossici.
  • Fluorochinoloni ("Ciprofloxacin", "Nolitsin", ecc.). Il loro vantaggio è la bassa frequenza di somministrazione e l'efficacia contro i ceppi insensibili ai beta-lattamici e ai macrolidi. I farmaci mostrano un buon effetto nel trattamento della cistite acuta, il cui agente causale è Pseudomonas aeruginosa.
  • Inoltre, a discrezione del medico possono essere prescritti farmaci ad ampio spettro come "Monural", "Levomycetin", "Furadonin" e altri farmaci..

Parlando di cistite, intendevamo un processo infiammatorio nella vescica, ma non meno raramente, l'infiammazione renale (nefrite) è considerata una patologia. Nonostante il concetto di nefrite sia collettivo e implichi diversi tipi di patologie renali, la più popolare delle quali la pielonefrite, gli approcci al trattamento di queste malattie in termini di uso di antibiotici hanno molti punti di contatto comuni..

Antibiotici per infiammazione renale sono utilizzati principalmente con un ampio spettro di azione, poiché questa patologia ha un numero enorme di agenti patogeni che possono agire sia da soli (rappresentanti di un gruppo) che collettivamente (rappresentanti di diversi gruppi e ceppi di batteri).

Quando si prescrivono farmaci efficaci, vengono alla ribalta rappresentanti della serie di penicilline ("Amoxicillina", "Amoxiclav", ecc.), Che sono efficaci contro gli enterococchi e l'E. Coli. Tali farmaci possono anche essere prescritti per il trattamento della pielonefrite durante la gravidanza..

Come opzione per la nefrite semplice, i macrolidi ("Sumamed", "Vilprofen", ecc.) Possono essere prescritti, che sono efficaci sia nel caso di un patogeno gram-negativo che di un gram-positivo.

Le cefalosporine ("Tsiprolet", "Cephalexin", "Suprax", ecc.) Sono prescritte quando esiste un'alta probabilità di sviluppare un'infiammazione purulenta. Nelle malattie gravi e nello sviluppo di complicanze, sono preferiti gli aminoglicosidi (gentamicina, netilmicina, ecc.) E nel dolore grave i fluorochinoloni (levofloxacina, nolitsina, ecc.).

Il trattamento delle patologie renali infiammatorie è sempre complesso e multicomponente. Gli antibiotici possono essere prescritti sia per via orale che sotto forma di iniezioni, che viene spesso praticata per le forme gravi di malattia renale.

Molte malattie del sistema riproduttivo hanno una proprietà spiacevole da trasmettere durante il sesso. Pertanto, diventa un problema per entrambi i sessi. È necessario trattare tali malattie infettive solo con l'uso di antibiotici efficaci e prima è, meglio è. Pertanto, se per malattie a trasmissione sessuale (MST), non è possibile identificare immediatamente l'agente patogeno, viene data preferenza agli antibiotici ad ampio spettro.

Le malattie a trasmissione sessuale che richiedono antibiotici possono essere diverse (sifilide, gonorrea, clamidia urogenitale, malattia di Reiter con patogeno non identificato, linfogranulomatosi malattia venerea e granuloma) e anche l'approccio al loro trattamento di AMP può differire.

Nella sifilide, viene data preferenza agli antibiotici della serie di penicilline, che in questo caso sono considerati più efficaci. È anche meglio iniziare il trattamento della gonorrea con questi antibiotici, tuttavia, in caso di intolleranza, possono senza dubbio essere sostituiti con altri antibiotici ad ampio spettro..

Nella clamidia urogenitale e nella malattia di Reiter vengono utilizzati principalmente AMP tetracicline ("Tetraciclina" e "Doxiciclina"), macrolidi ("Eritromicina", "Azitromicina", ecc.) E fluorochinoloni (di solito "Ciprofloxacina").

