Affrontare l'influenza durante la gravidanza: consigli e suggerimenti

L'influenza durante la gravidanza è una malattia virale che viene trasmessa da goccioline trasportate dall'aria. Una volta nel corpo, il virus distrugge le funzioni protettive del sistema respiratorio, motivo per cui polmonite, bronchite, sinusite sono compagni privati ​​dell'influenza.

Come si manifesta l'influenza

Come riconoscere una malattia insidiosa? Ci sono sintomi a cui prestare attenzione:

  • Un forte aumento della temperatura corporea. Il termometro mostra spesso i limiti superiori (sopra i 39 gradi). Inoltre, anche dopo aver assunto farmaci antipiretici, la temperatura scenderà a 37,5-38 gradi;
  • Brividi. Il corpo è coperto di "pelle d'oca", anche a temperature elevate, mani e piedi rimangono freddi. I medici lo chiamano vasospasmo, i farmaci ("Drotaverin", "No-shpa") sono indispensabili;
  • Dolori articolari. La persona malata non riesce a trovare una postura adatta e confortevole, sembra che tutti i muscoli siano infiammati, come dopo l'allenamento in palestra;
  • fotofobia;
  • Mal di testa che può svilupparsi in emicrania;
  • Rinorrea;
  • Tosse secca;
  • Gola infiammata.

Oltre ai sintomi principali, possono essere presenti ulteriori sintomi: nausea, vomito, diarrea, dolore addominale, colite. Quando compaiono, è indispensabile consultare un medico in modo che la donna incinta non sviluppi intossicazione e gestosi.

Possibili effetti sul feto

Molti sono interessati a come la malattia trasferita colpisce il feto. Tutto dipende dalla durata della gravidanza:

  • Primo trimestre (fino a 12 settimane). In questo momento, la posa e la formazione di organi interni nel bambino ha luogo. Se la malattia si è verificata durante questo periodo, le conseguenze potrebbero essere sfavorevoli. Il medico è obbligato a condurre una serie di esami e test per assicurarsi che tutto sia in ordine con l'embrione. Gli esperti affermano che il virus colpisce i tessuti nervosi embrionali, quindi non è raro che i bambini nascano con deviazioni dal sistema nervoso centrale. Questo porta al ritardo mentale del bambino. Se un'ecografia rivela gravi violazioni nel lavoro degli organi interni del feto, il medico offre alla donna una interruzione artificiale della gravidanza;
  • Secondo trimestre (13-27 settimane). In questo momento, è già possibile utilizzare farmaci per l'influenza. Ma anche durante questo periodo, rimane la probabilità di infezione intrauterina e aborto spontaneo;
  • Terzo trimestre (27-40 settimane). In questo momento, l'influenza è meno pericolosa. Rimangono i rischi di infezione fetale. Ciò può portare a oligoidramnios, ipossia fetale. Se i tempi della gravidanza lo consentono, i medici possono prescrivere un parto di emergenza per escludere complicazioni..

L'influenza è pericolosa in qualsiasi fase della gravidanza. La grande minaccia non è il virus stesso, ma complicazioni (polmonite rapida, herpes, otite media). È molto importante cercare prontamente assistenza medica. Non puoi assumere farmaci da solo, questo può causare un aborto spontaneo.

Per assicurarsi che tutto sia in ordine con il feto, dopo l'influenza, è necessario superare una serie di test. Nel primo trimestre, il medico suggerirà di eseguire un test "triplo". Il sangue viene prelevato dalla vena del paziente, viene eseguita un'analisi per gli ormoni: hCG, estriolo, AFP.

Grazie a loro, puoi identificare le violazioni nello sviluppo del bambino. Se ci sono patologie, vale la pena continuare l'esame. Il medico può suggerire di eseguire un'amniocentesi. Viene praticata una piccola puntura nell'addome, che consente di disegnare un po 'di liquido amniotico per esaminare il liquido amniotico.

La procedura è indolore e viene eseguita in anestesia locale. Ma ogni donna incinta dovrebbe sapere che ci sono rischi di aborto spontaneo (1-2%).

Come trattare l'influenza con i farmaci

Come viene trattata l'influenza durante la gravidanza? Va notato subito che molti farmaci sono controindicati. Ad esempio, l'aspirina, che può causare sanguinamento e portare ad aborto spontaneo. Ma c'è ancora un elenco di medicinali che puoi usare:

  1. Paracetamolo. Aiuta a far fronte alla febbre alta e ha anche proprietà anti-infiammatorie. Disponibile in diverse forme di dosaggio: compresse, sciroppi;
  2. Ibuprofene. Approvato per l'ammissione dal secondo trimestre. Le dosi dovrebbero essere minime, è meglio usare sciroppi per bambini;
  3. "Aquamaris". Queste gocce irrigano perfettamente la cavità nasale e prevengono la moltiplicazione dei virus. La base è l'acqua di mare, ricca di sali e altri componenti utili;
  4. Isla. Losanghe. Approvato per l'uso nel secondo trimestre. Eliminano rapidamente mal di gola, sudorazione;
  5. "Ingalipt - N". Spray per la gola. Ha un leggero sapore di mentolo, allevia il mal di gola.

Il dosaggio deve essere selezionato dal medico individualmente, in base alle condizioni del paziente. Oltre ai fondi di base, possono essere raccomandati farmaci omeopatici, che non solo faranno fronte ai sintomi principali, ma avranno anche un effetto antinfiammatorio, rafforzando il sistema immunitario.

Usiamo metodi popolari

Per far fronte all'influenza durante la gravidanza, puoi ricorrere a metodi alternativi:

  1. Bevi molti liquidi. È auspicabile che una donna riceva almeno 2,5 litri di liquido al giorno. Ciò contribuirà a rimuovere rapidamente il virus dal corpo. Rimedi eccellenti: tè verde caldo al limone, composte, bevande di frutta fresca, cinorrodi, gelatina;
  2. Inalazioni a base di erbe medicinali (camomilla, salvia, eucalipto);
  3. Aromaterapia. Se c'è una lampada aromatica in casa, sbrigati a usarla. È meglio aggiungere oli essenziali. Eucalyptus - "apre" i polmoni, facilita la respirazione. Olio di arancia - ha proprietà antisettiche;
  4. Gargle. Per questi scopi, usa sale, soda, iodio, tisane.

Quando si utilizzano i rimedi popolari, prestare attenzione ai rischi di reazioni allergiche. Quindi, miele e limone sono allergeni abbastanza forti..

Nella stanza in cui il paziente è malato, è necessario creare le giuste condizioni: la temperatura dell'aria è di 18-20 gradi, l'umidità è almeno del 45%. In questo caso, il virus non "indugerà" sulle mucose, il recupero arriverà molto più velocemente.

L'influenza durante la gravidanza è un fenomeno spiacevole. Se il trattamento non viene avviato in tempo, possono insorgere complicazioni pericolose per la donna e il feto. È impossibile selezionare i farmaci da soli, gli appuntamenti devono essere presi da uno specialista, in base alle condizioni del paziente e alla durata della gravidanza.

