Mig 400

Istruzioni per l'uso:

Prezzi nelle farmacie online:

Mig 400 è un farmaco antinfiammatorio non steroideo utilizzato per il trattamento sintomatico delle condizioni febbrili con influenza e raffreddore, nonché per la riduzione del dolore di varie eziologie.

Azione farmacologica Mig 400

L'ibuprofene incluso nel Mig 400 è un derivato dell'acido propionico che ha effetti antipiretici, analgesici e antinfiammatori. Inoltre, come altri farmaci antinfiammatori non steroidei, ha attività antipiastrinica.

L'effetto analgesico del componente attivo di Mig 400 è più pronunciato in caso di dolore di natura infiammatoria. In questo caso, la proprietà anestetica del farmaco non appartiene al tipo narcotico..

Modulo di rilascio Mig 400

Mig 400 è prodotto sotto forma di compresse ovali con una linea a doppia faccia e "E" in rilievo, in blister da 10 pezzi.

Mig 400 (1 compressa) contiene 400 mg di ibuprofene. Oltre al componente attivo, Mig 400 contiene sostanze ausiliarie: biossido di silicio colloidale, carbossimetilamido di sodio (tipo A), amido di mais, magnesio stearato.

Analoghi Mig 400

Gli analoghi del Mig 400 in termini di componente attivo sono i medicinali Advil, Bonifen, Burana, Ibuprom, Deblok, Ibufen, Nurofen, Solpaflex e Faspik.

Con il meccanismo d'azione, gli analoghi Mig 400 includono i seguenti farmaci: Artrozilen, Artrum, Brustan, Naproxen, Ibuklin, Ketonal, Dexalgin, Ketoprofen, Nalgezin, Vimovo, Rakstan-Sanovel, Flamax e Next.

Indicazioni per l'uso di Mig 400

Il farmaco Mig 400, secondo le istruzioni, è prescritto per il trattamento sintomatico:

  • Emicrania;
  • Mal di testa;
  • Nevralgia;
  • Mal di denti;
  • Dolore mestruale;
  • Dolori muscolari e articolari;
  • Condizioni febbrili con influenza e raffreddori.

Controindicazioni

Mig 400 ha una serie di controindicazioni. Il farmaco non può essere utilizzato per:

  • "Triade di aspirina";
  • Malattie erosive e ulcerative, tra cui ulcera gastrica e 12 ulcera duodenale e morbo di Crohn;
  • Sanguinamento di varie eziologie;
  • Emofilia e altri disturbi della coagulazione del sangue, compresa l'ipocoagulazione;
  • Malattie del nervo ottico;
  • Gravidanza e allattamento;
  • Carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi;
  • Storia di ipersensibilità ai farmaci antinfiammatori non steroidei e acido acetilsalicilico;
  • Ipersensibilità ai componenti che compongono Mig 400.

In pediatria, le compresse Mig 400 possono essere assunte dall'età di dodici anni.

Mig 400, istruzioni, devono essere prese con cautela:

  • Sullo sfondo dell'insufficienza cardiaca;
  • In età avanzata;
  • Sullo sfondo della cirrosi epatica con ipertensione portale;
  • Con ipertensione arteriosa;
  • Con sindrome nefrosica;
  • Con gastrite, enterite e colite;
  • Sullo sfondo dell'insufficienza epatica e renale;
  • Con ulcera gastrica e 12 ulcera duodenale;
  • Sullo sfondo dell'iperbilirubinemia;
  • Sullo sfondo di malattie del sangue di eziologia sconosciuta.

Metodo di applicazione Mig 400

La dose iniziale del farmaco Mig 400, secondo le istruzioni, per adulti e bambini di età inferiore ai dodici anni è di 800 mg, suddivisa in dosi uguali per 3-4 dosi.

In alcuni casi, è possibile aumentare il dosaggio giornaliero fino a tre compresse Mig 400, ma dovrebbe essere ridotto al solito dopo che i sintomi diminuiscono.

Sullo sfondo di funzionalità renale, cardiaca o epatica compromessa, la dose di Mig 400, secondo le istruzioni, deve essere ridotta.

Secondo le istruzioni, le compresse Mig 400 non devono essere assunte per più di sette giorni, nonché in dosi più elevate, in quanto ciò può portare a un sovradosaggio, che si manifesta come:

  • Mal di testa;
  • Mal di stomaco;
  • Insufficienza renale acuta;
  • Rumore nelle orecchie;
  • Vomito e nausea;
  • bradicardia;
  • Acidosi metabolica;
  • Sonnolenza e letargia;
  • Smetti di respirare;
  • Depressione;
  • Diminuzione della pressione sanguigna;
  • Coma;
  • Fibrillazione atriale;
  • Tachicardia.

Interazioni farmacologiche

L'efficacia dei diuretici tiazidici e della furosemide può essere ridotta se utilizzata contemporaneamente a Mig 400, associato alla ritenzione di sodio.

L'uso combinato di ibuprofene, che fa parte di Mig 400, con anticoagulanti orali e acido acetilsalicilico non è raccomandato.

Inoltre, Mig 400 può ridurre l'efficacia dei farmaci antiipertensivi..

Il rischio di sviluppare effetti nefrotossici aumenta con la terapia di associazione di Mig 400 con tacrolimus.

Effetti collaterali

Come altri farmaci antinfiammatori non steroidei, le compresse Mig 400 possono causare disturbi in vari sistemi corporei..

I disturbi dell'apparato digerente possono manifestarsi con vari sintomi, tra cui lo sviluppo più probabile è vomito, dolore addominale, flatulenza, nausea, bruciore di stomaco, diarrea e costipazione. In rari casi, possono verificarsi ulcerazioni della mucosa del tratto gastrointestinale, complicate da sanguinamento e perforazione. Se compaiono segni di sanguinamento nel tratto gastrointestinale, Mig 400 deve essere cancellato. Inoltre, i disturbi possono manifestarsi come:

  • Dolore alla bocca;
  • Pancreatite;
  • Irritazione o secchezza della mucosa orale;
  • Stomatite aftosa;
  • Ulcerazione della mucosa gengivale;
  • Epatite.

I disturbi del sistema nervoso quando si assumono le compresse Mig 400 si manifestano spesso sotto forma di:

  • Mal di testa;
  • Nervosismo e irritabilità;
  • Insonnia;
  • Vertigini;
  • Agitazione psicomotoria;
  • Ansia;
  • Depressione;
  • Sonnolenza;
  • allucinazioni;
  • Confusione di coscienza.

I disturbi di altri sistemi corporei durante la terapia con il farmaco Mig 400, secondo le istruzioni, includono:

  • Broncospasmo e mancanza di respiro (sistema respiratorio);
  • Tachicardia, insufficienza cardiaca, aumento della pressione sanguigna (sistema cardiovascolare);
  • Danno tossico al nervo ottico, perdita dell'udito, visione offuscata o visione doppia, ronzio o rumore nelle orecchie (organi di senso);
  • Anemia, agranulocitosi, trombocitopenia e porpora trombocitopenica (sistema ematopoietico);
  • Nefrite allergica, insufficienza renale acuta, poliuria, sindrome nefrosica, cistite (sistema urinario).