In caso di linfogranulomatosi venerea, vengono principalmente utilizzati preparati a base di tetraciclina ("Dixcycline", "Metacyclin", ecc.) E in caso di granuloma della serie di penicilline. In quest'ultimo caso, a volte vengono prescritti farmaci di altri gruppi (di solito con intolleranza alle penicilline), ad esempio "Levomicetina", "Eritromicina", "Tetraciclina", ecc..

Tra le infezioni a trasmissione sessuale, vorrei notare la balanopostite. E sebbene questa patologia sia popolarmente considerata puramente maschile, poiché consiste nell'infiammazione della testa e di una parte del pene maschile, può essere trasmessa sessualmente alle donne.

Antibiotici ad ampio spettro per balanopostite prescritto solo nella fase avanzata della malattia e solo quando non è possibile determinare con precisione l'agente patogeno o ce ne sono diversi. Con la forma di patologia gangrena, purulenta-ulcerosa e flemmatica, gli antibiotici vengono utilizzati principalmente in una forma iniettabile. Con un patogeno fungino della malattia, gli AMP non vengono utilizzati.

Un'altra patologia sanitaria comune che ricorda se stessa nel periodo autunno-inverno è il raffreddore comune. Naturalmente, non esiste una tale diagnosi, di solito stiamo parlando di malattie respiratorie, che sono elencate nella scheda medica come infezioni respiratorie acute o ARVI. In questi ultimi casi, l'agente causale è un virus non trattato con AMP, ma con agenti immunomodulatori antivirali..

Antibiotici ad ampio spettro per il raffreddore sono prescritti solo se l'indebolimento del sistema immunitario sotto l'influenza del virus provoca il risveglio delle infezioni batteriche nel corpo dopo 3-5 giorni dall'esordio dei primi sintomi della malattia. In questo caso, è necessario trattare le complicanze del raffreddore comune, come bronchite, tracheite, polmonite, ecc..

L'ARI, a sua volta, con l'inefficacia del trattamento, può facilmente trasformarsi in angina, che è anche trattata con farmaci antimicrobici.

Con angina di natura batterica, un antibiotico ad ampio spettro, che il medico prescriverà innanzitutto, proviene da una serie di penicilline che sono efficaci contro la maggior parte dei patogeni di questa patologia. I farmaci più popolari di questo piano sono "Amoxil", "Flemoxin", "Ampicillin", "Augmentin", ecc..

Se il paziente è allergico alle penicilline, possono essere sostituite da macrolidi ("Eritromicina", "Claritromicina", "Azitromicina", ecc.). In caso di patologia che procede con complicazioni, saranno preferibili gli antibiotici della serie cefalosporina ("Ceftriaxone", "Cefabol, ecc.).

Consideriamo brevemente quali sono gli antibiotici consigliati per il trattamento della bronchite e della polmonite.. Con bronchite con un gran numero di vari agenti patogeni, i medici preferiscono prescrivere antibiotici ad ampio spettro dei seguenti gruppi:

  • Aminopenicilline ("Amoxicillin", "Augmentin", "Amoxiclav", ecc.).
  • Macrolidi ("Azithromycin", "Summamed", "Macropen", ecc.).
  • Fluorochinoloni (Ofloxacin, Levofloxacin, ecc.). Prescritto in assenza di problemi al tratto digestivo.
  • Cefalosporine (Ceftriaxone, Cefazolin, ecc.), Resistenti ai ceppi che distruggono le penicilline.

Con polmonite i medici prescrivono gli stessi gruppi di antibiotici ad ampio spettro, ma si preferisce:

  • macrolidi ("Azitromicina", "Claritromicina", "Spiramicina, ecc.)
  • fluorochinoloni ("Levofloxacin", "Ciprofloxacin", ecc.).

La nomina di un AMP ad ampio spettro in questo caso è dovuta al lungo tempo di attesa per i risultati dei test per identificare l'agente patogeno. Ma la polmonite è accompagnata da un forte aumento della temperatura e altri sintomi gravi, la cui rapida rimozione dipende solo dall'efficacia dell'antibiotico.