È necessario abbassare la temperatura di una donna incinta con influenza e SARS

Trattare il raffreddore durante la gravidanza. Perché influenza e febbre alta sono pericolosi

Pediatra Tatiana Butskaya, blogger, autrice di libri

La gravidanza precoce è sempre un momento di particolare rischio, e ancora di più durante la stagione del raffreddore e dell'influenza. E quest'anno, anche la diffusione del coronavirus cinese aggiunge preoccupazione: non è ancora chiaro quanto siano protetti gli abitanti della Russia. Perché le infezioni virali come l'influenza e la SARS sono pericolose durante la gravidanza? Cosa c'è di sbagliato in una temperatura elevata nelle donne in gravidanza, se è necessario abbatterlo e cosa è possibile per le donne in gravidanza?

Cosa possono fare le donne in gravidanza con il raffreddore

È difficile evitare un raffreddore in 9 mesi di gravidanza. Tutte le persone si ammalano e le future madri, disarmate dalle loro condizioni, ancor di più. Puoi prendere un raffreddore in qualsiasi momento. È vero, secondo le statistiche, questo accade meno spesso nel 9 ° mese. Ciò è dovuto al fatto che un numero maggiore di globuli bianchi circola prima del parto nel sangue della madre - sono pronti ad attaccare qualsiasi "sconosciuto" e prevenire lo sviluppo della malattia.

E qui voglio ricordarti che le maschere mediche non ti salvano dai virus, a differenza di "Grippferon", che è approvato per l'uso nelle donne in gravidanza e nei bambini fin dai primi giorni di vita..

Se prendi un raffreddore, non farti prendere dal panico. È improbabile che un banale raffreddore influisca in qualche modo sulle condizioni del feto. Il rischio di imperfezioni è molto basso. Molto spesso, a causa dell'alta temperatura si verificano patologie dopo infezioni respiratorie acute o infezioni virali respiratorie acute.

Se una donna incinta ha una temperatura superiore a 38,5, deve essere abbassata. Il paracetamolo aiuterà con questo. Non provoca malformazioni congenite nel feto ed è considerato l'antipiretico più sicuro per le future mamme. Questa è forse l'unica droga che raccomando in questo libro..

Abbassa la temperatura e attendi i consigli del medico. Ti dirà cosa puoi prendere per la tosse e il naso che cola. E per favore non sperimentare ricette popolari..

Non sudare le gambe: questo può provocare un aborto spontaneo o un parto prematuro.

Non bere decotti e infusi di erbe medicinali: possono avere un effetto teratogeno o causare aborti spontanei.

Se possibile, non saltare i pasti. Le alte temperature accelerano il metabolismo del 20-50%, quindi il corpo ha bisogno di calorie aggiuntive. Se non hai voglia di mangiare, non forzarti. Ma quando la temperatura inizia a scendere, prendi del cibo..

Temperatura superiore a 38 durante la gravidanza: cosa fare?

Le alte temperature (sopra i 38,5 gradi) sono un fedele compagno di malattie. Più il tuo corpo è più arrabbiato e più arrabbiato, più è difficile. Un aumento prolungato della temperatura sopra i 38,9 gradi all'inizio della gravidanza (nel periodo dalla 4a alla 14a settimana) può portare a gravi malformazioni fetali. Tra questi ci sono microcefalia, ritardo mentale, ipotonia muscolare, malformazioni del viso (ipoplasia o schisi del labbro superiore e del palato), sottosviluppo dei padiglioni auricolari, malformazioni degli arti, nonché fusione delle dita.

Se hai la febbre alta durante la gravidanza, non ignorare questo fatto..

Galina Klimenko, ostetrica-ginecologa della più alta categoria:

- Nelle donne in gravidanza, tutte le infezioni sono più gravi a causa di una riduzione dell'immunità. Se sei malato, non dovresti andare in clinica o in clinica prenatale, dove puoi infettare altre future mamme. Chiama il tuo dottore a casa. Nel frattempo, abbi cura di mantenere l'equilibrio idrico ed elettrolitico: bevi molto e mantieniti idratato. Può portare ad un aumento della viscosità del sangue. Se la temperatura supera i 38,5 gradi, abbattilo.

Perché l'influenza è pericolosa all'inizio della gravidanza

Il virus dell'influenza è uno dei più insidiosi, spesso causa complicazioni e può essere fatale. Circa 300-500 mila persone muoiono ogni anno per questa malattia infettiva acuta..

Le donne in gravidanza sono a rischio di sviluppare un decorso grave o complicato di infezione, e questa non è una coincidenza. A causa del loro sistema immunitario indebolito, hanno maggiori probabilità di contrarre l'influenza. Il corpo ha poca resistenza alle malattie, quindi le donne incinte sono in ospedale più spesso di altre..

Per il nascituro, l'influenza è particolarmente pericolosa nel primo trimestre. Nelle prime fasi della gravidanza, si stanno formando tutti gli organi e sistemi. Il virus ha un effetto embriotossico sui tessuti e sulle membrane del feto, che porta a varie patologie. Molto spesso si tratta di labbro leporino, palatoschisi, difetti del tubo neurale e difetti cardiaci congeniti. Alcuni studi hanno stabilito un legame tra l'influenza della madre e tali malattie nel bambino in futuro come autismo, schizofrenia, morbo di Parkinson.

L'influenza può causare privazione di ossigeno fetale, aborti spontanei e parto prematuro. Ecco perché l'OMS raccomanda che le donne in gravidanza vengano vaccinate nel periodo autunno-inverno..

Tuttavia, prima di ciò, devi assolutamente consultare il tuo medico. Se ti supporta nel prendere questa decisione, ricorda che non tutti i vaccini contro l'influenza funzioneranno per te. Ci sono circa 100 vaccini antinfluenzali sul mercato farmaceutico. Diversi anni fa furono investigati a fondo. Gli esperti sono giunti alla conclusione che da questo elenco solo il 29% dei vaccini può essere raccomandato alle donne in gravidanza, il 44% può essere fatto se necessario. Due vaccini controindicati in gravidanza.

Non si sa esattamente come le vaccinazioni influenzeranno un feto in crescita; sono necessarie ulteriori ricerche. Per quanto riguarda il neonato, ci sono prove che i bambini di madri vaccinate alla fine della gravidanza hanno il 30% in meno di probabilità di avere raffreddori con complicazioni nei primi sei mesi di vita..

Galina Klimenko, ostetrica-ginecologa della più alta categoria:

- I pazienti vaccinati meno spesso hanno un decorso grave della malattia, meno spesso si sviluppano complicanze come la polmonite, quindi raccomandiamo la vaccinazione contro l'influenza. Ma - una sfumatura importante! - personalmente sono favorevole a essere vaccinato anche nella fase di pianificazione della gravidanza.