L'uso a lungo termine di Mig 400 compresse ad alte dosi aumenta il rischio di sanguinamento (gastrointestinale, uterino, gengivale, emorroidario) e compromissione della vista.

Sullo sfondo del trattamento con il farmaco Mig 400, le reazioni allergiche più probabili sono:

  • Broncospasmo o dispnea;
  • Edema di Quincke;
  • eosinofilia;
  • Eruzione cutanea e prurito;
  • Eritema multiforme essudativo;
  • Shock anafilattico;
  • Reazioni anafilattoidi;
  • Febbre;
  • Necrolisi epidermica tossica;
  • Rinite allergica.

Condizioni di archiviazione

MiG 400 si riferisce a medicinali antinfiammatori non steroidei da banco con una durata di 36 mesi in condizioni di conservazione standard (a temperature fino a 30 ° C).

MIG: compresse da 400 mg

MIG 400 è un farmaco antinfiammatorio non steroideo e le istruzioni per l'uso indicano che le compresse da 400 mg creano un effetto antipiastrinico. Il farmaco aiuta nel trattamento di mal di testa e mal di denti, riduce la temperatura.

Forma e composizione del rilascio

MIG 400 è disponibile in compresse con rivestimento enterico. Hanno una forma ovale oblunga, una superficie biconvessa, un colore bianco e un rischio di divisione.

Il principale ingrediente attivo del farmaco è l'ibuprofene, il suo contenuto in una compressa è di 400 mg. Include anche componenti ausiliari.

Le compresse MIG 400 sono confezionate in blister da 10 pezzi. La scatola di cartone contiene 1 o 2 blister e istruzioni per l'uso del farmaco.

effetto farmacologico

L'ibuprofene, il principio attivo di MIG, è un derivato dell'acido propionico. A causa del blocco indiscriminato di COX-1 e COX-2, nonché di un effetto inibitorio sulla sintesi delle prostaglandine, ha un effetto analgesico, antipiretico e antinfiammatorio. L'attività analgesica del farmaco non è narcotica. Mig 400 ha attività antipiastrinica.

Indicazioni per l'uso

Con cosa aiuta Mig 400? Le compresse sono indicate per l'uso quando:

  • nevralgia;
  • emicrania;
  • mal di testa;
  • febbre per raffreddore e influenza;
  • mal di denti;
  • dolori mestruali;
  • dolori muscolari e articolari.

Se è necessario scoprire da cosa le compresse Mig 400 aiuteranno in ciascun caso specifico, si consiglia di consultare un medico.

Istruzioni per l'uso

Mig 400 è destinato alla somministrazione orale. Il dosaggio è impostato in base alle indicazioni. Di norma, ai bambini di età superiore ai 12 anni e agli adulti Mig 400 vengono prescritti 3-4 volte al giorno, 200 mg ciascuno (dosaggio iniziale). Al fine di migliorare l'effetto terapeutico, la dose è aumentata (3 volte al giorno, 400 mg).

Dopo aver raggiunto l'effetto terapeutico, il dosaggio viene ridotto a 600-800 mg al giorno. Non è consigliabile assumere le compresse Mig 400 per più di una settimana o in dosi superiori a quelle raccomandate. Per le persone con disturbi al fegato, al cuore, ai reni, il dosaggio è ridotto.

Controindicazioni

Mig 400 ha una serie di controindicazioni. Il farmaco non può essere utilizzato per:

  • Storia di ipersensibilità ai farmaci antinfiammatori non steroidei e acido acetilsalicilico;
  • Malattie erosive e ulcerative, tra cui ulcera gastrica e 12 ulcera duodenale e morbo di Crohn;
  • Carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi;
  • Emofilia e altri disturbi della coagulazione del sangue, compresa l'ipocoagulazione;
  • "Triade di aspirina";
  • Ipersensibilità ai componenti che compongono Mig 400;
  • Sanguinamento di varie eziologie;
  • Gravidanza e allattamento;
  • Malattie del nervo ottico.

Secondo le istruzioni, il medicinale deve essere preso con cautela:

  • Con ipertensione arteriosa;
  • Sullo sfondo dell'insufficienza epatica e renale;
  • Con ulcera gastrica e 12 ulcera duodenale;
  • Sullo sfondo della cirrosi epatica con ipertensione portale;
  • Sullo sfondo dell'insufficienza cardiaca;
  • Con gastrite, enterite e colite;
  • Con sindrome nefrosica;
  • In età avanzata;
  • Sullo sfondo di malattie del sangue di eziologia sconosciuta;
  • Sullo sfondo dell'iperbilirubinemia.

Effetti collaterali

  • vertigini;
  • allucinazioni;
  • insufficienza cardiaca;
  • ulcerazione della mucosa gastrointestinale, che in alcuni casi è complicata da perforazione e sanguinamento;
  • meningite asettica (più spesso nei pazienti con malattie autoimmuni);
  • stipsi;
  • perdita di appetito;
  • anemia (incluso emolitico, aplastico), trombocitopenia e porpora trombocitopenica, agranulocitosi, leucopenia;
  • edema congiuntivale e palpebre (genesi allergica);
  • ulcerazione della mucosa delle gengive;
  • mal di stomaco;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • mal di testa;
  • eosinofilia;
  • sindrome nefrosica (edema);
  • flatulenza;
  • depressione;
  • stomatite aftosa;
  • ansia;
  • diarrea;
  • shock anafilattico;
  • necrolisi epidermica tossica (sindrome di Lyell);
  • ronzio o acufene;
  • eruzione cutanea (di solito eritematosa o orticaria);
  • broncospasmo;
  • visione offuscata o visione doppia;
  • nausea;
  • confusione di coscienza;
  • bruciore di stomaco;
  • febbre;
  • essudativo multiforme dell'eritema (inclusa la sindrome di Stevens-Johnson);
  • agitazione psicomotoria;
  • nervosismo e irritabilità;
  • dolore alla bocca;
  • broncospasmo;
  • danno tossico al nervo ottico;
  • dispnea;
  • Edema di Quincke;
  • riduzione della concentrazione sierica di glucosio;
  • tachicardia;
  • prurito della pelle;
  • insufficienza renale acuta;
  • irritazione o secchezza della mucosa orale;
  • sonnolenza;
  • insonnia;
  • rinite allergica;
  • reazioni anafilattoidi;
  • perdita dell'udito.

Bambini, durante la gravidanza e l'allattamento

Durante la gravidanza e l'allattamento, il farmaco è controindicato. Mig 400 può influire negativamente sulla fertilità femminile, pertanto il suo uso non è raccomandato per le donne che pianificano una gravidanza.