Un'altra complicazione comune delle infezioni respiratorie acute e della tonsillite è l'otite media (infiammazione dell'orecchio medio). La malattia è dolorosa e pertanto non è sempre possibile identificare l'agente patogeno con otite media i medici preferiscono utilizzare antibiotici ad ampio spettro nei loro appuntamenti. Di solito si tratta di droghe della serie penicillina ("Amoxicillina". "Augmentin", ecc.) E cefalosporina ("Cefroxime", "Ceftriaxone", ecc.), Che possono essere prescritte sia per via orale che sotto forma di iniezioni. Inoltre, viene spesso prescritta una soluzione alcolica "Levomicetina", che viene utilizzata per l'instillazione nell'orecchio.

Gli antibiotici ad ampio spettro sono usati e per trattamento di alcune patologie gastrointestinali. Per cominciare, le infezioni intestinali sono un evento abbastanza comune tra pazienti adulti e bambini. I loro agenti patogeni entrano nel corpo attraverso mani non lavate, cibo, acqua. I sintomi spiacevoli delle infezioni intestinali sono il risultato dell'avvelenamento del corpo con un veleno (enterotossina) secreto dai batteri.

Dissenteria, salmonellosi, colera, escherichiosi, giardiasi, febbre tifoide, intossicazione alimentare da stafilococco: tutte queste patologie infettive sono trattate con antibiotici. Gli agenti causali di queste patologie possono essere più di 40 tipi di microrganismi patogeni, la cui identificazione richiede tempo, durante la quale si può diffondere un'infezione tossica, causando varie complicazioni. Ecco perché i farmaci scelti per le infezioni intestinali sono antibiotici attivi contro molti batteri..

Antibiotico intestinale ad ampio spettro progettato per prevenire lo sviluppo della malattia e l'intossicazione del corpo, distruggendo completamente qualsiasi agente patogeno del processo patologico nell'intestino.

Questo compito è meglio gestito da cefalosporine di nuova generazione ("Claforan", "Cefabol", "Rocesim, ecc.) E fluorochinoloni (" Ciprofloxacin "," Normax "," Tsiprolet ", ecc.). Inoltre, i farmaci vengono utilizzati sia in forma di compresse che sotto forma di iniezioni..

Gli aminoglicosidi per le infezioni intestinali vengono utilizzati dopo aver chiarito la diagnosi. Lo stesso si può dire degli antibiotici della serie penicillina ("Ampicillina") e tetraciclina ("Doxal", "Tetradox", ecc.).

Per il trattamento della giardiasi, un altro farmaco ad ampio spettro viene utilizzato dal gruppo di antibiotici antiprotozoari "Metronidazole".

Tutti sanno che tali patologie comuni del tratto gastrointestinale come la gastrite e le ulcere allo stomaco sono molto spesso causate dal batterio Helicobacter pylori. Per il trattamento di tali patologie di natura batterica, nonostante il fatto che l'agente patogeno sia noto, vengono utilizzati tutti gli stessi antibiotici ad ampio spettro.

Antibiotici gastrici ad ampio spettro - sono tutti uguali "amoxicillina". "Claritromicina", "Metronidazolo", "Eritromicina" e altri, che vengono utilizzati per l'eradicazione dell'infezione batterica in vari regimi di trattamento. A volte vengono utilizzati 2 antibiotici contemporaneamente e, in altri casi, si preferisce un regime a tre componenti.

Le malattie della prostata sono il flagello della popolazione maschile del pianeta. Allo stesso tempo, 1/3 dei pazienti ha prostatite batterica, che richiede un trattamento antibatterico speciale..

Con prostatite batterica i medici possono utilizzare qualsiasi antibiotico ad ampio spettro in grado di far fronte rapidamente a qualsiasi infezione.