Oltre alla vaccinazione, ti chiedo di prendere nota di semplici regole: evitare grandi folle di persone (per catturare il virus, è sufficiente essere a una distanza di 3 metri dalla persona malata), lavarsi le mani più spesso, non toccare gli occhi, la bocca e il naso con le mani. Assicurati che i tuoi figli seguano queste linee guida.!

Se ti senti male (il tuo corpo fa male, ti fa male la testa, brividi, la temperatura salta a 39-40 gradi, il tuo naso è chiuso, c'è nausea o vomito), chiama urgentemente un medico. Prima di iniziare il trattamento, meno rischi per te e il bambino.

Per domande mediche, assicurati di consultare un medico in anticipo

Influenza durante la gravidanza

L'influenza è una malattia virale con un'infezione del tratto respiratorio. Appartiene al gruppo di infezioni virali respiratorie acute (infezioni virali respiratorie acute), è pericoloso per le sue gravi complicanze. Le donne in gravidanza sono ad alto rischio di sviluppare influenza durante l'epidemia e tutte le conseguenze indesiderabili di questa condizione..

Le ragioni

L'agente causale dell'influenza è un virus della famiglia Ortomyxoviridae, genere Influenza A, B, C. L'appartenenza di un virus a un particolare genere è determinata dalla sua composizione antigenica. All'interno del genere, i microrganismi sono suddivisi in sottotipi a seconda della presenza di proteine ​​specifiche: emoagglutinina (HA) e neuraminidasi (NA). Attualmente sono noti 18 sierotipi del virus dell'influenza, ma solo i microrganismi contenenti determinati tipi di antigeni HA (H1, H2, H3) e NA (N1, N2) causano epidemie.

La malattia viene trasmessa da persona a persona attraverso goccioline trasportate dall'aria e metodi di contatto domestico. La suscettibilità al virus dell'influenza è molto alta. A rischio sono i bambini piccoli, così come le persone con ridotta immunità. La naturale riduzione delle difese dell'organismo durante la gravidanza è anche un fattore di rischio per lo sviluppo della malattia..

La fonte dell'infezione è una persona malata con evidenti segni di influenza (tosse, naso che cola, febbre) o con una forma cancellata della malattia. Il periodo di incubazione va da alcune ore a 3 giorni. Una persona diventa contagiosa dal primo giorno di malattia e prima della scadenza di 5-7 giorni.

Le epidemie influenzali si trovano tradizionalmente nel tardo autunno, in inverno e all'inizio della primavera. Il virus si diffonde molto rapidamente tra le persone, coprendo intere città e paesi. Il rischio epidemico è più alto nell'intervallo di temperatura da +5 a −5. Durante questo periodo, l'umidità dell'aria diminuisce e vengono create le condizioni più favorevoli per la penetrazione di una pericolosa infezione nel corpo umano.

Il virus dell'influenza è caratterizzato da un rapido cambiamento nella sua struttura antigenica. Ecco perché la vaccinazione contro questa malattia non è sempre efficace. I più pericolosi sono i sierotipi A. L'emergere di pandemie è associato a una mutazione del virus e all'emergere di nuovi sottotipi di microrganismi.

Le donne in gravidanza sono molto sensibili al virus dell'influenza. La malattia può manifestarsi in qualsiasi fase della gestazione e causare gravi complicazioni. Sono a rischio anche le donne che hanno iniziato il travaglio e si trovano nel periodo postpartum. In questo momento, c'è una significativa riduzione dell'immunità, che può causare lo sviluppo della malattia.

Sintomi

L'influenza non ha sintomi caratteristici. I segni della malattia sono abbastanza non specifici:

  • aumento della temperatura corporea;
  • sintomi di intossicazione generale (brividi, debolezza, mal di testa);
  • tosse;
  • rinorrea.

Esistono diversi segni che distinguono l'influenza da un'altra SARS:

  1. Un inizio acuto con un rapido aumento della temperatura corporea a 39-40 ° C.
  2. Gravità dei sintomi di intossicazione generale: grave debolezza, brividi, vertigini.
  3. Mal di testa tipico nelle aree temporali e frontali, dolore durante lo spostamento dei bulbi oculari, fotofobia.
  4. Dolori muscolari, dolori muscolari e articolari.
  5. Sintomi catarrali minimi: naso che cola lieve, mal di gola moderato, lieve tosse secca nei primi giorni della malattia.
  6. Debolezza grave e aumento della fatica persistono per 2-3 settimane dopo il recupero.
  1. Insorgenza graduale con un aumento della temperatura corporea non superiore a 38,5 ° C.
  2. Segni moderatamente gravi di intossicazione generale.
  3. Mancanza di forti mal di testa e dolori muscolari.
  4. Gravi sintomi catarrali: naso che cola grave, starnuti, lacrimazione, mal di gola, mal di gola, tosse secca o umida fin dai primi giorni di malattia.
  5. recupero veloce.

Va ricordato che l'influenza non è sempre tipica. Nelle donne in gravidanza, i sintomi della malattia possono essere lubrificati a causa della speciale reazione del sistema immunitario. Il medico sarà in grado di fare una diagnosi accurata dopo aver esaminato il paziente..

La temperatura corporea elevata con influenza dura da 3 a 5 giorni. La diminuzione della temperatura si verifica rapidamente, con sudorazione abbondante. Dopo la scomparsa della febbre, le condizioni della donna incinta migliorano. In alcuni casi, è possibile mantenere la temperatura del subfebrile (fino a 37,5 ° C) per diversi giorni.

Nei primi giorni della malattia, la febbre può essere l'unico sintomo dell'influenza. Forse la comparsa di un naso che cola lieve, congestione nasale. La tosse secca si verifica il giorno 2-3 della malattia con danni alla trachea e sviluppo di tracheite. La tosse è forte, dolorosa, senza espettorato. Con un trattamento inadeguato, la tracheite può trasformarsi in bronchite e polmonite..

complicazioni

L'influenza è pericolosa non tanto con le sue manifestazioni quanto con possibili complicazioni. Le donne in gravidanza sono particolarmente a rischio a causa di una naturale riduzione dell'immunità durante questo periodo. A qualsiasi età gestazionale, lo sviluppo di tali complicanze è possibile:

Polmonite

La polmonite (polmonite) è la complicazione più comune e più pericolosa dell'influenza. La polmonite virale primaria si sviluppa in 1-3 giorni dall'esordio della malattia. Le manifestazioni iniziali della malattia sono tipiche dell'influenza ordinaria. Dopo 12-24 ore dall'apparizione dei primi segni, le condizioni della donna si deteriorano notevolmente e si verificano i seguenti sintomi:

  • aumento della respirazione;
  • crescente mancanza di respiro;
  • tosse con espettorato scarso;
  • tachicardia;
  • pallore o cianosi della pelle.

In rari casi si sviluppa un'emottisi massiva. Quando compaiono i primi sintomi di polmonite virale in una donna incinta, è necessario chiamare un medico e prepararsi per il ricovero. La polmonite virale è una complicazione caratteristica dell '"influenza suina" (H1N1).