I minori di 12 anni non possono assumere Mig 400.

istruzioni speciali

Prima di iniziare a prendere MIG 400 compresse, è necessario studiare attentamente l'annotazione del farmaco, assicurarsi che non vi siano controindicazioni e prestare anche attenzione a una serie di istruzioni speciali relative al suo utilizzo:

  • Durante l'uso del farmaco, si raccomanda di abbandonare le attività che richiedono una maggiore concentrazione di attenzione e velocità delle reazioni psicomotorie.
  • Lo sviluppo di segni di sviluppo di sanguinamento interno richiede l'interruzione immediata del farmaco.
  • Esclude l'assunzione di alcol durante l'assunzione del farmaco.
  • L'assunzione del farmaco può mascherare i sintomi del decorso del processo patologico, che dovrebbero essere presi in considerazione durante le misure diagnostiche..
  • Le compresse di MIG 400 possono interagire con farmaci di altri gruppi farmacologici.
  • Se è necessario condurre una determinazione di laboratorio del livello di 17-chetosteroidi, il farmaco deve essere sospeso 48 ore prima del test.
  • Durante il trattamento a lungo termine con il farmaco, devono essere monitorati gli indicatori di laboratorio dell'attività funzionale del fegato, dei reni e dello stato del sangue.
  • Lo sviluppo del dolore addominale durante l'assunzione di MIG 400 compresse richiede un esame approfondito del possibile sviluppo dell'ulcera peptica.

Interazioni farmacologiche

Nei pazienti con infezione da HIV con emofilia, l'associazione di ibuprofene con zidovudina aumenta il rischio di emartro.

L'ibuprofene riduce anche l'effetto antipiastrinico dell'acido acetilsalicilico e riduce l'efficacia dei farmaci antiipertensivi. La combinazione con Tacrolimus aumenta la probabilità di sviluppare effetti nefrotossici dovuti all'inibizione della sintesi delle prostaglandine.

Inoltre, il principio attivo del farmaco può migliorare l'effetto degli anticoagulanti orali. La loro ricezione congiunta non è desiderabile. Il farmaco provoca anche un aumento del livello di metotrexato nel plasma sanguigno.

Mig 400 deve essere usato con cautela in combinazione con FANS e corticosteroidi, poiché ciò può causare reazioni avverse a carico del tratto gastrointestinale.

Sotto l'influenza di Mig 400, le proprietà ipoglicemizzanti dei farmaci ipoglicemizzanti orali e dell'insulina sono potenziate. Potrebbero essere necessari aggiustamenti del dosaggio.

Quando si assume Mig 400, è possibile una riduzione dell'azione dei diuretici Furosemide e tiazidici, che può essere innescata dalla ritenzione di sodio a causa dell'inibizione della sintesi delle prostaglandine.

Analoghi del farmaco MIG

Gli analoghi sono determinati dalla struttura:

  1. Brufen;
  2. Ibuprom Max;
  3. Deblock;
  4. Pedea;
  5. Burana;
  6. Ritardo Brufen;
  7. Faspik;
  8. Forte di Nurofen;
  9. MIG 200;
  10. Ibufen;
  11. Ibusan;
  12. Ibuprom Sprint Caps;
  13. Motrin per bambini;
  14. Nurofen;
  15. Bonifen;
  16. Nurofen per bambini;
  17. Ypren;
  18. Advil Liquid Jels;
  19. advil;
  20. Ibuprofene;
  21. Gel Ibutop;
  22. Solpaflex;
  23. Lungo;
  24. Ibuprom;
  25. ArtroCam.

Condizioni di vacanza e prezzo

Il costo medio di MIG 400 (compresse da 400 mg, 10 pezzi) A Mosca è di 75 rubli. Nella catena di farmacie, le compresse MIG 400 sono dispensate senza prescrizione medica. In caso di domande o dubbi sul loro utilizzo, è necessario consultare il proprio medico.

La durata di conservazione delle compresse è di 3 anni dalla data di produzione. Le istruzioni per l'uso prescrivono che MIG 400 deve essere conservato in un luogo buio e asciutto, fuori dalla portata dei bambini, a una temperatura dell'aria non superiore a + 30 ° С..

Istruzioni per tablet Mig

MIG è un farmaco antinfiammatorio non steroideo (FANS). Il farmaco ha effetti antinfiammatori, antipiretici e analgesici.

Proprietà farmacologiche

L'ibuprofene è un derivato dell'acido propionico e ha effetti analgesici, antipiretici e antinfiammatori a causa del blocco indiscriminato di COX-1 e COX-2, oltre a inibire la sintesi di prostaglandine.

L'effetto analgesico è più pronunciato per il dolore infiammatorio. L'attività analgesica del farmaco non appartiene al tipo narcotico.

Come altri FANS, l'ibuprofene ha attività antipiastrinica..

Dopo somministrazione orale, il farmaco viene ben assorbito dal tratto digestivo. La Cmax di ibuprofene nel plasma è di circa 30 μg / ml e viene raggiunta circa 2 ore dopo l'assunzione del farmaco alla dose di 400 mg.

Il legame con le proteine ​​plasmatiche è di circa il 99%. Si distribuisce lentamente nel liquido sinoviale e viene espulso da esso più lentamente che dal plasma.

L'ibuprofene viene metabolizzato nel fegato principalmente mediante idrossilazione e carbossilazione del gruppo isobutilico. I metaboliti sono farmacologicamente inattivi.

È caratterizzato da cinetica di eliminazione in due fasi. Il T1 / 2 dal plasma è di 2-3 ore e fino al 90% della dose può essere rilevata nelle urine sotto forma di metaboliti e loro coniugati. Meno dell'1% viene escreto immodificato nelle urine e in misura minore nella bile.

Indicazioni per l'uso

  • mal di testa;
  • emicrania;
  • mal di denti;
  • nevralgia;
  • dolore ai muscoli e alle articolazioni;
  • dolore mestruale;
  • febbre con raffreddore e influenza.

Modalità di applicazione

Il farmaco viene assunto per via orale. Il regime di dosaggio viene impostato individualmente in base alle indicazioni..

Adulti e bambini di età superiore ai 12 anni: il farmaco viene prescritto, di regola, nella dose iniziale - 200 mg 3-4 volte / giorno.

Per ottenere un rapido effetto terapeutico, la dose può essere aumentata a 400 mg 3 volte al giorno.

Al raggiungimento dell'effetto terapeutico, la dose giornaliera viene ridotta a 600-800 mg.

Il farmaco non deve essere assunto per più di 7 giorni o a dosi più elevate. Se è necessario utilizzare per un periodo più lungo o in dosi più elevate, è necessaria la consultazione di un medico.

Nei pazienti con funzionalità renale, epatica o cardiaca compromessa, la dose deve essere ridotta..

Controindicazioni

  • ipersensibilità a componenti di medicina;
  • una storia di ipersensibilità all'acido acetilsalicilico o altri FANS;
  • malattie erosive e ulcerative degli organi: tratto gastrointestinale (compresa ulcera peptica dello stomaco e duodeno nella fase acuta, morbo di Crohn, NUC);
  • "triade di aspirina";
  • emofilia e altri disturbi della coagulazione del sangue (inclusa l'ipocoagulazione), diatesi emorragica;
  • sanguinamento di varie eziologie;
  • carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi;
  • malattie del nervo ottico;
  • bambini sotto i 12 anni.