Scriviamoli in ordine decrescente di frequenza di somministrazione per questa patologia:

  • Fluorochinoloni (Ofloxacin, Ciprofloxacin, ecc.)
  • Tetracicline di nuova generazione ("Doxiciclina", ecc.)
  • Penicilline, a partire dalla 3a generazione ("Amoxicillin", "Amoxiclav", ecc.)
  • Cefalosporine di nuova generazione (Ceftriaxone, Cefuroxime, ecc.)
  • Macrolidi ("Azitromicina", "Wilprafen", "Josamicina", ecc.).

Sono applicate antibiotici ad ampio spettro in ginecologia. Sono una medicina universale per qualsiasi processo infiammatorio insorto negli organi genitali interni di una donna. Inoltre, il loro appuntamento viene spesso eseguito anche prima che si ottengano i risultati degli strisci sulla microflora..

Le prescrizioni più comuni per i ginecologi sono "Ampicillina", "Eritromicina", "Streptomicina" e altri farmaci di diversi gruppi di antibiotici attivi contro numerosi tipi di infezione batterica. Nelle patologie gravi, viene data preferenza al farmaco "Amoxiclav" e ai rappresentanti delle cefalosporine. A volte vengono prescritti farmaci combinati con un ampio spettro di azione, come "Gynekit" (azitromicina + secnidazolo + fluconazolo), che può sconfiggere le infezioni batteriche e fungine.

Gli antibiotici ad ampio spettro hanno guadagnato grande popolarità nella lotta contro i patogeni infettivi per alcune malattie della pelle (pemfigo di neonati, lupus eritematoso, erisipela, lichen eritematoso, sclerodermia, ecc.). Il vantaggio in questo caso rimane con le penicilline. I farmaci di scelta nella maggior parte dei casi sono: "Oxacillin", "Ampicillin", "Ampiox".

Inoltre, per le malattie della pelle, AMP è ampiamente usato sotto forma di unguenti. Gli unguenti contenenti antibiotici consentono di agire sull'agente patogeno dall'esterno, riducendo gli effetti oscuri per il corpo del paziente (tetraciclina, eritromicina, sintomicina e molti altri unguenti contenenti antibiotici).

Gli antibiotici di un ampio spettro di azione sono anche usati per tali patologie cutanee associate al suo danno termico o meccanico. (per ferite e ustioni). Il trattamento di piccole ferite di solito non richiede l'uso di AMP gravi, tuttavia, con la comparsa di pus nella ferita, l'uso di antibiotici diventa obbligatorio.

Nei primi giorni di trattamento delle ferite purulente, vengono prescritti antibiotici prevalentemente ad ampio spettro (penicilline, cefalosporine e altri tipi di AMP). I farmaci vengono utilizzati sia in compresse che iniezioni e sotto forma di soluzioni per il trattamento delle ferite. Nella seconda fase del trattamento, è anche indicato l'uso di gel e unguenti antibatterici..

In caso di ustioni, lo scopo della terapia antibiotica è prevenire e prevenire la diffusione di infezioni purulente inerenti a tali ferite. Il tessuto necrotico nel sito di una grave ustione diventa un terreno fertile per vari microrganismi. Per le ustioni minori, gli antibiotici di solito non vengono utilizzati..

Per sopprimere l'invasione microbica con ustioni di 3 ° B e 4 gradi vengono utilizzati antibiotici ad ampio spettro (penicilline protette e semisintetiche, cefalosporine di terza generazione, aminoglicosidi e fluorochinoloni). Se il processo influisce sulle strutture ossee, viene prescritta la "Lincomicina". I farmaci sistemici vengono spesso somministrati per via intramuscolare o endovenosa. La terapia antibiotica locale viene selezionata in base alla natura del processo della ferita.

L'intervento chirurgico comporta anche una violazione dell'integrità della pelle e dei tessuti sottostanti. Nonostante il fatto che le operazioni vengano eseguite rigorosamente in condizioni asettiche, non è sempre possibile evitare il rischio di complicanze purulente postoperatorie. Per prevenire e trattare tali complicanze dopo l'intervento chirurgico, vengono utilizzati antibiotici ad ampio spettro..