La polmonite secondaria si sviluppa 5-7 giorni dopo l'insorgenza della malattia. Al 3 ° giorno di malattia, è possibile un leggero miglioramento delle condizioni della donna. La febbre scompare, la tosse e la congestione nasale scompaiono. Entro la fine della prima settimana, le condizioni della futura mamma peggiorano e compaiono i seguenti sintomi:

  • aumento ripetuto della temperatura corporea;
  • brividi gravi;
  • tosse grave con molto espettorato purulento;
  • possibilmente emottisi;
  • dolore al petto.

La polmonite secondaria si verifica quando la flora batterica aderisce sullo sfondo di una significativa riduzione dell'immunità. Molto spesso, la causa della polmonite è lo streptococco o lo stafilococco. Attivazione meno frequente della clamidia e dei micoplasmi. La polmonite secondaria è una tipica complicazione della maggior parte delle forme di influenza..

La polmonite terziaria si verifica 1-2 settimane dopo l'insorgenza della malattia. Dopo un periodo di netto miglioramento, le condizioni della donna peggiorano drasticamente. Si verifica una seconda ondata di febbre, appare una tosse con espettorato purulento. L'agente causativo della polmonite terziaria è di solito stafilococco, meno comunemente, bacillo emofilo, enterobatteri e anaerobi.

Complicanze batteriche extrapolmonari

Un'infezione virale che aderisce al corpo porta a una forte diminuzione dell'immunità. In questo contesto, spesso si sviluppano le seguenti complicazioni:

  • sinusite (infiammazione dei seni nasali);
  • otite media (infiammazione dell'orecchio);
  • congiuntivite (danno alla mucosa degli occhi);
  • encefalite e meningoencefalite (infezione delle membrane e del tessuto cerebrale);
  • artrite (infiammazione delle articolazioni);
  • neurite (danno alle fibre nervose).

Tutte queste condizioni sono causate dall'attaccamento della flora batterica. Molto spesso, durante l'esame, vengono trovati stafilococchi e streptococchi, meno spesso rappresentanti di anaerobi e microrganismi gram-negativi.

Altre complicazioni influenzali

L'infezione virale può influenzare le condizioni di tutti gli organi e sistemi del corpo. Sullo sfondo dell'influenza, le donne in gravidanza presentano le seguenti complicazioni:

  • DIC e sanguinamento;
  • danno al fegato (sindrome di Reye);
  • miocardite (danno al muscolo cardiaco);
  • sindrome da distress respiratorio acuto;
  • shock tossico infettivo.

Complicanze della gravidanza

Il virus dell'influenza è pericoloso sia per la donna incinta che per il suo bambino. Sullo sfondo dell'infezione, è possibile lo sviluppo di tali complicanze:

Io trimestre

L'influenza nelle prime fasi aumenta significativamente il rischio di aborto spontaneo o regressione della gravidanza. Ciò è facilitato sia dall'effetto dannoso diretto del virus sia dagli effetti dell'intossicazione generale del corpo. L'uso di farmaci pericolosi per il feto (compresi i farmaci antipiretici) può portare ad un aborto nelle prime fasi. Spesso, l'interruzione della gravidanza si verifica anche prima della presunta mestruazione, quando una donna non è nemmeno a conoscenza del suo cambiamento di posizione.

L'infezione da virus dell'influenza fino a 14 settimane aumenta il rischio di malformazioni congenite del feto (dall'1 al 10%). Tuttavia, l'influenza da sola non può essere la base per un aborto indotto. Una donna che ha avuto la malattia nelle prime fasi deve monitorare attentamente le sue condizioni e sottoporsi a tutti gli esami di screening richiesti in modo tempestivo. Se vengono identificate gravi malformazioni fetali, il problema dell'aborto fino a 12 settimane viene risolto.

II e III trimestre

Dopo 14 settimane, aumenta la probabilità di sviluppare tali complicanze:

  • insufficienza placentare;
  • ipossia fetale;
  • ritardo nello sviluppo fisico del feto;
  • polidramnios;
  • nascita prematura;
  • distacco di placenta e sanguinamento;
  • colestasi in gravidanza;
  • anemia;
  • gestosi.

Le complicanze della gravidanza dovute all'influenza trasferita non sono specifiche e si osservano in molte infezioni virali. La probabilità di complicanze nell'II trimestre è molto più elevata. L'influenza si è trasferita nell'III trimestre, con meno probabilità di provocare l'interruzione della gravidanza.

La nascita di un bambino nel mezzo dell'infezione è spesso accompagnata da tali complicanze:

  • distacco placentare prematuro;
  • scarico prematuro di acqua;
  • DIC e altri disturbi emostatici.

Nel periodo postpartum, aumenta la probabilità di complicanze batteriche, incluso lo sviluppo di endometrite e sepsi.

Diagnostica

La diagnosi si basa sui sintomi tipici. Durante l'epidemia, non sorgono difficoltà con la diagnosi. Casi isolati della malattia nelle donne in gravidanza al di fuori della stagione tradizionale richiedono studi speciali.

La conferma di laboratorio dell'influenza è possibile solo in ambito ospedaliero. Il materiale per il test PCR può essere secrezione rinofaringea. In clinica ea casa, tale analisi non viene eseguita.

Con lo sviluppo della polmonite, è necessaria una radiografia dei polmoni. Durante la gravidanza, questo studio viene eseguito solo su indicazioni rigorose e con la massima protezione del feto da radiazioni pericolose..

Metodi di trattamento

Il trattamento per l'influenza lieve nelle donne in gravidanza viene effettuato a casa. Il paziente è gestito da un medico di medicina generale. Il ginecologo deve essere consapevole delle condizioni della donna. Se necessario, il medico può raccomandare la sua terapia volta a migliorare le condizioni del feto durante lo sviluppo dell'infezione.

Il ricovero in ospedale di donne in gravidanza è indicato in tali situazioni:

  • influenza moderata e grave (temperatura corporea superiore a 38,5 ° C, gravi sintomi di intossicazione);
  • la presenza di malattie extragenitali croniche (il ricovero viene effettuato a una temperatura corporea superiore a 37,5 ° C);
  • sospetta polmonite virale nel primo giorno della malattia;
  • lo sviluppo di complicanze batteriche con l'influenza;
  • lo sviluppo di complicanze della gravidanza;
  • deterioramento del feto.

Terapia farmacologica

In conformità con le raccomandazioni dell'OMS, il trattamento specifico per le donne in gravidanza dovrebbe iniziare il prima possibile - entro le prime 48 ore dall'esordio della malattia. Non ha senso attendere i risultati dei test di laboratorio (PCR). La terapia antivirale viene prescritta non appena viene fatta una diagnosi preliminare..