Il farmaco deve essere usato con cautela nei seguenti casi: vecchiaia; insufficienza cardiaca; ipertensione arteriosa; cirrosi epatica con ipertensione portale; insufficienza epatica e / o renale, sindrome nefrosica, iperbilirubinemia; ulcera peptica dello stomaco e del duodeno (storia), gastrite, enterite, colite; malattie del sangue di eziologia sconosciuta (leucopenia e anemia).

Applicazione durante la gravidanza e l'allattamento

Il farmaco è controindicato per l'uso durante la gravidanza e l'allattamento (allattamento al seno).

L'uso dell'ibuprofene può influire negativamente sulla fertilità femminile e non è raccomandato per le donne che pianificano una gravidanza..

Interazione con altri farmaci

Possibile riduzione dell'efficacia dei diuretici furosemide e tiazidici a causa del ritardo del sodio associato all'inibizione della sintesi delle prostaglandine nei reni.

L'ibuprofene può aumentare l'effetto degli anticoagulanti orali (l'uso concomitante non è raccomandato).

Con la somministrazione simultanea con acido acetilsalicilico, l'ibuprofene riduce il suo effetto antipiastrinico (è possibile aumentare l'incidenza di insufficienza coronarica acuta in pazienti che ricevono piccole dosi di acido acetilsalicilico come agente antipiastrinico).

L'ibuprofene può ridurre l'efficacia dei farmaci antiipertensivi.

In letteratura, sono stati descritti casi isolati di aumento delle concentrazioni plasmatiche di digossina, fenitoina e litio durante l'assunzione di ibuprofene..

L'ibuprofene, come altri FANS, deve essere usato con cautela in combinazione con acido acetilsalicilico o altri FANS e GCS, perché ciò aumenta il rischio di effetti avversi del farmaco sul tratto digestivo.

L'ibuprofene può aumentare il metotrexato plasmatico.

La terapia combinata con zidovudina e ibuprofene può aumentare il rischio di emartrosi ed ematoma in pazienti con infezione da HIV con emofilia.

L'uso combinato di ibuprofene e tacrolimus può aumentare il rischio di sviluppare effetti nefrotossici a causa della compromissione della sintesi renale delle prostaglandine.

L'ibuprofene aumenta l'effetto ipoglicemizzante degli agenti ipoglicemizzanti orali e dell'insulina; può essere necessario un aggiustamento della dose.

Effetti collaterali

Dal sistema digestivo: FANS-gastropatia - dolore addominale, nausea, vomito, bruciore di stomaco, perdita di appetito, diarrea, flatulenza, costipazione; raramente - ulcerazione della mucosa gastrointestinale, che in alcuni casi è complicata da perforazione e sanguinamento; possibile irritazione o secchezza della mucosa orale, dolore alla bocca, ulcerazione della mucosa delle gengive, stomatite aftosa, pancreatite, epatite.

Dal sistema respiratorio: mancanza di respiro, broncospasmo.

Dai sensi: perdita dell'udito, ronzio o acufene, danno tossico al nervo ottico, visione offuscata o visione doppia, secchezza dello scotoma e irritazione degli occhi, edema della congiuntiva e delle palpebre (genesi allergica).

Dal lato del sistema nervoso centrale e del sistema nervoso periferico: mal di testa, vertigini, insonnia, ansia, nervosismo e irritabilità, agitazione psicomotoria, sonnolenza, depressione, confusione, allucinazioni, raramente - meningite asettica (più spesso in pazienti con malattie autoimmuni).

Da parte del sistema cardiovascolare: insufficienza cardiaca, tachicardia, aumento della pressione sanguigna.

Dal sistema urinario: insufficienza renale acuta, nefrite allergica, sindrome nefrosica (edema), poliuria, cistite.

Reazioni allergiche: eruzione cutanea (di solito eritematosa o orticaria), prurito, edema di Quincke, reazioni anafilattoidi, shock anafilattico, broncospasmo o dispnea, febbre, eritema multiforme essudativo (incluso.

Dal sistema ematopoietico: anemia (incluso emolitico, aplastico), trombocitopenia e porpora trombocitopenica, agranulocitosi, leucopenia.

Da parte dei parametri di laboratorio: un aumento del tempo di sanguinamento, una diminuzione della concentrazione sierica di glucosio, una diminuzione della CC, una riduzione dell'ematocrito o dell'emoglobina, un aumento della concentrazione sierica di creatinina, un aumento dell'attività delle transaminasi epatiche.

Con l'uso prolungato del farmaco ad alte dosi: aumenta il rischio di ulcerazione del tratto gastrointestinale, sanguinamento (gastrointestinale, gengivale, uterino, emorroidario), compromissione della vista (disturbi della visione dei colori, scotoma, danno del nervo ottico).

Overdose

Sintomi: dolore addominale, nausea, vomito, letargia, sonnolenza, depressione, mal di testa, acufene, acidosi metabolica, coma, insufficienza renale acuta, diminuzione della pressione sanguigna, bradicardia, tachicardia, fibrillazione atriale, arresto respiratorio.

Trattamento: lavanda gastrica (solo entro un'ora dall'ingestione), carbone attivo, bevanda alcalina, diuresi forzata, terapia sintomatica (correzione delle condizioni acido-base, pressione sanguigna).

Condizioni di archiviazione

Tenere lontano dalla portata dei bambini, al riparo dalla luce, a una temperatura non superiore a 30 ° С.

Periodo di validità 3 anni.

Modulo per il rilascio

Compresse, 10 pezzi in blister. 1 o 2 blister per confezione.

Composizione

1 compressa contiene:

Principi attivi: ibuprofene 400 mg.

Eccipienti: amido di mais - 215 mg, carbossimetil amido di sodio (tipo A) - 26 mg, biossido di silicio colloidale - 13 mg, magnesio stearato - 5,6 mg.

Composizione del guscio: ipromellosa (viscosità 6 mPa s) - 2.946 mg, biossido di titanio (E171) - 1.918 mg, povidone K30 - 0,518 mg, macrogol 4000 - 0,56 mg.

Inoltre

Se ci sono segni di sanguinamento dal tratto gastrointestinale, l'ibuprofene deve essere sospeso.

L'ibuprofene può mascherare sintomi oggettivi e soggettivi, pertanto il farmaco deve essere prescritto con cautela ai pazienti con malattie infettive..

Il verificarsi di broncospasmo è possibile in pazienti che soffrono di asma bronchiale o reazioni allergiche nella storia o nel presente.

Gli effetti collaterali possono essere ridotti quando si utilizza il farmaco nella dose minima efficace. Con l'uso prolungato di analgesici, è possibile il rischio di sviluppare nefropatia analgesica.

I pazienti che segnalano compromissione della vista durante la terapia con ibuprofene devono interrompere il trattamento e sottoporsi a un esame oftalmico..

L'ibuprofene può aumentare l'attività degli enzimi epatici.