I farmaci utilizzati nel periodo postoperatorio sono selezionati dal medico individualmente. In primo luogo sono le cefalosporine ("Ceftriaxone". "Cefazolin" e altri) e gli aminoglicosidi ("Amikacin" e altri). Poi ci sono penicilline protette (ad esempio "Amoxiclav") e carbapenems ("Maropenem", ecc.).

Anche gli antibiotici ad ampio spettro hanno trovato il loro uso. in odontoiatria. I batteri nella cavità orale possono entrare nei tessuti della regione mascellare attraverso ferite sulla mucosa e danni allo smalto dei denti. Tali processi infiammatori (specialmente quelli acuti) che si verificano nell'area della testa sono considerati molto pericolosi e richiedono un trattamento immediato, compresa la terapia antibiotica. L'identificazione dell'agente patogeno in questo caso non viene sempre eseguita. Ciò significa che gli antibiotici di un ampio spettro d'azione rimangono i farmaci preferiti: penicilline protette (il più delle volte "Augmentin") e fluorochinoloni ("Pefloxacin" e suoi analoghi, "Tsifran", ecc.). Vengono utilizzati anche macrolidi (ad esempio "Summamed") e "Lincomycin".

Modulo per il rilascio

Gli antibiotici ad ampio spettro prodotti dall'industria farmaceutica possono differire non solo per nome e ambito di applicazione, ma anche per le forme di rilascio. Esistono farmaci destinati esclusivamente alla somministrazione orale o solo per iniezione, mentre altri hanno diverse forme di rilascio, il che consente di utilizzarli in diverse situazioni.

Le pillole sono considerate una delle forme più comuni di rilascio di farmaci. Gli antibiotici ad ampio spettro nelle compresse sono anche usati molto più spesso di altre forme di dosaggio. Inoltre, molti di essi possono essere facilmente acquistati al banco senza prescrizione medica..

I farmaci più popolari della serie di penicilline, che sono efficaci per varie patologie infettive dei sistemi respiratorio, genito-urinario e di altri sistemi del corpo, devono essere rilasciati sotto forma di compresse (come opzione capsula o granulo) per la somministrazione orale. È particolarmente conveniente se il trattamento viene eseguito in regime ambulatoriale, in quanto non richiede costi aggiuntivi e competenze d'uso. Ciò è in gran parte dovuto al più ampio uso di compresse rispetto alle soluzioni di iniezione..

Le penicilline più popolari in compresse: Ampicillina, Amoxicillina, Amoxil, Flemoxin, Augmentin, Amoxiclav, Ecobol, Trifamox.

Nelle cefalosporine di 3 o più generazioni, che sono spesso prescritte al posto delle penicilline in caso di intolleranza a quest'ultima, l'elenco dei farmaci in compresse è molto piccolo. I principi attivi di questi farmaci possono essere cefixime (Cefixim, Suprax, Ceforal Solutab, ecc.) O ceftibuten (Cedex, ecc.).

I macrolidi, caratterizzati da una buona tolleranza e dalla capacità di inibire la riproduzione di un'infezione batterica, hanno un elenco piuttosto ampio di farmaci in compresse: Azitromicina, Summamed, Azicid. "Ecomed", "Clarithromycin", "Klabaks", "Erythromycin", "Macropen", "Rulid", ecc..

Esistono farmaci in compresse e il gruppo più forte di farmaci antibatterici - fluorochinoloni, destinati al trattamento di gravi patologie infettive dei sistemi respiratorio, genito-urinario, digestivo e di altro tipo. Il fluorochinolone più popolare è ofloxacin, che in forma di compresse può portare i nomi: "Ofloxacin", "Zanocin", "Oflo", "Tarivid", ecc..

Non meno popolari sono le compresse a base di ciprofloxacina ("Ciprofloxacin", Ciprolet, Tsifran, ecc.).

Il rappresentante più potente dei fluorochinoloni è la moxifloxacina. Puoi trovarlo sotto forma di compresse sotto i nomi "Moxifloxacin", "Avelox", ecc..