Per il trattamento dell'influenza nelle donne in gravidanza, vengono utilizzati farmaci specifici: inibitori della neuraminidasi (oseltamivir, zanamivir, ecc.). Questi agenti bloccano il rilascio del virus nelle cellule e ne impediscono l'ulteriore diffusione nel corpo. L'uso di oseltamivir (Tamiflu) e zanamivir (Relenza) ha senso solo nelle prime 24-48 ore dall'esordio della malattia. In futuro, l'efficacia di questo farmaco diminuisce drasticamente..

L'uso di oseltamivir e dei suoi analoghi è possibile solo come indicato da un medico. Il farmaco non può essere considerato assolutamente sicuro per il feto. Il suo uso è giustificato solo quando il potenziale effetto del suo uso supera i possibili rischi per un bambino in crescita. Oseltamivir è efficace solo contro il virus dell'influenza e non influenza gli agenti causali di altre infezioni virali respiratorie acute. Il farmaco è prescritto per qualsiasi periodo di gravidanza.

L'uso di farmaci del gruppo dei bloccanti dei canali M2 (amantadina, rimantadina) durante la gravidanza non è raccomandato. Attualmente, quasi tutti i ceppi del virus dell'influenza sono resistenti a questi farmaci. L'effetto di tale trattamento non sarà, ma i rischi per il feto sono molto elevati. I farmaci di questo gruppo penetrano facilmente nella placenta e possono causare gravi malformazioni fetali.

Per aumentare le difese del corpo durante la gravidanza, è possibile l'uso di induttori dell'interferone. L'uso di questi fondi nelle fasi iniziali della malattia riduce il rischio di sviluppare forme gravi di influenza e varie complicazioni. Farmaci ben comprovati come Grippferon e Viferon. Gli induttori dell'interferone possono essere utilizzati in qualsiasi fase della gravidanza.

Con lo sviluppo di complicanze batteriche, vengono prescritti antibiotici. La scelta del farmaco dipenderà dalla forma e dalla localizzazione del processo patologico, nonché dal presunto agente causale della malattia. Il corso della terapia dura 5-10 giorni. Per il trattamento di un'infezione batterica nelle gestanti, vengono selezionati farmaci che sono sicuri per il feto e che non influenzano il corso della gravidanza.

Ad alta temperatura corporea durante la gravidanza, è consentito l'uso di farmaci antipiretici a base di paracetamolo e ibuprofene. Il corso del trattamento dura fino a 3 giorni. Se la febbre persiste per più di 3 giorni, assicurati di consultare un medico.

Terapia non farmacologica

Le seguenti raccomandazioni aiuteranno ad alleviare le condizioni dell'influenza:

  • Riposo a letto fino alla normalizzazione della temperatura corporea.
  • Lavaggio nasale con soluzioni a base di acqua di mare (Aqualor, AquaMaris).
  • Bevi molto (tè caldo, bevanda alla frutta, composta).
  • Aerazione frequente e pulizia giornaliera a umido.

Prevenzione

Uno dei metodi più efficaci di protezione contro un virus pericoloso è la vaccinazione. Si raccomanda un vaccino antinfluenzale nelle seguenti situazioni:

  • donne che pianificano una gravidanza nel periodo autunno-inverno;
  • donne in gravidanza nel II e III trimestre;
  • donne in gravidanza che soffrono di malattie croniche di cuore, polmoni, fegato e reni.

Quando si pianifica una gravidanza, la vaccinazione contro l'influenza viene effettuata almeno 1 mese prima del presunto concepimento del bambino. Durante la gravidanza, il vaccino viene somministrato nel II e III trimestre di gravidanza. L'immunità specifica si sviluppa dopo 12 giorni e dura 1 anno.

La profilassi influenzale non specifica include:

  1. Rifiuto di visitare luoghi affollati al culmine dell'epidemia.
  2. Lavaggio a mano regolare con sapone.
  3. Pulizia giornaliera a umido.
  4. Ventilazione frequente.
  5. Lavaggio nasale con soluzione salina prima e dopo una passeggiata.
  6. Indossare maschere in luoghi affollati e a contatto con l'influenza malata.
  7. Aumento della resistenza generale del corpo alle infezioni virali (nutrizione razionale, assunzione di multivitaminici, buon sonno e riposo, adeguata attività fisica).

Quando compaiono i primi segni di influenza, una donna incinta dovrebbe consultare immediatamente un medico. L'automedicazione durante l'attesa del bambino può portare allo sviluppo di gravi complicanze e interrompere il normale corso della gravidanza e del parto imminente.

Influenza durante la gravidanza

Trattamento di influenza in gravidanza

L'inverno è la stagione del raffreddore e dell'influenza, forse la più insidiosa. Cos'è pericoloso e come trattare l'influenza durante la gravidanza?

Olga Georginova
Medico residente presso la Facoltà di medicina fondamentale dell'Università statale di Mosca M.V. Lomonosov

L'influenza è una malattia acuta altamente contagiosa trasmessa da goccioline trasportate dall'aria e causata da virus di tipo A, B e C. L'influenza è caratterizzata da febbre, sintomi di intossicazione e infiammazione della mucosa delle vie respiratorie.

I virus dell'influenza sono caratterizzati dalla labilità genetica - la variabilità costante e progressiva della loro struttura (ovvero, la struttura dei geni contenuti nei cambiamenti del virus dell'influenza), che spiega l'aspetto di nuove varietà alle quali la popolazione non ha immunità. Il virus dell'influenza di tipo A è il più variabile. Il virus di tipo B è meno variabile. Il virus di tipo C non ha mostrato variazioni antigeniche.

Negli ultimi mesi di gravidanza e prima del parto, le donne in gravidanza sono meno resistenti alle infezioni e quindi hanno maggiori probabilità di contrarre l'influenza. La sensibilità e la suscettibilità delle donne in gravidanza alle malattie infettive è aumentata e sono spesso registrate forme gravi e complicate di influenza durante la gravidanza. Sotto l'influenza dell'infezione influenzale, la resistenza del corpo alla donna incinta diminuisce drasticamente, le funzioni del sistema endocrino e immunitario sono interrotte, il che contribuisce all'attivazione di malattie croniche (esacerbazione di tonsillite, pielonefrite, ecc.) Durante la gravidanza e dopo il parto.

Sintomi influenzali

Una caratteristica del periodo acuto dell'influenza durante la gravidanza è la gravità dell'intossicazione con sintomi lievi. Il periodo di incubazione della malattia è breve - da alcune ore a 1-2 giorni. La stragrande maggioranza dei pazienti ha un inizio acuto di influenza, accompagnato da un rapido aumento della temperatura ad alto. La temperatura più alta (fino a 39-40 ° C) si osserva nei primi due giorni della malattia, quindi il suo rapido declino.