Durante il trattamento, è necessario controllare l'immagine del sangue periferico e lo stato funzionale del fegato e dei reni.

Quando compaiono sintomi di gastropatia, viene mostrato un attento monitoraggio, tra cui esofagogastroduodenoscopia, analisi del sangue con determinazione dell'emoglobina, ematocrito, analisi del sangue occulto nelle feci.

Per prevenire lo sviluppo della gastropatia da FANS, si raccomanda di combinare l'ibuprofene con i preparati di prostaglandina E (misoprostol).

Se è necessario determinare i 17-chetosteroidi, il farmaco deve essere sospeso 48 ore prima dello studio..

L'etanolo non è raccomandato durante il trattamento..

Influenza sulla capacità di guidare veicoli e altri meccanismi che richiedono una maggiore concentrazione di attenzione

I pazienti devono astenersi da tutti i tipi di attività che richiedono maggiore attenzione e velocità delle reazioni psicomotorie..

Istruzioni per tablet Mig

MIG è un farmaco antinfiammatorio (FANS), che contiene ibuprofene, ha effetti analgesici, antipiretici e antinfiammatori a causa del blocco indiscriminato di COX-1 e COX-2, oltre a inibire la sintesi delle prostaglandine. L'effetto analgesico è più pronunciato per il dolore infiammatorio. L'attività analgesica del farmaco non appartiene al tipo narcotico.
Come altri FANS, l'ibuprofene ha attività antipiastrinica..

Indicazioni per l'uso

Modalità di applicazione

MIG è assunto per via orale. Il regime di dosaggio viene impostato individualmente in base alle indicazioni..
Adulti e bambini di età superiore ai 12 anni vengono prescritti, di norma, in una dose iniziale di 200 mg 3-4 volte al giorno. Per ottenere un rapido effetto terapeutico, la dose può essere aumentata a 400 mg 3 volte al giorno.

Controindicazioni

  • Ipersensibilità a componenti di medicina;
  • Storia di ipersensibilità all'acido acetilsalicilico o altri FANS.
  • Malattie erosive e ulcerative del tratto gastrointestinale (compresa ulcera peptica dello stomaco e duodeno nella fase acuta, morbo di Crohn, colite ulcerosa).
  • Asma "aspirina".
  • Emofilia e altri disturbi della coagulazione del sangue <в том числе гипокоагуляция), геморрагические диатезы.
  • Sanguinamento di qualsiasi eziologia.
  • Carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi.
  • Gravidanza e allattamento.
  • Bambini sotto i 12 anni.
  • Malattie del nervo ottico.

Precauzioni: età avanzata; insufficienza cardiaca; ipertensione arteriosa; cirrosi epatica con ipertensione portale; insufficienza epatica e / o renale, sindrome nefrosica, iperbilirubinemia; ulcera peptica dello stomaco e del duodeno (storia), gastrite, enterite, colite; malattie del sangue di eziologia sconosciuta (leucopenia e anemia).

Istruzioni per tablet Mig

Nome commerciale del preparato: MIG ® 400
Nome internazionale non proprietario: ibuprofene
Nome chimico: acido (2RS) -2- [4- (2-metilpropil) fenil] propanoico
Forma di dosaggio: compresse rivestite con film

Una compressa rivestita con film contiene:

Nucleo:
Ingrediente attivo: ibuprofene - 400,0 mg.
Eccipienti: amido di mais - 215,00 mg, carbossimetil amido di sodio (tipo A) - 26,00 mg, biossido di silicio colloidale anidro - 13,00 mg, magnesio stearato - 5,60 mg.

Guaina:
ipromellosa (viscosità 6 MPa • s) - 2.940 mg, povidone (valore K = 30) - 0,518 mg, macrogol 4000 - 0,560 mg, biossido di titanio (E 171) - 1,918 mg.

Compresse ovali rivestite con film, bianche o quasi bianche, con rischio bilaterale di divisione e goffratura su uno dei lati "E" ed "E" su entrambi i lati dei rischi.

Farmaco antinfiammatorio non steroideo (FANS).

Codice ATX: M01AE01.

farmacodinamica
Ha effetti analgesici, antipiretici e antinfiammatori.
L'ibuprofene è un derivato dell'acido propionico. Il meccanismo d'azione è associato all'inibizione dell'enzima cicloossigenasi (COX) di tipo 1 e 2, che porta all'inibizione della sintesi delle prostaglandine.
Sopprime l'aggregazione piastrinica.

farmacocinetica
Assorbimento: dopo somministrazione orale, l'ibuprofene viene parzialmente assorbito nello stomaco, quindi completamente nell'intestino tenue. La concentrazione massima (Cmax) di ibuprofene nel plasma sanguigno dopo l'assunzione del farmaco all'interno viene raggiunta dopo 1-2 ore La concentrazione terapeutica nel plasma (10 μg / ml) viene raggiunta circa 10 minuti dopo la somministrazione orale.

Distribuzione: comunicazione con le proteine ​​plasmatiche circa il 99%.

Metabolismo: metabolizzato nel fegato principalmente mediante idrossilazione e carbossilazione del gruppo isobutilico. I metaboliti sono farmacologicamente inattivi.

Eliminazione: ha una cinetica di eliminazione bifasica. L'emivita (T1 / 2) è di 1,8-3,5 ore. Viene escreto dai reni (90%) e, in misura minore, dall'intestino. Nell'intervallo di dosi di 200-400 mg, la farmacocinetica dell'ibuprofene è lineare, a dosi più elevate non è lineare.

Il farmaco è destinato al trattamento sintomatico come:

  • antidolorifico per la sindrome del dolore di intensità da lieve a moderata, tra cui: mal di testa, emicrania, mal di denti, dolore ai muscoli e alle articolazioni, mestruazioni dolorose;
  • antipiretico per le infezioni respiratorie acute.
  • ipersensibilità all'ibuprofene e / o ad uno qualsiasi dei componenti che compongono il farmaco;
  • combinazione completa o incompleta di asma bronchiale, polinosi ricorrente o seni paranasali e intolleranza all'acido acetilsalicilico o altri FANS (inclusa una storia);
  • alterazioni erosive e ulcerative della mucosa dello stomaco e / o del duodeno, sanguinamento gastrointestinale attivo, inclusa una storia (due o più episodi confermati di ulcera peptica o sanguinamento dell'ulcera peptica);
  • sanguinamento cerebrovascolare o altro sanguinamento;
  • emorragia intracranica;
  • periodo dopo l'innesto di bypass dell'arteria coronaria;
  • emofilia e altri disturbi della coagulazione del sangue (inclusa l'ipocoagulazione), diatesi emorragica;
  • malattie del sangue di eziologia sconosciuta (leucopenia e anemia);
  • malattie infiammatorie intestinali (morbo di Crohn, colite ulcerosa) nella fase acuta;
  • grave insufficienza epatica;
  • insufficienza renale di grave gravità (clearance della creatinina inferiore a 30 ml / min);
  • malattia renale progressiva;
  • grave insufficienza cardiaca;
  • gravidanza (III trimestre);
  • bambini di età inferiore a 6 anni (peso corporeo inferiore a 20 kg).