Nonostante il fatto che molte compresse della serie AMP possano essere acquistate in farmacia senza alcuna limitazione, possono essere utilizzate solo come prescritto dal medico curante e nel dosaggio prescritto..

Il numero di compresse nel pacchetto AP può essere diverso, così come il corso del trattamento con tali farmaci. Di recente, il cosiddetto antibiotici ad ampio spettro per 3 giorni. Un pacchetto di tali AMP di solito contiene 3 (a volte 6) compresse o capsule, che sono progettate per un corso di terapia di 3 giorni. Il dosaggio di tali farmaci è leggermente superiore a quello di quelli progettati per 5-14 giorni. E l'effetto positivo si ottiene a causa della dose di carico dell'antibiotico.

Gli antibiotici per somministrazione orale possono anche essere prodotti come sospensione o granuli per la preparazione.. Antibiotici ad ampio spettro in sospensione il più delle volte usato per curare i bambini per i quali le compresse non sono semplicemente adatte. La sospensione viene utilizzata anche se una persona ha alcune difficoltà a deglutire le compresse.

La seconda forma popolare di antibiotici ad ampio spettro è l'iniezione. Allo stesso tempo, alcuni antibiotici possono essere trovati in vendita sotto forma di fiale con una soluzione di iniezione pronta, mentre altri sono sotto forma di polvere per preparare una soluzione, che viene successivamente sciolta in un mezzo liquido (soluzione salina, anestetici, ecc.).

Anche il modo in cui vengono utilizzati questi farmaci può differire. Gli antibiotici ad ampio spettro nelle fiale sono usati per la somministrazione parenterale del farmaco: per iniezioni endovenose o intramuscolari, nonché per l'uso in contagocce.

Antibiotici ad ampio spettro in iniezioni sono generalmente utilizzati nel trattamento di pazienti ricoverati di gravità da moderata a elevata. Tuttavia, in alcuni casi (ad esempio, nelle patologie del tratto gastrointestinale, quando l'irritazione del farmaco provoca un ulteriore trauma alla mucosa gastrica), la forma di fiala del farmaco può anche essere prescritta per il trattamento in regime ambulatoriale. In questo caso, le iniezioni vengono eseguite da operatori sanitari nelle sale fisiche delle istituzioni mediche o da un'infermiera che viene a casa.

Se il farmaco non viene venduto in forma liquida, ma in polvere o sospensione per la preparazione di una soluzione per iniezione o infusione, oltre a una siringa, sarà necessario acquistare un solvente prescritto da un medico insieme a un antibiotico. Per l'infusione del farmaco, avrai bisogno di un sistema (contagocce).

Gli antibiotici nelle iniezioni agiscono più velocemente e in qualche modo più efficace delle forme orali. Il loro uso è indicato per patologie gravi che richiedono un'azione urgente. Il sollievo si verifica nei primi giorni di assunzione del farmaco..

Antibiotici ad ampio spettro in fiale con una soluzione pronta o una sostanza medicinale per la sua preparazione, quasi tutti i gruppi di farmaci hanno. Tra i farmaci popolari della serie tetraciclina sotto forma di iniezioni, è possibile utilizzare "Tetraciclina" e "Doxiciclina". Per le cefalosporine, la maggior parte dei farmaci è disponibile sotto forma di polvere per la preparazione di soluzioni per la somministrazione parenterale (Ceftriaxone, Cefazolin, ecc.). I carbapenemi sono disponibili solo come soluzioni di iniezione.

Penicilline ("Penicillina", "Ampillina", "Trifamox", "Ampiside", "Timentina", "Tizacina", ecc.) E fluorochinoloni ("Levofloxacina") hanno questa forma di rilascio..

Molto spesso, le iniezioni di antibiotici sono dolorose, quindi, per la somministrazione intramuscolare, i preparati in polvere vengono diluiti con una soluzione di lidocaina.

Unguenti antibiotici ad ampio spettro non vengono utilizzati con la stessa frequenza delle forme precedenti. Tuttavia, in alcuni casi, il loro uso aumenta significativamente l'efficacia della terapia antibiotica..