La durata del periodo febbrile di solito non supera i 2-4 giorni. In alcuni pazienti, 1-2 giorni dopo la caduta di temperatura, il suo aumento viene nuovamente notato per 1-2 giorni (la seconda ondata di influenza). Entro la fine del primo giorno, esiste già un quadro sviluppato della malattia, una caratteristica distintiva della quale è la predominanza dei fenomeni generali di intossicazione (mal di testa, dolori muscolari, una sensazione caratteristica di dolori muscolari), il sintomo precoce più frequente dell'influenza durante la gravidanza è arrossamento e secchezza della mucosa della faringe, congestione nasale (mucose lo scarico appare il 2-3 ° giorno della malattia). Anche la granularità della faringe è caratteristica: la presenza di piccoli follicoli linfatici che sporgono sopra la superficie della mucosa, che si mantengono anche dopo aver abbassato la temperatura, fino al 7-8 ° giorno della malattia. Anche la parete posteriore della faringe è rossa, asciutta, non insolita per la presenza di grande granularità. Insieme ad un aumento della temperatura, mal di testa, vertigini, dolore quando si spostano gli occhi, dolore addominale, nausea, vomito (spesso una singola occorrenza), i disturbi del sonno sono sintomi quasi costanti del primo giorno dell'influenza. Un paziente con influenza ha un aspetto caratteristico: gonfiore, leggero pallore, a volte guance luminose; cianosi (sfumatura bluastra) del triangolo nasolabiale e delle labbra.

L'effetto patogeno del virus è principalmente associato alle sue proprietà biologiche: la lesione predominante della mucosa che riveste il tratto respiratorio e la tossicità. Il virus penetra nel tratto respiratorio, si deposita sulla mucosa del tratto respiratorio, in particolare la trachea, e inizia a secernere tossine (una specie di veleni) che vengono trasportate in tutto il corpo con flusso sanguigno. Penetrando attraverso la placenta, danneggiandola, il virus con flusso sanguigno entra nel sistema circolatorio fetale.

Influenza durante la gravidanza

Nel primo trimestre di gravidanza (fino a 12 settimane), quando la posa degli organi interni del bambino si verifica intensamente, l'influenza del virus può influenzare negativamente la formazione di sistemi e organi fetali. Vi è il rischio di malformazioni e persino morte intrauterina del feto. È stato dimostrato che il virus dell'influenza durante la gravidanza colpisce maggiormente il tessuto nervoso dell'embrione, causando malformazioni del sistema nervoso centrale.

Nella gravidanza successiva, l'influenza è ancora in grado di causare l'infezione del feto, portare a un decorso sfavorevole della gravidanza e creare una minaccia di interruzione della gravidanza, ma inferiore rispetto al primo trimestre.

I danni alla placenta possono portare allo sviluppo di insufficienza circolatoria nella placenta. Più spesso questo disturbo è curabile. In questi casi, la gravidanza può comportare un parto tempestivo di un bambino vitale. Tuttavia, oligohydramnios, è possibile un ritardo della crescita intrauterina. Di conseguenza, un bambino nasce con una piccola massa.

Uno studio sull'adattamento di neonati e bambini piccoli infetti in utero dal virus dell'influenza ha mostrato che il 60% di loro aveva disabilità dello sviluppo. Molti bambini hanno manifestato tardiva dentizione, disturbi endocrini, malattie allergiche della pelle, infezioni respiratorie acute durante il periodo neonatale, polmonite dovuta a infezione virale.

Diagnosi dell'influenza

La diagnosi influenzale viene di solito effettuata sulla base di segni clinici caratteristici, ma se la diagnosi è difficile, la natura della malattia può essere chiarita utilizzando ulteriori metodi di ricerca..

Attualmente, per confermare la diagnosi di influenza nelle istituzioni mediche, il metodo degli anticorpi fluorescenti (luminosi) viene utilizzato per rilevare gli anticorpi virali nel materiale infetto (per lo studio, il medico prende un tampone dal naso o dalla gola).

Se l'influenza è stata trasferita nella prima metà della gravidanza, si consiglia di eseguire il cosiddetto "triplo test" nel periodo di 16-20 settimane di gravidanza - per alfa-fetoproteina (AFP), gonadotropina corionica umana (hCG) ed estriolo (è necessario passare tre ormoni, come due o una valutazione del rischio di patologie è spesso impossibile). Queste analisi suggeriscono la presenza di malformazioni fetali. Tuttavia, va ricordato che i risultati di questo test sono indicativi e vengono condotti numerosi studi in caso di deviazioni, nonché la consultazione con un genetista. Insieme al triplo test dopo il recupero, viene eseguita un'ecografia. A seconda dei risultati del test “triplo” e degli ultrasuoni, è possibile calmarsi o essere esaminati ulteriormente.

Un ulteriore esame include una procedura di amniocentesi. Con l'amniocentesi, un campione di liquido amniotico viene prelevato ed esaminato per la presenza di patologie nel bambino. Sebbene la procedura venga eseguita molto rapidamente, quasi indolore, sotto la supervisione di un'ecografia, in circa l'1-2% dei casi esiste una minaccia di aborto spontaneo o parto prematuro.

Se l'influenza è stata trasferita nella seconda metà della gravidanza, quindi per chiarire le condizioni del feto, è anche obbligatorio un esame ecografico; Dopplerografia - uno studio del flusso sanguigno nei vasi del feto, placenta, cordone ombelicale, cardiotocografia - un esame dell'attività cardiaca del feto.

Glossario di termini

Bronchite - infiammazione dei bronchi.

Intossicazione - avvelenamento del corpo da sostanze tossiche formate in esso o ricevute dall'esterno.

Contagiosità - Contagiosa.

Pandemia: un'epidemia caratterizzata dalla diffusione di una malattia infettiva in tutto il paese, nel territorio degli stati limitrofi e talvolta in molti paesi del mondo (ad esempio colera, influenza).

La pielonefrite è un'infiammazione batterica del tratto urinario di uno o entrambi i reni. Tonsillite - infiammazione delle tonsille.

Tracheite - infiammazione della mucosa della trachea.

Epidemia: la diffusione di una malattia infettiva nell'uomo che supera significativamente il livello di incidenza normale (sporadica) in una determinata area.

Trattamento di influenza in gravidanza

Il trattamento per l'influenza durante la gravidanza viene effettuato a casa.

Al paziente viene fornito il riposo a letto. La stanza è ventilata (preferibilmente ogni ora), la sua normale pulizia a umido, i piatti per l'influenza personale devono essere sciacquati con acqua bollente.

Con l'influenza in gravidanza, dovrebbe essere fornita una dieta equilibrata, la dieta dovrebbe essere completa e ricca di vitamine. È auspicabile la predominanza di alimenti a base di latte-carbonio-acquatico con una limitazione del contenuto di sale (si raccomandano prodotti a base di latte fermentato). In assenza di edema, si consiglia di bere pesantemente (bevanda alla frutta, composta, succhi di frutta, ecc.). È necessario rimuovere le tossine dal corpo..

Ad alta temperatura (sopra i 38 ° C) e forte dolore (mal di testa, dolore muscolare), si raccomanda PARACETAMOL. Tuttavia, i farmaci antipiretici non devono essere abusati: non puoi usarli più di una volta ogni 4-6 ore, limitando il numero di dosi al giorno a 4 volte. Va ricordato che la febbre contribuisce alla morte rapida del virus dell'influenza.