In presenza delle condizioni specificate in questa sezione, prima di utilizzare il farmaco, consultare il medico.

Età avanzata, gravi malattie somatiche, insufficienza cardiaca, ipertensione arteriosa, insufficienza epatica, cirrosi epatica con ipertensione portale, iperbilirubinemia, insufficienza renale (clearance della cretinina inferiore a 60 ml / min), sindrome nefrosica, gastrite, enterite, colite, ulcera gastrica e ulcera duodenale intestino (compresa la storia), infezione da Helicobacter Pylori, condizioni dopo importanti interventi chirurgici, malattie autoimmuni (lupus eritematoso sistemico, malattia del tessuto connettivo misto), dislipidemia / iperlipidemia, diabete mellito, arteriopatia periferica, fumo, uso frequente alcool, disturbo della coagulazione del sangue (l'ibuprofene inibisce l'aggregazione piastrinica); uso prolungato di FANS, uso concomitante di glucocorticosteroidi orali (incluso prednisone), anticoagulanti (incluso warfarin), agenti antipiastrinici (incluso acido acetilsalicilico, clopidogrel), inibitori selettivi dell'assorbimento neuronale di serotonina (incluso Cyrolopram, fluoxetina, paroxetina, sertralina).

L'uso del farmaco nel primo e nel secondo trimestre di gravidanza deve essere evitato; se è necessario utilizzare il farmaco MIG 400, si consiglia di consultare un medico.

Nel terzo trimestre di gravidanza, l'uso del farmaco MIG 400 è controindicato a causa dell'aumentato rischio di complicanze per la madre e il feto.

È stato dimostrato che l'ibuprofene passa nel latte materno in piccole quantità senza conseguenze negative per la salute del bambino, pertanto, con un uso a breve termine, di solito non si pone la necessità di interrompere l'allattamento. Se è necessario l'uso a lungo termine del farmaco MIG 400 durante l'allattamento, l'allattamento al seno per il periodo di assunzione del farmaco deve essere interrotto. È stato dimostrato che la sintesi di COX / prostaglandine può avere un effetto sulla fertilità femminile influenzando l'ovulazione. Questo effetto è reversibile e scompare dopo la sospensione del farmaco..

Dentro. Prendi MIG® 400 senza masticare, bevendo molta acqua durante o dopo i pasti. Il dosaggio per i bambini dipende dal peso corporeo e dall'età del bambino e in media 7-10 mg / kg di peso corporeo con una dose giornaliera massima di 30 mg / kg di peso corporeo.

Il regime posologico è indicato nella tabella:

Peso corporeo ed etàDose singolaDose giornaliera massima
Bambini: 6-9 anni (20-29 kg)1/2 compressa (200 mg)1 ½ compressa (600 mg)
Bambini: 10-12 anni (30-39 kg)1/2 compressa (200 mg)2 compresse (800 mg)
Bambini di età superiore ai 12 anni (≥ 40 kg)
adulti
1 / 2-1 compressa (200-400 mg)3 compresse (1200 mg)

Non è consigliabile assumere nuovamente il farmaco prima di 6 ore dopo..
È necessario consultare un medico se i reclami persistono durante l'utilizzo di MIG® 400:

  • nei bambini - più di 3 giorni;
  • nei bambini - più di 3 giorni se usato come agente antipiretico;
  • e 4 giorni se usato come anestetico.

Nei pazienti anziani, nei pazienti con compromissione della funzionalità epatica di gravità da lieve a moderata e nei pazienti con compromissione della funzionalità renale di gravità lieve e moderata, non è necessario un aggiustamento della dose del farmaco.

Utilizzare la dose minima efficace per il corso più breve possibile.

La frequenza è classificata per rubriche in base alla classificazione dell'Organizzazione mondiale della sanità, a seconda dell'occorrenza del caso: molto spesso (> 1/10), spesso (1/100), raramente (1/1000), raramente (1/10000), molto raramente ( ® 400 con altri FANS, inclusi i bloccanti selettivi della COX-2.

Per ridurre il rischio di sviluppare eventi avversi a carico del tratto gastrointestinale, la dose minima efficace del farmaco deve essere utilizzata con il minimo possibile..

Si deve usare cautela durante l'uso dell'ibuprofene con farmaci che aumentano il rischio di complicanze gastrointestinali (incluso sanguinamento), come glucocorticosteroidi, anticoagulanti o agenti antipiastrinici (warfarin, acido acetilsalicilico) (vedere la sezione Interazione con altri medicinali).

Per prevenire lo sviluppo della gastropatia da FANS, si raccomanda l'uso simultaneo di ibuprofene con bloccanti della pompa protonica e preparazioni di prostaglandine E (ad esempio misoprostol).

Se compaiono sintomi di gastropatia, è necessario smettere di usare il farmaco e consultare immediatamente un medico. Viene mostrato uno stretto controllo, tra cui esofagogastroduodenoscopia, un esame del sangue con emoglobina, ematocrito e feci di sangue occulto..

In caso di uso prolungato di ibuprofene, è necessario monitorare i parametri del sangue periferico e lo stato funzionale del fegato e dei reni..

Prima di iniziare l'uso in pazienti con ipertensione arteriosa e / o insufficienza cardiaca, prestare attenzione e consultare un medico, poiché in questa categoria di pazienti, l'uso di FANS può portare a ritenzione idrica, comparsa di edema e aumento della pressione sanguigna.

I risultati degli studi clinici e dei dati epidemiologici indicano che l'uso di ibuprofene, specialmente in dosi elevate (2400 mg al giorno) e l'uso a lungo termine, possono portare ad un aumentato rischio di sviluppare trombosi arteriosa (ictus o infarto del miocardio). In generale, secondo studi epidemiologici, l'uso di ibuprofene a basse dosi (meno di 1200 mg al giorno) non è associato ad un aumento del rischio di sviluppare infarto miocardico.

L'uso a lungo termine di qualsiasi farmaco antidolorifico per alleviare il mal di testa può portare al suo aggravamento. In una tale situazione (o se ci sono sospetti del suo sviluppo), è necessario interrompere l'uso di antidolorifici e consultare un medico. L'uso frequente e abituale di antidolorifici (in particolare combinazioni di questi) può portare a danni ai reni con rischio di insufficienza renale (nefropatia analgesica).

In casi molto rari, sono possibili gravi infezioni della pelle e infezioni dei tessuti molli con varicella. Evitare l'uso del farmaco MIG ® 400 per la varicella.

Esistono prove di rari casi di reazioni cutanee gravi (come dermatite esfoliativa, sindrome di Steven-Johnson, necrolisi epidermica tossica), inclusi quelli fatali, quando si usano i FANS. Alle prime manifestazioni di eruzione cutanea, danni alle mucose o altri segni di una reazione allergica, l'uso del farmaco MIG ® 400 deve essere immediatamente sospeso.

I pazienti che soffrono di malattie allergiche e / o malattie polmonari ostruttive croniche hanno un aumentato rischio di reazioni allergiche con ibuprofene.