Il loro uso è rilevante per patologie infettive degli organi della vista, otite esterna, malattie della pelle infettive, guarigione di ferite e ustioni, ecc. In questi casi, l'uso di farmaci sistemici non sempre consente di ottenere buoni risultati, mentre l'unguento consente di agire direttamente sul patogeno batterico situato sulla superficie del corpo. Inoltre, oltre all'antibiotico, alla composizione dell'unguento possono essere aggiunti altri componenti che hanno un effetto positivo sulla ferita..

Per le malattie della pelle, unguenti come "Baneocin", "Fastin", "Fusiderm", "Levosin", "Unguento di Terramicina", "Sintomicina" sono diventati molto popolari. Unguento antibiotico "Sanguirithrin" è usato in dermatologia e odontoiatria. L'unguento di Dalatsin è usato in ginecologia per le malattie infiammatorie causate da alcuni agenti patogeni batterici.

E gli unguenti di tetraciclina ed eritromicina sono efficaci nel trattamento delle malattie infettive degli occhi, nonché delle pustole sulla pelle e delle mucose. Sono popolarmente considerati un antibiotico oftalmico ad ampio spettro. Sebbene gli unguenti non siano l'unica e preferita forma di rilascio di antibiotici per le malattie degli occhi. E i medici spesso preferiscono colliri antibiotici ad ampio spettro, che sono più convenienti da usare.

I colliri antibiotici contengono determinati gruppi di AMP. Questi sono aminoglicosidi, fluorochinoloni e cloramfenicolo (gocce "Torbeks", "Tsipromed", "Levomycetin", ecc.).

Gli antibiotici ad ampio spettro possono anche essere prodotti come supposte rettali o vaginali. Molto spesso, tali farmaci vengono utilizzati in ginecologia per trattare l'infiammazione immediatamente dopo che è stata rilevata, mentre lo striscio viene analizzato per la microflora. Spesso, questa forma di farmaco viene prescritta in parallelo con l'assunzione di compresse antibatteriche. Le supposte sotto l'influenza del calore del corpo si dissolvono e rilasciano il principio attivo, che ha la capacità di agire direttamente nel fuoco dell'infezione.

farmacodinamica

Gli antibiotici di un ampio spettro di azione di vari gruppi possono avere un effetto diseguale sui microrganismi patogeni. L'azione di alcuni ha lo scopo di distruggere la struttura cellulare dei batteri (battericida), mentre altri mirano all'inibizione (inibizione) della sintesi proteica e dell'acido nucleico (batteriostatico).

Antibiotici battericidi un ampio spettro di azione, inibendo la biosintesi della parete cellulare dei batteri patogeni, distruggendoli in tal modo. I batteri non possono svilupparsi ulteriormente e morire. Un tale effetto si manifesta particolarmente rapidamente in relazione a batteri capaci di riproduzione attiva (e i microrganismi si moltiplicano per la divisione cellulare). L'assenza di un muro nei batteri "neonati" contribuisce al fatto che perdono rapidamente le sostanze necessarie per l'attività vitale e in realtà muoiono di stanchezza. Ci vuole un po 'più di tempo per uccidere i batteri adulti in questo modo. Lo svantaggio dei farmaci ad azione battericida è la tossicità relativamente alta per il corpo (specialmente al momento della morte di un gran numero di batteri) e la bassa selettività d'azione (muoiono non solo i patogeni, ma anche i microrganismi benefici).