Per i gargarismi, si consiglia di utilizzare una soluzione di FURACILIN. In farmacia è possibile acquistare una soluzione pronta e diluirla a una velocità di 1: 1 (mezzo bicchiere di soluzione in mezzo bicchiere di acqua calda) o preparare da soli la soluzione, alla velocità di 4 compresse di FURA-CILINA per 800 ml di acqua. Le compresse devono essere versate con acqua bollente e attendere che siano completamente sciolte.

Viene anche usato un risciacquo con bicarbonato di sodio -1 cucchiaino da tè per bicchiere d'acqua.

Con il naso che cola, si possono usare gocce vasocostrittive. Quando viene prescritta la tosse un farmaco espettorante contenente thermopsis o radice di marshmallow, viene prescritto un cucchiaio 4 volte al giorno.

C'è un malinteso secondo cui gli antibiotici aiutano contro tutte le malattie e più forte è il farmaco, meglio è. È impossibile usare agenti antibatterici da soli! L'uso di antibiotici per l'influenza è generalmente irrazionale, poiché i farmaci antibatterici non agiscono sui virus che si trovano nel nucleo cellulare - gli antibiotici non possono "catturare" il virus. Allo stesso tempo, l'uso di agenti antibatterici porta alla formazione di microrganismi resistenti agli antibiotici ed è accompagnato da un gran numero di effetti collaterali indesiderati. Solo un medico prescrive antibiotici e sono necessari solo per complicanze batteriche dell'influenza, come bronchite, polmonite, sinusite, encefalite, otite media.

Durante il trattamento dell'influenza durante la gravidanza, l'uso di farmaci immuno-modulanti deve essere discusso con il medico curante in ciascun caso specifico, poiché l'uso di questi rimane un problema controverso..

Il ricovero in ospedale di un'influenza incinta in un ospedale viene effettuato in forme gravi della malattia:

  • in presenza di complicanze (polmonite, danni al sistema nervoso, ecc.);
  • in presenza di malattie concomitanti aggravate (polmonite cronica, tonsillite cronica, pielonefrite, malattie cardiovascolari, ecc.);
  • in assenza della capacità di fornire buone cure e il necessario regime sanitario a casa.

Con l'influenza, si consiglia gargarismi con decotti di erbe:

  • infuso di camomilla (1 cucchiaio versare un bicchiere di acqua bollente, far bollire per 10 minuti, quindi filtrare la soluzione risultante e fare i gargarismi);
  • infuso di calendula (il metodo di preparazione dell'infusione è lo stesso della camomilla);
  • infuso di salvia medicinale (1 cucchiaio di foglie schiacciate, preparare 1 tazza di acqua bollente, lasciare agire per 30 minuti, filtrare la soluzione e fare i gargarismi);
  • Infuso di sambuco siberiano (3-4 cucchiai di fiori versare un bicchiere di acqua bollente, far bollire a fuoco basso per 10-15 minuti, quindi filtrare e gargarismi).

Prevenzione dell'influenza in gravidanza

È noto che molte malattie sono più facili da prevenire che da curare. Durante un'epidemia di infezioni respiratorie acute, e in effetti qualsiasi altra malattia, cerca di prendere tutte le misure possibili per ridurre il rischio di ammalarsi. Ciò è particolarmente vero per i primi tre mesi di gravidanza. Ad esempio, limitare i viaggi con i mezzi pubblici durante la stagione fredda (poiché la maggiore probabilità di infezione si verifica proprio nei luoghi di grandi folle). Prima di andare in luoghi affollati, specialmente durante i periodi di epidemia, lubrificare il naso con OXOLINE OINTMENT.

Al fine di aumentare la resistenza del corpo e, di conseguenza, una minore suscettibilità alle infezioni virali, si raccomandano complessi multivitaminici per le donne in gravidanza.

Nel caso in cui uno dei tuoi familiari abbia l'influenza, cerca di limitare il contatto con lui, indossa una maschera di garza, cambiali ogni 2 ore, osserva attentamente le misure di igiene personale.

Farmaci per la gravidanza

  • Utilizzare i farmaci solo per lo scopo previsto o dopo aver consultato un medico.
  • Se il medico ti ha prescritto un medicinale, prima di prenderlo, assicurati di chiedere le possibili conseguenze indesiderate per il feto. Sentiti libero di porre tali domande.!
  • Non puoi usare farmaci sconosciuti o sconosciuti da solo. Assolutamente non necessariamente il farmaco raccomandato dai media come il modo migliore e più veloce per sbarazzarsi di tutti i segni della malattia, otterrà una cura. È meglio consultare un medico che può fornirti assistenza di esperti..
  • Fai attenzione quando leggi le istruzioni per il farmaco (questo è un foglio informativo che si trova nella confezione del farmaco) - potrebbe contenere informazioni sul fatto se è consentito assumere questo farmaco durante la gravidanza.

Colpi di influenza

La vaccinazione è il modo principale per prevenire l'influenza. Lo svolgono nelle istituzioni mediche a volontà durante le epidemie. Le moderne vaccinazioni contengono virus dell'influenza inattivato (ucciso), pertanto si ritiene che sia sicuro sia per la madre che per il bambino. Tuttavia, se la tua gravidanza è inferiore a 14 settimane, non dovresti essere vaccinato contro l'influenza! Inoltre, nessun vaccino antinfluenzale può garantire che non otterrai la malattia, poiché il vaccino antinfluenzale è altamente efficace contro i virus che sono antigenicamente simili a quelli usati per ottenere questo vaccino, ma non funziona su altri tipi di virus.

La composizione del vaccino viene modificata ogni anno al fine di fornire la massima protezione contro il virus, a seconda delle previsioni dell'OMS (che tipo di virus circolerà nella prossima stagione). L'elevata variabilità dei virus dell'influenza non consente una protezione completa, sebbene l'apparizione nella nuova stagione di varietà significativamente diverse dai loro predecessori non sia un fenomeno frequente. Pertanto, rimane ancora una piccola ma spiacevole opportunità di trasferire l'influenza, spesso in una forma usurata, quindi aumentare l'immunità non sarà superflua. E questo è indurimento, uno stile di vita sano, una corretta alimentazione e attività fisica.

Influenza durante la gravidanza

Certo, la gravidanza non è il momento migliore per la malattia. Ma raramente vedi una donna che in nove mesi non si ammala mai di niente. Pertanto, se senti che scorre dal naso e fa il solletico alla gola, non correre nel panico. Forse questo è solo un raffreddore, che non rappresenta un pericolo particolare per il nascituro. Peggio ancora se si prende una malattia virale chiamata influenza.

Cos'è l'influenza?