Le reazioni allergiche possono manifestarsi come attacchi di asma bronchiale, edema di Quincke o orticaria. In casi molto rari, sono state osservate gravi reazioni di ipersensibilità (ad es. Shock anafilattico). Nei casi dei primi segni di una reazione di ipersensibilità, l'uso del farmaco MIG 400 deve essere sospeso e consultare un medico.

Se è necessario determinare la concentrazione di 17-chetosteroidi nel plasma sanguigno, il farmaco deve essere sospeso 48 ore prima dell'inizio dello studio.

Durante il periodo di utilizzo del farmaco MIG ® 400, l'alcol non è raccomandato.

L'ibuprofene può influire negativamente sulla funzione riproduttiva e sull'ovulazione nelle donne, quindi alle donne che pianificano una gravidanza non è raccomandato assumere ibuprofene. Le donne che hanno problemi di gravidanza o sono in fase di test per l'infertilità devono interrompere l'assunzione di ibuprofene.

Quando si utilizza il farmaco nei bambini con segni di disidratazione, esiste il rischio di danni ai reni.

Durante il trattamento con ibuprofene, è possibile una riduzione della velocità delle reazioni mentali e motorie, pertanto è necessario prestare attenzione quando si guidano veicoli e si svolgono attività potenzialmente pericolose che richiedono una maggiore concentrazione di attenzione e velocità delle reazioni psicomotorie.

Compresse rivestite con film, 400 mg.
Su 10 targhe in una confezione di cella planimetric (bolla) fatto di un foglio di PVC / alluminio.
1 o 2 blister con le istruzioni per l'uso in una scatola di cartone.

Conservare a una temperatura non superiore a 25 ° С.
Tenere il medicinale fuori dalla portata dei bambini.!

3 anni.
Non usare dopo la data di scadenza del farmaco indicata sulla confezione.

Berlino - Hemy AG
Tempelhofer Veg, 83
12347 Berlino
Germania
o
Menarini-Von Hayden GmbH
Leipziger Strasse 7-13
01097, Dresda
Germania

123317, Mosca, argine Presnenskaya, 10 Business Center "Torre sull'argine", Blocco B,
Tel. (495) 785-01-00, fax (495) 785-01-01

farmaci

Gel Fastum ®

Prostamol ® Uno

Rezalut ® Pro

© 2020 LLC "BERLIN-KHEMI / A.MENARINI"

123317, Russia, Mosca, Presnenskaya Naberezhnaya, 10. Tel.: (495) 785-0100. Fax: (495) 785 0101

Ci sono controindicazioni, si prega di leggere le istruzioni per l'uso

MIG 400, 400 mg, compresse rivestite con film, 20 pezzi.

Manuale MIG 400

Composizione

Compresse rivestite con film - 1 etichetta:

  • Principi attivi: ibuprofene - 400 mg;
  • Eccipienti: amido di mais - 215 mg, carbossimetil amido di sodio (tipo A) - 26 mg, biossido di silicio colloidale - 13 mg, magnesio stearato - 5,6 mg;
  • Composizione del guscio: ipromellosa (viscosità 6 MPa × s) - 2.946 mg, biossido di titanio (E171) - 1.918 mg, povidone K30 - 0,518 mg, macrogol 4000 - 0,56 mg.

10 pezzi. - blister (1, 2) - confezioni di cartone.

Descrizione

Compresse rivestite con film di colore bianco o quasi bianco, ovali, con rischio di divisione su entrambi i lati e in rilievo con "E" ed "E" su entrambi i lati dei rischi su un lato.

effetto farmacologico

Farmaco antinfiammatorio non steroideo.

farmacodinamica

Farmaco antinfiammatorio non steroideo (FANS). L'ibuprofene è un derivato dell'acido propionico e ha effetti analgesici, antipiretici e antinfiammatori a causa del blocco indiscriminato di COX-1 e COX-2, oltre a inibire la sintesi di prostaglandine.

L'effetto analgesico è più pronunciato per il dolore infiammatorio. L'attività analgesica del farmaco non appartiene al tipo narcotico.

Come altri FANS, l'ibuprofene ha attività antipiastrinica..

farmacocinetica

Dopo somministrazione orale, il farmaco viene ben assorbito dal tratto digestivo. La Cmax di ibuprofene nel plasma è di circa 30 μg / ml e viene raggiunta circa 2 ore dopo l'assunzione del farmaco alla dose di 400 mg.

Il legame con le proteine ​​plasmatiche è di circa il 99%. Si distribuisce lentamente nel liquido sinoviale e viene espulso da esso più lentamente che dal plasma.

L'ibuprofene viene metabolizzato nel fegato principalmente mediante idrossilazione e carbossilazione del gruppo isobutilico. I metaboliti sono farmacologicamente inattivi.

È caratterizzato da cinetica di eliminazione in due fasi. Il T1 / 2 dal plasma è di 2-3 ore e fino al 90% della dose può essere rilevata nelle urine sotto forma di metaboliti e loro coniugati. Meno dell'1% viene escreto immodificato nelle urine e in misura minore nella bile.

MIG 400: indicazioni

  • mal di testa;
  • emicrania;
  • mal di denti;
  • nevralgia;
  • dolore ai muscoli e alle articolazioni;
  • dolore mestruale, febbre con raffreddore e influenza.

Metodo di somministrazione e dosaggio

Il farmaco viene assunto per via orale. Il regime di dosaggio viene impostato individualmente in base alle indicazioni..

Per adulti e bambini di età superiore ai 12 anni, il farmaco viene prescritto, di norma, in una dose iniziale di 200 mg 3-4 volte / die. Per ottenere un rapido effetto terapeutico, la dose può essere aumentata a 400 mg 3 volte al giorno. Al raggiungimento dell'effetto terapeutico, la dose giornaliera viene ridotta a 600-800 mg.

Il farmaco non deve essere assunto per più di 7 giorni o a dosi più elevate. Se è necessario utilizzare per un periodo più lungo o in dosi più elevate, è necessaria la consultazione di un medico.

Nei pazienti con funzionalità renale, epatica o cardiaca compromessa, la dose deve essere ridotta..

Applicazione durante la gravidanza e l'allattamento

Non esistono studi adeguati e ben controllati sulla sicurezza dell'ibuprofene durante la gravidanza. Il farmaco è controindicato per l'uso durante la gravidanza e l'allattamento (allattamento al seno).

L'uso dell'ibuprofene può influire negativamente sulla fertilità femminile e non è raccomandato per le donne che pianificano una gravidanza..

MIG 400: controindicazioni

  • malattie erosive e ulcerative degli organi: tratto gastrointestinale (compresa ulcera peptica dello stomaco e duodeno nella fase acuta, morbo di Crohn, NUC);
  • "triade di aspirina";
  • emofilia e altri disturbi della coagulazione del sangue (inclusa l'ipocoagulazione), diatesi emorragica;
  • sanguinamento di varie eziologie;
  • carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi;
  • malattie del nervo ottico;
  • gravidanza;
  • periodo di lattazione;
  • bambini di età inferiore ai 12 anni;
  • ipersensibilità a componenti di medicina;
  • ipersensibilità all'acido acetilsalicilico o altri FANS nella storia.