Antibiotici batteriostatici un ampio spettro di azione colpisce i microrganismi in modo diverso. Inibendo la produzione di proteine, che è coinvolta in quasi tutti i processi in un organismo vivente, e gli acidi nucleici, che sono portatori di importanti informazioni genetiche, inibiscono quindi la capacità dei batteri di riprodurre e preservare le caratteristiche delle specie. In questo caso, i microrganismi non muoiono, ma passano in uno stadio inattivo. Con il buon funzionamento del sistema immunitario umano, tali batteri non sono più in grado di causare lo sviluppo della malattia, quindi i sintomi della malattia scompaiono. Purtroppo, con un'immunità debole, gli effetti dei farmaci con effetto batteriostatico non saranno sufficienti. Ma hanno anche meno effetti tossici sul corpo umano rispetto ai farmaci battericidi..

antibiotici penicillina un ampio spettro d'azione è famoso per il suo evidente effetto battericida sulla maggior parte dei batteri gram-positivi e gram-negativi (stafilococchi, streptococchi, agenti causali di difterite, anaerobi, striptochaetes, ecc.). Hanno trovato ampia applicazione nel trattamento delle malattie infettive del sistema respiratorio (polmonite, bronchite, ecc.) E degli organi ENT (otite media, sinusite, ecc.), Infezioni della cavità addominale (peritonite), del sistema genito-urinario (pielonefrite, cistite, ecc.). Sono utilizzati per infezioni chirurgiche purulente e per prevenire complicanze dopo interventi chirurgici..

I più diffusi sono semi-sintetici (sono più resistenti all'ambiente acido dello stomaco e possono essere usati per via orale) e penicilline protette (preparati combinati resistenti agli effetti degli enzimi beta-lattamasi che li distruggono, prodotti dai batteri per proteggere).

Lo svantaggio degli AMP della serie di penicilline è considerato un'alta probabilità di sviluppare reazioni allergiche di varia gravità, comprese quelle potenzialmente letali. Ma questi farmaci sono considerati i meno tossici di tutti gli AMP conosciuti..

Antibiotici ad ampio spettro serie di cefalosporine hanno anche un forte effetto battericida. Sono caratterizzati da una buona stabilità nelle beta-lattamasi e non richiedono l'inclusione di componenti aggiuntivi. Lo svantaggio di questi antibiotici è che la maggior parte di tali farmaci efficaci non viene assorbita nel tratto gastrointestinale, il che significa che possono essere utilizzati solo per via parenterale (sotto forma di iniezioni e contagocce). Tuttavia, i dati AMP hanno trovato ampia applicazione nel trattamento delle patologie infettive dei sistemi respiratorio e genito-urinario. Sono utilizzati nel trattamento di malattie a trasmissione sessuale, infezioni del tratto respiratorio superiore, per combattere agenti patogeni di peritonite, endocardite, nonché malattie delle articolazioni e delle ossa..

Anche gli antibiotici ad ampio spettro di aminoglicosidi e fluorochinoloni sono classificati come AMP battericidi, ma sono prescritti molto meno frequentemente. Gli aminoglicosidi sono utili nella lotta contro i batteri anaerobici e lo Pseudomonas aeruginosa, ma a causa della loro elevata neurotossicità sono usati raramente e i fluorochinoloni con il loro potente effetto antibatterico sono preferiti principalmente per le infezioni purulente gravi..

Alcuni farmaci del gruppo aminoglicosidici possono anche avere un effetto batteriostatico..

Antibiotici ad ampio spettro dal gruppo macrolidi, come le tetracicline, sono AMP con azione batteriostatica. Sono usati per trattare malattie infettive della pelle, organi respiratori, articolazioni. È indicativo del loro uso per malattie gravi (ad esempio, con polmonite) in combinazione con antibiotici battericidi. Questo doppio effetto dell'AMP aumenta l'effetto terapeutico. Allo stesso tempo, l'effetto tossico sul corpo non aumenta, poiché i macrolidi sono considerati uno dei farmaci meno tossici. Inoltre, raramente causano reazioni allergiche..

Parlando dell'effetto battericida e batteriostatico dell'AMP, si deve capire che lo stesso farmaco, a seconda dell'agente patogeno e del dosaggio applicato, può avere uno o l'altro effetto. Quindi, le penicilline a basso dosaggio o nel caso del loro uso per combattere gli enterococchi hanno un effetto batteriostatico piuttosto che battericida..