I sintomi dell'influenza sono noti a tutti: febbre, debolezza, naso che cola, tosse, mal di testa. L'influenza è causata da un virus molto specifico chiamato Myxovirus influenzae, che appartiene alla famiglia degli ortomixovirus. Non puoi prendere l'influenza semplicemente bagnando i piedi: questa infezione penetra nell'organismo da goccioline trasportate dall'aria da una persona infetta. Una volta che il virus dell'influenza entra nel corpo, inizia a moltiplicarsi rapidamente e si diffonde attraverso il flusso sanguigno in tutto il corpo. In questo caso, la mucosa del tratto respiratorio viene distrutta, che in seguito non può svolgere le sue funzioni protettive. Ecco perché la polmonite, la bronchite, l'otite media, la sinusite sono tra le complicazioni più formidabili dell'influenza. Da parte del sistema cardiovascolare, a volte si sviluppa una malattia infiammatoria dei muscoli cardiaci, che può portare a insufficienza cardiaca.

In realtà è con le sue complicanze che l'influenza è pericolosa durante la gravidanza. La cosa più spiacevole è la minaccia di aborto spontaneo o parto prematuro. Inoltre, un'infezione batterica - pneumococco, emofila, stafilococco - si trova spesso su un corpo incinta indebolito dall'influenza. Spesso ci sono esacerbazioni di malattie croniche, come l'asma bronchiale e la bronchite cronica, malattie cardiovascolari, disturbi metabolici, malattie renali, ecc..

Come viene trattata l'influenza?

Naturalmente, un medico dovrebbe nominare e condurre un trattamento per l'influenza, al quale si contatterà immediatamente e sarà sicuro di segnalare la gravidanza. Il trattamento dell'influenza nelle donne in gravidanza ha le sue caratteristiche. Dopotutto, molti farmaci del solito arsenale di farmaci antinfluenzali sono controindicati. Questi includono aspirina, alcuni farmaci antitosse e vasocostrittori e alcuni farmaci antivirali..

Pertanto, un'attenzione particolare nel trattamento dell'influenza nelle donne in gravidanza è rivolta ai rimedi popolari e omeopatici. Inoltre, hai bisogno di una bevanda abbondante, che aiuta a "lavare via" il virus insidioso dal corpo. È meglio bere qualcosa di acido e contenente vitamina C: bevande alla frutta, tè caldo con lamponi, limone o miele, una bevanda al cinorrodo. Di farmaci antipiretici per donne in gravidanza, è consentito il paracetamolo. Per la tosse, è probabile che il medico prescriva un farmaco per il torace o antitosse che è consentito durante la gravidanza. È anche importante effettuare inalazioni di vapore con infusioni di camomilla, calendula, menta, salvia, eucalipto, iperico, piombo, gemme di pino e altri. Gli antibiotici per l'influenza non sono prescritti anche per le pazienti non gravide.

Quali sono gli effetti dell'influenza durante la gravidanza??

Naturalmente, tutte le donne in gravidanza sono molto preoccupate per il modo in cui l'influenza influenzerà la salute di un bambino. Vorrei chiarire subito che nessun medico può dire con certezza al 100% se la malattia ha influenzato o meno lo sviluppo del bambino. Con un più alto grado di probabilità, possiamo solo dire che il pericolo maggiore è l'influenza nelle prime fasi della gravidanza, fino a 12 settimane. In queste date, la posa degli organi e dei tessuti del futuro bambino ha luogo, quindi un corso favorevole di gravidanza in questo momento è particolarmente importante. Inoltre, il bambino cresce e la malattia influenzale non sarà più in grado di influenzare la struttura degli organi.

Inoltre, in natura esiste una regola "tutto o niente". Secondo questa regola, se dopo la malattia influenzale qualcosa è andato storto nello sviluppo della gravidanza, il più delle volte viene interrotto, per quanto triste possa sembrare... Se la gravidanza dopo l'influenza procede senza intoppi, tutti i test sono normali, mediante ultrasuoni con il bambino e la placenta va bene, quindi, molto probabilmente, non c'è nulla di cui preoccuparsi, tutto va bene per il bambino.

Se l'influenza è stata particolarmente difficile, con complicazioni, quindi la possibilità di infezione del bambino, sebbene piccola, ma persiste. In questo caso, puoi fare il cosiddetto "triplo test" - per AFP, hCG ed estriolo (devi passare tre ormoni, poiché spesso non è realistico valutare il rischio di patologie con due o uno). Tuttavia, va ricordato che i risultati di questo test spesso risultano inaffidabili, perché dipendono da molti fattori. A seconda dei risultati del test "triplo" (a volte ripreso più volte per una maggiore affidabilità), è possibile calmarsi o essere esaminati ulteriormente.

Un ulteriore esame include una procedura di amniocentesi. Con l'amniocentesi, un campione di liquido amniotico viene prelevato ed esaminato per la presenza di patologie nel bambino. Ancora una volta, nessuno ti darà garanzie al 100% dell'assenza o presenza di deviazioni. E sebbene la procedura venga eseguita molto rapidamente, quasi indolore, sotto la supervisione degli ultrasuoni, in circa l'1-2% dei casi c'è una minaccia di aborto spontaneo o parto prematuro. Pertanto, prima di accettare un simile studio, dovresti pensare attentamente a cosa farai realmente se la probabilità di deviazioni nello sviluppo del bambino è ancora rivelata? Se non sei pronto a dare alla luce un bambino simile, la risposta è ovvia. E se, al contrario, non hai intenzione di abortire, allora perché rischiare l'aborto??

Ora sulla prevenzione dell'influenza

Nelle donne in gravidanza, l'immunità è spesso indebolita, quindi la probabilità di contrarre aumenta rispetto a uno stato di non gravidanza. Per evitare che ciò accada, i medici raccomandano di sottoporsi a un'iniezione antinfluenzale prima di un'epidemia prevista. I vaccini moderni contengono virus dell'influenza inattivato (ucciso), pertanto si ritiene che sia sicuro per il bambino.

Tuttavia, se la tua gravidanza è inferiore a 14 settimane, non dovresti prendere l'influenza. Inoltre, non un singolo vaccino antinfluenzale garantisce che non otterrai la malattia. Tuttavia, rimane una piccola ma spiacevole opportunità di trasferire l'influenza, spesso in una forma usurata. Pertanto, un aumento dell'immunità non sarà superfluo. E questo è indurimento, uno stile di vita sano, una corretta alimentazione e attività fisica.

Inoltre, molti medici raccomandano di lubrificare la mucosa nasale con unguento ossalico o unguento di viferon prima di andare in luoghi pubblici, e sciacquare la bocca con tintura di calendula o eucalipto la sera prima di andare a letto per lavare via i microbi "dannosi" accumulati durante il giorno. Molto probabilmente, se la gravidanza procede senza complicazioni, ti senti bene, un'ecografia non ha rivelato alcuna deviazione nello sviluppo del bambino e tutti i tuoi test sono normali, quindi puoi tranquillamente goderti ulteriormente la gravidanza. Il rischio che qualcosa non vada bene nel bambino è minimo.