Il farmaco deve essere usato con cautela nei seguenti casi: vecchiaia; insufficienza cardiaca; ipertensione arteriosa; cirrosi epatica con ipertensione portale; insufficienza epatica e / o renale, sindrome nefrosica, iperbilirubinemia; ulcera peptica dello stomaco e del duodeno (storia), gastrite, enterite, colite; malattie del sangue di eziologia sconosciuta (leucopenia e anemia).

MIG 400: effetti collaterali

Dal sistema digestivo: FANS-gastropatia - dolore addominale, nausea, vomito, bruciore di stomaco, perdita di appetito, diarrea, flatulenza, costipazione; raramente - ulcerazione della mucosa gastrointestinale, che in alcuni casi è complicata da perforazione e sanguinamento; possibile irritazione o secchezza della mucosa orale, dolore alla bocca, ulcerazione della mucosa delle gengive, stomatite aftosa, pancreatite, epatite.

Dal sistema respiratorio: mancanza di respiro, broncospasmo.

Dai sensi: perdita dell'udito, ronzio o acufene, danno tossico al nervo ottico, visione offuscata o visione doppia, secchezza dello scotoma e irritazione degli occhi, edema della congiuntiva e delle palpebre (genesi allergica).

Dal lato del sistema nervoso centrale e del sistema nervoso periferico: mal di testa, vertigini, insonnia, ansia, nervosismo e irritabilità, agitazione psicomotoria, sonnolenza, depressione, confusione, allucinazioni, raramente - meningite asettica (più spesso in pazienti con malattie autoimmuni).

Da parte del sistema cardiovascolare: insufficienza cardiaca, tachicardia, aumento della pressione sanguigna.

Dal sistema urinario: insufficienza renale acuta, nefrite allergica, sindrome nefrosica (edema), poliuria, cistite.

Reazioni allergiche: eruzione cutanea (di solito eritematosa o urtikarnaya), prurito, edema di Quincke, reazioni anafilattoidi, shock anafilattico, broncospasmo o dispnea, febbre, eritema multiforme essudativo (inclusa la sindrome di Stevens-Johnson), epidermide non tossica Lyella), eosinofilia, rinite allergica.

Dal sistema ematopoietico: anemia (incluso emolitico, aplastico), trombocitopenia e porpora trombocitopenica, agranulocitosi, leucopenia.

Da parte dei parametri di laboratorio: un aumento del tempo di sanguinamento, una diminuzione della concentrazione sierica di glucosio, una diminuzione della CC, una riduzione dell'ematocrito o dell'emoglobina, un aumento della concentrazione sierica di creatinina, un aumento dell'attività delle transaminasi epatiche.

L'uso a lungo termine del farmaco in dosi elevate aumenta il rischio di ulcerazione del tratto gastrointestinale, sanguinamento (gastrointestinale, gengivale, uterino, emorroidario), compromissione della vista (disturbi della visione dei colori, scotoma, danno del nervo ottico).

Overdose

Sintomi: dolore addominale, nausea, vomito, letargia, sonnolenza, depressione, mal di testa, acufene, acidosi metabolica, coma, insufficienza renale acuta, diminuzione della pressione sanguigna, bradicardia, tachicardia, fibrillazione atriale, arresto respiratorio.

Trattamento: lavanda gastrica (solo entro un'ora dall'ingestione), carbone attivo, bevanda alcalina, diuresi forzata, terapia sintomatica (correzione delle condizioni acido-base, pressione sanguigna).

Interazione

Possibile riduzione dell'efficacia dei diuretici furosemide e tiazidici a causa del ritardo del sodio associato all'inibizione della sintesi delle prostaglandine nei reni.

L'ibuprofene può aumentare l'effetto degli anticoagulanti orali (l'uso concomitante non è raccomandato).

Con la somministrazione simultanea con acido acetilsalicilico, l'ibuprofene riduce il suo effetto antipiastrinico (è possibile aumentare l'incidenza di insufficienza coronarica acuta in pazienti che ricevono piccole dosi di acido acetilsalicilico come agente antipiastrinico).

L'ibuprofene può ridurre l'efficacia dei farmaci antiipertensivi.

In letteratura, sono stati descritti casi isolati di aumento delle concentrazioni plasmatiche di digossina, fenitoina e litio durante l'assunzione di ibuprofene..

L'ibuprofene, come altri FANS, deve essere usato con cautela in combinazione con acido acetilsalicilico o altri FANS e GCS, perché ciò aumenta il rischio di effetti avversi del farmaco sul tratto digestivo.

L'ibuprofene può aumentare il metotrexato plasmatico.

La terapia combinata con zidovudina e ibuprofene può aumentare il rischio di emartrosi ed ematoma in pazienti con infezione da HIV con emofilia.

L'uso combinato di ibuprofene e tacrolimus può aumentare il rischio di sviluppare effetti nefrotossici a causa della compromissione della sintesi renale delle prostaglandine.

L'ibuprofene aumenta l'effetto ipoglicemizzante degli agenti ipoglicemizzanti orali e dell'insulina; può essere necessario un aggiustamento della dose.

Precauzioni

Se ci sono segni di sanguinamento dal tratto gastrointestinale, l'ibuprofene deve essere sospeso.

L'ibuprofene può mascherare sintomi oggettivi e soggettivi, pertanto il farmaco deve essere prescritto con cautela ai pazienti con malattie infettive..

Il verificarsi di broncospasmo è possibile in pazienti che soffrono di asma bronchiale o reazioni allergiche nella storia o nel presente.

Gli effetti collaterali possono essere ridotti quando si utilizza il farmaco nella dose minima efficace. Con l'uso prolungato di analgesici, è possibile il rischio di sviluppare nefropatia analgesica.

I pazienti che segnalano compromissione della vista durante la terapia con ibuprofene devono interrompere il trattamento e sottoporsi a un esame oftalmico..

L'ibuprofene può aumentare l'attività degli enzimi epatici.

Durante il trattamento, è necessario controllare l'immagine del sangue periferico e lo stato funzionale del fegato e dei reni.

Quando compaiono sintomi di gastropatia, viene mostrato un attento monitoraggio, tra cui esofagogastroduodenoscopia, analisi del sangue con determinazione dell'emoglobina, ematocrito, analisi del sangue occulto nelle feci.

Per prevenire lo sviluppo della gastropatia da FANS, si raccomanda di combinare l'ibuprofene con i preparati di prostaglandina E (misoprostol).

Se è necessario determinare i 17-chetosteroidi, il farmaco deve essere sospeso 48 ore prima dello studio..

L'etanolo non è raccomandato durante il trattamento..

Influenza sulla capacità di guidare veicoli e usare meccanismi

I pazienti devono astenersi da tutti i tipi di attività che richiedono maggiore attenzione e velocità delle reazioni psicomotorie..